Luca Annunziata

Google Drive si è rotto

E poi Google l'ha riparato. Ma per tre ore alcuni utenti hanno avuto difficoltà ad avere accesso ai propri documenti

Roma - Succede, col cloud computing è un'evenienza da prendere in considerazione. Così dopo le difficoltà della nuvola Microsoft della scorsa settimana, ieri è toccato a Google: alcuni utenti, anche italiani, hanno iniziato a registrare discontinuità o lentezza del servizio, fino in alcuni casi a visualizzare il generico errore 502 che impediva di fatto di utilizzare lo strumento Google Drive. Il problema è comunque rientrato in poche ore.

La prima conferma ufficiale è arrivata alle 7:17 del mattino ora del Pacifico, quando in Europa erano le 3 del pomeriggio: prima il rallentamento, poi in alcuni casi il blackout. Alle 8:10 (16:10 CET) Google ha ammesso il problema e comunicato che le procedure necessarie a ripristinare il servizio erano in corso. Alle 8:55 tutto o quasi era stato risolto, e infine alle 9:35 (ovvero le 17:35 italiane) i sistemi erano di nuovo tutti in linea e funzionanti.

Per il momento da Mountain View non è arrivato alcun dettaglio sul tipo di problema occorso o sulle cause che l'hanno generato. L'unica dichiarazione disponibile è quella contenuta nel post di chiusura dell'incidente: "Ci scusiamo per il disagio subito e ti ringraziamo per la pazienza e il continuo supporto. Ti garantiamo che l'affidabilità del sistema è una priorità di Google e stiamo apportando continui miglioramenti per rendere migliore il nostro sistema". (L.A.)
22 Commenti alla Notizia Google Drive si è rotto
Ordina
  • Ma non ci credo!!! quando leggo certi commenti immagino che qualcuno li scriva con una clava indossando una pelle d'orso, ma dai !!!
    Il cloud non è il male, non conosco nessuno che abbia perso un singolo file sulla nuvola! semplice disservizio
    non+autenticato
  • - Scritto da: Marlon Brando
    > Ma non ci credo!!! quando leggo certi commenti
    > immagino che qualcuno li scriva con una clava
    > indossando una pelle d'orso, ma dai
    > !!!
    > Il cloud non è il male, non conosco nessuno che
    > abbia perso un singolo file sulla nuvola!
    > semplice
    > disservizio
    megaXXX ti dice niente?
    non+autenticato
  • ...merita di perdere tutti i propri dati!
    Sveglia genteeeee!
    Domani mattina il signor Google o il signor Apple o il signor Microsoft possono svegliarsi e decidere che quel servizio così "indispensabile" non porta i frutti sperati... e lo chiudono (vedi Google Reader).
    Se poi aggiungiamo le fantastiche infrastrutture che il nostro Bel Paese ci offre...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 19 marzo 2013 23.00
    -----------------------------------------------------------
  • > Domani mattina il signor Google o il signor Apple
    > o il signor Microsoft possono svegliarsi e
    > decidere che quel servizio così "indispensabile"
    > non porta i frutti sperati... e lo chiudono (vedi
    > Google
    > Reader).

    Ci vorrebbe il modo per scaricare quello che c'è su Google Drive, così in caso lo chiudano i dati sono al sicuro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Eugenio Guastatori
    > > Domani mattina il signor Google o il signor
    > Apple
    > > o il signor Microsoft possono svegliarsi e
    > > decidere che quel servizio così
    > "indispensabile"
    > > non porta i frutti sperati... e lo chiudono
    > (vedi
    > > Google
    > > Reader).
    >
    > Ci vorrebbe il modo per scaricare quello che c'è
    > su Google Drive, così in caso lo chiudano i dati
    > sono al
    > sicuro.

    Ma google drive, non fa come dropbox ? Ovvero, una cartella in locale con i dati che tieni nei server di dropbox?
    Sgabbio
    26178
  • Certo, se installi il programmino (come per dropbox) usi una cartella locale del pc e il programmino tiene aggiornato sia il pc che il cloud.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sgabbio
    > - Scritto da: Eugenio Guastatori
    > > > Domani mattina il signor Google o il signor
    > > Apple
    > > > o il signor Microsoft possono svegliarsi e
    > > > decidere che quel servizio così
    > > "indispensabile"
    > > > non porta i frutti sperati... e lo chiudono
    > > (vedi
    > > > Google
    > > > Reader).
    > >
    > > Ci vorrebbe il modo per scaricare quello che c'è
    > > su Google Drive, così in caso lo chiudano i dati
    > > sono al
    > > sicuro.
    >
    > Ma google drive, non fa come dropbox ? Ovvero,
    > una cartella in locale con i dati che tieni nei
    > server di
    > dropbox?

    certo che si
    non+autenticato
  • - Scritto da: Eugenio Guastatori
    > > Domani mattina il signor Google o il signor
    > Apple
    > > o il signor Microsoft possono svegliarsi e
    > > decidere che quel servizio così
    > "indispensabile"
    > > non porta i frutti sperati... e lo chiudono
    > (vedi
    > > Google
    > > Reader).
    >
    > Ci vorrebbe il modo per scaricare quello che c'è
    > su Google Drive, così in caso lo chiudano i dati
    > sono al
    > sicuro.

    una bella ideona!

    Due cose, per quanto riguarda il cloud e i servizi in genere. La prima è almeno non avere tutto solo su cloud; il cloud deve essere un comodo di più, al più. La seconda è la possibilità di cambiare facilmente il fornitore di servizi; fondamentale, come sempre ripeto e ribadisco, il take out. E guarda caso, pensa un po', i servizi di google offrono un comodissimo take out. Come? https://www.google.com/takeout

    I miei due soldini.
    non+autenticato
  • - Scritto da: mcmcmcmcmc
    > - Scritto da: Eugenio Guastatori
    > > > Domani mattina il signor Google o il
    > signor
    > > Apple
    > > > o il signor Microsoft possono
    > svegliarsi
    > e
    > > > decidere che quel servizio così
    > > "indispensabile"
    > > > non porta i frutti sperati... e lo
    > chiudono
    > > (vedi
    > > > Google
    > > > Reader).
    > >
    > > Ci vorrebbe il modo per scaricare quello che
    > c'è
    > > su Google Drive, così in caso lo chiudano i
    > dati
    > > sono al
    > > sicuro.
    >
    > una bella ideona!
    >
    > Due cose, per quanto riguarda il cloud e i
    > servizi in genere. La prima è almeno non avere
    > tutto solo su cloud; il cloud deve essere un
    > comodo di più, al più.
    quindi a che serve?
    non+autenticato
  • - Scritto da: armstrong
    > - Scritto da: mcmcmcmcmc
    > > - Scritto da: Eugenio Guastatori
    > > > > Domani mattina il signor Google o
    > il
    > > signor
    > > > Apple
    > > > > o il signor Microsoft possono
    > > svegliarsi
    > > e
    > > > > decidere che quel servizio così
    > > > "indispensabile"
    > > > > non porta i frutti sperati... e lo
    > > chiudono
    > > > (vedi
    > > > > Google
    > > > > Reader).
    > > >
    > > > Ci vorrebbe il modo per scaricare
    > quello
    > che
    > > c'è
    > > > su Google Drive, così in caso lo
    > chiudano
    > i
    > > dati
    > > > sono al
    > > > sicuro.
    > >
    > > una bella ideona!
    > >
    > > Due cose, per quanto riguarda il cloud e i
    > > servizi in genere. La prima è almeno non
    > avere
    > > tutto solo su cloud; il cloud deve essere un
    > > comodo di più, al più.
    > quindi a che serve?

    c'è chi dice che serve più a chi lo fornisce che al cliente. A non voler essere così drastici, serve ad avere tutto comodamente a portata di mano sempre. Non così fondamentale. Ma la tua copia sicura, in più copie, ti consiglio di averla. Poi vedi te.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Eugenio Guastatori
    >
    > Ci vorrebbe il modo per scaricare quello che c'è
    > su Google Drive, così in caso lo chiudano i dati
    > sono al
    > sicuro.

    C'è già... si chiama "tenere i propri dati sul proprio hard-disk"
  • - Scritto da: Skywalkersenior
    > ...merita di perdere tutti i propri dati!
    > Sveglia genteeeee!
    > Domani mattina il signor Google o il signor Apple
    > o il signor Microsoft possono svegliarsi e
    > decidere che quel servizio così "indispensabile"
    > non porta i frutti sperati... e lo chiudono (vedi
    > Google
    > Reader).
    > Se poi aggiungiamo le fantastiche infrastrutture
    > che il nostro Bel Paese ci
    > offre...

    certo, certo... e bruciamo anche quelle maledette streghe... suvvia, uscite dal medioevo, possibile che per l'Italiano medio qualsiasi novità che sconvolga il suo precario equilibrio sia da rigettare? Prima la crociata contro i tablet, ora tutti contro il cloud...
    Per la cronaca, non sai quante persone vedo che, non fidandosi del cloud, perdono tutti i propri dati quando il loro disco fisso si rompe, il che succede, matematicamente, perché prima o poi i dischi fissi si rompono, sia un anno, due, dieci o venti. Quindi certo... non fidatevi del cloud, fidatevi del vostro hard disk usb portatile e vedrete che i dati non li perderete mai! Ma mille volte meglio fidarsi dei datacenter di Google!
    non+autenticato
  • A me sembra una discussione sull'aria fritta. Dati sul cloud e copia di backup in locale. Non è tanto difficile.
  • Ho capito, il cloud non funziona. Tocca tirare fuori i vecchi dischetti...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paolo T.
    > Ho capito, il cloud non funziona. Tocca tirare
    > fuori i vecchi
    > dischetti...

    L'ho fatto tempo fa, non ne leggevo più quasi nessuno.
    Fortunatamente non c'era roba indispensabile e/o non già salvata altrove.
    Funz
    12972
  • Sì, soprattutto quando viene un temporale e ti allaga la sala server (successo l'anno scorso a molte aziende a Parma a causa di un nubifragio eccezionale).
  • - Scritto da: Elendil
    > Sì, soprattutto quando viene un temporale e ti
    > allaga la sala server (successo l'anno scorso a
    > molte aziende a Parma a causa di un nubifragio
    > eccezionale).

    davvero pensi di avere più probabilità di perdere un file archiviato nei datacenter di google rispetto a un file memorizzato sul tuo hard disk? Mai pensato che la probabilità che un fulmine ti bruci l'hard disk è maggiore di quella del temporale che allaga la sala server, con la differenza che tu probabilmente non hai un backup su nastri? Ok, sei previdente, hai comprato un NAS con i dischi in raid. Mai pensato che un fulmine può friggerli entrambi? Hai messo un gruppo di continuità. Mai pensato che se ti entrano i ladri in casa ti fanno pulito di computer e dispositivi di backup? La gente è incredibile, tutti pensano sempre che come fanno loro le cose non le fa nessun altro, e questo arriva anche al punto di pensare di poter fare dei backup più affidabili di quelli di un datacenter google, salvo poi correre a piangere dall'amico informatico quando ci si accorge che l'hard disk si è rotto e quel cd di backup masterizzato 3 anni fa non è più leggibile...
    non+autenticato
  • Hai capito male! La penso esattamente come te e citavo ironicamente un caso reale del 2012, in cui diverse aziende, alcune importanti (con più di 400 dipendenti) a Parma hanno subito alcuni giorni di blackout informatico e perdite dati a causa di un temporale fori dalla norma.
    Per dire che gli incidenti sul Cloud sono bazzecole rispetto a quelli che accadono nella realtà.