Mauro Vecchio

USA, le tecnoperquisizioni sono costituzionali

Per l'ufficio diritti civili al Dipartimento per la Sicurezza Nazionale la perquisizione casuale di bagagli e laptop alla dogana non viola affatto il Primo Emendamento. Gli attivisti vogliono le motivazioni

Roma - A difesa dei diritti civili al Dipartimento per la Sicurezza Nazionale (DHS), i vertici dell'ufficio statunitense Civil Rights and Civil Liberties (CRCL) hanno stabilito che i vari agenti che operano alle frontiere possono condurre perquisizioni casuali tra i bagagli e i dispositivi elettronici dei passeggeri pronti a varcare il confine. Per evitare il passaggio di beni legati a contrabbando e contraffazione, le autorità doganali non avranno bisogno di un mandato, nemmeno di un "ragionevole sospetto" di attività criminose.

In un documento sommario pubblicato sul sito governativo dhs.gov, l'ufficio a stelle e strisce non ha trovato le perquisizioni senza mandato in violazione dei principi costituzionali garantiti dal Primo Emendamento. Il controllo di bagagli e laptop permetterebbe di tutelare al meglio la sicurezza nazionale, senza alcuna ripercussione negativa sui diritti invocati da numerose associazioni attiviste come American Civil Liberties Union (ACLU).

Proprio i responsabili di ACLU avevano denunciato il governo federale per la presunta violazione dei diritti costituzionali del giovane David House, a cui era stato sequestrato un laptop di ritorno da una vacanza in Messico. Gli agenti aeroportuali allo scalo di Chicago avrebbero preso di mira il turista "senza alcun motivo concreto", come denunciato alla fine del 2011 dagli attivisti californiani.
In base ai principi legislativi del Freedom of Information Act (FOIA), gli stessi attivisti hanno richiesto la pubblicazione dell'intero report del DHS, dal momento che le conclusioni di CRCL non sono affatto supportate da prove o dettagli concreti. Non è attualmente chiaro quali saranno le misure annunciate nello stesso documento per prevenire abusi da parte degli agenti doganali nella perquisizione transfrontaliera dei dispositivi elettronici dei passeggeri.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
25 Commenti alla Notizia USA, le tecnoperquisizioni sono costituzionali
Ordina
  • Non so che dire ma guardando quel programma su Dmax, senza controlli random sui bagagli, avoglia quanta droga (in più) entrerebbe. Da quello che fanno vedere la, il 99% delle persone beccate con roba "illegale" scrive sempre "niente da dichiarare". Se entro/esco da un areoporto con mezzo kilo di tritolo nella borsa...è incostituzionale che qualcuno me la perquisisca?. Il prossimo passo sarà il divieto di perquisizione corporale perchè lesiva del proprio corpo ed il divieto di uso dello scanner sui bagali perchè lesiva della privacy. E in ultimo, in divieto di mostrare carta d'identità o passaporto (il biglietto quello si ma non per tutelare qualcosa, solo perchè c'è dietro un motivo economico). Della serie:"chiunque vuole imbarcarsi, si imbarchi pure tanto a noi non ce ne frega nulla".
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ebm

    > Non so che dire ma guardando quel programma su
    > Dmax,

    Quale programma, scusa? Parti dal presupposto che tutti guardino DMAX, un canale che esiste sì no da 2 anni, in Italia. Ma non è così.


    > senza controlli random sui bagagli, avoglia
    > quanta droga (in più) entrerebbe.

    Casomai "hai voglia", o "ha' voglia".
    La notizia di PI parlava solo di computer portatili e chiavette USB. Che possono anch'essi nascondere droga, volendo: ma in quantitativi minimi.


    > Se entro/esco da un areoporto con
    > mezzo kilo di tritolo nella borsa...è
    > incostituzionale che qualcuno me la perquisisca?.

    Non si capisce perché la perquisizione debba essere estesa anche al contenuto di computer e chiavette USB (contenuto in senso software, non hardware). Il documento in inglese è chiaro: possono chiedere a chi entra nel territorio dello Stato di controllare file e cartelle varie. Se il PC è protetto da password, possono sequestrarlo. Ed entrambe le operazioni senza che sussista un ragionevole sospetto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: Ebm
    >
    > > Non so che dire ma guardando quel programma
    > su
    > > Dmax,
    >
    > Quale programma, scusa? Parti dal presupposto che
    > tutti guardino DMAX, un canale che esiste sì no
    > da 2 anni, in Italia. Ma non è
    > così.
    >
    >
    > > senza controlli random sui bagagli, avoglia
    > > quanta droga (in più) entrerebbe.
    >
    > Casomai "hai voglia", o "ha' voglia".
    > La notizia di PI parlava solo di computer
    > portatili e chiavette USB. Che possono anch'essi
    > nascondere droga, volendo: ma in quantitativi
    > minimi.
    >
    >
    >
    > > Se entro/esco da un areoporto con
    > > mezzo kilo di tritolo nella borsa...è
    > > incostituzionale che qualcuno me la
    > perquisisca?.
    >
    > Non si capisce perché la perquisizione debba
    > essere estesa anche al contenuto di computer e
    > chiavette USB (contenuto in senso software, non
    > hardware). Il documento in inglese è chiaro:
    > possono chiedere a chi entra nel territorio dello
    > Stato di controllare file e cartelle varie. Se il
    > PC è protetto da password, possono sequestrarlo.
    > Ed entrambe le operazioni senza che sussista un
    > ragionevole
    > sospetto.
    Per evitare che varchino la frontiera opere protette, materiale vietato, materiale pedo-porno ecc Il reato non necessariamente risiede nell'hardware. Il ragionevole dubbio sul contenuto di un supporto da dove dovrebbe scaturire, secondo te? C'è una lista sospetta incollata sul pc? Chiunque può avere SW illegale anche senza capelli rasta.
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: Allibito



    > > > Se entro/esco da un areoporto con
    > > > mezzo kilo di tritolo nella borsa...è
    > > > incostituzionale che qualcuno me la
    > > perquisisca?.
    > >
    > > Non si capisce perché la perquisizione debba
    > > essere estesa anche al contenuto di computer e
    > > chiavette USB (contenuto in senso software, non
    > > hardware). Il documento in inglese è chiaro:
    > > possono chiedere a chi entra nel territorio
    > dello
    > > Stato di controllare file e cartelle varie. Se
    > il
    > > PC è protetto da password, possono sequestrarlo.
    > > Ed entrambe le operazioni senza che sussista un
    > > ragionevole
    > > sospetto.

    > Per evitare che varchino la frontiera opere
    > protette, materiale vietato, materiale pedo-porno
    > ecc

    Ah, ecco, un po' di chiarezza.
    Sono curioso di sapere se una spiegazione del genere reggerà, se mai un giorno verrà portata al cospetto della Corte Suprema. Tutti i reati che elenchi non sono particolarmente gravi, a livello di legislazione federale.



    > Il reato non necessariamente risiede
    > nell'hardware. Il ragionevole dubbio sul
    > contenuto di un supporto da dove dovrebbe
    > scaturire, secondo te?

    Da segnalazioni del controspionaggio e dell'antiterrorismo, o da indagini in corso.


    > C'è una lista sospetta
    > incollata sul pc? Chiunque può avere SW illegale
    > anche senza capelli
    > rasta.

    A loro secondo me controllano innanzitutto i dreadlocks . Possono nascondere di tutto e di più. Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: Allibito
    >
    >
    >
    > > > > Se entro/esco da un areoporto con
    > > > > mezzo kilo di tritolo nella
    > borsa...è
    > > > > incostituzionale che qualcuno me la
    > > > perquisisca?.
    > > >
    > > > Non si capisce perché la perquisizione
    > debba
    > > > essere estesa anche al contenuto di
    > computer
    > e
    > > > chiavette USB (contenuto in senso
    > software,
    > non
    > > > hardware). Il documento in inglese è
    > chiaro:
    > > > possono chiedere a chi entra nel
    > territorio
    > > dello
    > > > Stato di controllare file e cartelle
    > varie.
    > Se
    > > il
    > > > PC è protetto da password, possono
    > sequestrarlo.
    > > > Ed entrambe le operazioni senza che
    > sussista
    > un
    > > > ragionevole
    > > > sospetto.
    >
    > > Per evitare che varchino la frontiera opere
    > > protette, materiale vietato, materiale
    > pedo-porno
    > > ecc
    >
    > Ah, ecco, un po' di chiarezza.
    > Sono curioso di sapere se una spiegazione del
    > genere reggerà, se mai un giorno verrà portata al
    > cospetto della Corte Suprema. Tutti i reati che
    > elenchi non sono particolarmente gravi, a livello
    > di legislazione federale.
    >
    >
    >
    >
    > > Il reato non necessariamente risiede
    > > nell'hardware. Il ragionevole dubbio sul
    > > contenuto di un supporto da dove dovrebbe
    > > scaturire, secondo te?
    >
    > Da segnalazioni del controspionaggio e
    > dell'antiterrorismo, o da indagini in
    > corso.
    >
    >
    > > C'è una lista sospetta
    > > incollata sul pc? Chiunque può avere SW
    > illegale
    > > anche senza capelli
    > > rasta.
    >
    > A loro secondo me controllano innanzitutto i
    > dreadlocks . Possono
    > nascondere di tutto e di più.
    > Occhiolino
    Ti sembra poco?
    non+autenticato
  • Con questa procedura prendi solo i niubbi ma non i terroristi: è sufficiente registrarsi un sito con qualche pagina riguardante flora e fauna, nello spazio a disposizione uno ci mette quello che vuole in un volume criptato ed il gioco è fatto. Entra negli USA con un computer con memorie non volatili pulite e dopo che è entrato via FTP si scarica le foto delle vacanze ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ebm
    > Non so che dire ma guardando quel programma su
    > Dmax, senza controlli random sui bagagli, avoglia
    > quanta droga (in più) entrerebbe. Da quello che
    > fanno vedere la, il 99% delle persone beccate con
    > roba "illegale" scrive sempre "niente da
    > dichiarare".

    Ma io mi chiedo... quell' uno percento che con la valigia imbottita di coca/TNT/DVD pedoporno va a scrivere che ha qualcosa da dichiarareA bocca aperta
    Funz
    12943
  • Quindi alle dogane americane hanno facolta' di sequestrare strumentazione elettronica di qualunque tipo: computer, palmari, telefonini, fotocamere, chiavette...
    Tutto cio' che potenzialmente puo' contenere dati.

    Cosi', chi ha dati con cui attraversare la frontiera fara' un bell'upload su un server remoto e poi se li scarica una volta attraversata la frontiera.

    Tutti gli altri si vedranno sequestrare foto e filmini delle vacanze perche' sospettati di terrorismo, anzi, non c'e' bisogno neanche del sospetto.

    Buono a sapersi.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Quindi alle dogane americane hanno facolta' di
    > sequestrare strumentazione elettronica di
    > qualunque tipo: computer, palmari, telefonini,
    > fotocamere,
    > chiavette...
    > Tutto cio' che potenzialmente puo' contenere dati.
    >
    > Cosi', chi ha dati con cui attraversare la
    > frontiera fara' un bell'upload su un server
    > remoto e poi se li scarica una volta attraversata
    > la
    > frontiera.
    >
    > Tutti gli altri si vedranno sequestrare foto e
    > filmini delle vacanze perche' sospettati di
    > terrorismo, anzi, non c'e' bisogno neanche del
    > sospetto.
    >
    > Buono a sapersi.

    Motivo in più per stare alla larga dagli States...
  • Gli States hanno questa schizofrenia sociale, fra libertà e "deregulation" straordinariamente positive, ed incredibile paranoia (che stanno trasmettendo culturalmente anche all'Europa, passando dalla GB).
    Probabilmente vivono forti ansie di frammentazione, visto che da decenni Texas, California, Florida ed altri ricchi stati vogliono secessionarsi...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Cerotto

    > Probabilmente vivono forti ansie di
    > frammentazione, visto che da decenni Texas,
    > California, Florida ed altri ricchi stati
    > vogliono
    > secessionarsi...

    Il verbo "secessionarsi" non esiste in italiano: vogliono la secessione.
    Già 703 326 americani hanno firmato per la secessione dagli Usa, ma non solo nei tre Stati di cui parli: in tutti e 50 + il distretto federale! Se la proposta passasse, gli United states smetterebbero di essere united :

    http://rt.com/usa/news/petition-white-house-secede.../
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: Cerotto
    >
    > > Probabilmente vivono forti ansie di
    > > frammentazione, visto che da decenni Texas,
    > > California, Florida ed altri ricchi stati
    > > vogliono
    > > secessionarsi...
    >
    > Il verbo "secessionarsi" non esiste in italiano:
    > vogliono la
    > secessione.
    > Già 703 326 americani hanno firmato per la
    > secessione dagli Usa, ma non solo nei tre Stati
    > di cui parli: in tutti e 50 + il distretto
    > federale! Se la proposta passasse, gli United
    > states smetterebbero di essere united
    >

    > :
    >
    > http://rt.com/usa/news/petition-white-house-secede

    Poi ti lamenti se ti prendono in giro, qui su PI.
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio


    > > > Probabilmente vivono forti ansie di
    > > > frammentazione, visto che da decenni Texas,
    > > > California, Florida ed altri ricchi stati
    > > > vogliono
    > > > secessionarsi...
    > >
    > > Il verbo "secessionarsi" non esiste in italiano:
    > > vogliono la
    > > secessione.
    > > Già 703 326 americani hanno firmato per la
    > > secessione dagli Usa, ma non solo nei tre Stati
    > > di cui parli: in tutti e 50 + il distretto
    > > federale! Se la proposta passasse, gli United
    > > states smetterebbero di essere united
    > >

    > > :
    > >
    > >
    > http://rt.com/usa/news/petition-white-house-secede
    >
    > Poi ti lamenti se ti prendono in giro, qui su PI.

    Suppongo che la presa in giro fosse riferita a te, e hai equivocato. Direi che qui su PI prevalgono le persone che mi chiedono "consulenze" (virgolette d'obbligo, visto che sono un appassionato di diritto, non un esperto):

    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3697358&m=369...

    Non ho notato richieste di consigli rivolte a Sgabbio, ma forse sono distratto. Angioletto
    non+autenticato
  • Ti ringrazio per la correzione che è ineccepibile dal tuo punto di vista.
    Le logiche sono tutte valide, quando sono coerenti, e portano a risultati diversi a seconda dei presupposti da cui si parte, e dalle tesi che si vogliono dimostrare.
    Negli scritti, quando non ci si può vedere di persona, intendo l'uso della lingua in maniera creativa, come aiuto per esprimere quella parte paraverbale e non verbale che dopotutto costituisce il 93% della comunicazione.
    700.000 persone sono tantissime come valore assoluto, e meritano senz'altro di essere considerate, ma rispetto alla popolazione americana di quasi 314 milioni di abitanti hanno un peso relativo molto basso.
    Io mi riferivo, nel post, al terrorismo interno di cui non trapela quasi niente fuori dagli USA, e che aumenta la già citata paranoia, dovuta anche al temuto terrorismo esterno, con quel che ne segue.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Cerotto

    > Io mi riferivo, nel post, al terrorismo interno
    > di cui non trapela quasi niente fuori dagli USA,
    > e che aumenta la già citata paranoia, dovuta
    > anche al temuto terrorismo esterno, con quel che
    > ne
    > segue.

    Veramente nel tuo primo commento parlavi di secessione di tre grossi Stati, non di terrorismo...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: Cerotto
    >
    > > Probabilmente vivono forti ansie di
    > > frammentazione, visto che da decenni Texas,
    > > California, Florida ed altri ricchi stati
    > > vogliono
    > > secessionarsi...
    >
    > Il verbo "secessionarsi" non esiste in italiano:
    > vogliono la
    > secessione.

    in realtà, secondo l'accademia della crusca, in ambito colloquiale è ammesso l'uso della forma riflessiva, anche quando il verbo non la supporta

    > Già 703 326 americani hanno firmato per la
    > secessione dagli Usa, ma non solo nei tre Stati
    > di cui parli: in tutti e 50 + il distretto
    > federale! Se la proposta passasse, gli United
    > states smetterebbero di essere united
    >

    > :
    >
    > http://rt.com/usa/news/petition-white-house-secede

    il link rimanda a http://rt.com/usa/news/ , cerchiamo di essere precisi quando si scrive un link, altrimenti è inutile farlo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: volante1

    > > > Probabilmente vivono forti ansie di
    > > > frammentazione, visto che da decenni Texas,
    > > > California, Florida ed altri ricchi stati
    > > > vogliono
    > > > secessionarsi...
    > >
    > > Il verbo "secessionarsi" non esiste in italiano:
    > > vogliono la
    > > secessione.
    >
    > in realtà, secondo l'accademia della crusca, in
    > ambito colloquiale è ammesso l'uso della forma
    > riflessiva, anche quando il verbo non la
    > supporta

    Uff, i folletti...


    > > Già 703 326 americani hanno firmato per la
    > > secessione dagli Usa, ma non solo nei tre Stati
    > > di cui parli: in tutti e 50 + il distretto
    > > federale! Se la proposta passasse, gli United
    > > states smetterebbero di essere united
    > >

    > > :
    > >
    > >
    > http://rt.com/usa/news/petition-white-house-secede
    >
    > il link rimanda a http://rt.com/usa/news/ ,
    > cerchiamo di essere precisi quando si scrive un
    > link, altrimenti è inutile
    > farlo.

    Anche questa è un'uscita da folletti, ma va precisata: su PI le citazioni di commenti fatti da terzi mostrano i link monchi. Viene riportata solo la prima riga. In genere questi link monchi non portano a nessun URL ("404 Not Found"), ma in questo caso portano alla pagina generale del sito rt.com.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: volante1
    >
    > > > > Probabilmente vivono forti ansie di
    > > > > frammentazione, visto che da
    > decenni
    > Texas,
    > > > > California, Florida ed altri
    > ricchi
    > stati
    > > > > vogliono
    > > > > secessionarsi...
    > > >
    > > > Il verbo "secessionarsi" non esiste in
    > italiano:
    > > > vogliono la
    > > > secessione.
    > >
    > > in realtà, secondo l'accademia della crusca,
    > in
    > > ambito colloquiale è ammesso l'uso della
    > forma
    > > riflessiva, anche quando il verbo non la
    > > supporta
    >
    > Uff, i folletti...
    >
    >
    > > > Già 703 326 americani hanno
    > firmato per
    > la
    > > > secessione dagli Usa, ma non solo nei
    > tre
    > Stati
    > > > di cui parli: in tutti e 50 + il
    > distretto
    > > > federale! Se la proposta passasse, gli
    > United
    > > > states smetterebbero di essere
    >
    > united
    > > >

    > > > :
    > > >
    > > >
    > >
    > http://rt.com/usa/news/petition-white-house-secede
    > >
    > > il link rimanda a http://rt.com/usa/news/ ,
    > > cerchiamo di essere precisi quando si scrive
    > un
    > > link, altrimenti è inutile
    > > farlo.
    >
    > Anche questa è un'uscita da folletti, ma va
    > precisata: su PI le citazioni di commenti fatti
    > da terzi mostrano i link monchi. Viene riportata
    > solo la prima riga. In genere questi link monchi
    > non portano a nessun URL ("404 Not Found"), ma in
    > questo caso portano alla pagina generale del sito
    > rt.com.

    evidentemente sei un milanese
    non+autenticato