Mauro Vecchio

Copyright, nessuno fermerà i pirati dei Caraibi

Clamorosa ipotesi avanzata dal governo di Antigua e Barbuda: una piattaforma per il rilascio di contenuti audiovisivi senza rilasciare un soldo agli Stati Uniti. Con la benedizione della WTO fino ad un massimo di 21 milioni di dollari

Roma - Una nuova piattaforma digitale che permetterebbe al governo di Antigua e Barbuda di condividere migliaia di contenuti audiovisivi in barba ai signori del copyright statunitense. Al costo mensile di 5 dollari (3,70 euro circa), gli utenti nell'isola caraibica potrebbero godere dell'accesso illimitato a film, musica e software senza alcun rischio di ritorsione legale da parte degli States.

Se confermato - dagli uffici del procuratore locale Mark Mendel sono arrivate semplici indiscrezioni - il piano del governo centroamericano avrebbe del clamoroso: una piattaforma di distribuzione pirata autorizzata dalla World Trade Organization (WTO). La stessa organizzazione con base a Ginevra aveva infatti garantito alle autorità caraibiche un diritto di sospensione del copyright a stelle e strisce fino ad un valore massimo di 21 milioni di dollari all'anno.

Dalla fine degli anni Novanta, l'economia di Antigua e Barbuda si era fortemente basata sul gioco d'azzardo, rilanciato con successo dalle varie piattaforme su Internet. Stando ai dati occupazionali rilasciati dal governo locale, il 5 per cento della popolazione aveva trovato un impiego nelle principali aziende specializzate. Una situazione ideale fino alla metà degli anni 2000, quando gli Stati Uniti intervenivano con un blocco commerciale.
In sostanza, il governo di Washington aveva imposto una serie di restrizioni impedendo alle aziende locali di entrare nel fiorente mercato a stelle e strisce. All'improvviso, una economia da miliardi di dollari si era ritrovata con il classico pugno di mosche. Fino alla decisione della WTO nel 2005: il blocco dei canali commerciali con Antigua veniva ritenuto illegale, dal momento che negli stessi States il gioco d'azzardo rimaneva attività di business lecita.

In una recente lettera inviata dagli Stati Uniti a Ginevra si denuncia come l'eventuale furto della proprietà intellettuale a stelle e strisce non farebbe altro che danneggiare l'economia dell'isola caraibica. Qualsiasi possibilità di accordo con Washington andrebbe di conseguenza a cadere, mentre le aziende high-tech statunitensi non farebbero mai più affari con Antigua e Barbuda. Attualmente, non è chiaro se e quando la piattaforma pirata verrà lanciata.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • BusinessProprietà intellettuale, la mediazione cinesePechino comunica di voler istituire un organismo che risolva le dispute legali anche in materia di copyright. Proposta la mediazione civile per arrestare l'aumento dei casi discussi in tribunale
  • AttualitàFile sharing, pirati d'AmericaIn uno studio commissionato da Google, gli utenti statunitensi contestano le tecniche d'enforcement in stile francese. I downloader sono tra i consumatori più assidui di musica legale
  • AttualitàMega, il megaritornoCelebrata in grande stile, la rinascita del cyberlocker ad un anno esatto dal raid statunitense. Il boss Kim Dotcom sembra al riparo da eventuali magagne legali. Un milione di iscritti in un solo giorno
42 Commenti alla Notizia Copyright, nessuno fermerà i pirati dei Caraibi
Ordina
  • Ecco chi fermerà i "Pirati dei Caraibi"!

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fai il login o Registrati
    > Ecco chi fermerà i "Pirati dei Caraibi"!

    Ed ecco chi ha sempre fregato Zazzà dell'Interpol:
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere
  • - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
    > - Scritto da: Fai il login o Registrati
    > > Ecco chi fermerà i "Pirati dei Caraibi"!
    >
    > Ed ecco chi ha sempre fregato Zazzà dell'Interpol:
    > [img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/0/07
    > Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere
    > Rotola dal ridere
    > Rotola dal ridere

    Quelli sono cartoni animati. I terroristi veri (come qualcuno che conosciamo...) finiscono molto male!
    non+autenticato
  • - Scritto da: FBI fan
    > - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
    > > - Scritto da: Fai il login o Registrati
    > > > Ecco chi fermerà i "Pirati dei Caraibi"!

    > > Ed ecco chi ha sempre fregato Zazzà
    > > dell'Interpol:

    > [img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/0/07
    > > Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere
    > > Rotola dal ridere
    > > Rotola dal ridere
    >
    > Quelli sono cartoni animati. I terroristi veri
    > (come qualcuno che conosciamo...) finiscono molto
    > male!

    Si: finiscono nei campi di addestramento della CIA Rotola dal ridere
    krane
    22544
  • Scusate, leggendo l'articolo non ho capito una cosa... qual è il nesso fra il gioco d'azzardo e la sospensione del copyright?

    Riassumendo:
    1) In quei Paesi c'era stato un boom del business del gioco d'azzardo online.
    2) Gli Stati Uniti avevano fatto in modo che quei Paesi non potessero invadere il proprio mercato del gioco d'azzardo online
    3) Il WTO ha ritenuto illegale il blocco degli USA.
    4) Il WTO ha detto che quei Paesi possono ignorare il copyright USA fino a 21 milioni di dollari l'anno.
    5) Quei Paesi voglio approfittarne con un sistema di File Sharing con un piccolo abbonamento.
    6) Gli Stati Uniti si lamentano della cosa.

    Mi sfugge la relazione tra i punti 3 e 4. Vuol dire forse che il WTO non aveva l'autorità per dire agli USA di rimuovere quei "paletti" al loro mercato, ed allora ha voluto in qualche "risarcire" Antigua e Barbuda passando da una strada completamente diversa?
    non+autenticato
  • Non è difficile capire.
    Vuole dire che il governo USA come sempre fa quello che gli pare e piace.
    Liberista quando conviene a loro, statalista quando si tratta di uccidere la concorrenza.
    Antigua rischia di far perdere bei soldoni a tutto il Nevada e alle lobby del gioco d'azzardo?
    Bene, diventiamo una bella economia chiusa e tagliamo tutti fuori.
    Di contro Antigua risponde, ci impedite l'accesso al business dell'azzardo? Ce ne inventiamo un altro, in barba al vostro copyright.
    Si concluderà in un nulla di fatto per Antigua ma è comunque una bella mossa
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ekrem
    > Di contro Antigua risponde, ci impedite l'accesso
    > al business dell'azzardo? Ce ne inventiamo un
    > altro, in barba al vostro copyright.
    > Si concluderà in un nulla di fatto per Antigua ma
    > è comunque una bella mossa

    Mah, per la verità io dall'articolo ho capito una cosa diversa: per Antigua non è "un altro business", quanto una specie di "risarcimento", anzi, proprio questo: l'accesso gratuito, "fino a 21 milioni di dollari" (che sono una cifra modesta, in valore assoluto) dice l'articolo che riguarda "gli utenti delle 2 isole": cioè, siccome non avete più lavoro col gioco d'azzardo, però almeno vi vedete i film gratis (però a pancia vuota, immagino) Sorride
    Ho sbagliato interpretazione?
    non+autenticato
  • > cioè,
    > siccome non avete più lavoro col gioco d'azzardo,
    > però almeno vi vedete i film gratis (però a
    > pancia vuota, immagino)
    > Sorride

    Io ad Antigua ci sono stato ed è un paese povero, vivono di turismo ma a vedere le case degli indigeni non è stiano messi troppo bene. Non so neppure se hanno linee dati e TV nelle case, ripeto, qper quello che ho visto io stanno messi male.
    Forse lo hanno fatto per le case del Cavaliere Occhiolino
    non+autenticato
  • Il WTO, che sta per Organizzazione Mondiale del COMMERCIO, non può obbligare uno stato aderente a varare o abrograre una legislazione, ma se giudica che una misura legislativa di una nazione sia PROTEZIONISTICA rispetto ad un'altra nazione, dato il principio liberista di libero scambio alla base del WTO, può AUTORIZZARE la nazione danneggiata a ritorsioni per un importo pari al danno subito dall'azione giudicata protezionistica, IN UN QUALUNQUE ALTRO CAMPO.

    L'esempio è il decennale scontro sulla carne agli ormoni della crescita tra USA e UE. Gli USA dicono che non ci sono evidenze che faccia male, la UE dice che qualche minima evidenza c'è e visto che le alternative ci sono preferisce applicare un principio di precauzione. Il WTO ha sentenziato che le evidenze non sono sufficienti e che il bando al commercio di carne agli ormoni della crescita, che non vengono usati in Europa, colpisce solamente gli esportatori USA e si configura come una misura protezionistica. Gli USA, una volta autorizzati, hanno messo dazi, tra gli altri, sulla PASTA.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Skywalker

    > L'esempio è il decennale scontro sulla carne agli
    > ormoni della crescita tra USA e UE. Gli USA
    > dicono che non ci sono evidenze che faccia male,
    > la UE dice che qualche minima evidenza c'è e
    > visto che le alternative ci sono preferisce
    > applicare un principio di precauzione. Il WTO ha
    > sentenziato che le evidenze non sono sufficienti
    > e che il bando al commercio di carne agli ormoni
    > della crescita, che non vengono usati in Europa,
    > colpisce solamente gli esportatori USA e si
    > configura come una misura protezionistica. Gli
    > USA, una volta autorizzati, hanno messo dazi, tra
    > gli altri, sulla
    > PASTA.

    E gli Usa, senza nemmeno dare una giustificazione, hanno imposto dazi sull'acciaio europeo:

    http://www.ilsole24ore.com/fc?cmd=art&artId=313916...

    (se ho ben capito, ora sono stati rimossi).
    E l'Europa fa lo stesso con l'acciaio cinese:

    http://www.laogai.it/2009/07/l%E2%80%99europa-mett.../

    con la scusa del dumping . Ma il dumping va dimostrato. |:

    Le guerre protezionistiche non sono affatto terminate, anche se è un bene che oggi esista un organo riconosciuto come arbitro nelle questioni. Un tempo si arrivava alle armi, per questo....

    Curiosità: sapevate che l'origine della scritta "Made in..." apposta sui prodotti nel 1887 non era altro che un tentativo di protezionismo da parte dell'Inghilterra per le merci tedesche?

    http://www.bmwi.de/English/Navigation/Press/press-...

    La misura ebbe l'effetto contrario, perché il marchio Made in Germany divenne sinonimo di affidabilità del prodotto e buona qualità. A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio

    > con la scusa del dumping .
    > Ma il dumping va
    > dimostrato. |:

    Non è difficile, quando senti notizie di forniture per infrastrutture di telecomunicazione a COSTO ZERO. Più dumping di questo è che ti vendo la roba, te la installo e ti pago pure. Ah, no, questa sarebbe corruzione...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ozymandias
    > - Scritto da: Leguleio
    >
    > > con la scusa del dumping .
    > > Ma il dumping va
    > > dimostrato. |:
    >
    > Non è difficile, quando senti notizie di
    > forniture per infrastrutture di telecomunicazione
    > a COSTO ZERO. Più dumping di questo è che ti
    > vendo la roba, te la installo e ti pago pure. Ah,
    > no, questa sarebbe
    > corruzione...

    Eh sì. Io parlavo di dumping sull'acciaio, una materia prima che si vende a peso. In effetti, su servizi e forniture incorporee, immateriali, dimostrare il dumping è un po' più difficile.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Skywalker
    > Il WTO, che sta per Organizzazione Mondiale del
    > COMMERCIO, non può obbligare uno stato aderente a
    > varare o abrograre una legislazione, ma se
    > giudica che una misura legislativa di una nazione
    > sia PROTEZIONISTICA rispetto ad un'altra nazione,
    > dato il principio liberista di libero scambio
    > alla base del WTO, può AUTORIZZARE la nazione
    > danneggiata a ritorsioni per un importo pari al
    > danno subito dall'azione giudicata
    > protezionistica, IN UN QUALUNQUE ALTRO
    > CAMPO.
    >
    > L'esempio è il decennale scontro sulla carne agli
    > ormoni della crescita tra USA e UE. Gli USA
    > dicono che non ci sono evidenze che faccia male,
    > la UE dice che qualche minima evidenza c'è e
    > visto che le alternative ci sono preferisce
    > applicare un principio di precauzione. Il WTO ha
    > sentenziato che le evidenze non sono sufficienti
    > e che il bando al commercio di carne agli ormoni
    > della crescita, che non vengono usati in Europa,
    > colpisce solamente gli esportatori USA e si
    > configura come una misura protezionistica. Gli
    > USA, una volta autorizzati, hanno messo dazi, tra
    > gli altri, sulla
    > PASTA.
    Per entrare a far parte del WTO si deve ratificare la Convenzione di Berna sulla protezione internazionale del diritto d'autore. Tutte le nazioni l'hanno firmata, il mercato Americano ed Europeo fa gola a tutti.
    Quello che si legge nell'aticolo non e' chiaro, nessuno puo' dare deleghe su diritti di altri. Speriamo in un chiarimento.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Allibito



    > Per entrare a far parte del WTO si deve
    > ratificare la Convenzione di Berna sulla
    > protezione internazionale del diritto d'autore.
    > Tutte le nazioni l'hanno firmata,

    No, non proprio tutte. Diverse nazioni ancora non l'hanno sottoscritta, alcune hanno sottoscritto l'Accordo sugli aspetti commerciali dei diritti di proprietà intellettuale (con abbreviazione inglese TRIPs), che ne fa un po' le veci.


    > Quello che si legge nell'aticolo non e' chiaro,
    > nessuno puo' dare deleghe su diritti di altri.

    Forse intendi "deroghe sui diritti degli altri"? Nell'articolo, la parola delega proprio non compare.Deluso
    non+autenticato
  • - Scritto da: Allibito
    > Per entrare a far parte del WTO si deve
    > ratificare la Convenzione di Berna sulla
    > protezione internazionale del diritto d'autore.

    Falso.

    > Tutte le nazioni l'hanno firmata,

    FALSISSIMO.

    Afghanistan, Angola, Burundi, Cambogia, Eritrea, Etiopia, Unione Europea, Iran, Iraq, Kiribati, Kuwait, Laos, Maldive, Mozambico, Birmania, Nauru, Palau, Papua Nuova Guinea, San Marino , São Tomé e Príncipe, Seychelles, Sierra Leone, Isole Salomone, Somalia, Taiwan, Tanzania, Turkmenistan, Tuvalu, Uganda, Vanuatu e Yemen non hanno mai sottoscritto la Convenzione di Berna.

    Di queste, Afghanistan, Eritrea, Etiopia, Iran, Iraq, Kiribati, Nauru, Palau, San Marino , São Tomé e Príncipe, Seychelles, Somalia, Turkmenistan, Tuvalu, Vanuatu, Yemen non hanno mai sottoscritto NESSUN accordo internazionale sul copyright.
    http://it.wikipedia.org/wiki/Lista_dei_paesi_che_a...
  • tanto prima o poi il copyright ha i giorni contati...è questo che bisogna capire in prima istanza...
    non+autenticato
  • ... e in seconda istanza come va a finire? Io credo che dovrai ricrederti sulle stupidate che dici. E fra l'altro su un argomento che non sai nemmeno cosa sia.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Carlo
    > ... e in seconda istanza come va a finire?

    Dubito che ci sarà una seconda istanza.

    > Io
    > credo che dovrai ricrederti sulle stupidate che
    > dici. E fra l'altro su un argomento che non sai
    > nemmeno cosa
    > sia.

    Lo conosciamo meglio di te, visto che a quanto pare tu lo confondi con il furto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > - Scritto da: Carlo
    > > ... e in seconda istanza come va a finire?
    >
    > Dubito che ci sarà una seconda istanza.
    >
    > > Io
    > > credo che dovrai ricrederti sulle stupidate
    > che
    > > dici. E fra l'altro su un argomento che non
    > sai
    > > nemmeno cosa
    > > sia.
    >
    > Lo conosciamo meglio di te, visto che a quanto
    > pare tu lo confondi con il
    > furto.
    Tu invece credi che sia illegale lo sfruttamento lecito dei diritti di un'opera... sotrarla non e'esattamente un furto, ma pur sempre un reato penale. trovagli tu un nome ma la sostanza non cambia.
    non+autenticato
  • > > Lo conosciamo meglio di te, visto che a quanto
    > > pare tu lo confondi con il
    > > furto.
    > Tu invece credi che sia illegale lo sfruttamento
    > lecito dei diritti di un'opera... sotrarla non
    > e'esattamente un furto, ma pur sempre un reato
    > penale. trovagli tu un nome ma la sostanza non
    > cambia.

    Sottrarla È esattamente un furto. Il punto è che l'opera NON VIENE SOTTRATTA. Se non arrivi a capire questo non dovresti occuparti di risorse digitali.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Allibito
    > - Scritto da: uno qualsiasi
    > > - Scritto da: Carlo
    > > > ... e in seconda istanza come va a finire?
    > >
    > > Dubito che ci sarà una seconda istanza.
    > >
    > > > Io
    > > > credo che dovrai ricrederti sulle stupidate
    > > che
    > > > dici. E fra l'altro su un argomento che non
    > > sai
    > > > nemmeno cosa
    > > > sia.
    > >
    > > Lo conosciamo meglio di te, visto che a quanto
    > > pare tu lo confondi con il
    > > furto.
    > Tu invece credi che sia illegale lo sfruttamento
    > lecito dei diritti di un'opera... sotrarla non
    > e'esattamente un furto, ma pur sempre un reato
    > penale.

    FALSO, PAROLE DELLA POLIZIA POSTALE:
    http://www.youtube.com/watch?v=IaZ37YRGaos#t=5m10s
  • - Scritto da: Carlo
    > ... e in seconda istanza come va a finire? Io
    > credo che dovrai ricrederti sulle stupidate che
    > dici. E fra l'altro su un argomento che non sai
    > nemmeno cosa sia.

    Tipico commento di carlo:

    [3] Commento fuori tema o non conforme al regolamento del forum. {Carlo}

    Da: http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=18...

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    krane
    22544
  • in tutti i film c'era sempre di mezzo in governatore di maracaibo. a volte come beota da coglionare, altre volte come spietato aguzzino di pirati. chissa qui come andra' a finire.
    Certo che come hanno invaso Grenada, gli americani ci mettono niente a bombardare un fazzoletto di terra in mezzo all'oceano. Che ne dite di "centrale mondiale dello spaccio internazionale di stupefacienti"? "covo di al-kaeda"? "snodo della tratta delle bianche"? Una scusa la si trova sempre. Qualche passaggio di stormi di B-52 e dell'isoletta restera' traccia solo su wikipedia.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > in tutti i film c'era sempre di mezzo in
    > governatore di maracaibo. a volte come beota da
    > coglionare, altre volte come spietato aguzzino di
    > pirati. chissa qui come andra' a finire.
    > Certo che come hanno invaso Grenada, gli
    > americani ci mettono niente a bombardare un
    > fazzoletto di terra in mezzo all'oceano. Che ne
    > dite di "centrale mondiale dello spaccio
    > internazionale di stupefacienti"? "covo di
    > al-kaeda"? "snodo della tratta delle bianche"?
    > Una scusa la si trova sempre. Qualche passaggio
    > di stormi di B-52 e dell'isoletta restera'
    > traccia solo su wikipedia.

    In effetti, ci sarebbe giusto da fare qualche test "di aggiustamento" per il collaudo degli F-35... Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > in tutti i film c'era sempre di mezzo in
    > governatore di maracaibo. a volte come beota da
    > coglionare, altre volte come spietato aguzzino di
    > pirati. chissa qui come andra' a
    > finire.
    > Certo che come hanno invaso Grenada, gli
    > americani ci mettono niente a bombardare un
    > fazzoletto di terra in mezzo all'oceano. Che ne
    > dite di "centrale mondiale dello spaccio
    > internazionale di stupefacienti"? "covo di
    > al-kaeda"? "snodo della tratta delle bianche"?
    > Una scusa la si trova sempre. Qualche passaggio
    > di stormi di B-52 e dell'isoletta restera'
    > traccia solo su
    > wikipedia.
    Il fine spesso, giustifica i mezzi. Ad antigua hanno voglia di guai piu' grossi di loro
    non+autenticato
  • - Scritto da: Allibito
    > - Scritto da: ...

    > Il fine spesso, giustifica i mezzi. Ad antigua
    > hanno voglia di guai piu' grossi di loro

    In quel caso sarebbe nostro dovere aiutarli poiche' non stanno facendo nulla di illegale anzi il WTO e' con loro quindi anche noi.
    krane
    22544
  • Sareste voi i "guai"? Non siete molto grossi...
    non+autenticato
  • ... armi di distruzione di massa e sarà necessario intervenire per riportare ordine, democrazia, libertà e uguaglianza.
    E l' Italia sarà pronta a fare la sua parte!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: M.R.
    > ... armi di distruzione di massa e sarà
    > necessario intervenire per riportare ordine,
    > democrazia, libertà e
    > uguaglianza.
    > E l' Italia sarà pronta a fare la sua parte!!!
    Se non sentono le buone, come si fa?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Allibito
    > - Scritto da: M.R.
    > > ... armi di distruzione di massa e sarà
    > > necessario intervenire per riportare ordine,
    > > democrazia, libertà e
    > > uguaglianza.
    > > E l' Italia sarà pronta a fare la sua parte!!!
    > Se non sentono le buone, come si fa?

    Si attaccani gli usa, visto che l'italia e' parte del WTO.
    Se parliamo di legalita' naturalmente.
    krane
    22544
  • Ci vai tu, da solo e disarmato. E provi a imporglielo con la forza... sarà divertente vedere come torni a casa (e se torni a casa)
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)