Banda larga sui treni di Francia e Italia

I bolidi che sfrecciano a trecento chilometri l'ora nelle campagne francesi consentiranno ai passeggeri di accedere a banda larga ad internet con l'uso di uno speciale kit. In arrivo anche in Italia

Parigi - Non si sa ancora quanto costerà ma di certo è una funzionalità destinata a rispolverare l'immagine vagamente sbiadita dei treni francesi ad alta velocità. La società ferroviaria nazionale, SNCF, ha infatti annunciato che a breve sui supertreni transalpini sarà disponibile un accesso ad internet wi-fi.

L'idea è quella di consentire ai passeggeri che siano dotati di hardware compatibile, come notebook, PDA ed altri dispositivi, di accedere ad un costo ridotto alla wireless LAN dell'azienda, collegandosi in questo modo alla rete.

Il TGV franceseA chi fosse suo malgrado sprovvisto di dispositivi wi-fi ma fosse comunque intenzionato ad assaggiare il brivido di una connessione wireless a 300 all'ora, SNCF promette la disponibilità di speciali kit composti da notebook ad hoc, già pronti per la connessione, che saranno messi a disposizione all?inizio del viaggio in cambio di una tariffa di noleggio.
Il servizio sui TGV francesi partirà il 17 ottobre e sarà accompagnato, stando a quanto affermato dall'ente ferroviario, da un servizio pay-per-view che metterà a disposizione di chi vorrà pagare, otto canali di informazione specializzati in attualità, business e sport nonché in news relative alla località di destinazione del treno stesso. Per le prime settimane il servizio sarà comunque attivato solo su due tratte, una sorta di sperimentazione che servirà all'azienda per tarare l'offerta sulle reali esigenze dei passeggeri in vena di wireless.

Intanto ieri a Ginevra Trenitalia ha presentato un progetto che consentirà di utilizzare Internet a banda larga sulla tratta Roma - Napoli tra non più di un mese. Una prima sperimentazione che, se andrà in porto, potrebbe rapidamente diventare un servizio standard sui treni Eurostar
12 Commenti alla Notizia Banda larga sui treni di Francia e Italia
Ordina
  • Un consiglio a Trenitalia: perche' non fate la seguente cosa:
    mettete un access point wi-fi in galleria, diciamo ogni 100m.
    Collegateli alla vostra LAN tramite una CDN.
    In questo modo potete fare un bel po di cose:

    Mettere a disposizione telefonia per il personale del treno per le chiamate di emergenza (usando Voice over IP), usando un terminale (tipo i cellulari cisco) che opera via Wi-fi.

    Dagli access point esterni nelle gallerie si puo' portare il segnale wireless all interno del treno e redistribuirlo tramite gli access point interni.
    Questo permette di navigare anche quando si e' in galleria.

    Volendo si potrebbe perfino creare un piccolo gateway GSM VOIP in modo da piazzare una mini antenna che fa da ripetitore GSM che convoglia il traffico su IP.

    Ragazzi, le tecnologie esistono, se qui da noi non si usiamo e' solo colpa dell'italia.

    E non ditemi che i costi sarebbero esorbitanti.
    Un access point Wi-fi costa sui 100 EURO e copre un raggio tranquillamente un raggio di 100-200m con l antenna integrata. (con antenne piu' grandi si arrivano a chilometri).

    Dunque prendiamo una galleria di 10km: facciamo 5 access point a km: 5*10 = 50 * 100 EURO = 5000 euro.
    Il canone mensile dell'HDSL costa relativamente poco (oppure le FS probabilmente hanno le loro linee dati).

    facciamo anche 10mila EURO. Sono una briciola rispetto a quello che e' costata la galleria.

    Pensiamo pero' al servizio che possono offrire questi pochi access point:

    - telefonia di emergenza tramite cellulari abilitati al wi-fi
    - navigazione internet
    - gateway da GSM a VOIP

    e molto altro.

    meditate Trenitalia, meditate


    non+autenticato

  • .... mavacagàr...

    chiudi il pc e torna a giocare con He-Men... skeleton ti sta invadendo il palazzo....
    non+autenticato
  • Due anni or sono..
    all'università uniroma1 facoltà di ingegneria hanno pubblicato un bando per partecipare alla sperimentazione della broadband sui treni di trenitalia...

    ho chiamato ....
    mandato mail ......

    chiesto in segreteria ......

    mai nessuno ne ha saputo nulla .......

    chissa che misteri si celavano dietro .....

    Saluti
    un Ing. (dig -x 151.36.176.34)
  • Ma vi siete accorti di quanti incidenti ferroviari siano capitati negli scorsi 3 anni? Non avete notato gli aumenti stratosferici dei costi?

    Lo sapete che per andare da Pisa a Matera devo spendere 50 euro di biglietto e in macchina *in sole due persone* spendiamo 100 euro?

    Cioè ci rendiamo conto che il treno, che va a gasolio e dovrebbe beneficiare delle economie di scala perchè porta centinaia di persone, costa come l'auto per due persone??? Compresa l'autostrada e le soste eh. Il caffè le FS non me lo regalano invece.

    Questo è assurdo. I treni sono sempre meno sicuri (qualcuno citava la trasmissione di raitre), fanno sempre più tardi soprattutto gli intercity, provare per credere, anche nei periodi in cui la massa della gente resta a casa, costano sempre di più, sono sporchissimi e cosa fanno questi ladri ? Spendono soldi per installare la banda larga (suppongo solo in prima classe) invece di migliorare il servizio.

    E chi pagherà, indovina indovinello?

    Io prendo il treno perchè (ancora per poco se continua così) è più sicuro dell'automobile, e non mi piace rischiare la vita per incontrare la mia famiglia. Però il solo fatto che l'automobile costi uguale deve far riflettere MOLTO.

    Poi dicono di usare il mezzo pubblico. Le economie di scala a quanto pare esistono solo per chi deve incassare. Per l'utente non servono a nulla, tanto lui deve pagare lo stesso, chi se ne frega di spartire un po' della nostra convenienza!
    non+autenticato
  • Prima coprite tutta l'Italia con la larga banda e poi ne riparlete in seguito!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Prima coprite tutta l'Italia con la larga
    > banda e poi ne riparlete in seguito!

    Prima le cose facili, no?
    non+autenticato
  • La prima tratta che ha bisogno del servizio?

  • - Scritto da: ldsandon
    > La prima tratta che ha bisogno del servizio?

    Evidentemente ci sono tantissimi pendolari armati di portatile wireless o pdaOcchiolino
    Oppure c'e' qualche politico influente che fa quella tratta....
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)