I virus più virali

Li dice Sophos

Roma - Come di consueto il produttore di antivirus Sophos ha pubblicato la lista dei virus che ritiene essere più diffusi nell'ultimo mese. Le percentuali esprimono l'evenienza del virus su 100 email infette intercettate:

1. W32/Gibe-F (variante di Gibe) 22,7%
2. W32/Dumaru-A (virus Dumaru) 13,6%
3. W32/Mimail-A (worm Mimail) 12,4%
4. W32/Sobig-F (variante di Sobig) 9,0%
5. W32/Klez-H (variante di Klez) 4,4% da 21 mesi in classifica
6. W32/Nachi-A (worm Nachi) 4,3%
7. W32/Blaster-A (worm Blaster) 2,4%
8. Troj/CoreFloo-C (Trojan CoreFloo) 2,1% New Entry
9. W32/Bugbear-B (variante di Bugbear) 1,6%
10. W32/Rox-A (worm Rox) 1,0% Re-Entry

Altri: 26,5 %.
Sophos è qui
15 Commenti alla Notizia I virus più virali
Ordina
  • anche in presenza di virus per altri sistemi operativi, Windows "vince" la gara di vulnerabilità specifica ai virus.
    Complimenti!

    non+autenticato
  • Forse perchè è più facile far danni? A bocca aperta
    Fan Linux

    Ciao
  • Risposta non trollosa anche se la tua voleva forse essere uno spunto per far fud o trolling..

    Windows si porta dietro una struttura modulare tutta a ragnatela e collegata, e quindi la vulnerabilità in una applicazione presto o tardi la puoi ritrovare in altre..

    Un esempio? Ci sono diversi exploit che rompono le scatole a IE che però rompono analogamente le scatole alla preview html di outlook (express o meno)..

    Le DLL sono un "gran male" per windows, oltre però essere state comunque, bisogna ammetterlo, un pregio.
    opazz
    8666
  • Ok, evito di "trolleggiare" anch'io. (chissà poi se esiste una parola del genere in italiano: va bè la aggiungeranno tra non molto sicuramente)

    Hai ragione, la mia domanda era una provocazione, anche se ha lo scopo di far riflettere la gente, e mi fa piacere che tu lo abbia fatto Sorride

    Il problema, però non si risolve dicendo quelle che sono le cause, ma cercando di fare in modo che non si ripresenti.

    Riguardo alle DLL, potrebbero invece essere (e per molti applicativi lo sono) un'ancora di salvezza per i bug. Infatti se un bug dipende da una concezione errata di scrittura del SW, risolvendolo su una DLL lo si risolve per tutti gli applicativi che usano quella DLL. Però, come fai notare tu, potrebbero anche portare a un effetto a catena dello stesso bug che si ripresenta più e più volte. Dipende tutto dall'approccio.

    Ciao
  • > Ok, evito di "trolleggiare" anch'io. (chissà
    > poi se esiste una parola del genere in
    > italiano: va bè la aggiungeranno tra non
    > molto sicuramente)

    Sicuro, diventerà presto un neologismo.

    > Hai ragione, la mia domanda era una
    > provocazione, anche se ha lo scopo di far
    > riflettere la gente, e mi fa piacere che tu
    > lo abbia fatto Sorride

    Grazie.

    > Il problema, però non si risolve dicendo
    > quelle che sono le cause, ma cercando di
    > fare in modo che non si ripresenti.

    Eh, da buon obiettivo che voglio essere, mica posso essere certo che l'errore (vedendo il tuo avatar che condivido molto) presentatosi di recente in openSSL non si riverifichi più?

    > Riguardo alle DLL, potrebbero invece essere
    > (e per molti applicativi lo sono) un'ancora
    > di salvezza per i bug. Infatti se un bug
    > dipende da una concezione errata di
    > scrittura del SW, risolvendolo su una DLL lo
    > si risolve per tutti gli applicativi che
    > usano quella DLL. Però, come fai notare tu,
    > potrebbero anche portare a un effetto a
    > catena dello stesso bug che si ripresenta
    > più e più volte. Dipende tutto
    > dall'approccio.

    L'approccio del sistema operativo è quello che tu dici, ovvvero si usano dll, per più scopi, ma è un doppio taglio, se si da una parti correggi e copri tante falle, dall'altra parte lasci "più parti" dove far intrufolare il "truffaldino"...
    > Ciao
    opazz
    8666
  • Pienamente d'accordo, però se lo devi risolvere lo risolvi una volta sola, il che è un gran vantaggio. Per intenderci, è vero che le DLL e, più in generale, le librerie condivise sono un'arma a doppio taglio; questo è il motivo per cui bisogna saperle maneggiare Sorride

    Nel mio Post iniziale mettevo in dubbio la capacità di M$, IMHO a causa del famigerato TTM, di fare ciò.

    Riguardo ai problemi che si ripresentano, almeno in teoria, dovremmo già sapere come risolverli Sorride

    Ciao

  • - Scritto da: Xmasitel
    > Forse perchè è più facile far danni? A bocca aperta
    >   Fan Linux

    pare di no
    http://punto-informatico.it/p.asp?i=45216

    Linux è l'OS più craccato in Rete
    Una società di sicurezza londinese sostiene in uno studio che Linux è di gran lunga il sistema operativo server più bucato dai cracker, un primato che Windows detiene nel settore governativo

    **************************
    laddove e' diffuso e' attaccato anche Linux.
    evidentemente i cracker non e' che stanno a guardare al colore del sistema, attaccano dappertutto.

    O.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Linux è l'OS più craccato in Rete
    > Una società di sicurezza londinese sostiene
    > in uno studio che Linux è di gran lunga il
    > sistema operativo server più bucato dai
    > cracker, un primato che Windows detiene nel
    > settore governativo

    se viene bucato un 10% di un installato linux che copre il 90% dei server è ovvio che è maggiore del 10% bucato di quel 10% di windows che rimane del totale...
    non+autenticato
  • che è la stessa cosa che ha detto lui.

    ovvero che i cracker non vedono il SO, vedono solo le falle.

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Linux è l'OS più craccato in Rete
    > > Una società di sicurezza londinese
    > sostiene
    > > in uno studio che Linux è di gran lunga il
    > > sistema operativo server più bucato dai
    > > cracker, un primato che Windows detiene
    > nel
    > > settore governativo
    >
    > se viene bucato un 10% di un installato
    > linux che copre il 90% dei server è ovvio
    > che è maggiore del 10% bucato di quel 10% di
    > windows che rimane del totale...

    lo stesso ragionamento vale per i desktop, lì ove linux non esiste
    non+autenticato
  • dall'articolo che riporti ( ....e che non hai letto bene..)
    "Curiosamente, nel settore governativo le statistiche si ribaltano e Windows eredita la palma di sistema operativo più vulnerabile agli attacchi con il 51,4% contro il 14,3% di Linux, qui posizionatosi secondo."

    senza andare a perdere tempo sulle statistiche ( in quanto da quanto vedo possono essere interpretate in base a quello che si vuole sostenere..) ...dove il sistema richiede sicurezza ( = competenza degli amministratori ) è possibile stabilire quale sia il S.O. più sicuro...!!! Ammettereai che non ha senso paragonare sistemi in base ad una ipotetica sicurezza intrinseca .... se poi alla fine sono mal configurati!!!! tradotto se un ladro svaligia una cassaforte .... non è colpa della cassaforte che è mal costruita ... se ci si accorge che il padrone na ha lasciato la porta aperta !!!!!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Xmasitel
    > Forse perchè è più facile far danni? A bocca aperta
    >   Fan Linux
    >
    > Ciao

    forse perchè vengono scritti da gente che usa sistemi alternativi.

    forse perchè windows è il maggior sistema ed è questo che "deve" essere colpito.

    forse perchè bill gates ha fatto miliardi con un lavoro mediocre ed è pure brutto.