Mauro Vecchio

Anakata, accuse di cracking

Tre capi d'accusa contro il co-founder della Baia Gottfrid Svartholm Warg, per ciascuna delle scorribande informatiche contro alcuni database svedesi. E spunta un trasferimento illecito di denaro dai sistemi della banca Nordea

Anakata, accuse di crackingRoma - Nella ricostruzione offerta dagli inquirenti svedesi, il co-founder di The Pirate Bay Gottfrid Anakata Svartholm Warg è stato identificato come il principale artefice di tre distinte incursioni informatiche per il conseguente furto di denaro e dati personali. A pochi mesi dal suo arresto in Cambogia, l'ultimo uomo della Baia sarà presto giudicato a Stoccolma per attività criminose slegate dalla grande inquisizione del copyright.

Contro Anakata sono stati formulati tre capi d'accusa per ciascuna delle scorribande cibernetiche tra l'inizio del 2010 e l'agosto del 2012. Il primo, per frode, ha inchiodato Svartholm in seguito all'accesso non autorizzato - le credenziali erano state precedentemente rubate - al database commerciale privato Infotorg, con il conseguente rilascio di informazioni personali appartenenti a cittadini e aziende in terra svedese.

Per gli altri due capi d'accusa - tra cui un tentativo di frode aggravata - gli inquirenti hanno ricordato le gesta informatiche di Svartholm contro la società locale Logica, specializzata in soluzioni IT per la gestione dei flussi fiscali. All'inizio del 2012, un documento contenente i codici identificativi di oltre 9mila contribuenti svedesi era finito online. In quel caso, la polizia aveva messo le mani su due cracker, di cui uno appartenente al Piratbyrån (Pirate Bureau) legato alla Baia del torrentismo.
C'è infine l'attacco alle infrastrutture di Nordea, tra le principali banche del Nordeuropa, per un tentativo di trasferimento di denaro verso conti bancari gestiti da Anakata con altri tre soci. Sempre secondo gli inquirenti, Svartholm avrebbe provato a trasferire quasi 6 milioni di corone (meno di 700mila euro) verso diversi account. Pare che il co-founder della Baia sia riuscito a trasferire solo 27mila corone (circa 3mila euro) dal conto bancario di una misteriosa associazione danese.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàAnakata, altri guai svedesiIl cofondatore della Baia resterà in carcere in seguito alle nuove accuse per un secondo crimine informatico. Svartholm avrebbe compiuto almeno quattro atti di frode a mezzo elettronico
  • AttualitàAnakata è in manette in SveziaIl co-founder della Baia è stato espulso dal governo cambogiano, trasferito in Thailandia per un volo internazionale per Stoccolma. Le accuse svedesi sono legate alla cyberoffensiva contro Logica
  • AttualitàAnakata in manette come hacker?Ancora retroscena dopo l'arresto di Gottfrid Svartholm. La colpa del co-fondatore della Baia sarebbe essere tra le menti dell'attacco informatico ai database di una società IT svedese
2 Commenti alla Notizia Anakata, accuse di cracking
Ordina