Mauro Vecchio

USA, scontro a fuoco sulle armi stampate

La Difesa statunitense contro i file condivisi da Defense Distributed per la stampa 3D, che dovranno essere rimossi per evitare l'accesso pubblico. Trattasi di possibile violazione delle norme sull'esportazione di armi da fuoco

Roma - La grande battaglia per le armi stampate in 3D a pochi giorni dalla pubblicazione del plastificato Liberator da parte della discussa non profit Defense Distributed. In una minacciosa missiva inviata al giovane founder Cody Wilson, i vertici dello State Department Office of Defense Trade Controls Compliance hanno ordinato l'immediata rimozione del relativo file CAD per la stampa in tre dimensioni di quasi tutti i componenti in ABS di cui consta la pistola già testata sul campo.

L'ufficio del dipartimento statunitense ha inoltre obbligato l'organizzazione di Wilson a rimuovere altri nove progetti CAD per la stampa 3D di altrettanti modelli di arma da fuoco sul sito ufficiale Defcad.org. Il governo a stelle e strisce ha infatti intenzione di avviare una indagine interna sulla presunta violazione delle norme relative al traffico internazionale di armi come previsto nel pacchetto International Traffic in Arms Regulations (ITAR). In sostanza, il lavoro di Defense Distributed avrebbe ignorato le regole sull'esportazione con il caricamento online dei file.

"Siamo costretti a collaborare - ha spiegato Cody Wilson - Tutti i contenuti dovranno essere rimossi dai nostri server per impedire l'accesso pubblico". Con oltre 100mila download in poco più di due giorni dalla prima pubblicazione del file CAD relativo al modello Liberation, Defense Distributed ha ottenuto un sorprendente successo con l'appoggio della Baia dei pirati e di Mega, incarnazione digitale dell'ex-impero del file hosting guidato da Kim Dotcom. Non propriamente un amico del governo statunitense, Dotcom - così come la crew di The Pirate Bay - non sembra affatto intenzionato a rimuovere i file dalla sua piattaforma.
Mentre il dipartimento statunitense "sequestra" le armi di Defense Distributed con l'avvio dell'indagine interna sulla presunta violazione delle norme ITAR, l'Amministrazione Obama guarda invece alla stampa 3D come ad una strategia efficace per rilanciare il settore manifatturiero a stelle e strisce. La Casa Bianca ha annunciato un accordo pubblico-privato per lo stanziamento di 200 milioni di dollari in favore di vari istituti per la produzione di stampati 3D nel settore energetico, ma anche in quello militare, per la realizzazione di sistemi complessi nelle armi da fuoco.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • Digital LifeStampa 3D, armi non ammesseMakerbot agisce dopo i fatti di Newtown: un file di progetto per stampare il componente di un'arma da fuoco viene rimosso da una wiki tematica. Le condizioni d'uso lo vietano, la rimozione è di stampo educativo
  • Digital LifeArmi stampate in casa? Stratasys dice noUna startup è impegnata nel design di armi da costruire con una stampante 3D. Il produttore dell'apparecchio interviene e blocca tutto. Ritirando l'hardware in leasing
  • TecnologiaStampanti 3D, dal grande al piccoloUna startup USA chiede un contributo per realizzare un prodotto di qualità a prezzo accessibile. Un inventore italiano, ossessionato dai castelli di sabbia, vuole stampare edifici
17 Commenti alla Notizia USA, scontro a fuoco sulle armi stampate
Ordina
  • Niente, per alcuni politicanti/burocrati il funzionamento di Internet è al di fuori delle loro mentalità.
    non+autenticato
  • ...la nostra lungimirante magistratura avrebbe sicuramente sentenziato che ogni programma CAD doveva essere ritenuto fuorilegge in quanto atto a progettare ed eventualmente costruire armi di plastica.
  • - Scritto da: Skywalkersenior

    > ...la nostra lungimirante magistratura avrebbe
    > sicuramente sentenziato che ogni programma CAD
    > doveva essere ritenuto fuorilegge in quanto atto
    > a progettare ed eventualmente costruire armi di
    > plastica.

    ... E la corte d'appello avrebbe annullato la sentenza.
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: Skywalkersenior
    >
    > > ...la nostra lungimirante magistratura
    > avrebbe
    > > sicuramente sentenziato che ogni programma
    > CAD
    > > doveva essere ritenuto fuorilegge in quanto
    > atto
    > > a progettare ed eventualmente costruire armi
    > di
    > > plastica.
    >
    > ... E la corte d'appello avrebbe annullato la
    > sentenza.

    Sai come si dice: fare e disfare... è sempre lavorare.
    Abbiamo una pletora di personaggi che campano su questo genere di sprechi.
  • - Scritto da: Skywalkersenior
    > - Scritto da: Leguleio
    > > - Scritto da: Skywalkersenior
    > >
    > > > ...la nostra lungimirante magistratura
    > > avrebbe
    > > > sicuramente sentenziato che ogni
    > programma
    > > CAD
    > > > doveva essere ritenuto fuorilegge in
    > quanto
    > > atto
    > > > a progettare ed eventualmente costruire
    > armi
    > > di
    > > > plastica.
    > >
    > > ... E la corte d'appello avrebbe annullato la
    > > sentenza.
    >
    > Sai come si dice: fare e disfare... è sempre
    > lavorare.
    > Abbiamo una pletora di personaggi che campano su
    > questo genere di
    > sprechi.
    Già ci sono più avvocati a roma che in tutta la francia messa assieme!
    non+autenticato
  • Pazzesco. Le autorità americane vogliono rimuovere quei disegni dalla rete solo perché non cadano in mani estere, non importa se i cittadini americani se ne servono per farsi le armi in casa
    non+autenticato
  • - Scritto da: Yanak

    > Pazzesco. Le autorità americane vogliono
    > rimuovere quei disegni dalla rete solo perché non
    > cadano in mani estere,

    Ma non è nemmeno detto. A me pare da quel poco che hanno detto solo una formalità burocratica, e alla fine ci metteranno il timbro. Non era assolutamente necessario intimare di toglierli.
  • Il governo deve proteggere i cittadini, anche da loro stessi.

    La libertà eccessiva porta all'anarchia. La civiltà è nei limiti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Voice of Reason
    > Il governo deve proteggere i cittadini, anche da
    > loro
    > stessi.

    semplicemente ridicolo in un sistema chiamato democrazia

    per esempio il governo italiano ci protesse da noi stessi quando furono vinti i referendum sulla responsabilità civile dei magistrati, sull'acqua pubblica, ecc.... sei d'accordo?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Voice of Reason
    > Il governo deve proteggere i cittadini, anche da
    > loro
    > stessi.
    >
    > La libertà eccessiva porta all'anarchia. La
    > civiltà è nei
    > limiti.
    Cosa è la libertà eccessiva?
    Cosa è l'anarchia?
    Potresti mica definire il concetto di limite?
    Vorremmo una tua dotta presentazione della questione.
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: tucumcari
    > - Scritto da: Voice of Reason
    > > Il governo deve proteggere i cittadini, anche da
    > > loro
    > > stessi.
    > >
    > > La libertà eccessiva porta all'anarchia. La
    > > civiltà è nei
    > > limiti.
    > Cosa è la libertà eccessiva?
    > Cosa è l'anarchia?
    > Potresti mica definire il concetto di limite?
    > Vorremmo una tua dotta presentazione della
    > questione.
    > A bocca aperta
    Io mi limiterei al suo nome e cognome, come da lui stesso affermato (piu' e piu' volte) solo i criminali hanno bisogno dell'anonimato.
    Quindi, caro Voice of Fear, chi sei ?
    non+autenticato
  • Negli anni Sessanta e Settanta era particolarmente celebre un pretore di Lodi, che forte delle normative dell'epoca ordinava il sequestro di film e libri licenziosi su tutto il territorio nazionale. Opere che puntualmente venivano dissequestrate poco dopo, con un ritorno d'immagine insperato, e al 100 % gratuito. Roba da metterci la firma. Sorride

    E la firma ce la metterebbe di sicuro Cody Wilson. I file saranno disponibili in millemila siti mirror, parecchie persone se li sono già scaricati, ed è anche probabile che alla fine della vicenda lo State department office of defense trade controls compliance dia il permesso di pubblicazione, si tratta sostanzialmente di burocrazia. Lo studente di legge Cody Wilson non è uno sprovveduto, aveva chiesto un parere preventivo prima di mettersi all'opera:

    http://punto-informatico.it/3745914/PI/News/una-li...

    Un investimento di miseri 8000 dollari, più il tempo impiegato per i progetti CAD, si è già decuplicato o centuplicato in offerte di lavoro (o forse di altro tipo) che da oggi pioveranno da ogni parte.

    Grazie, State department office of defense trade controls compliance. Il mondo aveva un impellente bisogno di voi.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)