Denuncia contro il wi-fi: fa male

Negli USA lo sostengono genitori e figli che accusano una scuola di essersi dotata di un sistema di connettività wireless destinato a friggere gli alunni

Roma - L'elettrosmog fa così paura da aver indotto un consistente gruppo di persone a denunciare un istituto scolastico americano perché si è dotato di un sistema di connettività wireless a banda larga basato sullo standard wi-fi.

Succede nella contea di Cook, in Illinois, dove gli alunni si sono associati ai genitori nel denunciare formalmente gli amministratori dell'Oak Park Elementary School District 97 affermando che l'esposizione alle emissioni radio danneggiano la salute dei giovani studenti.

Stando alla denuncia vi sarebbero persino delle prove del pericolo rappresentato dal wi-fi, prove che i manager scolastici avrebbero deliberatamente ignorato. "Abbiamo tentato di sollevare il problema con il provveditorato per almeno due anni - sostiene uno dei genitori che hanno promosso la denuncia - non vogliamo compensazioni economiche, vogliamo una moratoria fino a quando non sia provato che l'uso di questa tecnologia è sicuro".
Ma dove sono le prove? Secondo il distretto scolastico non vi sono prove che il wi-fi faccia male e, anzi, viene ribadito che in ogni caso la Scuola denunciata ha seguito tutte le regolamentazioni in materia, sulla scia di quanto già fatto da numerose altre scuole della regione, ospedali ed altri istituti.

"La sicurezza del nostro staff e degli studenti - spiegano ora al provveditorato - è la nostra priorità numero uno. Non ci sono informazioni che indichino problemi di sicurezza con questa tecnologia; ci sono moltissime informazioni, ma nessuna definitiva". Intanto i manager della scuola stanno cercando di placare i genitori spiegando che comunque il wi-fi è attivo solo in certe zone e che gli alunni possono utilizzare anche sistemi alternativi di connessione. Basterà?
70 Commenti alla Notizia Denuncia contro il wi-fi: fa male
Ordina
  • Mi fa ridere il concetto

  • Il WiFi avrebbe potuto portare ad una rivoluzione (dal basso), come quella di Internet. Peccato che i politici non sono gli stessi.

    Asservono una rivoluzione tecnologica ad un pugno di multinazionali e dirigenti IT.

    Quelli fregati, come al solito, siamo noi.

    Per la cronaca, ieri in stazione centrale ho visto una delle famose cabine pubbliche wi-fi (la prima che vedo): era completamente sfondata, mancavano pezzi e i piccioni ci facevano i bisogni sopra.

    W la tecnologia
    W l' italia
    W la liberta'

    Uno incazzato perche' gli hanno soffiato il WiFi da sotto il naso, e non frega niente a nessuno.

    Triste
    non+autenticato
  • Finira' come con le antenne per i telefonini.

    Invece che installare piu' antenne per mantenere il campo piu' uniforme e piu' basso, l'ingnoranza ha fatto si che si siano dovute installare molto meno antenne e di potenza ben maggiore.

    Chi ha un minimo di conoscenza di propagazione delle onde elettromagnetiche sa perfettamente che questa politica e' sbagliata perche' aumenta _moltissimo_ le radiazioni in poche zone, e rende globalmente un servizio peggiore.

    Succedera' la stessa cosa per il wi-fi.

    Spero che le capre che pensano che "meno antenne" sia meglio, si trovino ad abitarci sotto.
    non+autenticato
  • bè se ci abiti sotto sei meno esposto !
    non+autenticato

  • "Gli Americani sono in ritardo sull' Europa per quanto riguarda la telefonia mobile": questa e' la neniache si sente dire spesso.

    Secondo me ci hanno semplicemente usati come cavie.

    Ciao
    non+autenticato
  • Allora inizia col buttare via il PC, il cellulare, la televisione, il forno a microonde, le lampadine........
    non+autenticato

  • Quelli mi servono davvero (tranne il microonde e il cellulare), e non danneggio chi mi sta intorno.

    - Scritto da: Anonimo
    > Allora inizia col buttare via il PC, il
    > cellulare, la televisione, il forno a
    > microonde, le lampadine........
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > - Scritto da: Anonimo
    > > Allora inizia col buttare via il PC, il
    > > cellulare, la televisione, il forno a
    > > microonde, le lampadine........
    >
    > Quelli mi servono davvero (tranne il
    > microonde e il cellulare), e non danneggio
    > chi mi sta intorno.

    Ah no ? E come pensi che arrivi l'energia elettrica a casa tua ? Pensi che chi abita vicino alle linee dell'alta tensione non sia esposto ad onde elettromagnetiche ?

    E il segnale TV ? Perche' la TV la guardi, giusto ?

    E la radio ? L'avrai ascoltata qualche volta...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > Allora inizia col buttare via il PC, il
    > > > cellulare, la televisione, il forno a
    > > > microonde, le lampadine........
    > >
    > > Quelli mi servono davvero (tranne il
    > > microonde e il cellulare), e non danneggio
    > > chi mi sta intorno.
    >
    > Ah no ? E come pensi che arrivi l'energia
    > elettrica a casa tua ? Pensi che chi abita
    > vicino alle linee dell'alta tensione non sia
    > esposto ad onde elettromagnetiche ?
    >

    Infatti non e' giusto.
    Devono spostare i cavi dell'alta tensione dove non c'e' nessuno, se no, niente corrente.


    > E il segnale TV ? Perche' la TV la guardi,
    > giusto ?
    >

    Si, da lontano

    > E la radio ? L'avrai ascoltata qualche
    > volta...

    Mai appiccata al cerverllo


    Ciao
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > > E il segnale TV ? Perche' la TV la guardi,
    > > giusto ?
    > >
    >
    > Si, da lontano

    Si, ma non parlavo delle EM emmesse dalla TV, ma da quelle che portano il segnale televisivo !!!

    > > E la radio ? L'avrai ascoltata qualche
    > > volta...
    >
    > Mai appiccata al cerverllo

    Idem
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Allora inizia col buttare via il PC, il
    > cellulare, la televisione, il forno a
    > microonde, le lampadine........

    ...il sole, qualsiasi cosa abbia un briciolo di calore (compreso il tuo),...

    Simone

    P.S. Attenti alla caccia alle streghe...
    non+autenticato
  • Ma tua hai una seppur inprecisa idea di cosa cazzo si un'onda elettromagnetica?
  • Il problema è che, visto ciò che scrivi, tu sia il primo a non avere idea di cosa stai parlando.
    Ketus

    - Scritto da: paulatz
    > Ma tua hai una seppur inprecisa idea di cosa
    > cazzo si un'onda elettromagnetica?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    (Paulaz:
    > Ma tua hai una seppur inprecisa idea di
    > cosa cazzo si un'onda elettromagnetica?

    > Il problema è che, visto ciò che scrivi, tu
    > sia il primo a non avere idea di cosa stai
    > parlando.

    Vediamo di ripassare.

    Una lampadina emette onde elettromagnetiche (luce). Il Sole emette onde elettromagnetiche (luce e infrarossi, piu' quel o' di ultravioletti che passano l'atmosfera). Un termosifone emette onde eleetrromagnetiche (infrarossi).

    Alcune di queste onde elettromagnetiche sono notoriamente pericolose (il Sole). Altre sono state studiate, ma i dati sono ancora insufficienti. Non e' comunque esclusa una loro pericolosita' (lampadine a basso consumo, classificate nella categoria 2D dei potenziali cancerogeni dall'IARC).

    NON SONO "onde elettromagnetiche" quelle degli elettrodotti, che proprio non ci assomigliano neanche di striscio. I relativi campi magnetici ELF sono uno dei potenziali agenti artificiali piu' studiati, non perche' si crede siano effettivamente pericolose, ma perche' la gente ne ha paura e quindi gli studi vengono finanziati facilmente. In 30 anni si e' escluso sostanzialmente tutto, tranne una debole correlazione con le leucemie infantili, chhe se fosse effettivmente causale, significherebbe circa un caso aggiuntivo l'anno in Italia. Ma nessuno ci crede veramente, gli stessi autori degli studi mettono in guardia.

    Le onde radio sono sicuramente pericolose, se metti la testa in un forno a microonde. Ma non c'e' NESSUNA indicazione credibile di danni a livelli di potenza consentiti dalla legge italiana. In altre parole, non abbiamo nessun motivo di credere che siano pericolose, non conosciamo nessun meccanismo per cui POTREBBERO far male, non abbiamo evidenze di effetti biologici, di aumenti di casi di malattie, ecc. Effetti che sono stati cercati (anche se non in modo cosi' accurato come per gli elettrodotti).

    Non possiamo escluderlo. ma non possiamo escludere che le lampadine faccian male. Non abiamo motivi di ritenere le onde radio (a bassa potenza) piu' pericolose dei broccolini di Bruxelles, del pesto alla genovese, della lettura di Charlie Brown. Anzi, tutte queste cose HANNO effetti (se non altro sul morale), le onde radio non hanno NESSUN effetto biologico fino a potenze centinaia di volte sopra quelle di legge.

    Insomma, altro che studiare il problema. Si continua a studiarlo, non si trova niente, ma siccome non puoi trovare qalcosa che non c'e' (i danni) gli studi non saranno MAI conclusivi. E soprattutto si puo' continuare a chiedere fondi per nuovi studi.

    Gianni Comoretto

    http://www.arcetri.astro.it/~comore/campiem.hml
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)