Mauro Vecchio

Di smartphone, hacker e infedeltà social

La cantante statunitense Alicia Keys beccata a cinguettare da un Melafonino, nonostante il suo nuovo ruolo da direttore creativo di BlackBerry. La colpa sarebbe degli hacker

Roma - Alla fine dello scorso gennaio, la popstar Alicia Keys giurava che avrebbe utilizzato esclusivamente il suo nuovo BlackBerry 10, nominata direttore creativo del marchio dai vertici della azienda canadese. Poche settimane dopo, un cinguettio dal suo account verificato su Twitter ha messo clamorosamente in discussione la fedeltà promessa al New York Times.

Citando una delle nuove canzoni del rapper Drake, la cantante newyorchese ha sfruttato l'applicazione di Twitter per dispositivi iOS, dunque cinguettando da un iPhone in barba al nuovo ruolo di ambasciatrice creativa di BlackBerry.

"Mi piace Drake, ma quello non era un mio tweet", spiegherà Keys sulla stessa piattaforma di microblogging. L'account social dell'artista statunitense sarebbe finito nel mirino di un misterioso hacker. (M.V.)
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, il cracker dei due presidentiIncursione informatica tra gli account di posta elettronica della famiglia Bush. Trafugate fotografie private e altre informazioni ritenute interessanti dal misterioso Guccifer
  • AttualitàUSA, in galera il cracker dei VIPDieci anni di prigione per Christopher Chaney, l'uomo che si era impossessato di alcune foto di nudo dell'attrice Scarlett Johansson. Condannato per intercettazione abusiva e pirateria informatica
7 Commenti alla Notizia Di smartphone, hacker e infedeltà social
Ordina
  • "Alicia Keys confonde le More con le Mele"

    Comunque PI e meglio... almendo di webnews
  • Oggi è tutta colpa di pirateria, hacker e anonymous ... RIDICOLI!
    non+autenticato
  • hihi.. il malware (e relativo furto di credenziali) e' cosi imperante che perfino i cantanti lo usano come plausible deniability (per coprire le loro magagne)...
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > hihi.. il malware (e relativo furto di
    > credenziali) e' cosi imperante che perfino i
    > cantanti lo usano come plausible deniability (per
    > coprire le loro
    > magagne)...

    su dai itagliota ripeti con me "lo usano come scusa"
    non+autenticato
  • La vicenda mi ricorda una vicenda degli anni Novanta. La popstar Michael Jackson era stata nominata testimonial della Pepsi Cola. Il giovane attore Macaulay Culkin rivelò in un'intervista che Jackson, salutista fanatico, non ha mai bevuto Pepsi Cola: non beveva altro che acqua minerale. Il contratto con la Pepsi venne sciolto immediatamente. A bocca aperta

    (Questa è la storia come me la ricordo, non sono sicuro al 100 % che fosse andata così)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > La vicenda mi ricorda una vicenda degli anni
    > Novanta. La popstar Michael Jackson era stata
    > nominata testimonial della Pepsi Cola. Il giovane
    > attore Macaulay Culkin rivelò in un'intervista
    > che Jackson, salutista fanatico, non ha mai
    > bevuto Pepsi Cola: non beveva altro che acqua
    > minerale. Il contratto con la Pepsi venne sciolto
    > immediatamente.
    >A bocca aperta
    >
    > (Questa è la storia come me la ricordo, non sono
    > sicuro al 100 % che fosse andata
    > così)

    Sarebbe piuttosto ipocrita da Pepsi. La pubblicità è pubblicità: se rende, poco importa se il tuo testimonial va in contraddizione. Che dire di McDonalds che sponsorizza le olimpiadi del 2012?
  • - Scritto da: il solito bene informato

    > > La vicenda mi ricorda una vicenda degli anni
    > > Novanta. La popstar Michael Jackson era stata
    > > nominata testimonial della Pepsi Cola. Il
    > giovane
    > > attore Macaulay Culkin rivelò in un'intervista
    > > che Jackson, salutista fanatico, non ha mai
    > > bevuto Pepsi Cola: non beveva altro che acqua
    > > minerale. Il contratto con la Pepsi venne
    > sciolto
    > > immediatamente.
    > >A bocca aperta
    > >
    > > (Questa è la storia come me la ricordo, non sono
    > > sicuro al 100 % che fosse andata
    > > così)
    >
    > Sarebbe piuttosto ipocrita da Pepsi.

    Eh be', la pubblicità è basata su ipocrisia e bugie assortite.
    La pubblicità sincera è quella che non vende nemmeno una confezione del prodotto. A bocca aperta


    > La
    > pubblicità è pubblicità: se rende, poco importa
    > se il tuo testimonial va in contraddizione.

    Ovviamente non conosco i dettagli del caso Pepsi Cola & Michael Jackson. Ma in contratti miliardari come questi ci sono clausole che impongono al testimonial un certo comportamento al di fuori degli studi televisivi e del palcoscenico nei confronti del prodotto. Infranti questi, il contratto si rescinde all'istante.
    In questo caso, la gaffe era tutta del giovane Macaulay Culkin, e non di Michael Jackson. Dopodiché ci si chiede come facesse Macaulay a sapere che Michael non beveva la Pepsi... e i pubblicitari della Pepsi una risposta se la sono data. Occhiolino
    non+autenticato