Quei pixel bruciati dei monitor LCD

Qualcuno ha fatto circolare la voce che un grosso produttore di monitor LCD fosse pronto a sostituire quelli appena venduti nel caso vi fosse un solo pixel bruciato. La storia è un'altra

Roma - A quanto pare, un folto gruppo di persone ha ritenuto che il mercato dei monitor LCD fosse giunto ad una svolta nel segno delle garanzie per l'utente. Una rivista cartacea specializzata, infatti, ha incolpevolmente pubblicato una notizia secondo cui un costruttore di LCD, il colosso sudcoreano Samsung Electronics, sarebbe stato pronto a sostituire i monitor appena venduti anche in presenza di un solo pixel difettoso.

Come arcinoto, infatti, capita assai spesso che chi acquista un dispositivo di quel tipo, talvolta pagando cifre decisamente importanti, si ritrovi in ufficio o a casa con un monitor che visualizza tutto al meglio, con l'eccezione di uno o più pixel "bruciati". Pixel che non sono in grado di svolgere il loro compito e che talvolta rappresentano un vero e proprio "pugno nell'occhio" per l'utente.

Samsung Electronics ha spiegato che la notizia è stata generata da un errore di comnunicazione e ha chiarito che l'azienda segue quanto previsto dalle attuali normative. Si tratta di regolamentazioni, in particolare l'ISO - 13406-2 classe 2, secondo cui per considerare un monitor LCD difettoso i pixel non funzionanti devono essere almeno cinque.
L'azienda, che opera secondo standard peraltro ampiamente diffusi nell'industria, ha anche voluto sottolineare che sui propri monitor LCD offre una garanzia di tre anni che può prevedere anche la sostituzione a domicilio del prodotto non funzionante entro 48 ore dall'emergere del problema.

Se a non funzionare è solo qualche pixel, dunque, non resta che rassegnarsi o unirsi ai tanti che hanno chiesto, fin qui inutilmente, maggiori diritti per i consumatori. A meno di non pensarla come chi ritiene che un pixel bruciato sia un buon segno da accettare con filosofia.
TAG: hw
103 Commenti alla Notizia Quei pixel bruciati dei monitor LCD
Ordina
  • Visto che ancora le ditte ritengono che una caterva di pixel bruciati al centro schermo siano accettabili, aspettiamo che un briciolo di buon senso prevalga nei legislatori e faccia capire alle aziende che c'è un limite alle prese per i fondelli.
    non+autenticato
  • ormai non mi stupisco più di niente. Alcune società possono immettere sul mercato prodotti difettati, (nel caso specifico monitor lcd con pixel bruciati) tutelandosi dietro una regola che si sono dati loro stesse, in barba alle leggi internazionali che regolano la garanzia.
    Se ad esempio una società assemblatrice di monitor lcd compra uno stock di pannelli lcd con 10 pixel bruciati, possa tranquillamente venderli riportando nei termini della garanzia che i monitor con meno di 11 pixel bruciati non possono essere sostituiti.
    Complimenti a queste società e agli organi che permettono questa truffa.



    non+autenticato
  • La legge n22 del 2 febbraio 2002 garantisce nuovi diritti per i consumatori. Oltre a 2 anni obbligatori di garanzia su tutti i prodotti, garantisce il diritto alla SOSTITUZIONE del prodotto non conforme. La riparazione può essere effettuata solo nel caso in cui il rivenditore (non il produttore) possa dimostrare che la sostituzione sarebbe sproporzionatamente più costosa per lui.
    "Si presume che i beni di consumo siano conformi al contratto se, ove pertinenti, coesistono le seguenti circostanze:
    a) sono idonei all'uso al quale servono abitualmente beni dello stesso tipo;
    b) sono conformi alla descrizione fatta dal venditore e possiedono le qualita' del bene che il venditore ha presentato al consumatore come campione o modello;
    c) presentano la qualita' e le prestazioni abituali di un bene dello stesso tipo, che il consumatore puo' ragionevolmente aspettarsi, tenuto conto della natura del bene e, se del caso, delle dichiarazioni pubbliche sulle caratteristiche specifiche dei beni fatte al riguardo dal venditore, dal produttore o dal suo agente o rappresentante, in particolare nella pubblicita' o sull'etichettatura;
    d) sono altresi' idonei all'uso particolare voluto dal consumatore e che sia stato da questi portato a conoscenza del venditore al momento della conclusione del contratto e che il venditore abbia accettato anche per fatti concludenti".

    Ritengo che anche un solo pixel bruciato costituisca non conformità, indipendentemente da qualsiasi norma ISO che non ha nessun valore di legge. Il prodotto mi viewne venduto come un monitor e come tale mi aspetto che faccia il suo lavoro senza nessun tipo di buco.
    In questo caso quindi:
    "Il venditore e' responsabile nei confronti del consumatore per qualsiasi difetto di conformita' esistente al momento della consegna del bene.
    In caso di difetto di conformita', il consumatore ha diritto al ripristino, senza spese, della conformita' del bene mediante riparazione o sostituzione, a norma dei commi terzo, quarto, quinto e sesto, ovvero ad una riduzione adeguata del prezzo o alla risoluzione del contratto, conformemente ai commi settimo, ottavo e nono.
    Il consumatore puo' chiedere, a sua scelta, al venditore di riparare il bene o di sostituirlo, senza spese in entrambi i casi, salvo che il rimedio richiesto sia oggettivamente impossibile o eccessivamente oneroso rispetto all'altro."

    Se il rivenditore non vuole cambiarlo, si fa un'esposto e si agisce per vie legali.
    non+autenticato
  • Il punto è la frase: "Non conformi alla descrizione fatta dal produttore".
    Non ti ci puoi attaccare. Non troverai in nessuna descrizione del produttore la frase "Monitor LCD totalmente esente da pixel bruciati". Il produttore, anzi, te lo dice prima: "Potresti trovarci dei pixel bruciati, guarda che se sono più di cinque te lo sostituiamo, in caso contrario: ciccia!". Punto.

    - Scritto da: Anonimo
    > La legge n22 del 2 febbraio 2002 garantisce
    > nuovi diritti per i consumatori. Oltre a 2
    > anni obbligatori di garanzia su tutti i
    > prodotti, garantisce il diritto alla
    > SOSTITUZIONE del prodotto non conforme. La
    > riparazione può essere effettuata solo nel
    > caso in cui il rivenditore (non il
    > produttore) possa dimostrare che la
    > sostituzione sarebbe sproporzionatamente più
    > costosa per lui.
    > "Si presume che i beni di consumo siano
    > conformi al contratto se, ove pertinenti,
    > coesistono le seguenti circostanze:
    > a) sono idonei all'uso al quale servono
    > abitualmente beni dello stesso tipo;
    > b) sono conformi alla descrizione fatta dal
    > venditore e possiedono le qualita' del bene
    > che il venditore ha presentato al
    > consumatore come campione o modello;
    > c) presentano la qualita' e le prestazioni
    > abituali di un bene dello stesso tipo, che
    > il consumatore puo' ragionevolmente
    > aspettarsi, tenuto conto della natura del
    > bene e, se del caso, delle dichiarazioni
    > pubbliche sulle caratteristiche specifiche
    > dei beni fatte al riguardo dal venditore,
    > dal produttore o dal suo agente o
    > rappresentante, in particolare nella
    > pubblicita' o sull'etichettatura;
    > d) sono altresi' idonei all'uso particolare
    > voluto dal consumatore e che sia stato da
    > questi portato a conoscenza del venditore al
    > momento della conclusione del contratto e
    > che il venditore abbia accettato anche per
    > fatti concludenti".
    >
    > Ritengo che anche un solo pixel bruciato
    > costituisca non conformità,
    > indipendentemente da qualsiasi norma ISO che
    > non ha nessun valore di legge. Il prodotto
    > mi viewne venduto come un monitor e come
    > tale mi aspetto che faccia il suo lavoro
    > senza nessun tipo di buco.
    > In questo caso quindi:
    > "Il venditore e' responsabile nei confronti
    > del consumatore per qualsiasi difetto di
    > conformita' esistente al momento della
    > consegna del bene.
    > In caso di difetto di conformita', il
    > consumatore ha diritto al ripristino, senza
    > spese, della conformita' del bene mediante
    > riparazione o sostituzione, a norma dei
    > commi terzo, quarto, quinto e sesto, ovvero
    > ad una riduzione adeguata del prezzo o alla
    > risoluzione del contratto, conformemente ai
    > commi settimo, ottavo e nono.
    > Il consumatore puo' chiedere, a sua scelta,
    > al venditore di riparare il bene o di
    > sostituirlo, senza spese in entrambi i casi,
    > salvo che il rimedio richiesto sia
    > oggettivamente impossibile o eccessivamente
    > oneroso rispetto all'altro."
    >
    > Se il rivenditore non vuole cambiarlo, si fa
    > un'esposto e si agisce per vie legali.
    non+autenticato
  • I pixel bruciati sono una caratteristica del prodotto e non un difetto. Per questo esiste la normativa ISO 13406. Se tu compri un monitor CLASSE 2 hai fino a cinque pixel bruciati mentre che se compri uno CLASSE 1 non ne hai. Il venditore ha torto se vende un monitor classe 2 dicendo che è di classe 1.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    (..)

    > Ritengo che anche un solo pixel bruciato
    > costituisca non conformità,
    > indipendentemente da qualsiasi norma ISO che
    > non ha nessun valore di legge.

    (..)
    Ecco, sul fatto che una norma non abbia valenza di legge, io sarei un po' più cauto a sostenerlo.
    C'è la prevalenza della normativa in assenza di una specifica legge, e la prevalenza di una norma internazionale (europea) in mancanza di una ratifica nazionale...

    Credo ci sia già della letteratura significativa in merito, a livello di giurisprudenza

    Lascio a chi se ne intende di più, eventualemente, confermare o smentirmi...
  • > Ritengo che anche un solo pixel bruciato
    > costituisca non conformità,
    > indipendentemente da qualsiasi norma ISO che
    > non ha nessun valore di legge.

    Il decreto legislativo (di cui ho gia' usufruito x far valere i miei diritti di consumatore) prevede anche un'accettazione "informata" delle clausole e norme di vendita del prodotto.
    Praticamente, se sei adeguatamente informato che fino a 5 pixel non viene sostituito non hai appigli legali.
    Se tu venissi ingannato dal produttore o rivenditore (es. spacciandoti x classe 1 lcd di classe 2), questo ne pagarebbe le conseguenze (devi poterlo dimostrare pero').

    Bye
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > b) sono conformi alla descrizione fatta dal
    > venditore e possiedono le qualita' del bene
    > che il venditore ha presentato al
    > consumatore come campione o modello;
    > c) presentano la qualita' e le prestazioni
    > abituali di un bene dello stesso tipo, che
    > il consumatore puo' ragionevolmente
    > aspettarsi, tenuto conto della natura del
    > bene e, se del caso, delle dichiarazioni
    > pubbliche sulle caratteristiche specifiche
    > dei beni fatte al riguardo dal venditore,
    > dal produttore o dal suo agente o
    > rappresentante, in particolare nella
    > pubblicita' o sull'etichettatura;

    > Se il rivenditore non vuole cambiarlo, si fa
    > un'esposto e si agisce per vie legali.

    Ti puoi attaccare al tram, visto che un monitor LCD con qualche pixel difettoso risponde pienamente sia al comma C che al D sopracitati... non è colpa del rivenditore se la tecnologia produttiva degli LCD comporta questo tipo di difetti.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > > b) sono conformi alla descrizione fatta
    > dal
    > > venditore e possiedono le qualita' del
    > bene
    > > che il venditore ha presentato al
    > > consumatore come campione o modello;
    > > c) presentano la qualita' e le prestazioni
    > > abituali di un bene dello stesso tipo, che
    > > il consumatore puo' ragionevolmente
    > > aspettarsi, tenuto conto della natura del
    > > bene e, se del caso, delle dichiarazioni
    > > pubbliche sulle caratteristiche specifiche
    > > dei beni fatte al riguardo dal venditore,
    > > dal produttore o dal suo agente o
    > > rappresentante, in particolare nella
    > > pubblicita' o sull'etichettatura;
    >
    > > Se il rivenditore non vuole cambiarlo, si
    > fa
    > > un'esposto e si agisce per vie legali.
    >
    > Ti puoi attaccare al tram, visto che un
    > monitor LCD con qualche pixel difettoso
    > risponde pienamente sia al comma C che al D
    > sopracitati... non è colpa del rivenditore
    > se la tecnologia produttiva degli LCD
    > comporta questo tipo di difetti.

    Bene, se avremo un monitor con pixel difettosi allora faremo un'altra cosa:

    Manderemo la corrente a 220V nel connettore video e diremo che mentre stavamo lavorando abbiamo visto un gran fumo nero che usciva dal monitor e abbiamo sentito una bella puzza di bruciato...

    Può darsi che invece che ripararlo ce lo sostituiscano con uno nuovo... oppure si accorgono dell'"operazione" e ce lo prendiamo nel posto...

    Un saluto...
    non+autenticato
  • Una ditta semisconosciuta in Italia, CTX (che fa ottimi prodotti) ha una linea di monitor LCD con garanzia totale "Zero Dead Pixel". Essendo un rivenditore posso comunque affermare che il problema dei pixel bruciati è tipico solo dei prodotti a basso costo. Noi vendiamo soprattutto Acer, LG, Samsung, Sharp e CTX e su centinaia di monitor venduti non ricordo di averne trovato uno con pixel bruciati. Può capitare, certo, ma è un fenomeno di portata molto ridotta.
    Diverso è il discorso se si va in cerca del prodotto ultraeconomico, ho visto dei monitor LCD di marche infime con una decina di pixel bruciati, semplicemente perché queste ditte ritirano i pannelli LCD difettosi che i grandi produttori scartano e li utilizzano per i loro monitor a basso costo.
    In definitiva, resta sempre valido il vecchio detto "il risparmio non è sempre guadagno".
    non+autenticato
  • Ciao a tutti,

    volevo solo specificare che l'articolo in questione è apparso su Computer Magazine numero 78, di cui sono editor, e che non si è trattato di un nostro errore bensì di una comunicazione sbagliata da parte dell'azienda. In realtà Samsung sostituisce il monitor se ci sono almeno 5 pixel difettosi.

    Ciao
    Andrea Fattori
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 14 discussioni)