Mauro Vecchio

Amazon sotto accusa per gli stagionali in Germania

L'azienda al centro di uno scandalo per un documentario trasmesso dalla TV tedesca ARD. Centinaia di lavoratori sottopagati e vessati da un'agenzia di sicurezza collegata ai gruppi neo-nazi. Il Governo chiede spiegazioni

Roma - Un girone infernale per centinaia di lavoratori stagionali, emigrati dai paesi europei della grande crisi economica. Dalla Spagna alla Polonia, hanno trovato rifugio nella fiorente Germania, assoldati in via temporanea dal gigante statunitense della distribuzione online. Con un volume di vendite per 6,8 miliardi di euro, il mercato tedesco è il secondo più redditizio per Amazon, ovviamente sospinto dalla frenesia tipica delle puntuali festività natalizie.

In un documentario di circa mezz'ora, le indagini condotte dai reporter d'assalto della rete pubblica ARD hanno scatenato un violento putiferio sulle pratiche d'assunzione dell'azienda di Seattle per i magazzini gestiti dalla sua divisione Amazon.de. I cosiddetti lavoratori stagionali - ad esempio, quelli assoldati a tempo per i periodi di punta come le festività natalizie - verrebbero trattati in maniera disumana, non molto lontana dalle terribili fabbriche cinesi.

Nel documentario di ARD, le testimonianze di numerosi lavoratori trasferitisi in Germania dai paesi europei con scarse opportunità occupazionali. Ammassati in piccoli autobus - c'è chi ha affermato di aver percorso ben 17 chilometri a piedi per arrivare ai centri di smistamento di Amazon - gli impiegati stagionali sarebbero costretti a dormire ammassati in piccole stanze di alberghi e ostelli della zona. Sottopagati - si è parlato di 8,50 euro lordi all'ora, anche se poi Amazon ha precisato che lo stesso salario orario arriva a toccare quota 10 euro lordi - i lavoratori a tempo del retailer statunitense sarebbero costantemente monitorati da un servizio di sicurezza gestito da un appaltatore denominato H.E.S.S. (Hensel European Security Services), accostato nel documentario alla figura di Rudolf Hess, uno tra i più influenti esponenti del Partito Nazista e del Terzo Reich.
In un successivo comunicato diramato dall'azienda di Jeff Bezos, il reclutamento degli agenti di HESS sarebbe in realtà avvenuto tramite agenzie esterne, dunque non su diretta segnalazione del gigante a stelle e strisce. Nel periodo natalizio, Amazon tende a predisporre un adeguato servizio di sicurezza per evitare furti nei suoi centri di imballaggio e smistamento, ovviamente strapieni di merce di grande valore. Il retailer ha comunque annunciato l'immediata interruzione del contratto con l'agenzia di sicurezza HESS, che già aveva negato qualsiasi legame con movimenti politici di estrema destra.

Le accuse contenute nel documentario di ARD hanno scatenato la ferma reazione delle autorità tedesche, che hanno chiesto ai vertici di Amazon di offrire dettagliate spiegazioni sulle attuali condizioni lavorative e contrattuali. L'associazione locale per la tutela dei lavoratori Ver.di ha lanciato una petizione per chiedere un intervento immediato, seguita da un'agguerrita campagna di boicottaggio degli acquisti online su Amazon.de. Restano da chiarire i contorni della vicenda portata alla luce dal servizio di ARD: l'azienda di Jeff Bezos si è davvero approfittata dei lavoratori di mezza europa, sottoponendoli a un regime di "polizia" di ispirazione neo-nazi, o si tratta di una ricostruzione parziale che verrà in seguito ridimensionata? Colpisce senz'altro che il tutto si sia svolto nella civilissima Germania, nazione spesso indicata come un punto di riferimento per l'equilibrio raggiunto tra i diritti dei lavoratori e l'efficienza delle aziende.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • BusinessFoxconn, indagine per corruzioneLa multinazionale taiwanese ha comunicato l'esistenza di una inchiesta interna che accerti presunte responsabilità di alcuni manager in riferimento a casi di tangenti. Un dirigente sarebbe stato arrestato
  • AttualitàCina, HP per gli studenti lavoratoriPolicy più restrittive per limitare gli abusi nell'assunzione di minori nelle fabbriche asiatiche. I giovani studenti dovranno essere liberi di andarsene senza ripercussioni
  • AttualitàSamsung, indagine sulla fabbrica cineseIl colosso coreano investiga sulle condizioni lavorative garantite dalla società partner HEG. Nessun dipendente al di sotto dei 16 anni, ma ambiente lavorativo inadeguato
17 Commenti alla Notizia Amazon sotto accusa per gli stagionali in Germania
Ordina
  • la cosa piu cool sono i "nazi"... ossia i bimbominkia della Hess, vestiti con abiti della Thor Steinar... pare che sia una specie di brand-culto per i pelatoni, spesso vessata anche dai tribunali tedeschi.
    Ma la cosa piu' divertente e' che da anni e' di proprieta' di un chiacchierato milardario ARABO (e mezzo pakistano). che ridereCon la lingua fuori:P
    non+autenticato
  • Non so se lo sai, ma i tedeschi erano alleati con i ribelli Arabi nella seconda guerra mondiale, veri e propri eserciti a servizio delle germania nazista. Tu confondi gli ebrei israeliani. Fra ebrei e arabi c'è un odio che non puoi nemmeno immaginare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: whiskey
    > Non so se lo sai, ma i tedeschi erano alleati con
    > i ribelli Arabi nella seconda guerra mondiale,
    > veri e propri eserciti a servizio delle germania
    > nazista. Tu confondi gli ebrei israeliani. Fra
    > ebrei e arabi c'è un odio che non puoi nemmeno
    > immaginare.
    non confondo... i nazi erano i principali propugnatori della "pura razza ariana". Nonostante sia un concetto contraddittorio e modificato nel tempo, direi che possiamo definirlo come "le popolazioni europee con lingua germanica". Era questo che mi faceva ridere..

    (poi non sono certo esperto di 3 Reich... )
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: whiskey
    > > Non so se lo sai, ma i tedeschi erano
    > > alleati con i ribelli Arabi nella seconda
    > > guerra mondiale, veri e propri eserciti a
    > > servizio delle germania nazista. Tu
    > > confondi gli ebrei israeliani. Fra ebrei
    > > e arabi c'è un odio che non puoi nemmeno
    > > immaginare.

    > non confondo... i nazi erano i principali
    > propugnatori della "pura razza ariana".
    > Nonostante sia un concetto contraddittorio e
    > modificato nel tempo, direi che possiamo
    > definirlo come "le popolazioni europee con
    > lingua germanica". Era questo che mi faceva
    > ridere..

    > (poi non sono certo esperto di 3 Reich... )

    A me fa ridere che siano credenti in quell'ebreo di colore che era Gesu'.
    Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere
    krane
    22544
  • - Scritto da: bubba
    > la cosa piu cool sono i "nazi"... ossia i
    > bimbominkia della Hess, vestiti con abiti della
    > Thor Steinar... pare che sia una specie di
    > brand-culto per i pelatoni, spesso vessata anche
    > dai tribunali
    > tedeschi.

    pensavo che costassero meno le felpe da naziSorpresa
    anche se devo dire che nonostante io sia molto contro alcune grafiche sono realmente accattivanti
    non+autenticato
  • Da quello che si evince dall'articolo sembrerebbe che vengano pagati 10 euro all'ora per, ammettiamo 8 ore per 22 giorni, praticamente riceverebbero mensilmente 1.760 euro lordi con una ritenuta del 20 per cento pari a 352 euro, resterebbe loro circa 1.400 euro netti. Una cosa non viene detta, ovvero chi paga le spese di vitto ed alloggio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: silvan
    > Da quello che si evince dall'articolo sembrerebbe
    > che vengano pagati 10 euro all'ora per,
    > ammettiamo 8 ore per 22 giorni, praticamente
    > riceverebbero mensilmente 1.760 euro lordi con
    > una ritenuta del 20 per cento pari a 352 euro,
    > resterebbe loro circa 1.400 euro netti. Una cosa
    > non viene detta, ovvero chi paga le spese di
    > vitto ed
    > alloggio.

    La peppa! Da noi certe aziende leader del campo della GDO danno 500 euro lordi e le spese di vitto e alloggio a carico dei genitori del lavoratore.
    non+autenticato
  • intanto, da quello che capisco, 10€ all'ora li prendono alcuni (immagino che non tutti facciano lo stesso mestiere), e una delle cose contestate nel servizio che l'agenzia interinale si pappa un ulteriore 12% sullo stipendio del lavoratore (che deve firmare un contratto scritto in tedesco). in secondo luogo i diritti dei lavoratori non sono meno importanti dei loro stipendi. se per prendere 1400€ (che rimane sempre una cifra modesta, che non mi cambierà certo la vita) devo subire le vessazioni di vigilantes neozasisti bé... accomodati tu. fai domanda per il natale prossimo.
    non+autenticato
  • ... e a tutti coloro che credono (perché gli è stato raccontato e non avevano motivo di dubitarne) che la Germania sia "un punto di riferimento per l'equilibrio raggiunto tra i diritti dei lavoratori e l'efficienza delle aziende", di informarsi meglio.
    ad esempio sul blog "voci dalla germania".
    non+autenticato
  • Se un piccolo imprenditore facesse lavorare i suoi dipendenti 16 ore al giorno e li pagasse per 8, e per giunta con un salario risibile, li controllasse anche fuori dall'azienda, li costringesse a dormire in luoghi angusti, infliggesse loro umiliazioni e intimidazioni di vario tipo, compresa la violenza fisica e sessuale, li ricattasse, e quando è il momento di pagare trovasse sempre una scusa per non farlo, magari accusando i dipendenti di negligenze vere, inesistenti o marginali o di danneggiamenti (causati dall'imprenditore stesso proprio per incolpare il dipendente) o furti (nasconde della merce nei loro alloggi), cosa succederebbe? che alla prima "soffiata" di un ex dipendente (prima o poi queste cose saltano fuori, nonostante tutte le minacce) verrebbero a prenderlo carabinieri e gdf, dovrebbe risarcire danni morali e materiali per milioni ai dipendenti, finirebbe sputtanato su giornali, TV e web per settimane o mesi, Striscia la Notizia dedicherebbe una pagina fissa del suo TG sul suo caso (in stile vanna marchi, per capirci) per un paio di stagioni fino alla fine del processo, pagherebbe una multa astronomica, andrebbe in galera e la sua attività sarebbe distrutta. E la sua vita pure. Giustamente.

    Cosa succede quando a fare questo è una multinazionale come Amazon? Un po' di sputtanicchiamento sul web nei siti sui diritti dei lavoratori, qualche servizio indignatuccio sui tg, un trafilettino a pagina 49/bis di un paio di quotidiani, un comunicato stampa scandalizzato e l'interruzione di un contrattino di subappalto.

    E la gente, che dalla piccola carogna di cui sopra non comprerebbe più nemmeno un salvagente se stesse affogando, continua a comprare merce su Amazon, a far la spesa nelle catene di iperstore (ci sarebbe un bel discorsone da fare a come sono gestiti i lavoratori da quelle parti), sfoggia l'iCoso costruito nella fabbrica degli operai suicidi...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bic Indolor
    > Se un piccolo imprenditore facesse lavorare i
    > suoi dipendenti 16 ore al giorno e li pagasse per
    > 8, e per giunta con un salario risibile, li
    > controllasse anche fuori dall'azienda, li
    > costringesse a dormire in luoghi angusti,
    > infliggesse loro umiliazioni e intimidazioni di
    > vario tipo, compresa la violenza fisica e
    > sessuale, li ricattasse, e quando è il momento di
    > pagare trovasse sempre una scusa per non farlo,
    > magari accusando i dipendenti di negligenze vere,
    > inesistenti o marginali o di danneggiamenti
    > (causati dall'imprenditore stesso proprio per
    > incolpare il dipendente) o furti (nasconde della
    > merce nei loro alloggi), cosa succederebbe?

    (snip)

    Scusa, ma dove avresti letto che Amazon faceva tutto questo? Certamente non in questo articolo.
    Non per difendere quella società, è che mi è venuto un dubbio: sei per caso un imprenditore "furbetto"?
    Izio01
    4027
  • - Scritto da: Izio01
    > - Scritto da: Bic Indolor
    > > Se un piccolo imprenditore facesse lavorare i
    > > suoi dipendenti 16 ore al giorno e li
    > pagasse
    > per
    > > 8, e per giunta con un salario risibile, li
    > > controllasse anche fuori dall'azienda, li
    > > costringesse a dormire in luoghi angusti,
    > > infliggesse loro umiliazioni e intimidazioni
    > di
    > > vario tipo, compresa la violenza fisica e
    > > sessuale, li ricattasse, e quando è il
    > momento
    > di
    > > pagare trovasse sempre una scusa per non
    > farlo,
    > > magari accusando i dipendenti di negligenze
    > vere,
    > > inesistenti o marginali o di danneggiamenti
    > > (causati dall'imprenditore stesso proprio per
    > > incolpare il dipendente) o furti (nasconde
    > della
    > > merce nei loro alloggi), cosa succederebbe?
    >
    > (snip)
    >
    > Scusa, ma dove avresti letto che Amazon faceva
    > tutto questo? Certamente non in questo
    > articolo.

    No, ma non ne sarei sorpreso. Leggendo storie di vessazioni qua e la sono emerse più o meno tutte le cose che ho elencato (quando facevo il servizio civile hanno cercato di fregarmi con il finto furto)

    > Non per difendere quella società, è che mi è
    > venuto un dubbio: sei per caso un imprenditore
    > "furbetto"?

    Libero professionista. Senza dipendenti.
    Ma quasi quasi ci faccio un pensierino...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bic Indolor
    > - Scritto da: Izio01
    >
    > > Non per difendere quella società, è che mi è
    > > venuto un dubbio: sei per caso un imprenditore
    > > "furbetto"?
    >
    > Libero professionista. Senza dipendenti.
    > Ma quasi quasi ci faccio un pensierino...

    Scusa l'insinuazione gratuita. E' che sono spesso abituato a leggere quelli che si lamentano: "In Italia se sbagli una virgola ti crocifiggono" e poi scopri che la virgola che hanno sbagliato è in realtà una violazione pesante, sistematica e protratta delle più basilari norme di sicurezza, o evasione fiscale per decine di migliaia di euro. O cose del genere, insomma.

    Però adesso hai suscitato la mia curiosità. Se ti va di raccontare, perché ti volevano incastrare durante il servizio civile? Non eri manodopera gratuita? E come te la sei cavata?
    Izio01
    4027
  • Cosa vuoi farci, c'è gente che veste jeans "sabbiati" perchè va di moda, prodotti in Turchia o giù di lì, ma 'sta gente non sa che gli operai addetti spesso si ammalano di malattie respiratorie serie perchè non gli fanno indossare le protezioni adeguate! Ed i diamanti insanguinati dalle guerre in Africa? Ed i prodotti che arrivano dall'America Latina? E quelli made in China? Ed i pomodori italiani raccolti dagli extracomunitari disperati? E...potrei continuare all'infinito! Insomma, nulla di nuovo sotto il sole, come dicevano gli antichi Romani. La schiavitù non esiste formalmente più, in compenso lo sfruttamento funziona ancora piuttosto bene!
  • - Scritto da: Mela avvelenata

    > Cosa vuoi farci, c'è gente che veste jeans
    > "sabbiati" perchè va di moda, prodotti in Turchia
    > o giù di lì, ma 'sta gente non sa che gli operai
    > addetti spesso si ammalano di malattie
    > respiratorie serie perchè non gli fanno indossare
    > le protezioni adeguate! Ed i diamanti
    > insanguinati dalle guerre in Africa? Ed i
    > prodotti che arrivano dall'America Latina? E
    > quelli made in China? Ed i pomodori italiani
    > raccolti dagli extracomunitari disperati?
    > E...potrei continuare all'infinito!


    Proprio così. Non so voi, ma io quando leggo notizie simili cambio articolo, o giornale. Perché guardare nel buco del sedere delle aziende che producono beni di un certo tipo è a sua volta una moda, se possibile ancora più stupida dei blue jeans sabbiati o del telefonino da sfoggiare perché fa figo.
    Ammesso che un boicottaggio contro questi prodotti funzionasse, ed è molto difficile, l'azienda produttrice non introduce sicurezza sul lavoro e diritti sindacali. Licenzia semplicemente i lavoratori, che così passano da un lavoro da vomito a nessun lavoro.
    non+autenticato
  • pensava che i pacchi li confezionavano babbo natale e gli elfi
    non+autenticato
  • Perchè non è stato così? Pensi che la befana sia venuta ad aiutarci?
    non+autenticato