Reti/Se dici telefono, dici IP

Il 2000 potrebbe essere ricordato come l'inizio di quella era che vedrà la totale convergenza fra telefono e computer. La nuova parola d'ordine è: "Voce su IP"

Nonostante il processo di digitalizzazione proceda rapidamente, la convergenza dei media sulle reti informatiche rimane abbastanza lungo, sia per l'approccio spesso conservativo delle grandi società di telecomunicazione, sia per gli effettivi costi e tempi di riprogettazione e adeguamento delle infrastrutture di comunicazione, da quelle pubbliche a quelle private.

Per le aziende di telecomunicazioni tradizionali l'avvento di Internet è stato quantomeno traumatico: la Rete rappresentava, almeno all'inizio, un mezzo sconosciuto, incontrollabile, alternativo. E proprio quest'ultima caratteristica faceva paura: le grandi compagnie che tenevano nelle loro mani le redini dei media tradizionali si accorsero a poco a poco che la Rete non ambiva a divenire solo un potente mezzo di comunicazione, ma il centro del mondo: TV, film, telefono, musica, radio, tutto sarebbe finito, presto o tardi, per essere codificato in bit e trasportato su Internet.

In realtà la crescita di Internet è stata sì molto veloce, ma la convergenza dei media è tutt'oggi soltanto agli inizi, specialmente per quanto riguarda la fonia. Tuttavia il 2000 potrà davvero segnare l'inizio del boom della telefonia IP, una rivoluzione a cui le compagnie telefoniche di tutto il mondo, insieme ai produttori di apparati telefonici, hanno dovuto gettarsi in tutta fretta per non essere travolte dalle tecnologie e dall'esperienza delle più scaltre e dinamiche aziende che operano nel campo del networking.
Le aziende operanti nel settore delle telecomunicazioni sono oggi pronte al grande passo e si dichiarano convinte che anch'esse, nella grande evoluzione che sta subendo la Rete, potranno far valere la loro esperienza, ed in particolare proprio nel settore del trasporto della voce su protocollo IP (VoIP, Voice over IP). Non è un caso, affermano infatti, che la qualità dei servizi di VoIP sia ancora basso: saranno proprio le tecnologie e l'esperienza maturata nel campo della telefonia tradizionale - affermano queste società - a dare un contributo determinante affinché la telefonia IP arrivi a sostituire, in tutto e per tutto, i vecchi POTS (Plain Old Telephony Services) e, più in generale, tutta la vecchia rete telefonica detta PSTN (Public Switching Telephone Networks).

Alla fine del maggio '99 Sema Group ha reso noto i risultati di un sondaggio intitolato "The Vision Report" in cui si afferma che quasi i due terzi dei gestori di telecomunicazioni ritengono che nel 2004 il protocollo IP diventerà lo standard per le telecomunicazioni globali: fra le aziende interpellate il 42% prevede che oltre la metà del loro traffico dati sarà veicolato tra cinque anni su IP mentre il 24% prevede che su questo protocollo finirà la maggior parte del traffico voce.
TAG: ricerca