Mauro Vecchio

Cina e Stati Uniti, fuoco incrociato sulla cybersicurezza

Il governo di Pechino denuncia una serie di attacchi ai suoi principali portali digitali, tramite indirizzi IP statunitensi. Washington vuole che il paese asiatico inizi a comportarsi bene nel cyberspazio

Roma - Scontro frontale tra i governi di Cina e Stati Uniti, nelle scosse d'assestamento dopo il cyberterremoto nei database dei più prestigiosi quotidiani a stelle e strisce. Da Pechino, il centro nazionale di coordinamento per le emergenze informatiche ha denunciato un aumento progressivo negli attacchi informatici alle infrastrutture digitali di aziende locali e pubbliche istituzioni.

Tra i portali e people.com.cn, un'ondata di attacchi cibernetici proveniente da una serie di indirizzi IP localizzati all'estero, in particolare negli Stati Uniti. Dal settembre 2012 allo scorso febbraio, le autorità cinesi hanno rilevato un totale di 85 incursioni, con quasi 6mila tentativi d'intrusione tramite IP a stelle e strisce.

Le accuse scagliate dal governo di Washington farebbero dunque parte di una pericolosa campagna denigratoria, dal momento che lo stesso paese asiatico risulterebbe tra le vittime preferite dagli hacker internazionali (per non dire statunitensi). Continuando a negare ogni forma di coinvolgimento nei recenti attacchi al New York Times e al Wall Street Journal, gli alti ufficiali cinesi non vorrebbero iniziare una vera e propria cyber-guerra.
Al contrario, gli Stati Uniti dovrebbero garantire la piena collaborazione nell'adozione di regole più precise e severe. In tutta risposta, il national security adviser di Obama Tom Donilon ha preteso che il governo cinese interrompa il furto esteso di dati dai network degli States, accettando "le ragionevoli norme di comportamento nel cyberspazio".

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàObama e la nuova era della cybersicurezzaIl Presidente firma un ordine esecutivo che legherà il governo federale al settore privato. Obiettivo: condividere le informazioni per la difesa delle infrastrutture critiche. Estendendo nelle imprese il pattugliamento pubblico
  • AttualitàCybersicurezza, l'Italia acceleraFirmato un decreto per la definizione di un'architettura di sicurezza cibernetica nazionale. Il governo si adegua alle direttive europee, mentre la commissione Trasporti chiede un giro di vite sul furto d'identità digitali
  • AttualitàCina: gli hacker siete voiPechino risponde alle insistenti accuse provenienti dagli USA e a sua volta denuncia: la maggior parte dei (crescenti) attacchi contro i nostri server è di matrice nordamericana. Ma nella cyberwar a perdere sono gli utenti
1 Commenti alla Notizia Cina e Stati Uniti, fuoco incrociato sulla cybersicurezza
Ordina