Mauro Vecchio

Obbligo di rettifica, più volte ritornano

Torna alla Camera la revisione della vecchia legge sulla stampa, con il famigerato comma ammazza-blog. A presentarla è ora un gruppo di 13 deputati di Scelta Civica

Obbligo di rettifica, più volte ritornanoRoma - L'eterno ritorno di quello che tutti definiscono comma ammazza-blog, nell'ennesima proposta di legge presentata alla Camera da un gruppo di deputati centristi (Scelta Civica) capitanati dal magistrato pugliese Stefano Dambruoso. Al centro dell'attenzione, le solite modifiche alla vecchia legge sulla stampa (8 febbraio 1948) oltre che al codice penale in materia di diffamazione e di ingiuria.

Dopo il terzo comma dell'art. 1 dovrebbe perciò essere inserito quanto segue: "per i siti informatici, ivi compresi i blog, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate entro quarantotto ore dalla richiesta, in testa alla pagina, prima del corpo dell'articolo, con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità cui si riferiscono".

Presidente della sezione italiana della International Webmaster Association (IWA), Roberto Scano si è soffermato in particolare sulla definizione di "siti informatici", che potrebbe tranquillamente comprendere i grandi social network o le piattaforme dello User Generated Content (UGC). E cosa accade se la diffamazione avviene in un post, in un cinguettio, in un commento ad un filmato su YouTube?
Estendendo l'obbligo di rettifica anche a saggi e libri (stampa non periodica), il gruppo di deputati centristi ha previsto un periodo di sette giorni prima della pubblicazione su almeno due quotidiani nazionali. Le sanzioni pecuniarie in caso di inadempienza entro i termini stabiliti sarebbero comprese tra 8mila e 16mila euro, decisamente più salate di quelle previste dall'On. Pino Pisicchio (Gruppo Misto) nell'ultimo blitz ammazzablog.

Per il deputato Dambruoso, la nuova proposta legislativa "coglie da un lato l'esigenza di salvaguardare le persone che hanno un interesse alla correzione di dati inesatti quando non addirittura diffamatori e dall'altro introduce un correttivo che avrà ricadute significative nella determinazione del danno, il quale, dopo la pubblicazione della rettifica non potrà che risultare ridotto e in alcuni casi persino esaustiva".

"È dunque errato - prosegue Dambruoso - denominare la proposta che introduce per blog e libri l'obbligo della rettifica come uno strumento ammazzablog. Al contrario sono le cause civili e le conseguenti richieste risarcitorie che ammazzano la libertà di informazione e l'esistenza stessa di blog, giornali online e case editrici. Dobbiamo introdurre un regime virtuoso in cui ciascuno sa qual è la sua parte di doveri e di responsabilità", ha concluso.

Il nuovo testo presentato alla Camera prevede, anche per le testate tradizionali, che la rettifica venga pubblicata senza commento. Il disegno di legge cancella la pena del carcere in caso di diffamazione a mezzo stampa per un fatto determinato, prevedendo solo la multa da 5mila a 50mila euro.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàEmendamento salva-blog alla CameraIl nuovo emendamento Cassinelli limita l'obbligo di rettifica ai siti di testate registrate secondo la normativa sulla Stampa. E promette di salvare i blog, se il Governo non porrà la Fiducia prima della sua approvazione
  • Diritto & InternetLa Camera manda avanti il DDL anti-blogdi Luca Spinelli - Assegnata alla commissione Cultura della Camera una nuova proposta di legge che obbliga molti blog a iscriversi al registro dei comunicatori ed estende ad essi i reati a mezzo stampa. Tutti i dettagli
  • AttualitàDDL Diffamazione, la Rete nel mirinoLa Commissione Giustizia del Senato approva la cosiddetta salva-Sallusti, permettendo ai soggetti lesi di ordinare la rimozione dei contenuti da siti e motori di ricerca. Grandi polemiche
20 Commenti alla Notizia Obbligo di rettifica, più volte ritornano
Ordina
  • Si torna a parlare di questo disegno di legge, che ora verrà discusso in Senato dopo la pausa di un anno e mezzo:

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/10/10/ddl-dif.../

    http://www.repubblica.it/politica/2014/10/10/news/...
  • Ma se loro per primi stan facendo puttanate senza chiedere scusa anzi senza dire ne crepa ne sciopa (detto veneto) da 30 anni, vogliono la rettifica?
    se dovessero fare rettifica di tutte quelle che han combinato, o pagar pegno, dovremo rivedere la legge sulla pena capitale ed eguagliarci alla Cina.
  • Questa si che è una frase democratica:

    "...dobbiamo introdurre un regime virtuoso"

    Ce un mondo dietro questa frase. Complimenti a questi statisti
  • Ma nel gruppo della Camera non ci sarebbe pure Quintarelli? Mah!
    FDG
    10893
  • - Scritto da: FDG
    > Ma nel gruppo della Camera non ci sarebbe pure
    > Quintarelli?
    > Mah!

    Quintarelli è reduce da un incidente stradale e AFAIK è in convalescenza fino a settembre almeno. Mi sa che i suoi colleghi di partito hanno approfittato anche di questo. Certo è che a vedere su twitter, Quintarelli sembra più interessato a PRISM.
    non+autenticato
  • beh, no... ho twittato che sto cercando di convincere i colleghi a cambiare la norma proposta..
    non+autenticato
  • Iniziamo a denunciare a destra e a manca qualsiasi articolo di grandi testate ?
    Ad esempio se fanno un servizio riguardante una manifestazione e dicendo che c'erano 10.000 manifestati, io posso mandargli una lettera per dirgli che essendo un interessato mi sento offeso poiche' eravamo 100.000 ?
    E se un altro ne manda una uguale dicendo che eravamo in 1.000 ?
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane

    > Ad esempio se fanno un servizio riguardante una
    > manifestazione e dicendo che c'erano 10.000
    > manifestati, io posso mandargli una lettera per
    > dirgli che essendo un interessato mi sento offeso
    > poiche' eravamo 100.000
    > ?

    Puoi provarci.

    Ovviamente le tue possibilità di riuscita sono inversamente proporzionali alle disponibilità finanziarie della testata che denunci.

    Io soppeserei bene le possibili conseguenze, se fossi in te. Un conto è cancellare dalla faccia della terra un piccolo blogger, un'altra infastidire una grande macchina mediatica magari sostenuta da qualche potente...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Get Real
    > - Scritto da: krane
    >
    > > Ad esempio se fanno un servizio riguardante una
    > > manifestazione e dicendo che c'erano 10.000
    > > manifestati, io posso mandargli una lettera per
    > > dirgli che essendo un interessato mi sento
    > offeso
    > > poiche' eravamo 100.000
    > > ?
    >
    > Puoi provarci.
    >
    > Ovviamente le tue possibilità di riuscita sono
    > inversamente proporzionali alle disponibilità
    > finanziarie della testata che
    > denunci.
    "ovviamente" ma anche no. I fogliacci di Arcore, per es, di querele e relative sentenze risarcitorie ne hanno prese eccome. E sulle loro "disponibilita' finanziarie" non credo si possa discutere...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Get Real
    > - Scritto da: krane
    >
    > > Ad esempio se fanno un servizio riguardante una
    > > manifestazione e dicendo che c'erano 10.000
    > > manifestati, io posso mandargli una lettera per
    > > dirgli che essendo un interessato mi sento
    > offeso
    > > poiche' eravamo 100.000
    > > ?
    >
    > Puoi provarci.
    >
    > Ovviamente le tue possibilità di riuscita sono
    > inversamente proporzionali alle disponibilità
    > finanziarie della testata che
    > denunci.
    >
    > Io soppeserei bene le possibili conseguenze, se
    > fossi in te. Un conto è cancellare dalla faccia
    > della terra un piccolo blogger, un'altra
    > infastidire una grande macchina mediatica magari
    > sostenuta da qualche
    > potente...

    A quanto pare tu e il tuo socio Voice of Reason (ammesso e non concesso che siate due persone diverse, cosa di cui dubito fortemente) adottate la stessa tattica: al minimo accenno di critica chiedete la cancellazione del post "incriminato"......

    Penoso.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Trollollero
    >
    > A quanto pare tu e il tuo socio Voice of Reason
    > (ammesso e non concesso che siate due persone
    > diverse, cosa di cui dubito fortemente) adottate
    > la stessa tattica: al minimo accenno di critica
    > chiedete la cancellazione del post
    > "incriminato"......
    >
    > Penoso.

    non farti intortare dalle storielle che ti raccontano sulla censura di PI, che a loro dire avviene solo su segnalazione..

    ho più volte visto cancellare delle risposte ironiche ai miei post.. io credo di avere un certo senso dell'umorismo e mi diverto anche, per cui non ho mai segnalato nulla.. a volte però tali risposte vengono segate, e mi chiedo chi potrebbe mai fare una segnalazione per una presa in giro che riguarda esclusivamente me...

    avrò forse degli ammiratori segreti che prendono le mie difese? Innamorato Newbie, inesperto
  • Non funziona così.

    Potresti farlo nel caso in cui dimostri con certezza di aver contato tutti e che quindi quel numero risulta inferiore allo scopo di danneggiarti.

    Quello che è agghiacciante è che chinque faccia la richiesta e se la veda accettata darà seguito nel giro di pochissimo tempo ad una rettifica o censura senza che la controparte (il blog o la testata ecc..) abbia il tempo di difendersi esprimendo il proprio diritto!
  • - Scritto da: Joker One
    > Non funziona così.

    > Potresti farlo nel caso in cui dimostri con
    > certezza di aver contato tutti e che quindi quel
    > numero risulta inferiore allo scopo di
    > danneggiarti.

    E come possono loro sapere che io non ho contato tutti ?
    E che ne sanno loro che cosa danneggia me ?

    > Quello che è agghiacciante è che chinque faccia
    > la richiesta e se la veda accettata darà seguito
    > nel giro di pochissimo tempo ad una rettifica o
    > censura senza che la controparte (il blog o la
    > testata ecc..) abbia il tempo di difendersi
    > esprimendo il proprio diritto!

    Ma se non ha tempo di difendersi allora posso inventarmi qualsiasi cazvolata no ?
    krane
    22544
  • chi fa richiesta deve sicuramente motivarla.

    Quello che non è chiaro infatti è come faccia l'autorità preposta a capire quando una richiesta puo' essere accolta e quando no se si basa solo sulle richieste della parte che si ritiene lesa?

    le cose sono due: o le informazioni che riceviamo sulla vicenda sono incomplete o ci troviamo davvero davanti a una proposta di legge che punta esclusivamente agli interessi di una parte.

    lo scopo ovviamente è quello di saltare i tribunali così da avere la nostra bella censurina nel giro di pochi giorni, manca solo che legiferiamo leggi per evitare di sottoporsi alla legge.
  • Aggiungere una postilla in fondo ad ogni post sul blog con scritto

    questo è un racconto di pura fantasia
    ogni riferimento a persone realmente esistite
    o fatti realmente accaduti è puramente casuale


    e, sotto ancora

    LOL
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)