Mauro Vecchio

Su Twitter l'attacco siriano al potere

L'account dell'agenzia di stampa AP nel mirino della milizia cibernetica siriana. Diramato un tweet sul presunto bombardamento della Casa Bianca. La Borsa impazzisce

Roma - La reazione impazzita dei mercati statunitensi dopo la falsa esclusiva lanciata su Twitter dall'agenzia di stampa Associated Press (AP) sul presunto bombardamento della Casa Bianca. L'ennesimo attacco informatico ha fatto cadere di 150 punti l'indice borsistico Dow Jones, a dimostrazione di quanto siano importanti i flussi cinguettanti nel saliscendi quotidiano dell'economia a stelle e strisce.

Attualmente sospeso, l'account ufficiale - e verificato - di AP potrebbe essere finito nel mirino della milizia cibernetica Syrian Electronic Army (SEA), che ha fatto girare online una schermata con il suo stemma sulla homepage del profilo Twitter dell'agenzia di stampa, con tanto di spazio dedicato al cinguettio incriminato: Esclusiva: Due esplosioni nella Casa Bianca, Barack Obama è ferito.

Nella (parziale) ricostruzione offerta dalla redazione di AP, il gruppo avrebbe preso il controllo di due account - compreso @AP_Mobile - e lanciato in contemporanea una campagna di phishing tra le caselle di posta elettronica dell'agenzia di stampa a stelle e strisce. Le incursioni della milizia SEA, favorevole al regime del presidente siriano Bashar Al-Assad, avevano già colpito il network statunitense CBS e l'account @AFPphoto dell'altra agenzia Agence France-Presse (AFP).
A detta di molti osservatori, la questione sicurezza è ormai diventata di primaria importanza per la piattaforma di microblogging, specie per le pesanti ripercussioni sulla vita politico-sociale. I vertici di Twitter stanno già lavorando ad un sistema di doppia autenticazione per rendere più sicura la gestione personale dei vari account cinguettanti. Ai vari profili verrà poi offerta una funzione più efficace per smentire o cancellare determinati micropost fasulli.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
3 Commenti alla Notizia Su Twitter l'attacco siriano al potere
Ordina
  • Un gruppo di aziende sta pensando di affiancare ad altro la password, considerato un metodo troppo insicuro.
    ╚ lecito avere dubbi sul nuovo metodo, comuqnue se ne parla qui:

    http://www.corriere.it/tecnologia/economia-digital...
  • Continuando ad abusare di una democrazia (tale almeno sulla carta), la si trasforma in tirannia di fatto.
    Come ogni organismo, uno Stato deve proteggersi dagli attacchi esterni, e per fare questo deve ampliare ed irrigidire il controllo interno ed esterno.
    Il terrorismo mira proprio a questo: invece di invadere una nazione avversaria, cosa spesso infattibile, la si costringe a diventare invivibile per chi ci abita, raggiungendo l'obiettivo di infiacchirla per le troppe risorse impegnate nella difesa e di renderla lenta politicamente ed economicamente per la troppa burocrazia e per gli inevitabili conflitti interni che sorgono quando si sta male.
    Una sottile ed efficacissima vendetta.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sintesi
    > Continuando ad abusare di una democrazia (tale
    > almeno sulla carta), la si trasforma in tirannia
    > di
    > fatto.
    > Come ogni organismo, uno Stato deve proteggersi
    > dagli attacchi esterni, e per fare questo deve
    > ampliare ed irrigidire il controllo interno ed
    > esterno.
    > Il terrorismo mira proprio a questo: invece di
    > invadere una nazione avversaria, cosa spesso
    > infattibile, la si costringe a diventare
    > invivibile per chi ci abita, raggiungendo
    > l'obiettivo di infiacchirla per le troppe risorse
    > impegnate nella difesa e di renderla lenta
    > politicamente ed economicamente per la troppa
    > burocrazia e per gli inevitabili conflitti
    > interni che sorgono quando si sta
    > male.
    > Una sottile ed efficacissima vendetta.

    il problema è, appunto, che siamo democrazie solo sulla carta.
    La loro forza è agire sulla base di un ideale comune, noi invece seguendo il Dio Denaro, che è di per sè la negazione di ogni tipo di ideale.
    Dovremmo essere "i Talebani della democrazia e della libertà" ma lo siamo solo all'apparenza: mandiamo bombardieri su territori che rifiutano di consegnarci le loro risorse e ci prostriamo di fronte alle continue violazioni di diritti umani in quelle nazioni preziose per le nostre economie.
    La mancanza di ideali veri e l'ipocrisia che ne consegue sono la nostra debolezza di fronte al terrorismo.