Alfonso Maruccia

Africa, Google e Microsoft colonizzano i White Space

Le due aziende installano apparati di telecomunicazioni wireless nel continente africano. Con il doppio obiettivo di dimostrare l'utilitÓ della tecnologia e diffondere il verbo telematico laddove scarseggiano infrastrutture di ogni tipo

Roma - L'Africa è la nuova terra di conquista per le aziende maggiormente interessate all'uso dei cosiddetti White Space, porzioni dello spettro elettromagnetico inframmezzate alle frequenze assegnate dai governi a concessionari pubblici e impiegabili come nuovo canale per la diffusione delle connessioni a banda larga senza fili senza dover pagare una licenza.

A sperimentare con i White Space africani è prima di tutto Google, da sempre interessata a infilare una connessione a Internet in ogni pertugio e attualmente impegnata in un programma di broadband wireless per 10 utenze scolastiche di Città del Capo, celebre e popolosa città del Sud Africa.

Con la sua accoppiata vincente di latenza bassa e capacità di viaggiare per lunghe distanze, spiega Mountain View, la tecnologia di connettività impiegata è "ben adatta a fornire connettività a basso costo alle comunità rurali con infrastrutture di telecomunicazioni deboli, e per estendere la copertura del broadband wireless nelle aree urbane densamente popolate".
In attesa che si risolvano i problemi legislativi in Nord America, Google intende sfruttare quello che (a dire dell'azienda) è il crescente interesse rispetto ai White Space con un progetto pilota potenzialmente estendibile anche in altri paesi africani.

Anche Microsoft crede fermamente alle potenzialità delle frequenze libere a uso telematico, tanto da aver installato una stazione ricevente in Kenya presso la città di Nanyuki: diversamente da Google, in questo caso Redmond ha previsto di dotare la stazione di una completa autosufficienza energetica tramite pannelli fotovoltaici. La stazione fornisce connettività da 16Mbps a varie strutture in un raggio di 10 chilometri, con la possibilità ulteriore di ricaricare i dispositivi connessi (portatili, ma anche tablet o smartphone) e di fare affidamento al backup delle batterie durante la notte.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessSe il super WiFi non è come sembraUna notizia circola per il mondo e presuppone la volontÓ politica di realizzare reti WiFi gratuite in tutti gli Stati Uniti. Ma la notizia Ŕ mal posta: si tratta solo di mettere all'asta i white space televisivi