Alfonso Maruccia

Polemiche sul DRM dentro HTML

Il W3C ha deciso di mettersi al lavoro su un sistema di restrizione alla fruizione di contenuti da implementare direttamente nelle specifiche del Web. A favore grandi nomi dell'imprenditoria online. E anche la BBC

Roma - Sollevando un nugolo di polemiche e discussioni destinato a durare ancora a lungo, il World Wide Web Consortium (W3C) ha deciso di mettersi al lavoro sulle cosiddette Encrypted Media Extensions (EME): in breve, un modo per implementare un meccanismo di restrizioni DRM direttamente all'interno delle specifiche del linguaggio di markup HTML. La proposta EME è supportata - non a caso - da Google, Netflix, Microsoft e altri grandi player attivi nel settore telematico, e prevede l'introduzione di un frame universale (in forma di API HTML, appunto) entro il quale far girare le librerie DRM propriamente dette.

Se l'industria supporta le DRM in salsa HTML (dal 2016 in poi e non prima), dagli smanettoni eccellenti arriva una bocciatura senza appello della nuova manovra in favore delle tecnologie di restrizione: Ian Hickson, già editor delle specifiche HTML per W3C, parla di una proposta "non etica" e soprattutto inutile visto che le DRM - come ha rimarcato un membro corrente del gruppo di lavoro HTML - "non risolvono il problema che gli autori stanno cercando di risolvere".

Altro problema con cui la proposta EME deve scontrarsi è la necessità di interfacciare la nuova API con schemi DRM esterni: vista la tendenza delle grandi corporazioni a lavorare in proprio quando si tratta di bloccare l'accesso "non autorizzato" ai contenuti "premium", l'ipotesi di un ritorno a un passato recente fatto di tanti plugin da installare sul browser per visualizzare i singoli siti Web non è così campata in aria.
Sulle DRM in salsa HTML fa notizia anche la posizione assunta da BBC a riguardo: l'emittente britannica cerca di spacciare la protezione dei contenuti per la difesa dell'infanzia e altre giustificazioni a dir poco fantasiose, tradendo così quello che dovrebbe essere il suo mandato di agire nell'interesse del pubblico.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaW3C: HTML5 è standard. In betaAnnunciata la finalizzazione delle funzionalità che faranno parte del web di "nuova generazione". Tempo un altro paio d'anni e lo standard sarà standard per davvero. Poi verrà HTML5.1
52 Commenti alla Notizia Polemiche sul DRM dentro HTML
Ordina
  • Il W3C ha deciso che il meccanismo di restrizioni DRM andrebbe implementato direttamente all'interno delle specifiche del linguaggio di markup HTML. Sorpresa

    La SIAE ha deciso che il linguaggio di markup HTML andrebbe implementato direttamente all'interno del meccanismo di restrizioni DRM. Arrabbiato

    Parola di SIAE
    non+autenticato
  • - Scritto da: La SIAE
    > Il W3C ha deciso che il meccanismo di restrizioni
    > DRM andrebbe implementato direttamente
    > all'interno delle specifiche del linguaggio di
    > markup HTML.
    >Sorpresa
    >
    > La SIAE ha deciso che il linguaggio di markup
    > HTML andrebbe implementato direttamente
    > all'interno del meccanismo di restrizioni DRM.
    >Arrabbiato
    >
    > Parola di SIAE

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    Izio01
    4027
  • - Scritto da: La SIAE
    > Il W3C ha deciso che il meccanismo di restrizioni
    > DRM andrebbe implementato direttamente
    > all'interno delle specifiche del linguaggio di
    > markup HTML.
    >Sorpresa
    >
    > La SIAE ha deciso che il linguaggio di markup
    > HTML andrebbe implementato direttamente
    > all'interno del meccanismo di restrizioni DRM.
    >Arrabbiato
    >
    > Parola di SIAE
    Ma purtroppo per la SIAE il suo peso dentro il W3C è pari a quello del 2 di coppe con briscola a denari in una partita di briscola (appunto) se la SIAE ha deciso mi sa che gli toccherà di prodursi in proprio ciò che le piace...
    Buon lavoro!
    A bocca aperta
    ahhh... oppsss dimenticavo la parola "lavoro" fa venire l'orticaria vero?
    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: tucumcari
    > Buon lavoro!
    > A bocca aperta
    > ahhh... oppsss dimenticavo la parola "lavoro" fa
    > venire l'orticaria
    > vero?
    > Rotola dal ridereRotola dal ridere

    Ma di che diavolo parli. Arrabbiato
    non+autenticato
  • - Scritto da: La SIAE
    > - Scritto da: tucumcari
    > > Buon lavoro!
    > > A bocca aperta
    > > ahhh... oppsss dimenticavo la parola "lavoro" fa
    > > venire l'orticaria
    > > vero?
    > > Rotola dal ridereRotola dal ridere
    >
    > Ma di che diavolo parli. Arrabbiato
    appunto...
    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: tucumcari

    > Rotola dal ridereRotola dal ridere

    ArrabbiatoArrabbiato
    non+autenticato
  • - Scritto da: tucumcari
    > - Scritto da: La SIAE
    > > Il W3C ha deciso che il meccanismo di
    > restrizioni
    > > DRM andrebbe implementato direttamente
    > > all'interno delle specifiche del linguaggio di
    > > markup HTML.
    > >Sorpresa
    > >
    > > La SIAE ha deciso che il linguaggio di markup
    > > HTML andrebbe implementato direttamente
    > > all'interno del meccanismo di restrizioni DRM.
    > >Arrabbiato
    > >
    > > Parola di SIAE
    > Ma purtroppo per la SIAE il suo peso dentro il
    > W3C è pari a quello del 2 di coppe
    E, giustamente, dobbiamo sempre rallegrarci di ciò.
    Non sia mai che l'Italia possa decidere, qualche volta, anche per se stessa, oltre che vedere altri Stati prendere decisioni anche per lei.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Raven
    > E, giustamente, dobbiamo sempre rallegrarci di
    > ciò.
    > Non sia mai che l'Italia possa decidere, qualche
    > volta, anche per se stessa, oltre che vedere
    > altri Stati prendere decisioni anche per
    > lei

    Queste sono semplicemente seghe mentali. L'unico motivo per cui l'Italia "non decide" in campo tecnologico è che ha un settore tecnologico che non vale niente. Ci mancherebbe che l'Italia, che in campo Internet non ha mai creato praticamente niente di rilevante, abbia anche l'arroganza di dover mettersi a decidere per altri stati che hanno fatto molto di più.
    non+autenticato
  • Come possono implementarlo sui browser open source?
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > Come possono implementarlo sui browser open source?

    "open source" è un modo furbesco per approfittare della buona volontà e dello spirito di collaborazione/condivisione delle persone a tutto vantaggio del PROFITTO...

    sui browser cosiddetti "open source" (sic!) -spesso realizzati/sponsorizzati dalle peggiori multinazionali del sw e dell'intrattenimento: da google a facebook- ci sono già flash, acrobat e tanta altra mer#@... e vuoi che non si implementino pure i DRM???

    i soldi, come un altra "nobile" materia, non puzzano...
    non+autenticato
  • Rotola dal ridereCylonCylon
    - Scritto da: e dai
    > - Scritto da: uno qualsiasi
    > > Come possono implementarlo sui browser open
    > source?
    >
    > "open source" è un modo furbesco per approfittare
    > della buona volontà e dello spirito di
    > collaborazione/condivisione delle persone a tutto
    > vantaggio del
    > PROFITTO...
    >
    > sui browser cosiddetti "open source" (sic!)
    > -spesso realizzati/sponsorizzati dalle peggiori
    > multinazionali del sw e dell'intrattenimento: da
    > google a facebook- ci sono già flash, acrobat e
    > tanta altra mer#@... e vuoi che non si
    > implementino pure i
    > DRM???
    >
    > i soldi, come un altra "nobile" materia, non
    > puzzano...
    Sgabbio
    26178
  • -01/10

    - Scritto da: Sgabbio
    > Rotola dal ridereCylonCylon
    > - Scritto da: e dai
    > > - Scritto da: uno qualsiasi
    > > > Come possono implementarlo sui browser open
    > > source?
    > >
    > > "open source" è un modo furbesco per
    > approfittare
    > > della buona volontà e dello spirito di
    > > collaborazione/condivisione delle persone a
    > tutto
    > > vantaggio del
    > > PROFITTO...
    > >
    > > sui browser cosiddetti "open source" (sic!)
    > > -spesso realizzati/sponsorizzati dalle peggiori
    > > multinazionali del sw e dell'intrattenimento: da
    > > google a facebook- ci sono già flash, acrobat e
    > > tanta altra mer#@... e vuoi che non si
    > > implementino pure i
    > > DRM???
    > >
    > > i soldi, come un altra "nobile" materia, non
    > > puzzano...
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > Come possono implementarlo sui browser open
    > source?

    Appunto, l'Open Source sarà la soluzione al problema.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > Come possono implementarlo sui browser open
    > source?
    Open Source significa solo che è visibile il codice, niente di più.
    Fattibilissimo lì come in qualsiasi altro browser.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > Come possono implementarlo sui browser open
    > source?

    Già ! http://sourceforge.net/projects/openipmp/
    non+autenticato
  • Mi perdoni la redazione se chiedo, ma a giudicare da i commenti qui:
    http://lists.w3.org/Archives/Public/public-html-ad...
    Non sembra che la cosa sia molto apprezzata/accettata dagli addetti ai lavori.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Carlo
    > Mi perdoni la redazione se chiedo, ma a giudicare
    > da i commenti
    > qui:
    > http://lists.w3.org/Archives/Public/public-html-ad
    > Non sembra che la cosa sia molto
    > apprezzata/accettata dagli addetti ai
    > lavori.

    Ma va'?
  • - Scritto da: Carlo

    > Mi perdoni la redazione se chiedo, ma a giudicare
    > da i commenti
    > qui:
    > http://lists.w3.org/Archives/Public/public-html-ad
    > Non sembra che la cosa sia molto
    > apprezzata/accettata dagli addetti ai
    > lavori.

    Fai benissimo a chiedere, Carlo, ma qui sei su Punto Informatico , non BBC News Online. A bocca storta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: Carlo
    >
    > > Mi perdoni la redazione se chiedo, ma a
    > giudicare
    > > da i commenti
    > > qui:
    > >
    > http://lists.w3.org/Archives/Public/public-html-ad
    > > Non sembra che la cosa sia molto
    > > apprezzata/accettata dagli addetti ai
    > > lavori.
    >
    > Fai benissimo a chiedere, Carlo, ma qui sei su
    > Punto Informatico , non BBC
    > News Online.
    >A bocca storta
    Il punto non è la notizia in se il punto è che comunque la questione è stata sollevata e si chiede un giudizio dell'Advisory Committee e il dubbio è che addirittura l'intero WG (working group) stia lavorando a cose che sono fuori dagli scopi del W3C.
    Il che significa che (parlo per esperienza) non è affatto probabile (figuriamoci poi scontato) che tutta la faccenda venga accettata e ottenga l'indispensabile placet...
    Conosco (non da ieri) molte persone dell'Advisory e in generale non c'è affatto "buon feeling" su questa faccenda..
    Se dovessi dire la mia (dato che frequento il W3C da un pezzo) ho dei grossi dubbi che la cosa abbia un futuro e non si risolva in un nulla di fatto.
    Anche perchè la implementazione open sarebbe comunque per policy mandatoria e questo è un problema già di per se non banale.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Carlo
    > Mi perdoni la redazione se chiedo, ma a giudicare
    > da i commenti
    > qui:
    > http://lists.w3.org/Archives/Public/public-html-ad
    > Non sembra che la cosa sia molto
    > apprezzata/accettata dagli addetti ai
    > lavori.

    le major supportano il nazi DRM...ma va la!
    Sgabbio
    26178
  • Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    - Scritto da: Sgabbio
    > - Scritto da: Carlo
    > > Mi perdoni la redazione se chiedo, ma a
    > giudicare
    > > da i commenti
    > > qui:
    > >
    > http://lists.w3.org/Archives/Public/public-html-ad
    > > Non sembra che la cosa sia molto
    > > apprezzata/accettata dagli addetti ai
    > > lavori.
    >
    > le major supportano il nazi DRM...ma va la!
    non+autenticato
  • AnnoiatoAnnoiatoAnnoiato
    - Scritto da: Sgobbio
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    > - Scritto da: Sgabbio
    > > - Scritto da: Carlo
    > > > Mi perdoni la redazione se chiedo, ma a
    > > giudicare
    > > > da i commenti
    > > > qui:
    > > >
    > >
    > http://lists.w3.org/Archives/Public/public-html-ad
    > > > Non sembra che la cosa sia molto
    > > > apprezzata/accettata dagli addetti ai
    > > > lavori.
    > >
    > > le major supportano il nazi DRM...ma va la!
    Sgabbio
    26178
  • 00/10

    - Scritto da: Sgabbio
    >AnnoiatoAnnoiatoAnnoiato
    > - Scritto da: Sgobbio
    > > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    > > - Scritto da: Sgabbio
    > > > - Scritto da: Carlo
    > > > > Mi perdoni la redazione se chiedo, ma
    > a
    > > > giudicare
    > > > > da i commenti
    > > > > qui:
    > > > >
    > > >
    > >
    > http://lists.w3.org/Archives/Public/public-html-ad
    > > > > Non sembra che la cosa sia molto
    > > > > apprezzata/accettata dagli addetti ai
    > > > > lavori.
    > > >
    > > > le major supportano il nazi DRM...ma va la!
    non+autenticato
  • Ovviamente sarei a favore dell'eliminazione totale del DRM, ma visto che questa è un utopia meglio avere uno strumento standard e universale piuttosto che svariati plugin programmati coi piedi e funzionanti solo su winotto professional premium deluxe from hell
  • - Scritto da: benkj
    > Ovviamente sarei a favore dell'eliminazione
    > totale del DRM, ma visto che questa è un utopia
    > meglio avere uno strumento standard e universale
    > piuttosto che svariati plugin programmati coi
    > piedi e funzionanti solo su winotto professional
    > premium deluxe from
    > hell

    Lo strumento standard c'e' gia' ed e' l'HTML attuale.
    Non c'e' alcun bisogno di inserire inutili lucchetti che costano un sacco di soldi e saltano regolarmente il giorno prima della loro messa in opera.

    Tutto cio' che viene messo in rete deve essere liberamente fruibile, senza lacci e lacciuoli.

    Se a lorsignori non va bene, non hanno che da usare per la distribuzione un canale diverso dalla rete!
  • Invece loro usano il DRM e se a te non va bene usi quacos'altro. Nessuno ti obbligaOcchiolino

    Devi scegliere sempre tu per tutti eh?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Invece loro usano il DRM e se a te non va bene
    > usi quacos'altro. Nessuno ti obbliga
    >Occhiolino
    >
    > Devi scegliere sempre tu per tutti eh?

    In realtà lo strumento "libero" è l'HTML, ed ora si vuole incatenare anche quello. Quindi ribalto la proposta: che continuino pure a diffondere i contenuti attraverso formati e piattaforme con DRM, ma lascino "libero" almeno l'HTML.
  • - Scritto da: Anonimo
    > Invece loro usano il DRM e se a te non va bene
    > usi quacos'altro. Nessuno ti obbliga
    >Occhiolino
    >
    > Devi scegliere sempre tu per tutti eh?

    Il prblema non è la libertà del singolo di usare un suo plugin. Perchè devono "inquinare" un linguaggio di markup di pubblico dominio per la diffusione delle informazioni libera e in "chiaro".

    Non solo i DRM nell'HTML abitueranno a pensare che nel WEB sia cosa normale il DRM portando la massa ad accettare questa limitazione della diffussione delle informazioni come la normalità e non un eccezione.

    In sintesi la massa deve pensare:

    - standard = nessun lucchetto e informazione libera.
    - plugin proprietario e chiuso può contenere limitazioni d'uso.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 19 febbraio 2013 12.27
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: thebecker
    > Il prblema non è la libertà del singolo di usare
    > un suo plugin. Perchè devono "inquinare" un
    > linguaggio di markup di pubblico dominio per la
    > diffusione delle informazioni libera e in
    > "chiaro".

    Ma le informazioni libere ed "in chiaro" continueranno a diffondersi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: aphex_twin
    > - Scritto da: thebecker
    > > Il prblema non è la libertà del singolo di
    > usare
    > > un suo plugin. Perchè devono "inquinare" un
    > > linguaggio di markup di pubblico dominio per
    > la
    > > diffusione delle informazioni libera e in
    > > "chiaro".
    >
    > Ma le informazioni libere ed "in chiaro"
    > continueranno a
    > diffondersi.

    Guardi solo il dito, come al solito.
    Sgabbio
    26178
  • Guardo le cose come stanno, le informazioni libere continueranno ad essere libere.
    non+autenticato
  • - Scritto da: aphex_twin
    > Guardo le cose come stanno, le informazioni
    > libere continueranno ad essere
    > libere.

    Ripeto, ti ostini ha guardare il dito.
    Sgabbio
    26178
  • Il drm non è una scelta.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Invece loro usano il DRM e se a te non va bene
    > usi quacos'altro. Nessuno ti obbliga
    >Occhiolino
    >
    > Devi scegliere sempre tu per tutti eh?
    Scegliere?
    Il DRM serve esattamente per non farti scegliere...
    Ma accendere un neurone o due prima di digitare no?
    non+autenticato