Alfonso Maruccia

Linux e le parolacce di Linus

Screzi sulla mailing list. Al centro della polemica la tendenza di Torvalds a usare il turpiloquio. Che chiude ogni polemica e affibbia un soprannome alla versione 3.11 del kernel

Roma - Linus Torvalds è uno che usa parolacce e turpiloquio con una certa disinvoltura, e questo è un fatto acclarato dopo gli insulti pubblici contro NVIDIA e le note sfuriate contro gli sviluppatori sulla mailing list ufficiale di Linux. Ma proprio su detta mailing list c'è ora qualcuno che mette in discussione questo comportamento, parlando di violenza verbale in nessun caso giustificabile.

linus torvaldsA scatenare la querelle è stata Sarah Sharp, sviluppatrice Linux impiegata presso Intel che si è pubblicamente lamentata dello stato di cose con il turpiloquio di Torvalds: le parolacce non sono necessarie per migliorare il codice, sostiene Sharp, e la violenza non è accettabile sia che si tratti di intimidazione fisica o di "abuso e minacce verbali". La mailing list del Pinguino deve essere professionale, dice la sviluppatrice, e lei non ha intenzione di continuare a giocare il ruolo di "ragazza simpatica" mentre il maintainer del progetto Linux urla e insulta - dietro a uno schermo - tutti quelli che non gli vanno a genio.

La risposta di Torvalds, neanche a dirlo, non è affatto accomodante: lo sviluppatore finlandese non ha alcuna intenzione di comportarsi in maniera "professionale", perché a suo dire il tipo di professionalità invocato da Sharp è ipocrisia di facciata tipica dei politici corrotti, dei passivi aggressivi e dei bugiardi.
Essere "politicamente scorretto" fa parte del suo modo di essere, dice Torvalds, ed è a suo dire un modo positivo di sfogare la tensione senza accumularla anche se questo modo di comportarsi non piace a tutti. La "sensibilità culturale" del fondatore di Linux prevede il turpiloquio, oltre alla franchezza, e Torvalds chiede infine a Sharp di rispettare questa sensibilità.

L'elogio del turpiloquio abbozzato da Torvalds non piacerà a quanti invocano un dibattito sul suo modo di agire, ma alla fine è lui che comanda e decide su quale sia l'approccio migliore alla gestione del popolare kernel open source.

Torvalds decide, e nel mondo FOSS le sue decisioni sono legge anche quando si tratta di omaggiare un vecchio ambiente operativo di Microsoft con la release di Linux 3.11: la futura versione di Linux sarà nota anche come "Linux for Workgroups", nome in codice che va ad arricchire il già variopinto bestiario delle precedenti release del Pinguino.

Il riferimento è naturalmente a Windows for Workgroups 3.11, arcaico ma durevole ambiente operativo della metà degli anni '90 - da installare e far girare su sistema operativo MS-DOS - che in anticipo sulle future generazioni di OS Windows (Windows NT per workstation e Windows 95 per utenti consumer) implementò il supporto nativo al networking su protocollo TCP/IP.

Nome in codice a parte, le novità che Torvalds prevede di integrare in "Linux for Workgroups 3.11" includono il supporto alle nuove modalità di gestione energetica delle GPU Radeon, il supporto della virtualizzazione KVM e Xen su processori ARM a 64 bit e altro ancora.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàWindows 3.11 va definitivamente in pensioneIl sistema operativo cessa la sua lunghissima storia commerciale, uscendo dal canale embedded dov'era ancora utilizzato nonostante la veneranda età
  • AttualitàLinus Torvalds contro NvidiaSebbene la community abbia finalmente l'alternativa free e open ai driver proprietari dell'azienda di Taiwan, Linus ha il dente avvelenato. E si fa scappare più di qualche parolaccia
  • TecnologiaLinux è aggiornato a 3.10Torvalds dà il via libera alla distribuzione della nuova versione del kernel del Pinguino. Molte le novità, più di quante ne siano state introdotte per release da anni a questa parte
121 Commenti alla Notizia Linux e le parolacce di Linus
Ordina
  • sono assolutamente contrario a queste persone che vogliono censurare le parolaccie. A volte per un essere umano è necessario sfogarsi, e il problema principale sono queste persone che vanno in crisi di fronte ad un pò di (legittima) rabbia. Credo sia deumanizzante voler censurare e controllare le sfuriate a tutti i costi, anche quando ci vanno come in questo caso.

    Questa donna ha montato su un caso per essere stata insultata per la sua maldestria- sono questi individui il problema, non il linguaggio offensivo

    Ciao a tutti
    non+autenticato
  • Ma no... è molto più semplice.
    Linus è un finlandese, la Sharp una americana.

    Se hai avuto la possibilità di conoscere un po' a fondo le due culture (facile con quella USA, un po' meno comune quella finlandese) non ti meravigliano né uno né l'altra.

    Te lo vedi un politico USA che organizza una Press Conference in una Sauna? A bocca aperta
    non+autenticato
  • Una delle più celebri sfuriate di Linus Torvalds fu quella contro un temerario utente che osò porre la domanda: "Why is the linux kernel not implemented in C++?"

    La risposta di Linus Torvalds fu: "*YOU* are full of bullshit.

    C++ is a horrible language. It's made more horrible by the fact that a lot of
    substandard programmers use it, to the point where it's much much
    easier to generate total and utter crap with it. Quite frankly, even if
    the choice of C were to do *nothing* but keep the C++ programmers out,
    that in itself would be a huge reason to use C."


    In parole povere: "Se anche l'unico scopo del C fosse quello di tenere lontani (dal kernel Linux) i programmatori C++, già quello sarebbe un ottimo motivo per usarlo"

    Il thread è ancora disponibile su gmane.org:

    http://thread.gmane.org/gmane.comp.version-control...
    non+autenticato
  • E tanta gente pensa che abbia ragione...
    iRoby
    6842
  • perché?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome
    > perché?

    perché ha ragione
    Funz
    12943
  • - Scritto da: Funz
    > perché ha ragione
    E' bello vedere gente che critica e/o appella come schiavi gli utilizzatori di prodotti MS/Apple pronta a dare ragione a prescindere a qualunque stron**ta dica Torvalds Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: sgabbio senior
    > - Scritto da: Funz
    > > perché ha ragione
    > E' bello vedere gente che critica e/o appella
    > come schiavi gli utilizzatori di prodotti
    > MS/Apple pronta a dare ragione a prescindere a
    > qualunque stron**ta dica Torvalds
    > Rotola dal ridere

    No, ha ragione e basta.
    In questo caso, almeno. E in tanti altri.

    Anche voi fanboy / astroturfer / servi ogni tanto avete ragione.
    Raramente, neh!Con la lingua fuori
    Funz
    12943
  • - Scritto da: Funz
    > No, ha ragione e basta.
    Sì, diglielo che InnamoratoLinusInnamorato ha sempre ragione dato che detiene la verità assoluta. Non dovete neanche provare a pensarla diversamente da LUI, sareste sempre in torto!
    Fan LinuxParola di LinaroFan Linux
    non+autenticato
  • Mettiamola così allora: "NON ha torto"...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Linaro
    > - Scritto da: Funz
    > > No, ha ragione e basta.
    > Sì, diglielo che InnamoratoLinusInnamorato ha sempre
    > ragione dato che detiene la verità assoluta. Non
    > dovete neanche provare a pensarla diversamente da
    > LUI, sareste sempre in
    > torto!
    > Fan LinuxParola di LinaroFan Linux

    è evidente che non sai leggere.
    Funz
    12943
  • - Scritto da: Funz
    > è evidente che non sai leggere.
    "You are FULL OF BULLSHIT"(cit.Innamorato)
    Fan LinuxParola di LinaroFan Linux
    non+autenticato
  • - Scritto da: Linaro
    > - Scritto da: Funz
    > > è evidente che non sai leggere.
    > "You are FULL OF BULLSHIT"(cit.Innamorato)
    > Fan LinuxParola di LinaroFan Linux

    ..ed ha assolutamente ragione!
    CVD
    Funz
    12943
  • nota: questo è un commento satirico
    ..
    maledizione ecco perché i driver intel hanno sempre un sacco di bug, ci fanno lavorare le donne.
    che già donne programmatrici lasciamo perdere.
    ma dico farle lavorare pure sul kernel.
    ...

    ovviamente è a presa di giro.
    se lo sviluppo ha sempre avuto un certo tono e se uno vuole partecipare mi sa che deve adeguarsi un pò a quel tono, non è un progetto commerciale (anche se ci contribuiscono realtà commerciali).

    ovviamente quando il peso dei contributi da parte di sviluppatori/sviluppatrici pagati/e da realtà commerciali inizierà a farsi sentire se ci sarà richiesta di un comportamento più formale Linus dovrà decidere come comportarsi.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 17 luglio 2013 17.45
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: michelangelog
    > nota: questo è un commento satirico
    > ..
    > maledizione ecco perché i driver intel hanno
    > sempre un sacco di bug, ci fanno lavorare le
    > donne.
    > che già donne programmatrici lasciamo perdere.
    > ma dico farle lavorare pure sul kernel.
    > ...
    >
    > ovviamente è a presa di giro.
    > se lo sviluppo ha sempre avuto un certo tono e se
    > uno vuole partecipare mi sa che deve adeguarsi un
    > pò a quel tono, non è un progetto commerciale
    > (anche se ci contribuiscono realtà
    > commerciali).
    >

    Ma infatti non capisco quelli che su Slashdot dicono di essere dei geni della programmazione che non concedono la loro grande potenzialità all'open source a causa dei troppi maleducati. Qualcuno vi ha supplicato di partecipare? Avete la necessità di partecipare se no non avete i soldi per pagare l'affitto?
    Quello che faccio nel tempo libero sono fatti miei. A me non piace farmi insultare da tredicenni deficienti, quindi ad esempio sto alla larga dal 99% dei giochi online. NON entro in un server di Quake 46 Slaughterhouse per poi pretendere che tutti si adeguino a quello che IO considero comportamento accettabile. Piuttosto vado altrove, faccio altro e alla fine, se voglio, riesco anche a giocare online con gente più vicina alle mie esigenze. Così sono contento io e sono contenti i tredicenni.
    Questi presunti grandi guru che a loro dire potrebbero rivoluzionare il kernel Linux, possono sempre cercarsi un altro progetto a cui contribuire. O magari fare un fork, e vediamo se era tutta aria fritta o sono davvero così bravi.

    > ovviamente quando il peso dei contributi da parte
    > di sviluppatori/sviluppatrici pagati/e da realtà
    > commerciali inizierà a farsi sentire se ci sarà
    > richiesta di un comportamento più formale Linus
    > dovrà decidere come
    > comportarsi.
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 17 luglio 2013 17.45
    > --------------------------------------------------
    non+autenticato
  • bene pensa un pò ci saranno annunci tipo:
    "cercasi moderatori per mailing list del kernel (e magari pure per spulciare i commenti su git che non sia mai che ci sia qualche commento sopra le righe."
  • - Scritto da: michelangelog
    > bene pensa un pò ci saranno annunci tipo:
    > "cercasi moderatori per mailing list del kernel
    > (e magari pure per spulciare i commenti su git
    > che non sia mai che ci sia qualche commento sopra
    > le righe."

    Credo che se mi obbligassero a parteciparci, mi suiciderei dopo tre giorni A bocca aperta
    non+autenticato
  • fare un fork? ma se io per capirci qualcosa, ho dovuto leggere un librone da 1300 pagineA bocca aperta

    p.s. per chi fosse curioso, il titolo è Professional linux kernel architecture di Mauerer
    non+autenticato
  • il perbenismo ipocrita sull'uso di alcune parole credo sia legato al classismo tra borghesia/nobiltà e volgo ed ad una visione del sesso come un tabù:
    la stessa parola "volgarità" viene usata per indicare oscenità, ma la parola indica qualcosa che è propria del volgo, quindi si associa il volgo a qualcosa che urta la sensibilità; inoltre, come ho detto, alla base della percezione di alcune parole come oscene c'è anche una forte e diffusa repressione sessuale:
    se io dico "ca**o", non sto dicendo nulla di osceno, ma mi limito ad indicare l'organo sessuale maschile, la differenza è che se io dico pene, l'attributo sessuale della parola è meno marcato, mentre se dico "ca**o" si intende l'organo finalizzato all'atto sessuale il che urta la sensibilità di chi ha subito una forte repressione sessuale (principalmente a causa delle religioni semitiche).
    il punto è che non esistono "parolacce", non è possibile urtare la sensibilità con quelle che vengono indicate come "parolacce"; una parola può offendere o urtare la sensibilità perchè utilizzata nel contesto di una frase che offende o urta la sensibilità (ma è la frase e il suo significato che offende, non certo la singola parola); esempio:

    se io dico "tu sei uno st**nzo" è il significato della frase (mi stai dicendo che io sono una persona di poco valore) che offende, non la parola st**nzo in se (che si limita ad indicare qualcosa che ha poco valore o di semplice, utilizzando il paragone con le feci); quindi dire frasi come "fare questa operazione è una stronzata" non dovrebbero urtare la sensibilità di chicchessia, ma molti affermano il contrario perchè, a causa di complessi di inferiorità nei confronti delle classi più abbienti o per classismo nei confronti delle classi meno abbienti, si tende a considerare il modo di esprimersi del volgo come offensivo.
    non+autenticato
  • > il tipo di professionalità invocato da Sharp è ipocrisia di facciata tipica dei politici corrotti, dei passivi aggressivi e dei bugiardi

    Il pinguinaro ha ragione senza ombra di dubbio.
    Non per dire, ma se non fosse stata una dipendente Intel avrei pensato che questa Sarah fosse un troll.
    Però ora la conoscono tutti se questo era il suo scopo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: FreeBSD
    > Il pinguinaro ha ragione senza ombra di dubbio.

    E' evidente che siete peggio di quelli che definite macachi.

    CVD A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: aphex_twin
    > - Scritto da: FreeBSD
    > > Il pinguinaro ha ragione senza ombra di
    > dubbio.
    >
    >
    > E' evidente che siete peggio di quelli che
    > definite
    > macachi.
    >
    > CVD A bocca aperta

    Ma tornare a fanboyeggiare in una notizia sui nuovi colori di iOS?
    Shiba
    3709
  • - Scritto da: aphex_twin
    > E' evidente che siete peggio
    evidente] - affermazione posta come certa anche se non provata -

    > - Scritto da: FreeBSD

    > di quelli che
    > definite
    > macachi.

    [che (voi ndr) definite ] - affermazione vera (i fan apple sono definiti macachi dai fan GNU) ma spacciata per non fondata prorpio dal voi sottinteso.

    >
    > CVD A bocca aperta

    esatto!
    non+autenticato
  • "i fan apple sono definiti macachi dai fan GNU"

    Ma pensare che FreeBSD sia un fan di GNU mi sembra azzardato.
    non+autenticato
  • Sono anche Sync... scrivevo su due forum diversi (qui uso Phronesis )... e oggi non sono tanto vigileSorride

    Diciamo che il "voi" inglobando i *BSD è più da associare a aphex_twin.

    Comunque non entravo nel merito. Jobs, Torvalds, Stallman a livello espositivo mediatico sono sempre stati poco "politici".

    (Pre)occuparsene è un problema molto relativo

    "impugnalo diversamente"

    "Ma tutti ci meritiamo la fine dell'influenza maligna di Jobs sul computing"

    Diciamo che era un elaborazione mentale linguistica. (pippa mentale se preferisci non censuratemiOcchiolino ) sul metodo espositivo usate.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Phronesis
    > Comunque non entravo nel merito. Jobs, Torvalds,
    > Stallman a livello espositivo mediatico sono
    > sempre stati poco "politici".

    Odio la politica, è inutile in quasi tutti i settori della società...
    Semplicemente perché nei settori tecnici la politica è superflua e fa solo danni.
    Mi spiego meglio. Se si deve costruire qualcosa un gruppo di individui che necessita di quella cosa decide democraticamente votando, che quella cosa deve essere fatta o no. A quel punto basta non va demandato a nessun politico prendere ulteriori decisioni sull'opportunità o meno, ma solo ai tecnici e ingegneri che lo devono fare con la migliore tecnologia disponibile in quel momento.

    La politica in quel contesto è solo una perdita di tempo ed è dannosa. Perché deciderà se e quanto farsi restare in tasca di quel progetto, o sindacare malamente su argomenti che non lo competono perché sono prettamente tecnici.
    iRoby
    6842
  • - Scritto da: iRoby
    > La politica in quel contesto è solo una perdita
    > di tempo ed è dannosa. Perché deciderà se e
    > quanto farsi restare in tasca di quel progetto, o
    > sindacare malamente su argomenti che non lo
    > competono perché sono prettamente
    > tecnici.

    Concordo.
    Ripeto il mio pensiero, (pre)occuparsi del tono di interventi provenienti da persone che sono ben note per non essere "politically correct" è di interesse relativo... (che provengano da Linus, Steve o Richard) sa di gossip, anche se "urta" la sensilibilità di una signora dipendente di intel.

    Il mio era un "gioco" (come immagino quello di aphex_twin) su cui poi si è sviluppato un discorso più articolato e interessante.

    Pace. (e a questo punto mi scuso con aphex se si è "offeso"A bocca aperta )
    non+autenticato
  • Non preoccuparti di aphex_twin, lui usa violenza verbale ed arroganza con tutti...

    Riguardo al discorso dell'opportunità politica ti metto un intervento dell'ingegnere sociale Jacques Fresco.
    Specie dal minuto 8 dove parla di politica, e perché i politici sono persone di cui diffidare e totalmente inutili...

    Semplicemente illuminante...

    iRoby
    6842
  • - Scritto da: iRoby
    > Non preoccuparti di aphex_twin, lui usa violenza
    > verbale ed arroganza con
    > tutti...
    A volte fa più male leggere di gente che sostiene le scie chimiche piuttosto che questa presunta "violenza verbale ed arroganza con tutti"
    non+autenticato
  • Ma io non sostengo le scie chimiche, dove hai letto questa idiozia?

    Io ho solo scritto che sto dalla parte della logica.
    Ossia né i sostenitori delle scie, né i detrattori hanno portato prove a favore o contro il fenomeno.

    Solo una ricerca seria e trasparente, e la conseguente conferma o smentita ufficiale da parte di un organo governativo potrà chiarire definitivamente la cosa.

    Ad oggi non c'è stata nessuna conferma o smentita ufficiale.

    Per cui hanno ragione e torto entrambi sia i sostenitori che i detrattori.

    Quindi tu dove hai visto il mio essere sostenitore delle scie chimiche?

    È semplice logica, quella che avrebbe dovuto insegnarti lo studio di Aristotele.
    Quindi se non sai chi è Aristotele e cosa sia la logica, ne devo dedurre che ti sei fermato alla licenza media.
    Per cui oggi sei qui solo a schierarti e criticare, tu hai scelto di non credere alle scie chimiche, e ti sei schierato dall'altra parte e giudichi chi non segue la tua "squadra" come appartenente all'avversario.

    Io applico la logica aristotelica, e posso dire che ad oggi non posso schierarmi né con te né con gli sciachimisti.
    iRoby
    6842
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 15 discussioni)