Uno smartphone per l'Africa

Microsoft e Huawei lanciano una versione personalizzata del nuovo modello Ascend W1, per alimentare lo sviluppo del mercato mobile in terra africana. Mistero sui prezzi

Roma - Per sostenere il rapido sviluppo del mercato africano, Microsoft e Huawei hanno annunciato il lancio imminente del modello Windows Phone 4Afrika, a disposizione in sette paesi del continente - dal Marocco alla Nigeria - entro la fine del prossimo marzo. Versione locale del nuovo smartphone Ascend W1, Windows Phone 4Afrika sarà distribuito con un pacchetto di applicazioni realizzate da sviluppatori africani per le esigenze in mobilità degli utenti locali.

Basato sul sistema operativo Windows Phone 8, il nuovo esemplare di smartphone è parte integrante della iniziativa di Microsoft 4Afrika, per alimentare il livello d'adozione delle tecnologie smart in terra africana. Nelle stime della Grande M, l'operazione 4Afrika dovrebbe permettere la diffusione di decine di milioni di dispositivi entro l'anno 2016, portando online oltre un milione di piccole e medie imprese.

modello ascend w1
Presentato all'ultima edizione del Consumer Electronics Show (CES) di Las Vegas, il modello di Huawei Ascend W1 è dotato di un processore dual-core Snapdragon a 1.2 Ghz, 4GB di memoria interna, una batteria che promette 420 ore di standby e 560 minuti di conversazione su rete 3G, per un profilo molto sottile, appena 10 millimetri. Il tutto ad un prezzo che viene definito "adeguato". Microsoft ha già annunciato una seconda partnership con Nokia, per la distribuzione dei modelli Lumia 510 e 620 per gli utenti in Kenya e Nigeria.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • BusinessHuawei, nuovi investimenti in EuropaLa telco cinese ha annunciato il finanziamento di un polo di ricerca e sviluppo in Finlandia. Un laboratorio per sviluppare tecnologie software per i dispositivi mobile. Intanto, nuove accusa dall'UE in fatto di dumping
  • TecnologiaWindows Phone ricomincia da 8La nuova release taglia rapidamente i ponti con gli ultimi 18 mesi. Nuovi terminali e nuove speranze per Redmond: possibile recuperare il terreno perduto?
8 Commenti alla Notizia Uno smartphone per l'Africa
Ordina
  • Nonostante qui piaccia molto lamentarsi, le situazioni d'Italia ed Africa non sono nemmeno paragonabili.

    La vera questione secondo me è: quando verrà uno smartphone progettato, pensato e costruito in Africa? Fatto da Africani per Africani?
    L'assistenzialismo a lungo andare ha un effetto molto deleterio sulle economie autoctone, in quando è in sostanza concorrenza sleale alle imprese locali. E' comprensibile quando interviene per coprire un'emergenza (sanitaria, alimentare, umanitaria...) ma per coprire bisogni non primari come la diffusione di beni voluttuari tipo smartphone, no.
    Se in Africa la popolazione ha il bisogno di possedere uno smartphone, questo dovrebbe fungere da stimolo alla creazione dell'infrastruttura economica e sociale adatta a costruirlo indipendentemente.
  • - Scritto da: r1348
    > Nonostante qui piaccia molto lamentarsi, le
    > situazioni d'Italia ed Africa non sono nemmeno
    > paragonabili.

    per oraA bocca aperta

    > La vera questione secondo me è: quando verrà uno
    > smartphone progettato, pensato e costruito in
    > Africa? Fatto da Africani per
    > Africani?

    Perchè, forse che noi non compriamo cellulari fatti in Cina?
    non+autenticato
  • - Scritto da: r1348
    > Nonostante qui piaccia molto lamentarsi, le
    > situazioni d'Italia ed Africa non sono nemmeno
    > paragonabili.

    Infatti, a parte le guerre epr procura e le mire del dittatore del Qatar, ci sono paesi africani che crescono a ritmi cinesi. L'Italia se lo sogna (e stupidamnete ha perso l'occasione)

    > La vera questione secondo me è: quando verrà uno
    > smartphone progettato, pensato e costruito in
    > Africa? Fatto da Africani per
    > Africani?

    ?
    Cerca Elikia

    > L'assistenzialismo a lungo andare ha un effetto
    > molto deleterio sulle economie autoctone, in
    > quando è in sostanza concorrenza sleale alle
    > imprese locali.

    Assistenzialismo verso l'Africa?
    Ma se solo pochi mesi fa abbiamo bombardato e massacrato al Libia e trasformata in un Afghansitan mediterraneo per imepdire a Gheddafi di diventare una sorta di Chavez africano dopo che erano caduti i dittatori filo Occidentali che lo contenevano e con i soldi libici avrebbe potuto influenzare come Chavez ha fatto per rendere indipendente il Sudamerica?
    Ora bombardiamo il Mali che è uno strascico di quella follia criminale.
    L'Africa è un sacco di roba, non è mica indigeni con il gonnellino di paglia (per i turisti) ed i leoni nella savana.


    > E' comprensibile quando
    > interviene per coprire un'emergenza (sanitaria,
    > alimentare, umanitaria...) ma per coprire bisogni
    > non primari come la diffusione di beni voluttuari
    > tipo smartphone,
    > no.

    Mica viene regalato buttandolo dagli aerei insieme al cibo ed ai medicinali. Viene venduto al suo prezzo (magari con un minor ricarico da parte dei rpoduttori, in fondo mica tutti sono avidi come Jobs che poi non se li è portati nella tomba)

    > Se in Africa la popolazione ha il bisogno di
    > possedere uno smartphone, questo dovrebbe fungere
    > da stimolo alla creazione dell'infrastruttura
    > economica e sociale adatta a costruirlo
    > indipendentemente.

    Vedi quanto suggerito sopra e anche la parte dell'articolo in cui si dice:
    "con un pacchetto di applicazioni realizzate da sviluppatori africani"
    non+autenticato
  • - Scritto da: r1348
    > Nonostante qui piaccia molto lamentarsi, le
    > situazioni d'Italia ed Africa non sono nemmeno
    > paragonabili.
    >
    > La vera questione secondo me è: quando verrà uno
    > smartphone progettato, pensato e costruito in
    > Africa? Fatto da Africani per
    > Africani?
    > L'assistenzialismo a lungo andare ha un effetto
    > molto deleterio sulle economie autoctone, in
    > quando è in sostanza concorrenza sleale alle
    > imprese locali. E' comprensibile quando
    > interviene per coprire un'emergenza (sanitaria,
    > alimentare, umanitaria...) ma per coprire bisogni
    > non primari come la diffusione di beni voluttuari
    > tipo smartphone,
    > no.
    > Se in Africa la popolazione ha il bisogno di
    > possedere uno smartphone, questo dovrebbe fungere
    > da stimolo alla creazione dell'infrastruttura
    > economica e sociale adatta a costruirlo
    > indipendentemente.

    Veramente per l'emancipazione di un popolo serve la comunicazione e l'informazione per cui ben venga lo smartphone per l'Africa
    non+autenticato
  • - Scritto da: r1348

    > L'assistenzialismo a lungo andare ha un effetto
    > molto deleterio sulle economie autoctone, in
    > quando è in sostanza concorrenza sleale alle
    > imprese locali. E' comprensibile quando
    > interviene per coprire un'emergenza (sanitaria,
    > alimentare, umanitaria...) ma per coprire bisogni
    > non primari come la diffusione di beni voluttuari
    > tipo smartphone,
    > no.

    la telefonia e il collegamento ad Internet non sono mica beni voluttuari, ma infrastrutture indispensabili per lo sviluppo.

    > Se in Africa la popolazione ha il bisogno di
    > possedere uno smartphone, questo dovrebbe fungere
    > da stimolo alla creazione dell'infrastruttura
    > economica e sociale adatta a costruirlo
    > indipendentemente.

    ma se non ce l'abbiamo (più) nemmeno noi!
    Vuoi dire che oramai siamo una colonia di Cina e Corea?
    Funz
    12943
  • - Scritto da: armstrong
    > usa for italy? In lacrime

    Gia' fatta il secolo scorso.

  • Voglio sapere quanto costa,in Italia solo pochi possono permettersti smartphone costosi e belli come questo. il mio ora costa 80 euro.