Mauro Vecchio

USA, l'infezione del copyright

L'industria dell'intrattenimento statunitense vorrebbe legalizzare lo sfruttamento di malware per identificare i singoli scariconi del web. Con le tattiche tipiche del ransomware

Roma - Un corposo documento di oltre 80 pagine è stato rilasciato dalla commissione statunitense sul furto della proprietà intellettuale (IP Commission), con una serie di proposte avanzate dall'industria dell'intrattenimento audiovisivo nella lotta alla proliferazione di contenuti in violazione del copyright.

Nel pacchetto di misure consigliate dai detentori dei diritti, una bozza d'intervento legislativo per legalizzare lo sfruttamento di software che operi contro gli scariconi del web. I vari contenuti digitali verrebbero così caricati a malware in modo da permettere l'identificazione dei downloader e chiedere riscatti con le tattiche tipiche del ransomware.

In altre parole, i singoli utenti del file sharing non riuscirebbero ad aprire il contenuto audiovisivo desiderato, un file contenente un codice malevolo che andrebbe addirittura a bloccare l'intero computer. Per riappropriarsi della propria postazione, i downloader sarebbero costretti a denunciarsi alle autorità competenti, nel disperato tentativo di ottenere la password necessaria allo sblocco di sistema.
Nel parere offerto dall'industria audiovisiva alla commissione a stelle e strisce, una proposta del genere non violerebbe alcuna legge nazionale e non calpesterebbe alcun diritto fondamentale dei netizen. I ladri di contenuti verrebbero puniti con l'infezione cibernetica, costretti a pentirsi e consegnarsi alle autorità del diritto d'autore.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, i nuovi sospetti della pirateriaTorna la lista nera dei paesi che turbano il sonno di Washington per lo scarso impegno mostrato nella tutela della proprietà intellettuale. Nello Special 301 il nemico più pericoloso è l'Ucraina. Dubbi sullo stallo italiano
  • AttualitàUSA, scattano gli allarmi del copyrightPronto il meccanismo anti-pirateria basato sull'invio graduale di sei notifiche agli scariconi a stelle e strisce. Nessuna forma di disconnessione, assicurano i vari provider coinvolti
126 Commenti alla Notizia USA, l'infezione del copyright
Ordina
  • ma che stiamo sotto dittatura? ahahahahhaha ma mi facciano il piacere, non ho mai sentito una cosa così stupida in vita mia: bloccare il computer per aver scaricato un file pirata? ma si, perchè non faccio anche un bel antifurto esplosivo,così se ci rubano la macchina,i rapintatori avranno i secondi contanti. ora che ci penso possiamo anche recintare le nostre case con un recinto elettrico così ogni male intenzionato si ritroverà come un pollo fritto. il vero nemico di questi farabutti è la digitalizzazione,non l'hanno ancora capito.
    non+autenticato
  • Se entri dal mio cancello chiedo l'autorizzazione di tenere un leone che ti sbrani, così si capisce che mi sei entrato nel giardino.

    Se mi rubi la penna chiedo di averne una che esploda a tot distanza da casa mia così si capisce che me l'hai rubata.

    Se con la macchina arrivi a 161 Km/h la mando in blocco così ti autodenunci dalla polizia.

    Veramente una logica interessante e degna di un paese civile.
    Pensa che bello quando un bambino scavalcherà la cancellata per prendere il pallone, ti dimenticherai la penna in tasca, starai sorpassando un camion che comincia ad accelerare ecc. ecc.
  • Passasse una legge come quella proposta non passerebbe molto tempo che questi "industriali" sarebbero sotto attacco.
    Ascoltando musica classica ho delle esigenze. Ma se il mio computer per una qualche motivo si infettasse passerei subito al contro attacco di chi mi ha infettato il computer.
    Non pensano poi che avendo copia di backup dei dati posso radere l’HD (con dell’ottimo software) e reinstallate tutto. Anzi con un immagine farei in un batter d’occhio. Credo che chi ha pensato a questa soluzione sia strutturalmente scemo o alla disperazione, la crisi gioca brutti scherzi.
    Invito tutti a boicottarli.
    non+autenticato
  • - Scritto da: pierob
    > Passasse una legge come quella proposta non
    > passerebbe molto tempo che questi "industriali"
    > sarebbero sotto attacco.
    >
    > Ascoltando musica classica ho delle esigenze. Ma
    > se il mio computer per una qualche motivo si
    > infettasse passerei subito al contro attacco di
    > chi mi ha infettato il
    > computer.
    > Non pensano poi che avendo copia di backup dei
    > dati posso radere l’HD (con dell’ottimo software)
    > e reinstallate tutto. Anzi con un immagine farei
    > in un batter d’occhio. Credo che chi ha pensato a
    > questa soluzione sia strutturalmente scemo o alla
    > disperazione, la crisi gioca brutti
    > scherzi.
    > Invito tutti a boicottarli.

    Che fossero strutturalmente scemi e/o alla disperazione lo sapevamo, e questa conferma mi fa solo godere, ma ciò non toglia che va fatta preventivamente e ad ogni buon conto Disk Image di partizione di sistema (esiste ottimo SW allo scopo, anche gratuito), avendo preventivamente avuto l'accortezza di ridurre al minimo detta partizione isolando i dati utente e se possibile gli applicativi su altra partizione, dove ad esempio avremo anche allocato i files di paginazione e tasferito le pressochè inutili aree di ripristino createsi dopo ogni Win Update, che ovviamente controllerete voi senza lasciarlo libero di agire a suo piacimento, così come ogni altro automatismo di aggiornamento che anche terze parti hanno il vizio di adottare.
    Potrei darvi altri consigli, ma pemso che sto insegnado ai gatti come arrampicarsi su un albero!

    Qualunque scherzo strano vi succeda, compreso il non riuscire più a fare Boot, non pensatci 2 volte, RIPRISTINO Stand Alone e via: specie se avete USB 3.0 e quindi un HD ext. veloce, in capo a 5 minuti (10 per Win successivi ad XP) avrete il Vs. amato sistema pronto e sicuramente più performante di prima, anche perchè l'ultima Image di Sistema l'avrete fatto a defrag eseguito... E inoltre, se fate le cose bene, vi può bastare una ben più veloce penna 3.0 da 16 GB per l'ultima immagine bootabile di cui sopra, sapendo che da win 7 in poi il Boot di ripristino può essere fatto direttamente da memoria USB anzichè da CD riscrivibile di servizio (verificare prima la selezionabilità di Boot da Unità USB). Una volta allo scopo si usava una terna di Floppy Disk, ma ormai...

    Da win 7 (non so da Vista) è fornita anche in Windows la possibilità di fare Image della partizione di sistema, ma vista la delicatezza specie in fase di ripristino (non l'ho mai provato), è preferibile affidarsi a software terzo, più serio, più semplice ed ampiamente collaudato.

    Qusti "scemi" queste cose non le sanno? Come non sanno che un utente appena un po' smaliziato non va a lanciare chi sa cosa a rampazzo per farsi infettare da un loro ransomware, a meno che non abbia scaricato del SW, per utilizzare il quale è costretto a lanciare volontariamente un processo esecutivo, magari trascurando i vari avvertimenti dell'antivirus e della firma non certificata (ma magari sti figli di... se la faranno certificare)...
    non+autenticato
  • - Scritto da: rockroll
    > - Scritto da: pierob
    [...]
    > Qusti "scemi" queste cose non le sanno? Come non
    > sanno che un utente appena un po' smaliziato non
    > va a lanciare chi sa cosa a rampazzo per farsi
    > infettare da un loro ransomware, a meno che non
    > abbia scaricato del SW, per utilizzare il quale è
    > costretto a lanciare volontariamente un processo
    > esecutivo, magari trascurando i vari avvertimenti
    > dell'antivirus e della firma non certificata (ma
    > magari sti figli di... se la faranno
    > certificare)...

    Il termine corretto è "demente".
    Comunque "scemo" può andar bene, anche se suona un po' infantile.
    "demente" riempie la bocca e suona offensivo molto più che "scemo".

    Comunque questa soluzione è pensata per l'utente medio, quello che "il manuale? Leggerlo? Mai tutta la vita, sono nato imparato io!" e che, tutto sommato, si merita un trattamento del genere.

    GT
  • Tanto non riuscirebbero ad andare troppo lontano, i primi pc che si infetterebbero sarebbero i loro, seguiti a ruota da quelli delle forze dell'ordine (GdF in primis), buon modo per uccidere se stessi e i controllori, lasciando la gente un po' più smart libera di continuare con quello che stava facendo.
    Wolf01
    3342
  • Credere che qualcuno sia cosi fesso da denunciarci dopo aver preso un malware è indice di quanto siano fessi questi delle major USA.
    Se poi mi arriva una lettera ricattatoria a casa con richiesta di riscatto, allora si che la denuncia scatta, ma contro di loro, mi vengono in mente almeno una mezza dozzina di reati punibili a norma di legge:
    Manomissione di attrezzatura elettronica;
    Violazione della privasy;
    Ricatto;
    Truffa;
    Violazione proprietà privata;
    Danneggiamento proprietà privata;
    ....

    Ma mi faccia il piacere!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: INCAZZATO
    > Credere che qualcuno sia cosi fesso da
    > denunciarci dopo aver preso un malware è indice
    > di quanto siano fessi questi delle major
    > USA.
    > Se poi mi arriva una lettera ricattatoria a casa
    > con richiesta di riscatto, allora si che la
    > denuncia scatta, ma contro di loro, mi vengono in
    > mente almeno una mezza dozzina di reati punibili
    > a norma di
    > legge:
    > Manomissione di attrezzatura elettronica;
    > Violazione della privasy;
    > Ricatto;
    > Truffa;
    > Violazione proprietà privata;
    > Danneggiamento proprietà privata;
    TU hai scaricato un file e la responsabilità è di chi l'ha caricato?
    AuguriA bocca aperta
    non+autenticato
  • In italia e punibile la condivisione, non il downloadA bocca aperta
  • - Scritto da: Sg@bbio
    > In italia e punibile la condivisione, non il
    > download
    >A bocca aperta
    Ci pensa il programma che hai scaricato a punirtiA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: astro
    > - Scritto da: Sg@bbio
    > > In italia e punibile la condivisione, non il
    > > download
    > >A bocca aperta
    > Ci pensa il programma che hai scaricato a punirti
    >A bocca aperta

    Ci pensa linux a sbattersene le balle del malware scaricato.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Ci pensa linux a sbattersene le balle del malware
    > scaricato.
    Gli utenti Android la pensano diversamente
    non+autenticato
  • Da una parte la RIAA/MPAA, lobbisti che controllano l'intero governo USA, sostenuti a spada tratta dal vicepresidente Biden, gente che ha costretto intere nazioni a cambiare le proprie leggi in barba ad ogni procedimento democratico, protetta da centinaia di avvocati strapagati.

    Dall'altra, tu.

    Uno dei due finirà con le ossa rotte, la faccia nel fango e la vita distrutta.

    Non saranno i lobbisti, stanne certo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Get Real
    > Da una parte la RIAA/MPAA, lobbisti che
    > controllano l'intero governo USA, sostenuti a
    > spada tratta dal vicepresidente Biden, gente che
    > ha costretto intere nazioni a cambiare le proprie
    > leggi in barba ad ogni procedimento democratico,
    > protetta da centinaia di avvocati
    > strapagati.
    >
    > Dall'altra, tu.
    >
    > Uno dei due finirà con le ossa rotte, la faccia
    > nel fango e la vita
    > distrutta.
    >
    > Non saranno i lobbisti, stanne certo.


    Quoto al 100%.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Get Real
    > Da una parte la RIAA/MPAA, lobbisti che
    > controllano l'intero governo USA, sostenuti a
    > spada tratta dal vicepresidente Biden, gente che
    > ha costretto intere nazioni a cambiare le proprie
    > leggi in barba ad ogni procedimento democratico,
    > protetta da centinaia di avvocati
    > strapagati.
    >
    > Dall'altra, tu.
    >
    > Uno dei due finirà con le ossa rotte, la faccia
    > nel fango e la vita
    > distrutta.
    >
    > Non saranno i lobbisti, stanne certo.

    Devo darti ragione, ma non nel senso che dici tu.

    Diciamo che succede quanto detto: scatta la contro-denuncia per accesso abusivo a sistema telematico e, a fronte di una multa di poche centinaia di euro e alla possibilità di essere citato per danni dalla major di turno, c'è una richiesta di danni morali e materiali che ha almeno un paio di zeri in più rispetto alla multa.

    Prima che ti metti a rispondere sul fatto che la potenza economica delle major può combinare quel che Onofrio del Grillo fece al povero Aronne Piperno, fai quest'altra considerazione: l'articolo parla di "malware di stato" e quindi a quest'ultimo verrà indirizzata la richiesta di danni.

    Se dimostrata (e non occorre granché per riuscirci) lo stato paga.
    Questo implica che noi, te, me e tutti gli altri concittadini, si ritrovano a pagare.

    Il tutto per difendere l'interesse di un singolo ente (la major di turno) spesso estraneo allo stato stesso.

    Fatti due conti...

    GT
  • - Scritto da: Get Real
    > Da una parte la RIAA/MPAA, lobbisti che
    > controllano l'intero governo USA, sostenuti a
    > spada tratta dal vicepresidente Biden, gente che
    > ha costretto intere nazioni a cambiare le proprie
    > leggi in barba ad ogni procedimento democratico,
    > protetta da centinaia di avvocati
    > strapagati.
    >
    > Dall'altra, tu.
    >
    > Uno dei due finirà con le ossa rotte, la faccia
    > nel fango e la vita
    > distrutta.
    >
    > Non saranno i lobbisti, stanne certo.

    Cosa è sempre successo finora e cosa succederà anche stavolta
    - spendono centinaia di M$ in lobbying
    - pizzicano uno-due poveretti (su centinaia di milioni di scaricatori)
    - spendono altre centinaia di M$ in avvocati
    - non ottengono nulla dai poveretti di cui sopra
    - la pirateria intanto aumenta agli stessi ritmi di prima

    Risultato: pugno di mosche in mano, confermata l'immagine pubblica di squali rapaci, bilancio a fine anno danneggiato, azionisti poco contenti.
    Peccato per quel poveretto o due che passerà un sacco di grane per niente. E tu la chiami giustizia...

    -
    Funz
    12972
  • a parte la mostruosità giuridica del fare una legge che consenta di farsi giustizia da soli, infettare i pc dei propri clienti (ci sono diverse indagini indipendenti che dimostrano che chi scarica acquista di più) con del malware è un'ottima strategia di marketing e fidelizzazione del cliente, complimenti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: asdfgsdfgsf dgsdfvdfvb sdbsdf
    > a parte la mostruosità giuridica del fare una
    > legge che consenta di farsi giustizia da soli,
    > infettare i pc dei propri clienti (ci sono
    > diverse indagini indipendenti che dimostrano che
    > chi scarica acquista di più) con del malware è
    > un'ottima strategia di marketing e fidelizzazione
    > del cliente,
    > complimenti.
    La vicenda del rootkit di sony non mi sembra li abbia danneggiati così tanto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: astro
    > - Scritto da: asdfgsdfgsf dgsdfvdfvb sdbsdf
    > > a parte la mostruosità giuridica del fare una
    > > legge che consenta di farsi giustizia da
    > soli,
    > > infettare i pc dei propri clienti (ci sono
    > > diverse indagini indipendenti che dimostrano
    > che
    > > chi scarica acquista di più) con del malware
    > è
    > > un'ottima strategia di marketing e
    > fidelizzazione
    > > del cliente,
    > > complimenti.
    > La vicenda del rootkit di sony non mi sembra li
    > abbia danneggiati così
    > tanto.

    perchè il rootkit non danneggiava i file degli utenti, la maggior parte dei quali non sapeva neanche di avercelo
    non+autenticato
  • - Scritto da: astro
    > - Scritto da: asdfgsdfgsf dgsdfvdfvb sdbsdf
    > > a parte la mostruosità giuridica del fare una
    > > legge che consenta di farsi giustizia da
    > soli,
    > > infettare i pc dei propri clienti (ci sono
    > > diverse indagini indipendenti che dimostrano
    > che
    > > chi scarica acquista di più) con del malware
    > è
    > > un'ottima strategia di marketing e
    > fidelizzazione
    > > del cliente,
    > > complimenti.
    > La vicenda del rootkit di sony non mi sembra li
    > abbia danneggiati così
    > tanto.

    http://punto-informatico.it/1313411/PI/News/sony-l...
  • - Scritto da: panda rossa

    > > La vicenda del rootkit di sony non mi sembra
    > li
    > > abbia danneggiati così
    > > tanto.
    >
    > http://punto-informatico.it/1313411/PI/News/sony-l

    Non è certo per il rootkit: i dirigenti sono sempre lì, ricchissimi e arroganti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: astro

    > La vicenda del rootkit di sony non mi sembra li
    > abbia danneggiati così
    > tanto.

    Io da parte mia da allora ho speso alcune migliaia di euro in roba elettronica e informatica, e sto accuratamente boicottando Sony.
    Funz
    12972
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 15 discussioni)