Mauro Vecchio

Australia, pirati in politica

Accolta la richiesta del Pirate Party Australia, che č stato riconosciuto partito politico a tutti gli effetti. Inizia la caccia ai candidati per le prossime elezioni federali

Roma - La divisione australiana del partito pirata è stata riconosciuta come fazione politica dai rappresentanti della Australian Electoral Commission (AEC), avendo soddisfatto tutti i requisiti richiesti dalla legge agli antipodi.

Alla fine dello scorso ottobre, i vertici del Pirate Party Australia avevano depositato tutte le carte necessarie ad avviare l'iter di valutazione sulla base del vecchio Commonwealth Electoral Act.

In un breve comunicato pubblicato sul sito ufficiale, la fazione australiana ha ringraziato tutti quei volontari che hanno preparato liste e documenti per la definitiva validazione della commissione AEC.
In vista delle prossime elezioni federali, i pirati australiani avvieranno una fase di pre-selezione dei potenziali candidati. (M.V.)
Notizie collegate
  • AttualitàSvizzera, il primo sindaco pirataL'informatico svizzero Alex Arnold conquista i vertici dell'amministrazione del paese di Eichberg, nel canton San Gallo. Strapazzati i concorrenti del partito popolare
  • AttualitàPirati d'Italia, guerra sul vessilloL'associazione guidata da Athos Gualazzi contro il movimento di Marco Marsili Pirate Party. Il Tribunale di Milano impone a quest'ultimo di abbandonare il nome e il simbolo dei pirati tricolore
3 Commenti alla Notizia Australia, pirati in politica
Ordina