Taglia di Microsoft sui virus writer

Importante svolta del big di Redmond che offre 500mila dollari a chi fornirà informazioni utili all'identificazione e alla cattura dei creatori di due virus che hanno fatto molti danni. Coinvolti anche FBI, intelligence USA e Interpol

Taglia di Microsoft sui virus writerRoma - 500mila dollari. Questa la cifra che Microsoft è disponibile a mettere in mano a chi consegnerà alle forze dell'ordine informazioni sufficienti all'identificazione e all'arresto dei virus writer che hanno dato vita a SoBig e MSBlast, due dei virus più dannosi degli ultimi mesi.

La scelta del big di Redmond viene accolta con estremo interesse dentro e fuori gli ambienti dedicati alla sicurezza perché rappresenta una svolta notevolissima sul fronte della battaglia contro i virus. La speranza della softwarehouse è evidentemente quella di mettere sulle tracce dei virus writer chiunque abbia le competenze per farlo o spingere chi già sa, a fornire le indicazioni che servono per la cattura dei responsabili.

Ulteriore attenzione è sollevata dal fatto che ad annunciare l'iniziativa non è la sola Microsoft ma anche i rappresentanti dei cybercop dell'FBI e dell'intelligence americani nonché dell'Interpol che indagano su questi fenomeni. Un interesse peraltro inevitabile vista l'ampiezza dei danni che vengono attribuiti ai due virus. Le borse per ciascun virus, di 250mila dollari l'una, saranno versate dalla sola Microsoft.
A MSBlast, più noto come Blaster, viene attribuita la capacità di diffondersi su almeno 1,2 milioni di computer mentre Sobig.F è riuscito a colpire duramente la rete grazie alla sua capacità di trasformare i computer vittima in "nodi sparaspam". Due eventi che hanno messo alla prova Microsoft che ha ora evidentemente deciso di operare non più soltanto sul fronte del rafforzamento della sicurezza delle proprie architetture ma anche sul fronte della repressione di un fenomeno decisamente pericoloso per reti e computer.

Marco Comastri"Oltre a lavorare per rendere il software più sicuro - ha dichiarato Marco Comastri, general manager di Microsoft Italia - con questa iniziativa vogliamo combattere, in collaborazione con l?Interpol e l?FBI, questi comportamenti criminali. I danni provocati dai sabotatori del cyberspazio, infatti, sono tutt?altro che virtuali, e causano ogni anno perdite economiche dell?ordine di decine di miliardi di euro?.

Microsoft non si è limitata però alla "taglia" perché ha anche predisposto un fondo da 5 milioni di dollari con cui verranno sostenute le attività delle agenzie investigative internazionali.

Di seguito gli altri dettagli del clamoroso annuncio.
TAG: microsoft
119 Commenti alla Notizia Taglia di Microsoft sui virus writer
Ordina
  • Magari è il primo imputato, che ne dite? A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Magari è il primo imputato, che ne dite? A bocca aperta

    Vista la giornata non ho molta voglia di impegolarmi in dibattiti. Quindi vado dritto al sodo: sei un coglione !
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Magari è il primo imputato, che ne dite? A bocca aperta

    Potrebbe anche essere.
    non+autenticato
  • ora che la sicurezza assoluta non esista è un fatto che non si discute...
    che gli utenti facciano molto del loro per prendersi i virus è vero...
    ma come si fa a dire che tanto vale usare windows..?.
    io uso linux proprio perchè nessun pazzo mi sviluppa un browser e un s.o. con i quali far partire DA UNA PAGINA WEB!!!! un worm con buchi nella sicurezza di tecnologie proprietarie e sviluppate da M$...
    siete riusciti a ridurre il problema di tecnologie messe su alla bene e meglio ai permessi di amministrazione!!!!!!
    il problema è che con windows per prendersi un bel virus non c'è alcun bisgono di entrare come root e che se windows sta cercando di diventare un s.o. serio è vero non da parecchi anni come scrive qualcuno ma da poco tempo proprio per la concorrenza del pinguino...
    non scordate poi che il punto di forza degli s.o. microsoft è sempre stato il facile aggiramento dell'architettura del sistema che ha permesso ad applicativi critici ma inutili (i giochi) di fare quello che volevano e ai produttori di hardware di fare prodotti che tanto poi s'aggiustavano via software... e questi sono ancora gli unici due veri punti di forza di windows...
    una politica industriale che ti fa vendere tonnellate di s.o. non la cambi certo per qualcuno che si prende un virus... soprattutto se nessuno ti fa concorrenza...
    la dimostrazione è la taglia piuttosto che un cambio di strategia...
    se poi inizia la concorrenza e la domanda di sicurezza aumenta cominci a farti due conti....
    ma non mi sembra che a microsoft importi molto della sicurezza del suo sistema... come le major preferisce la risposta repressiva che quella di mercato.... e finchè la gdf preferisce perseguire uno che non paga una licenza piuttosto che ritirare dal mercato le copie difettose di un s.o. (perchè se mi prendo un virus navigando in internet su una pagina web per un baco di un'architettura proprietaria è come se mi stessi mangiando un alimento adulterato!!!!) la microsoft non cambierà strategia....
    tanto può anche contare sui media e sull'appoggio delle persone come .NET che avrebbero tutto l'interesse a chiedere spiegazioni piuttosto che biasimare i poveri utonti... tanto tocca a tutti .NET prima o poi.... io ho preso un solo virus in vita mia, 15 anni fa col caro vecchio DOS grazie a mia sorella che di nascosto infilò un dischetto comprato in una bancarella.... ma non me la sono presa con lei... mi sono convinto che il problema l'avevo avuto io e che dovevo risolverlo....
    spero di averlo risolto ma anche se ho linux e opero generalemente a un livello di privilegio nullo mi preoccupo che la rincorsa all'usabilità mi porti via la tanto agognata sicurezza (non è con tutta questa allegria che inserisco in mandrake la mia password di root per installare qualcosa se sono entrato come utente normale... a me 'sta cosa mi puzza e mi sto ancora documentando per conoscere tutti i rischi....)

    saluti

    non+autenticato
  • ...di aggiustare le cose?
    Gates Gates... cosa mi combini??
    :)
    non+autenticato
  • Era ora ... 'sti virus writer danneggiano milioni di persone non esperte ed e' ora che vengano trattati come i delinquenti comuni. Benvengano taglie e provvedimenti penali!

    Vale la pena di ricordare che a volte mettono a repentaglio anche dati importanti per la vita stessa delle persone (posso citare dei casi in ospedale).

    Ed anche se mi sono sempre protetto efficacemente sarei stanco di fare assistenza da amici e parenti colpiti, lo sappiamo tutti che per quanto si cerca di spiegare agli amici coem difendersi, alla fine si finisce a perdere ore a tirarli fuori dai pasticci.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Era ora ... 'sti virus writer danneggiano
    > milioni di persone non esperte ed e' ora che
    > vengano trattati come i delinquenti comuni.
    > Benvengano taglie e provvedimenti penali!
    >
    > Vale la pena di ricordare che a volte
    > mettono a repentaglio anche dati importanti
    > per la vita stessa delle persone (posso
    > citare dei casi in ospedale).
    >

    è vero, sono cose che non si sentono tutti i giorni, ma molta gente è finita in ospedale a causa di virus...




    :)
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Era ora ... 'sti virus writer danneggiano
    > milioni di persone non esperte ed e' ora che
    > vengano trattati come i delinquenti comuni.
    > Benvengano taglie e provvedimenti penali!

    Patetico, veramente patetico, come tornare indietro di 200 anni. Se pensi che sia questa la sluzione del problema...

    > Vale la pena di ricordare che a volte
    > mettono a repentaglio anche dati importanti
    > per la vita stessa delle persone (posso
    > citare dei casi in ospedale).

    La colpa è di chi, in un ambiente così importate, ha scelto di usare quel cesso di sistema operativo che è Windows.
    non+autenticato
  • >
    > > Vale la pena di ricordare che a volte
    > > mettono a repentaglio anche dati
    > importanti
    > > per la vita stessa delle persone (posso
    > > citare dei casi in ospedale).
    >

    Il problema sta nella disinformazione. M$ è tanto conosciuta perchè, l'unica cosa che sa fare non è gli OS, ma la pubblicità.
    Per quanto mi riguarda, negli ospedali, ecc.., sarebbe opportuno mettere personale preparato anche nell'uso di linux, in quanto, così, si eviterebbero Virus e lamerate simili.
    non+autenticato
  • E' solo un modo di costringere qualche buon programmatore
    a lavorare per la Microsoft, sotto minaccia della galera...
    Ah, dimenticavo... e di fare bella faccia di fronte alle autorità
    americaneOcchiolino
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 25 discussioni)