Mauro Vecchio

Italia Digitale, falsa partenza dell'Agenzia

Palazzo Chigi chiede la restituzione dello statuto approvato a marzo, su probabile suggerimento della Corte dei Conti. Diversi punti deboli nel provvedimento, a partire da un organico considerato troppo pesante

Italia Digitale, falsa partenza dell'AgenziaRoma - Approvato a marzo, lo statuto dell'attesa Agenzia per l'Italia Digitale è stato ritirato su ordine governativo con una brusca inversione di marcia comunicata ai giudici della Corte dei Conti. Da Palazzo Chigi è infatti partita la richiesta di restituzione del provvedimento che avrebbe reso definitivamente operativa la stessa Agenzia guidata dal suo primo direttore generale Agostino Ragosa.

Un cammino difficile per il rilancio digitale del Belpaese, intrapreso dall'ex-premier Mario Monti sul lavoro congiunto di ben quattro ministeri (Pubblica Amministrazione, Istruzione, Finanze e Sviluppo economico). Stando alle ipotesi circolate tra gli addetti ai lavori, il repentino dietro-front del governo sarebbe stato indotto dagli stessi giudici contabili, accortisi di vari punti deboli all'interno dello statuto.

In sostanza, la Corte dei Conti avrebbe suggerito al governo di rimettere mano al testo del provvedimento per evitare una sonora bocciatura. In particolare, i nuovi ministri a Palazzo Chigi dovranno ripensare la parte relativa all'organico dell'Agenzia, da molti considerato troppo pesante, con un totale di 16 posizioni dirigenziali e 150 dipendenti.
Nel presunto parere dei giudici contabili, il tetto dei 150 dipendenti non dovrebbe essere raggiunto per forza, mentre il provvedimento non lascia spazio a diversa interpretazione. L'art. 22 del cosiddetto Decreto Sviluppo parla di un organico formato dall'accorpamento della soppressa DigitPA (120 unità) con l'Agenzia per l'Innovazione (anche questa cancellata) e quegli addetti del dipartimento per digitalizzazione della PA che sceglieranno volontariamente di spostarsi nella nuova Agenzia per l'Italia Digitale.

Un secondo dubbio espresso dalla Corte dei Conti riguarda le norme per la composizione del comitato di indirizzo dell'Agenzia, che è presieduto dalla figura del direttore generale, appunto Agostino Ragosa. Questa situazione potrebbe scatenare una sorta di cortocircuito operativo, dal momento in cui Ragosa diventerebbe allo stesso tempo direttore e presidente della struttura che dovrebbe dettare le linee guida dell'ente.

Nel frattempo, lo stesso Ragosa ha incontrato il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando per un accordo di collaborazione in ambito ICT. Lo stallo istituzionale dell'Agenzia per l'Italia Digitale non era evidentemente stato previsto.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàDigital Divide, nuovi bandi per la bandaDal ministero dello Sviluppo Economico un totale di 900 milioni di euro nel tentativo di perseguire gli obiettivi fissati dall'Agenda Digitale. 100 mbps per le regioni del Sud
  • AttualitàPA, l'incubo della trasparenza tricoloreNello schema di decreto legislativo sulla pubblicità delle informazioni nella Pubblica Amministrazione non c'è traccia del modello basato sul FOIA statunitense. Il governo sembrerebbe voler abrogare l'obbligo di open data
13 Commenti alla Notizia Italia Digitale, falsa partenza dell'Agenzia
Ordina
  • Soldi nostri buttati, come al solito. Queste agenzie andrebbero chiuse e chi vi lavora licenziato in tronco. Questi posti sono solo covi per parcheggiare trombati, amanti, imbucati e parenti. Da qualche giorno trasmettono una pubblicità di un noto provider che millanta di offrire una connessione da 100mbit a 29 euro al mese.. che risate!
    non+autenticato
  • Negli anni passati ho lavorato per un'azienda che nel 1998 "sperimentava" la carta d'identità elettronica.
    La stessa azienda in quegli anni lavorava alacremente per assicurarsi un posto tra le certification authorities, prevedendo la "rivoluzione digitale".
    Poi "pliiiz pliiz, visit Itali"
    Poi italia.it - semi-disastro commissionato a Scaroni/IBM
    ...
    (poi mi sono stancato di ridere, e mi sono trasferito all'estero).
    Pure l'agenzia adesso?

    Citati nell'articolo:
    Presidenza del consiglio (palazzo Chigi)
    Corte dei conti
    Ministero dell'Istruzione
    Ministero delle Finanze
    Ministero dello Sviluppo economico
    Ministero delle Finanze
    DigitPA
    Agenzia per l'Innovazione
    Agenzia per l'Italia Digitale
    Regione Lazio

    Come si può solamente pensare di fare qualcosa di utile in questo marasma autolesionista che l'amministrazione pubblica Italiana si è creato?

    PER DEFINIZIONE mai e poi mai ne verrà fuori qualcosa di vagamente innovativo per non dire utile...

    che tristezza, resto all'estero.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lammy

    > che tristezza, resto all'estero.

    Dove, che ti raggiungo?Sorride
  • - Scritto da: MacGeek
    > - Scritto da: Lammy
    >
    > > che tristezza, resto all'estero.
    >
    > Dove, che ti raggiungo?Sorride

    No, che poi arriva il video di Rutelli "Pliiiiz, cam bech to itàli"...Con la lingua fuori
  • - Scritto da: Lammy
    > Negli anni passati ho lavorato per un'azienda che
    > nel 1998 "sperimentava" la carta d'identità
    > elettronica.
    > La stessa azienda in quegli anni lavorava
    > alacremente per assicurarsi un posto tra le
    > certification authorities, prevedendo la
    > "rivoluzione
    > digitale".
    > Poi "pliiiz pliiz, visit Itali"
    > Poi italia.it - semi-disastro commissionato a
    > Scaroni/IBM
    > ...
    > (poi mi sono stancato di ridere, e mi sono
    > trasferito
    > all'estero).
    > Pure l'agenzia adesso?

    Stessa cosa per me (carta elettronica a parte). Triste
    non+autenticato
  • Un'altra manovra fallimentare del governo italiano? Newbie, inesperto Accidenti, davvero strano! Anonimo
    non+autenticato
  • Credo che smetterò definitivamente di leggere le notizie di qualsiasi genere; dovunque mi giri è uno sfascio...
    In effetti è puro masochismo leggere notizie a proposito di cose che vanno ben oltre ciò che si può controllare.
    Sarebbe compito dei nostri rappresentanti fare andare bene le cose.
    Invece non solo le hanno fatte andare male, ma perpetuano il danno, con il nostro consenso sociale (quello personale lo conosciamo, ma pare che siamo afflitti da schizofrenia, visto che rivotiamo sempre la stessa marmaglia)...
    non+autenticato
  • "con un totale di 16 posizioni dirigenziali e 150 dipendenti".

    Ah però.
    Secondo le statistiche, il Paese con l'economia digitale più sviluppata attualmente è la Svezia (l'Italia è ventisettesima). Ma per raggiungere quell'obiettivo, hanno impiegato anche loro 16 dirigenti e 150 dipendenti? Mi piacerebbe saperne di più.
  • Immagino che in Svezia non abbiano proprio avuto bisogno di un'agenzia simile. I ministeri non sono in mano ad una massa di retrogradi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > "con un totale di 16 posizioni dirigenziali e 150
    > dipendenti".
    >
    > Ah però.
    > Secondo le statistiche, il Paese con l'economia
    > digitale più sviluppata attualmente è la Svezia
    > (l'Italia è ventisettesima). Ma per raggiungere
    > quell'obiettivo, hanno impiegato anche loro 16
    > dirigenti e 150 dipendenti? Mi piacerebbe saperne
    > di
    > più.
    cosa?
    Che i 16 dirigenti sono la punta dell'iceberg?
    Oltre agli ufficiali (dirigenti)...
    Ci sono i sottoufficiali (i responsabili di ufficio)
    Ci sono i graduati (responsabili di progetto)
    ecc. ecc.
    e infine uno o 2 dipendenti veri...
    All'italiana... 98 o 99 tra ufficiali e sottoufficiali e uno (massimo 2) soldati semplici.
    E non lo dico per "sentito dire" dato che conosco "l'ambiente" da quando si chiamava ancora A.I.P.A.
    non+autenticato
  • Lo stesso problema delle FFSS che costano un puteferio per avere servizi scarsi ... mi riferisco ai pendolari ... ogni 100 dirigenti (buona parte fuoriusciti dalle forze armate) un manutentore ...
    non+autenticato
  • L' unico che lavora, ovviamente quando non è il nipote di qualcuno, quando non è quello che ha votato il politico di turno, quando non gli mettono i bastoni tra le ruote perché altrimenti se lui lavora si vede meglio che gli altri non fanno un tubo.
    non+autenticato