AOL disabilita un servizio di Windows

Fornendo come giustificazione la volontà di fermare spammer e tappare un potenziale buco per la sicurezza, AOL sta disabilitando sui PC dei propri abbonati un servizio di rete poco utilizzato. Ma non tutti applaudono

Roma - Con una decisione destinata a far discutere, AOL ha di recente incluso nel proprio software una patch che disabilita, all'insaputa degli utenti, il servizio Windows Messenger incluso nelle versioni NT, 2000, XP e Server 2003 del sistema operativo di Microsoft. Il colosso americano ha giustificato la mossa affermando che questa funzione è potenzialmente insicura e, soprattutto, viene utilizzata dagli spammer per bombardare gli utenti di messaggi non richiesti.

Windows Messenger, che non va confuso con l'omonimo client per la messaggistica istantanea integrato in Windows XP, è un meccanismo utilizzato dal servizio Alert di Windows per visualizzare sul desktop del computer locale o di uno remoto, all'interno di una finestra pop-up, notifiche di vario tipo. La funzionalità può anche essere utilizzata dagli utenti per inviare un messaggio di testo a più PC contemporaneamente: gli amministratori di sistema, ad esempio, l'utilizzano spesso per avvisare gli utenti della propria rete di eventi quali l'imminente spegnimento di un server. Da quando, oltre un anno fa, gli spammer ne hanno scoperto l'esistenza, Windows Messenger è però stato abbondantemente sfruttato a fini pubblicitari, spesso attraverso l'invio di messaggi pop-up verso insiemi di indirizzi IP gestiti da grossi ISP come AOL.

Di recente Windows Messenger è anche stato interessato da una grave vulnerabilità di sicurezza che, secondo Microsoft, poteva consentire l'esecuzione di codice.
Queste sono dunque le ragioni che, a detta di AOL, l'hanno portata a disattivare il servizio in tutti i PC dei suoi abbonati che, a partire dalla metà di ottobre, si sono autenticati sulla propria rete: il gigante stima in oltre 15 milioni gli utenti di Windows NT, 2000 e XP a cui è già stato "addormentato" Windows Messenger.

Se per AOL l'applicazione di questa misura rappresenta una scelta del tutto naturale e legittima, per altri si tratta di un'azione drastica e invasiva. In particolare, quello che non va giù ad alcuni utenti è che AOL abbia modificato la configurazione del proprio sistema operativo senza domandargli il permesso.

Il provider si è tuttavia difeso affermando che la quasi totalità degli utenti desktop non conosce neppure l'esistenza di tale funzione e che, in ogni caso, essa può essere riattivata con un clic del mouse. Il gigante ha poi sottolineato di aver agito solo dopo essersi consultata con Microsoft per valutare l'impatto di questa modifica. Lo stesso gigante di Redmond ha affermato che il servizio Windows Messenger è solo un retaggio di Windows NT e che, a partire dal prossimo service pack per Windows XP, è probabile che la nuova configurazione predefinita del sistema ne preveda la disabilitazione.
TAG: mondo
65 Commenti alla Notizia AOL disabilita un servizio di Windows
Ordina
  • abilitare il windows messaging sull'interfaccia PPP, oltre che a RPC è semplicemente STUPIDO.
    queste cose microsoft le ha prese alla leggera per troppi anni
    non+autenticato
  • Come faccio a disabilitare Windows Messenger ?
    Graize e Saluti
  • e che siamo, un help-desk? Sorride
    panello di controllo->servigi->Messenger->proprietà->tipo di avvio-> disabilitato
    non+autenticato
  • ... quello che non va giù ad alcuni utenti è che AOL abbia modificato la configurazione del proprio sistema operativo senza domandargli il permesso....

    ma se non gli va giù, perche' usano un sistema operativo la cui licenza lo prevede esplicitamente ???

    che fanno prima comprano e poi disprezzano?


    baus
    non+autenticato

  • Non ci sono santi, quando un sistema è concepito male come windows non c'è nulla da fare.

    Chiudi una falla e zak se ne apre un'altra, disabiliti un servizio e zak non vanno più molti applicativi !

    Il problema quindi è prorpio alla sorgente, bisogna che alla Microsoft capiscano che così come stanno facendo non va bene.
    Ci vuole uno sforzo maggiore per dare coerenza a un sistema mal strutturato come windows, ci vuole una maggiore concentrazione di energie se si vuole fare in modo che windows, che è nato come giocattolo, diventi un sistema serio che possa competere, in un eventuale futuro remoto, con i sistemi operativi seri come gli unix.

    Al momento l'unica soluzione è affidarsi alla concorrenza.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Non ci sono santi, quando un sistema è
    > concepito male come windows non c'è nulla da
    > fare.

    la stessa cosa vale per il kernel linux 2.6.0... che è ancora peggio

    > Chiudi una falla e zak se ne apre un'altra,
    > disabiliti un servizio e zak non vanno più
    > molti applicativi !

    .azzo c'entrano le falle con un servizio di comunicazione innoqua come il messenger

    > Il problema quindi è prorpio alla sorgente,
    > bisogna che alla Microsoft capiscano che
    > così come stanno facendo non va bene.

    secondo me stanno andando verso una direzione ben precisa: fare di windows la piattaforma ideale per le situazioni più "critical"... e con windows server 2003 già cisono riusciti pienamente (andava bene anche il buon windows 2000 server bel patchato e configurato)
    ...peccato che tu sia rimasto al windows 95 (oltre che un pessimo Troll)

    > Ci vuole uno sforzo maggiore per dare
    > coerenza a un sistema mal strutturato come
    > windows, ci vuole una maggiore
    > concentrazione di energie se si vuole fare
    > in modo che windows, che è nato come
    > giocattolo, diventi un sistema serio che
    > possa competere, in un eventuale futuro
    > remoto, con i sistemi operativi seri come
    > gli unix.

    guardati bene il tuo linux... prima che diventi pezzo di antiquariato (e non sto trollando come fai tu)

    > Al momento l'unica soluzione è affidarsi
    > alla concorrenza.

    e soprattutto diffidare dai mistificatori come te
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > Non ci sono santi, quando un sistema è
    > > concepito male come windows non c'è nulla
    > da
    > > fare.
    >
    > la stessa cosa vale per il kernel linux
    > 2.6.0... che è ancora peggio
    >

    2.6 non e' considerato stabile!
    2.4 e' una roccia paragonato a qualunque sistema M$Sorride
    [cut]
    >
    > .azzo c'entrano le falle con un servizio di
    > comunicazione innoqua come il messenger

    Innocua? la fonte dello spam di mezzo mondo innocua?
    Spero tu stia scherzando!

    >
    [cut]
    >
    > secondo me stanno andando verso una
    > direzione ben precisa: fare di windows la
    > piattaforma ideale per le situazioni più
    > "critical"... e con windows server 2003 già
    > cisono riusciti pienamente (andava bene
    > anche il buon windows 2000 server bel
    > patchato e configurato)

    Abbiamo gia' visto il risultato sui security bullettin... lascia stare!

    > ...peccato che tu sia rimasto al windows 95

    Tu cosa ne sai del sistema che l'autore del post usa?

    >
    > guardati bene il tuo linux... prima che
    > diventi pezzo di antiquariato (e non sto
    > trollando come fai tu)

    e da cosa si capisce?

    >    
    >
    > e soprattutto diffidare dai mistificatori
    > come te

    ecco se tu pronunciassi la frase allo specchio saremmo, almeno su questo, totalmente daccordo!A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > Non ci sono santi, quando un sistema è
    > > concepito male come windows non c'è nulla
    > da
    > > fare.
    >
    > la stessa cosa vale per il kernel linux
    > 2.6.0... che è ancora peggio
    >

    ... infatti non è stato rilasciato in versione definitiva...

    > > Chiudi una falla e zak se ne apre
    > un'altra,
    > > disabiliti un servizio e zak non vanno più
    > > molti applicativi !
    >
    > .azzo c'entrano le falle con un servizio di
    > comunicazione innoqua come il messenger
    >
    > > Il problema quindi è prorpio alla
    > sorgente,
    > > bisogna che alla Microsoft capiscano che
    > > così come stanno facendo non va bene.
    >
    > secondo me stanno andando verso una
    > direzione ben precisa: fare di windows la
    > piattaforma ideale per le situazioni più
    > "critical"... e con windows server 2003 già
    > cisono riusciti pienamente (andava bene
    > anche il buon windows 2000 server bel
    > patchato e configurato)
    > ...peccato che tu sia rimasto al windows 95
    > (oltre che un pessimo Troll)

    vallo a dire a tutti quelli che con il BRILLANTISSIMO win2003 sever si sono trovati il sistema buttato giù in poche minuti ba Blaster...

    mission critical ! bah!!!

    > > Ci vuole uno sforzo maggiore per dare
    > > coerenza a un sistema mal strutturato come
    > > windows, ci vuole una maggiore
    > > concentrazione di energie se si vuole fare
    > > in modo che windows, che è nato come
    > > giocattolo, diventi un sistema serio che
    > > possa competere, in un eventuale futuro
    > > remoto, con i sistemi operativi seri come
    > > gli unix.
    >
    > guardati bene il tuo linux... prima che
    > diventi pezzo di antiquariato (e non sto
    > trollando come fai tu)

    perchè, cosa gli mancherebbe per essere 'attuale' ?

    (uso il condizionale perchè è attuale !)

    >    
    > > Al momento l'unica soluzione è affidarsi
    > > alla concorrenza.
    >
    > e soprattutto diffidare dai mistificatori
    > come te

    ... e dei dipendenti M$ o dei M$-dipendenti...
    non+autenticato
  • > Non ci sono santi, quando un sistema è
    > concepito male come windows non c'è nulla da
    > fare.

    Il problema non è windows, ma la sezione marketing della ms, della serie: "se non inserisci questa funzionalità, nessuno lo comprerà"Con la lingua fuori - in realtà nè il cliente nè il markettaro sanno quello che vogliono, queste cose dovrebbero essere decisi solo dai project manager e punto.
    non+autenticato
  • Nessuno ha parlato di un problema, e cioè che Windows Messenger serve a WIN per utilizzare la funzione di assistenza remota, e disabilitandolo azzoppano l'utente di questa funzione, e non è un bel effetto collaterale.

    In ogni caso io uso tutti i programmi chat. Uso molto MSN Messeger 6 (che non è la stessa cosa di Win Messenger) e anche AOL5, a sto punto mi scoccia un poco eh...
  • - Scritto da: PzSniper
    > Nessuno ha parlato di un problema, e cioè
    > che Windows Messenger serve a WIN per
    > utilizzare la funzione di assistenza remota,
    > e disabilitandolo azzoppano l'utente di
    > questa funzione, e non è un bel effetto
    > collaterale.
    >
    > In ogni caso io uso tutti i programmi chat.
    > Uso molto MSN Messeger 6 (che non è la
    > stessa cosa di Win Messenger) e anche AOL5,
    > a sto punto mi scoccia un poco eh...

    Guarda che Windows Messenger non c'entra niente...
    Si tratta del "servizio" messenger...Ficoso
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)