Mauro Vecchio

Privacy, l'indagine su Skype continuerà

La piattaforma VoIP ha ammesso che le indicazioni sull'eliminazione degli account non sono fornite ai suoi utenti con chiarezza. Il Garante per la protezione dei dati personali non è completamente soddisfatto

Roma - In una nota diramata dal Garante per la protezione dei dati personali si spiega come i vertici lussemburghesi di Skype abbiano accettato di migliorare le procedure per consentire agli utenti di chiudere il proprio account, integrando tutte quelle informazioni necessarie a soddisfare le loro esigenze. La piattaforma VoIP ha infatti ammesso che le indicazioni contenute nelle sue FAQ - in particolare quelle secondo cui "una volta creato, non è possibile eliminare un account" - non informano gli utenti in maniera adeguata.

Su segnalazione di un utente italiano, l'Autorità si era mossa con una richiesta di informazioni sul trattamento dei dati appartenenti agli utenti del servizio acquisito da Microsoft. Skype dovrebbe così indicare quali dati vengano conservati, per quanto tempo e con quali finalità, dopo che il misterioso utente tricolore si era lamentato dell'impossibilità di eliminare definitivamente il suo account dalla piattaforma di BigM.

Come annunciato nella nota del Garante, le indicazioni contenute nelle FAQ "verranno modificate per spiegare chiaramente che si potrà comunque bloccare in via permanente il proprio account rivolgendosi al servizio di supporto tecnico clienti, il quale provvederà a deindicizzare lo username dell'utente dalle pagine pubbliche del servizio, in modo tale che non sia più operativo né visibile dagli altri".
I responsabili di Skype hanno tuttavia precisato che i singoli account non vengono definitivamente cancellati o distrutti, e che il relativo username resta archiviato all'interno dei suoi sistemi, "per evitare che in futuro altri utenti possano utilizzare, intenzionalmente o meno, il medesimo nome". Il Garante ha così chiesto ulteriori chiarimenti "in ordine alla tipologia dei dati conservati, e ai tempi e alle modalità di tale conservazione", sollevando la questione presso il gruppo di lavoro che riunisce le varie Autorità della protezione dati in Europa.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • SicurezzaSkype, account bucati e poi tappatiUna nuova vulnerabilità permetteva di effettuare il reset di un qualunque account Skype conoscendo email e username dell'utente. Microsoft conferma il problema si affretta a chiudere la falla
  • AttualitàPaesi Bassi, se Skype consegna utentiIl servizio VoIP avrebbe divulgato i dati di un utente senza l'autorizzazione delle autorità giudiziarie. All'origine della divulgazione, il sospetto che il netizen coinvolto fosse un membro di Anonymous
3 Commenti alla Notizia Privacy, l'indagine su Skype continuerà
Ordina
  • Il fatto di mantenere in memoria il nome usato, per evitare riassegnazioni successive, non implica che anche i dati dell'utente debbano essere mantenuti.
    In effetti non implica affatto che l'account debba essere mantenuto in memoria; basta conservarne solo il nome.
    Infine personalmente non capisco come mai l'account non possa essere utilizzato da altri dopo, per esempio, due anni dalla cessazione...
    Se perdo il mio numero di telefono cellulare, dopo un annno esso può essere riassegnato.
    Le spiegazioni di Skype puzzano di falso lontano un miglio...
    non+autenticato
  • Sono completamente d'accordo con te...

    Ma credo che buona parte di questa roba dipenda dall'acquisizione da parte di Microsoft: non mi è mai capitato personalmente, ma mi dicono che cancellare il proprio numero di carta di credito dall'account XBOX Live è altrettanto difficile (se non impossibile).


    - Scritto da: Aldo
    > Il fatto di mantenere in memoria il nome usato,
    > per evitare riassegnazioni successive, non
    > implica che anche i dati dell'utente debbano
    > essere
    > mantenuti.
    > In effetti non implica affatto che l'account
    > debba essere mantenuto in memoria; basta
    > conservarne solo il
    > nome.
    > Infine personalmente non capisco come mai
    > l'account non possa essere utilizzato da altri
    > dopo, per esempio, due anni dalla
    > cessazione...
    > Se perdo il mio numero di telefono cellulare,
    > dopo un annno esso può essere
    > riassegnato.
    > Le spiegazioni di Skype puzzano di falso lontano
    > un
    > miglio...
  • - Scritto da: Aldo
    > Il fatto di mantenere in memoria il nome usato,
    > per evitare riassegnazioni successive, non

    ...

    In ogni caso sembra che per una volta il Garante stia facendo davvero il suo mestiere.
    non+autenticato