Alfonso Maruccia

Ubisoft Uplay, buco con scasso

Il servizio di distribuzione digitale del publisher videoludico ancora bucato, e fuoriesce un gioco non ancora distribuito. Il problema esiste ma gli utenti sono al sicuro, commenta Ubisoft

Roma - Ancora guai per Uplay, la piattaforma di distribuzione digitale di Ubisoft che già in passato ha dimostrato di avere seri problemi di sicurezza: questa volta il "buco" è stato identificato da ignoti smanettoni russi, e a farne le spese è nientemeno che un gioco ancora inedito sul mercato.

Usando la vulnerabilità esposta sulla Internet in lingua russa, infatti, sono stati in grado di accedere in maniera illegale ai contenuti disponibili su Uplay: la falla rende apparentemente possibile marcare come già acquistati titoli per cui non si è mai pagato, anche se il gioco non è ancora uscito, come nel caso dello spin-off vintage di Far Cry 3 noto come Blood Dragon.

A dimostrare l'autenticità dell'hack, in questi giorni in Rete è tutto un proliferare di video tratti dal gioco e copie del codice giocabile condivise via P2P (BitTorrent). Ce ne fosse il bisogno, il buco di Uplay segna un ulteriore punto a favore di chi guarda con disprezzo, scetticismo e preoccupazione al "cloud gaming" e alle connessioni always-on come metodo efficace per porre un freno alla pirateria e all'hacking (malevolo o meno) nei prodotti di intrattenimento videoludico.

Uplay è molto più di un sistema DRM Internet-dipendente, ha detto in passato Ubisoft, mentre chi si è già trovato a subire le spiacevoli conseguenze del suo utilizzo nei titoli di nuova uscita avrà la riconferma della scarsa robustezza della piattaforma in fatto di sicurezza e affidabilità del servizio.

Riguardo l'hack e il successivo leak di Blood Dragon, infine, il publisher francese ha ammesso l'esistenza del problema ma ha assicurato: nessuna informazione "personale" degli utenti è a rischio, e nell'attesa di chiudere la falla le componenti di protezione anti-copia e download sono state temporaneamente disattivate per tutti.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • SicurezzaUbisoft, DRM col bucoLa discussa piattaforma Uplay nasconde un pericoloso baco che potrebbe portare all'esecuzione di codice malevolo da remoto. Ubisoft ammette, corregge e parla di errore di programmazione. I sistemi anticopia? Non c'entrano
  • TecnologiaXbox, indiscrezioni e polemiche sulla next generationIl momento della presentazione della console Microsoft si avvicina, dicono i ben informati, e il pubblico deve prepararsi a un bel po' di sorprese. Come la connessione a Internet obbligatoria, la CPU AMD e altro ancora