Marco Calamari

Lampi di Cassandra/ Figli di Trojan

di M. Calamari - Nel momento in cui PRISM guadagna l'attenzione dei media, e riemergono proposte per l'uso al servizio della sicurezza nazionale di discendenti legittimi dello spyware, perché le autorità non prendono posizione?

Roma - La scoperta della presunta "talpa" dietro la soffiata più importante della storia della Rete ha appena attenuato l'eco della più rivelatrice conferenze stampa del Presidente degli Stati Uniti Barack Obama, fatta espressamente dopo il leak delle famose slide su PRISM.
Obama ha tenuto a rassicurare i cittadini americani (e solo quelli) che le intercettazioni informatiche e telematiche di massa hanno in realtà violato la privacy di una percentuale molto bassa di pochissimi di loro (di americani quindi), e che questi limitati danni collaterali sono stati resi necessari e ripagati dalla vittoriosa lotta al terrorismo.

È stato anche confermato, per coloro che ne avessero bisogno, che attraverso la parte di Rete controllata dagli Stati Uniti passa anche la maggior parte del traffico degli utenti non americani, e che il traffico rimanente viene comunque intercettato, grazie all'attività di varie agenzie a tre lettere e con la complicità collaborazione di almeno 9 giganti dell'informatica, la cui reputazione resiste malgrado chiunque operi per o nella Rete sappia bene come essa non sia affatto meritata. Almeno per quanto riguarda il "non essere diabolici".

Rimanendo ancora in attesa di ascoltare con piacere il sempre omesso elenco degli attentati sventati grazie alle intercettazioni preventive e di massa, sembra evidente che i cittadini della altre democrazie occidentali non si indignino del fatto che gli è stato ufficialmente comunicato di essere tutti intercettati, in ogni modo possibile, e che continueranno ad esserlo in futuro perché è cosa buona e giusta.
È stato infatti spiegato ufficialmente che il governo degli Stati Uniti, pur considerando un "male necessario" dover talvolta intercettare a priori i propri cittadini innocenti, è completamente disinteressato rispetto a sorte ed opinioni degli abitanti delle altre 203 nazioni sovrane di questo pianeta, incluse ovviamente le democrazie occidentali che fanno parte dell'UE, Italia compresa.
Ed ovviamente questi "non indignados" non chiedono che il loro governanti nazionali ed i rappresentanti delle istituzioni sovranazionali si indignino almeno loro, e facciano pubblicamente arrivare nello Studio Ovale le loro proteste ufficiali. Per l'Italia siano di esempio le tiepide dichiarazioni del Garante della Privacy: la prima parla di "tabulati", la seconda parla di "raccolta dati USA" che "in Italia sarebbe reato" e la terza arriva a sbilanciarsi definendo "Inaccettabile il monitoraggio costante della vita cittadini".
A Cassandra farebbe invece piacere vederlo agire di concerto con Ministro degli Esteri ed il supporto del Governo, mentre convoca l'ambasciatore degli Stati Uniti in Italia, presentandogli una protesta formale, e contemporaneamente chiedendo la convocazione di una riunione di emergenza del Garanti europei.

Ma se Cassandra può accettare chi, ormai prostrato, non si indigna più di niente, non può accettare che ci sia qualcuno che caschi dal pero e si meravigli di essere arrivati a questo punto. Si poteva pensare che, dopo Echelon ed altre attività simili, negli ultimi 10 o 20 anni quei discoli dalle risorse illimitate, colti per una volta con le mani nella marmellata, si fossero dati all'uncinetto?

Viviamo in democrazie dove talvolta le intercettazioni vengono eseguite utilizzando trojan di stato, impiegati senza nemmeno le garanzie richieste per eseguire un'intercettazione telefonica. E se in Germania la cosa è stata, almeno formalmente, bloccata, c'è da meravigliarsi che l'esempio compaia altrove? E c'è da meravigliarsi che figli "legittimi" dei trojan di stato tedeschi, i Bundestrojan, riemergano in altri paesi europei come la Spagna ed occhieggino, con il nome cambiato da una manovra politically correct in "Captatori informatici", anche nel Belpaese, propagandati come arma diretta contro i cattivi e da utilizzarsi senza gli adempimenti richiesti anche dalla più banale intercettazione telefonica?

Signor Garante della Privacy, sentirla chiedere azioni incisive su PRISM ai suoi colleghi dell'UE contro le intercettazioni facili, preventive e di massa sarebbe di grande conforto.
E quando gioca "in casa", quindi, su questioni che ricadono completamente sotto la sua autorità, sarebbe bello sentirla anche definire "inaccettabili" in Italia l'uso questi discendenti di trojan e botnet, almeno senza garanzie molto, ma molto più forti di quelle necessarie per richiedere un'intercettazione telefonica o ambientale.

Marco Calamari
Lo Slog (Static Blog) di Marco Calamari

Tutte le release di Cassandra Crossing sono disponibili a questo indirizzo
Notizie collegate
  • AttualitàPRISM, la talpa è Edward SnowdenTecnico in forza alla NSA, c'è lui dietro le scottanti rivelazioni di Guardian e Washington Post. Ora si è rifugiato in Asia, mentre attende che i governi facciano chiarezza su quanto raccontato
  • AttualitàProgetto PRISM, NSA poliziotto globaleLo scandalo delle intercettazioni USA procede di rivelazione in rivelazione. Dalle conversazioni telefoniche si passa al rastrellamento dei dati sui server delle grandi web-company USA. Che hanno delle backdoor a disposizione dei federali
  • AttualitàUSA, NSA e le intercettazioni a strascicoDocumenti esclusivi provano che l'intelligence tiene sotto controllo tutte le chiamate dei cittadini statunitensi. L'ha stabilito il presidente Obama, ed è una sorpresa che non sorprende. EFF: ve l'avevamo detto
  • AttualitàNSA, Anonymous e il segreto di Pulcinelladi G. Bottà - Gli hacktivisti pubblicano documenti compromettenti per le autorità statunitensi. Che però sono sempre stati pubblici, disponibili sulle fonti ufficiali. Non c'è peggior sordo di chi non sa di poter cercare
  • AttualitàContrappunti/ Le ombre dietro Prismdi M. Mantellini - Le parole sono importanti. E le parole delle net company pronunciate dopo lo scoppio dello scandalo non sono tranquillizzanti. Con una eccezione
32 Commenti alla Notizia Lampi di Cassandra/ Figli di Trojan
Ordina
  • Google è gratis, Gmail è gratis, Facebook è gratis… è tutto gratis eppure sapete quanto costa mantenere server e servizi simili. E' logico che a qualche cosa servano, e che siano mantenuti gratis per raccogliere il maggior numero di utenti possibile. I media americani e a ruota occidentali hanno giocato un ruolo importantissimo nel far conoscere questi servizi. E dunque o accettiamo il fatto di essere intercettati oppure paghiamo per avere gli stessi servizi al vero prezzo che dovrebbero avere ad esempio una casella postale come Gmail dovrebbe costare almeno 50 euro l'anno.
    non+autenticato
  • Sono due settimane che sembra accaduto chissà che, perché la NSA ha intercettato dei cittadini negli USA (ed è questo in realtà che ha scatenato la polemica politica locale) e come sempre in giro per il mondo (che non interessa a nessuno).

    Ci si lamenta della mancata reazione dei Capi di Stato ? Ma se la CIA domina da 70 anni la scena internazionale, è nata per questo scopo e ha ammesso, di aver combinato di tutto, senza che si lamentasse nessuno (dico nessuno che non sia annoverato tra le canaglie) perché qualcuno dovrebbe reagire al nulla ?

    Viviamo in un mondo dove tutti (tranne i terroristi) hanno in tasca un telefono furbo, che segnala dove siamo con il GPS a Google o Apple, che manda la lista dei contatti sui suoi server, che colleziona le email sui vari GMAIL, che ha roba come Hangout installato, dove se ti iscrivi a G+ trovi tra le persone che potresti conoscere i contatti telefonici presenti nelle agende private di quelli che conosci ...

    Magari poi si usa Whatsapp, Facebook, Skype o quella magica applicazione per Android che quando ti telefonano, ti scrive chi ti chiama anche se non è in agenda (chissà come farà !).

    E queste sono aziende "private" che profilano la vita, soprattutto attraverso i dati che di noi gli danno quelli che conosciamo, con tanto di foto e riconoscimento automatico dei volti.

    Sono aziende che si scambiano (acquisiscono) i profili senza chiederci il permesso e mentre tutto questo passa inosservato, stiamo a preoccuparci dell'eventualità che un tizio della NSA pagato dal Governo Americano, che entra nelle nostre email per leggere le offerte dell'assicurazione auto tra lo SCAM ?

    Questa è aria fritta, pura aria fritta, cibo inutile per gente che non ha piena consapevolezza di quello che scambia in modo fintamente privato su Internet, e avvantaggia solo quelli che vogliono che continui ad essere così.

    Bel titolo comunque.
    non+autenticato
  • Ma si, intercettiamo tutto il traffico. Tutti sanno che i membri di Al Qaeda si scambiano i piani terroristici via Twitter o via mail, ovviamente in chiaro!
  • - Scritto da: Skywalkersenior
    > Ma si, intercettiamo tutto il traffico. Tutti
    > sanno che i membri di Al Qaeda si scambiano i
    > piani terroristici via Twitter o via mail,
    > ovviamente in chiaro!

    alqaeda? terroristi?
    sicurezza?

    no... si tratta "solo" di (potentissimi) dispositivi di controllo di massa, finalizzati alla repressione dei pochi che non dovessero lasciarsi docilmente condizionare (culturalmente e psicologicamente) dal simulacro della realtà altrimenti detto web2.0
    non+autenticato
  • - Scritto da: tpsb
    > - Scritto da: Skywalkersenior
    > > Ma si, intercettiamo tutto il traffico. Tutti
    > > sanno che i membri di Al Qaeda si scambiano i
    > > piani terroristici via Twitter o via mail,
    > > ovviamente in chiaro!
    >
    > alqaeda? terroristi?
    > sicurezza?
    >
    > no... si tratta "solo" di (potentissimi)
    > dispositivi di controllo di massa, finalizzati
    > alla repressione dei pochi che non dovessero
    > lasciarsi docilmente condizionare (culturalmente
    > e psicologicamente) dal simulacro della realtà
    > altrimenti detto
    > web2.0

    Io non mi sono iscritto né a feibuc, né a tuitter, né a maispeis. Posso essere considerato un dissidente?
  • - Scritto da: Skywalkersenior
    > Io non mi sono iscritto né a feibuc, né a
    > tuitter, né a maispeis.

    neanche io... a nessun servizio "social"...

    > Posso essere considerato un dissidente?

    anche peggio di un terrorista!
    Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: tpsb

    >
    > > Posso essere considerato un dissidente?
    >
    > anche peggio di un terrorista!
    > Occhiolino

    Corro a chiedere asilo politico a Hong Kong
  • - Scritto da: Skywalkersenior
    > Ma si, intercettiamo tutto il traffico. Tutti
    > sanno che i membri di Al Qaeda si scambiano i
    > piani terroristici via Twitter o via mail,
    > ovviamente in
    > chiaro!
    e non dimenticare i terribili pedopornoterrosatanistiDeluso
    non+autenticato
  • Ebbene sì, questo divertentissimo titolo si piazza al 2° posto, subito dopo "Tutte le tavolette del CES".
    Bravi!A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pino
    > Ebbene sì, questo divertentissimo titolo si
    > piazza al 2° posto, subito dopo "Tutte le
    > tavolette del
    > CES".
    > Bravi!A bocca aperta
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
  • - Scritto da: Pino
    > Ebbene sì, questo divertentissimo titolo si
    > piazza al 2° posto, subito dopo "Tutte le
    > tavolette del
    > CES".
    > Bravi!A bocca aperta

    Ma non dimentichiamo anche il mitico "Gates si ritira al CES":

    http://punto-informatico.it/2153140/PI/News/gates-...
    non+autenticato
  • per il titolo (e anche per il contenuto ovviamente)A bocca aperta
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)