Mauro Vecchio

USA, l'espansione del commando cibernetico

Pronti quasi 5mila tra soldati e civili per potenziare la divisione operativa del Pentagono. E non si tratterà solo di difendere le infrastrutture critiche. Il Cyber Command avrà anche compiti offensivi

Roma - Dagli alti ufficiali del Pentagono, una decisiva espansione della divisione operativa per la sicurezza delle infrastrutture informatiche statunitensi, addestrata per la difesa dello spazio cibernetico nazionale. Stando alle indiscrezioni pubblicate dal quotidiano Washington Post - a colloquio con una fonte interna rimasta anonima - i vertici del Dipartimento della Difesa avrebbero intenzione di quintuplicare la potenza del cosiddetto Commando Cibernetico (Cyber Command).

Nell'articolo del Washington Post, la Difesa a stelle e strisce vorrebbe trasformare un organo prettamente difensivo in un vero e proprio esercito aggiornato ai tempi di Internet.

A partire da un personale di 900 tra esperti informatici e strateghi militari, il Cyber Command verrebbe ampliato con una massiccia iniezione di soldati e civili, quasi 5mila unità operative nel corso dei prossimi anni.
Le strategie del Pentagono non si limiteranno alla semplice tutela delle infrastrutture critiche dalle minacce provenienti dall'esterno, come accaduto nella scorsa estate quando un malware trafugava una quantità enorme di dati da una rete di 30mila computer controllata da una società petrolifera con base in Arabia Saudita. La Difesa statunitense vuole un vero e proprio esercito pronto per l'attacco informatico in caso di emergenza nelle strategie di cyberwar. (M.V.)
Notizie collegate
  • SicurezzaCyberwar, USA sospetta dell'IranGli Stati Uniti sarebbero convinti che dietro gli attacchi DDoS ai server di diverse bache d'affari vi sarebbe Teheran. Una vendetta per Stuxnet?
  • AttualitàCyberwar, sponda nucleare contro Israele Un gruppo di hacktivisti avrebbe sabotato i server dell'Agenzia Internazionale dell'Energia Atomica per chiedere un'inchiesta sulle attività nucleari di Israele. L'agenzia nega e sostiene si tratti di un episodio passato
1 Commenti alla Notizia USA, l'espansione del commando cibernetico
Ordina
  • Questa bella notizia significa che, per motivi puramente preventivi, saranno aumentate le limitazioni alla libertà personale, e della privacy rimarrà solo una facciata, e non solo in USA.
    Già ora è così, ma non in maniera così pesante e capillare come avverrà a breve.
    Riporto una citazione del senatore americano Ron Paul, che pur riferendosi alle recenti sparatorie nelle scuole e alle armi in circolazione (è texano...), può essere adatta anche a questo caso:
    “School shootings, no matter how horrific, do not justify creating an Orwelian surveillance state in America.
    Do we really want to live in a world of police checkpoints, surveillance cameras, metal detectors, X-ray scanners, and warrantless physical searches?".
    (Le sparatorie nelle scuole, non importa quanto orribili siano, non giustificano la creazione di uno stato di sorveglianza Orwelliano in America.
    Vogliamo davvero vivere in un mondo di posti di blocco della polizia, telecamere di sorveglianza, metal detector, scanner a raggi X, e ricerche fisiche senza mandato?).
    La parola chiave è "Orwelliano" e la si vende alle masse con un'altra parola chiave: "sicurezza".
    non+autenticato