Mauro Vecchio

UE, il porno resta libero

Il Parlamento d'Europa approva il testo della risoluzione sull'abbattimento degli stereotipi nei generi sessuali. Ma blocca la contestata sezione sul bando di tutte le forme di pornografia sui media, web incluso

Roma - Con 368 voti favorevoli e 159 contrari, il Parlamento Europeo ha approvato il testo della risoluzione presentata dalla commissione per la parità dei sessi e i diritti delle donne, nel tentativo di abbattere i vari stereotipi nella rappresentazione dei generi sessuali. Gli attivisti digitali del Vecchio Continente hanno però tirato un sospiro di sollievo: il temuto bando di tutte le forme di pornografia sui media è stato bocciato dagli stessi parlamentari a Bruxelles.

Introdotto dal rapporteur Kartika Tamara Liotard, il testo della risoluzione sugli stereotipi a sfondo sessuale avrebbe previsto il bando di "tutte le forme di pornografia nei media e nella pubblicità del turismo sessuale".

Le singole autorità dei paesi membri dell'Unione Europea avrebbero potuto invitare tutti gli operatori di Internet a supervisionare la proliferazione di materiale pornografico sulle proprie reti. Uno scenario da incubo, a parere degli attivisti di European Digital Rights (EDRI) e dell'euro-deputato pirata Christian Engström, i primi a mobilitarsi per informare la società civile.
Lo stesso Engström ha inviato un'allarmata missiva all'attuale presidente del Parlamento Europeo Martin Schulz, denunciando l'implementazione di specifici filtri anti-spam per bloccare la ricezione delle email di protesta inviate dai comuni cittadini ai vari parlamentari d'Europa. "Trovo completamente inaccettabile che il dipartimento IT del Parlamento possa deliberatamente bloccare certe email inviate da onesti cittadini ai vari rappresentanti eletti - ha scritto Engström - E trovo ancor più inaccettabile che ciò sia stato fatto su richiesta di singoli parlamentari di cui non conosco i nomi o i gruppi politici di appartenenza". (M.V.)
Notizie collegate
  • Digital LifeFacebook, il porno dei gomiti Il social network ha rimosso per errore la foto di una donna immersa in una vasca da bagno: a fare mostra di sé in primo piano non erano capezzoli ma gomiti
  • AttualitàFacebook e le rimozioni dello scandaloCome decidere cosa eliminare sulle segnalazioni d'abuso degli utenti in blu? Il social network sfrutta una società per il monitoraggio secondo criteri controversi. No ai capezzoli femminili, sì a quelli maschili
68 Commenti alla Notizia UE, il porno resta libero
Ordina
  • - Scritto da: Mario Bianchi
    > [img]http://images2.wikia.nocookie.net/__cb2010111

    Quelli come i valleluia?

    non+autenticato
  • - Scritto da: Mario Rossi
    > [img]http://images.milano.corriereobjects.it/galle


    Qui non frega niente a nessuno non l'hai capito? Pensano solo al porno e scaricare a sbafo!
    non+autenticato
  • - Scritto da: videospace
    > Qui non frega niente a nessuno non l'hai capito?
    > Pensano solo al porno e scaricare a
    > sbafo!
    Grazie, farò tesoro delle tue parole
    non+autenticato
  • Domanda: quali stereotipi?

    considerando che di pornografia ce c'è per tutti i gusti, quali sarebero gli stereotipi da abolire? Un uomo e una donna in quel modo lo fanno, gay e lesbiche pure. Quindi? Che centrano gli stereotipi?

    Astenersi bigotti con manie impositive di censura: siete in ogni caso off-topic.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Manolo
    > Domanda: quali stereotipi?
    >
    > considerando che di pornografia ce c'è per tutti
    > i gusti, quali sarebero gli stereotipi da
    > abolire? Un uomo e una donna in quel modo lo
    > fanno, gay e lesbiche pure. Quindi? Che centrano
    > gli
    > stereotipi?

    Gli stereotipi in quella proposta di legge non riguardavano solo la pornografia. Nel testo approvato, poi, la pornografia è stata espunta, rimangono solo gli altri ambiti, in particolare la pubblicità.
    non+autenticato
  • Si ma per diana che cosa vuol dire "stereotipi" applicati alla pornografia?

    Un attore di colore non può avere il pene più lungo di tot cm altrimenti rientra nello stereotipo che i neri c'hanno il pise**o lungo?

    Le bionde devono essere rappresentate come intelligenti per non cadere nello stereotipo che le bionde sono stupide?

    Spiegatemi!
    --
    JackRackham
  • > Gli stereotipi in quella proposta di legge non
    > riguardavano solo la pornografia. Nel testo
    > approvato, poi, la pornografia è stata espunta,
    > rimangono solo gli altri ambiti, in particolare
    > la
    > pubblicità.

    mah, l'apoteosi del politically correct...
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: Manolo
    > > Domanda: quali stereotipi?
    > >
    > > considerando che di pornografia ce c'è per
    > tutti
    > > i gusti, quali sarebero gli stereotipi da
    > > abolire? Un uomo e una donna in quel modo lo
    > > fanno, gay e lesbiche pure. Quindi? Che
    > centrano
    > > gli
    > > stereotipi?
    >
    > Gli stereotipi in quella proposta di legge non
    > riguardavano solo la pornografia. Nel testo
    > approvato, poi, la pornografia è stata espunta,
    > rimangono solo gli altri ambiti, in particolare
    > la
    > pubblicità.

    Sì, ma è proprio qui il punto.
    Capisco "l'uso" della pornografia, o forse sarebbe più corretto dire l'impiego di immagini aventi allusioni di tipo sessuale *nelle pubblicità* o a fini promozionali, che potrebbe promuovere degli stereotipi discriminatori.
    In nessun modo concepisco il divieto di per sè della pornografia.
    E dubito che si tratti di una svista, quella presente nella prima versione della legge, perché sarebbero degli idioti totali a non comprendere questa differenza (e non dovrebbero scrivere leggi).
    non+autenticato
  • - Scritto da: Manolo

    > > > Domanda: quali stereotipi?
    > > >
    > > > considerando che di pornografia ce c'è
    > per
    > > tutti
    > > > i gusti, quali sarebero gli stereotipi
    > da
    > > > abolire? Un uomo e una donna in quel
    > modo
    > lo
    > > > fanno, gay e lesbiche pure. Quindi? Che
    > > centrano
    > > > gli
    > > > stereotipi?
    > >
    > > Gli stereotipi in quella proposta di legge
    > non
    > > riguardavano solo la pornografia. Nel testo
    > > approvato, poi, la pornografia è stata
    > espunta,
    > > rimangono solo gli altri ambiti, in
    > particolare
    > > la
    > > pubblicità.
    >
    > Sì, ma è proprio qui il punto.
    > Capisco "l'uso" della pornografia, o forse
    > sarebbe più corretto dire l'impiego di immagini
    > aventi allusioni di tipo sessuale *nelle
    > pubblicità* o a fini promozionali, che potrebbe
    > promuovere degli stereotipi
    > discriminatori.

    E giusto per illustrare meglio il concetto a chi non è al corrente del dibattito, ecco la pubblicità di un gelato censurata dal giurì di autodisciplina pubblicitaria per allusioni di tipo sessuale:

    Clicca per vedere le dimensioni originali


    > In nessun modo concepisco il divieto di per sè
    > della
    > pornografia.

    In prospettiva storica la cosa non è poi così bizzarra, sai? Fino a qualche decennio fa in tutto il mondo la pornografia, anche quella che oggi definiremmo soft, era vietata (e le pene non erano multe, in genere, ma carcere vero e proprio). Sulla carta, produrre e vendere pornografia è vietato ancora oggi, in Italia. A bocca storta
    Il primo Stato a eliminare questo divieto è stato la Danimarca, nel 1969. Fino ad alcuni anni fa in Danimarca in giro per le città si trovavano i pornoautomat : macchinette che fornivano la rivista desiderata dietro monetina, e con copertine esplicite visibili attraverso il vetro:

    http://s3-media3.ak.yelpcdn.com/bphoto/qtWNjLG1ByA...

    Ora sono scomparsi non essendo più remunerativi.


    > E dubito che si tratti di una svista, quella
    > presente nella prima versione della legge, perché
    > sarebbero degli idioti totali a non comprendere
    > questa differenza (e non dovrebbero scrivere
    > leggi).

    L'europarlamentare relatrice della proposta si è giustificata così: la pornografia era stata inserita per sbaglio, e con media si intendeva in particolare la tv e le affissioni pubblicitarie. Se abbia fatto la finta tonta, non si sa. Il sospetto è forte.
    Se ho ben capito, la proposta è per una direttiva, quindi piuttosto vaga, e non una legge vera e propria.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Manolo
    > Domanda: quali stereotipi?
    >
    > considerando che di pornografia ce c'è per tutti
    > i gusti, quali sarebero gli stereotipi da
    > abolire? Un uomo e una donna in quel modo lo
    > fanno, gay e lesbiche pure. Quindi? Che centrano
    > gli
    > stereotipi?

    Ecco un esempio di stereotipo recente, con polemiche femministe al seguito.
    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Se però fatto la stessa foto a parti invertite, di polemiche maschiliste non ne avresti sentite.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Cuccureddu


    > > considerando che di pornografia ce c'è per tutti
    > > i gusti, quali sarebero gli stereotipi da
    > > abolire? Un uomo e una donna in quel modo lo
    > > fanno, gay e lesbiche pure. Quindi? Che centrano
    > > gli
    > > stereotipi?
    >
    > Ecco un esempio di stereotipo recente, con
    > polemiche femministe al
    > seguito.
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    >
    > Se però fatto la stessa foto a parti invertite,
    > di polemiche maschiliste non ne avresti
    > sentite.


    Giusto. Il ribaltamento dello stereotipo va bene, la conferma no. Sorride

    Va detto che il mondo della pubblicità è estremamente sensibile alla forza dei messaggi impliciti ed espliciti, è sempre teso come una corda di violino perché per definizione deve raggiungere tutti gli strati della popolazione anche quando non lo desiderano. Non si può paragonare a una rivista o al cinema.

    Ecco una pubblicità dell'IKEA bocciata dal giurì di autodisciplina pubblicitaria:

    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Non so se il motivo fosse la conferma di uno stereotipo (i genitori che considerano un peso i figli tutte le volte che si tratta di fare shopping), ma anche così è una decisione esagerata, fuori da ogni criterio di proporzionalità.
    È una pubblicità brutta? Perderanno clienti! Il peggior effetto deve essere quello.

    Per completezza, va detto che uno stilista è riuscito a convincere lo stesso giurì di autodisciplina che una pubblicità con una donna ammanettata non era contro le regole, ed è stato "assolto":

    http://www.exibart.com/foto/34582%281%29.jpg
    non+autenticato
  • - Scritto da: Cuccureddu
    > - Scritto da: Manolo
    > > Domanda: quali stereotipi?
    > >
    > > considerando che di pornografia ce c'è per tutti
    > > i gusti, quali sarebero gli stereotipi da
    > > abolire? Un uomo e una donna in quel modo lo
    > > fanno, gay e lesbiche pure. Quindi? Che centrano
    > > gli
    > > stereotipi?
    >
    > Ecco un esempio di stereotipo recente, con
    > polemiche femministe al
    > seguito.
    > [img]http://file.aperion.it/slir/w400-h450/nove/fo
    >
    > Se però fatto la stessa foto a parti invertite,
    > di polemiche maschiliste non ne avresti
    > sentite.

    Quella però non è un'immagine "pornografica", è una scena di nudo usata a fini promozionali.

    La pornografia, e di questo si parla/va nella legge (non di uso della per...), di per sè non ha fini di promozione bensì la rappresentazione di fantasie erotiche, che come dicevo sono le più variegate.
    Ed è ovvio che sia così, perché - a prescindere dagli orientamenti sessuali - non siamo tutti uguali (per fortuna).

    Paradossalmente a voler imporre stereotipi (i propri), contro ogni logica e senso di attualità, sono i promotori di quella legge. Considerata l'offerta (e pluralismo) di generi pornografici poi, quel tipo di "imposizione" ha ben poco di democratico o liberale, dato che non si sta parlando di atti criminosi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Manolo


    > La pornografia, e di questo si parla/va nella
    > legge (non di uso della per...), di per sè non ha
    > fini di promozione bensì la rappresentazione di
    > fantasie erotiche, che come dicevo sono le più
    > variegate.
    > Ed è ovvio che sia così, perché - a prescindere
    > dagli orientamenti sessuali - non siamo tutti
    > uguali (per fortuna).
    >
    >
    > Paradossalmente a voler imporre stereotipi (i
    > propri), contro ogni logica e senso di attualità,
    > sono i promotori di quella legge. Considerata
    > l'offerta (e pluralismo) di generi pornografici
    > poi, quel tipo di "imposizione" ha ben poco di
    > democratico o liberale, dato che non si sta
    > parlando di atti
    > criminosi.

    Per quanto sembri strano, negli Usa si sono inventati pure il premio pornografia femminista:

    http://www.goodforher.com/feminist_porn_awards
    non+autenticato
  • con tutti i problemi dell'economia a livello europoeo e non solo è singolare vedere quanti parassiti si occupano di CAZZATE per le quali ogni cittadino europeo direttamente/indirettamente sborsa denaro per PAGARE IL LORO INUTILE STIPENDIO. Preferisco pagare qualcuino una sola volta purchè mi elimini questi PARASSITI!

    Il porno è un reato?
    NO!
    Allora o pensate ai problemi seri dell'europa o VI LEVATE DAI MARONI!
    ArrabbiatoArrabbiatoArrabbiatoArrabbiatoArrabbiatoArrabbiatoArrabbiatoArrabbiatoArrabbiatoArrabbiatoArrabbiatoArrabbiato
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)