Una guida al P2P per le scuole

Oggi la diffonderà presso una serie di scuole superiori l'associazione NewGlobal.it, per informare correttamente su ciò che è lecito e ciò che non lo è. Contro ansie e preoccupazioni

Roma - Infuria il dibattito sul peer-to-peer, infuriano le polemiche e soprattutto infuria la crociata che i discografici americani della RIAA hanno scatenato negli Stati Uniti contro coloro che scaricano musica, creando però ansie e preoccupazioni anche in Italia.

Per questo e per combattere un clima di tensione che rischia di diventare insostenibile, l'associazione NewGlobal.it ha annunciato una iniziativa per distribuire Guide sul peer-to-peer davanti ad alcune scuole superiori italiane oggi stesso.

L'associazione, che aveva presentato la guida lo scorso luglio al Senato, in una nota ha spiegato come "le nuove norme sul diritto di autore, approvate negli USA ed importate in Europa attraverso il famigerato EUCD, hanno inasprito le pene e di fatto trasformato in potenziale pirata chiunque utilizzi programmi di file sharing".
Secondo l'associazione, molte famiglie italiane sono ora preoccupate perché qualcuno potrebbe aver scaricato o condiviso brani musicali. "Consci del grave pericolo che anche in Italia corrono le famiglie, a causa della scarsa informazione su ciò che sia lecito trasmettere e cosa non lo sia - continua la nota - l'associazione NewGlobal.it, pur essendo assolutamente contraria all'attuale normativa in materia di diritto di autore, che va comunque rispettato in quanto legge dello Stato, per quanto contestabile, ha prodotto una piccola guida estremamente semplice sull'architettura P2P, usata su Internet per il file sharing, ma soprattutto sugli aspetti legali che il suo uso comporta".

Oggi l'associazione distribuirà la guida davanti ad alcune scuole superiori, in quelle città dove può operare grazie al supporto di un gruppo locale organizzato, vale a dire:

Salerno ore 12,30 Liceo classico Torquato Tasso
Lecce ore 8 Liceo Classico Palmieri
Sassari liceo scientifico Giovanni Spano
Torino ITC Maxwell di Nichelino (TO)
Roma ore 8 Liceo classico Socrate
Padova 12,30-13,30 Liceo Scientifico Enrico Fermi
Forlì ore 15 aula studio di Via Valverde 15
8 Commenti alla Notizia Una guida al P2P per le scuole
Ordina
  • Questa mattina nel mio bar entrano i 2 agenti di polizia i quali si fermano ogni mattina per far colazione e per salutare una mia dipendente. (uno dei due è il fidanzato di questa ragazza che lavora con me)
    Per l'appunto mi chiedono se scaricavo e copiavo 4 CD dei loro gruppi preferiti, dato che lo faccio gia' ai miei dipendenti e amici intimi.
    Io imbarazzato;) ho detto loro si certo, ma non siete poliziotti voi?;)eh eh e loro sorridendo mi hanno detto:
    "Sì, certo, ma non è illegale se scarichi le canzoni per te e per altri tuoi amici senza vendere il CD..."

    Avete capito, se la cosa fa comodo, la legge viene interpretata anche da chi dovrebbe farla rispettare alla lettera.

    Meglio così, alla faccia di chi sostiene ancor oggi che ti piombano in casa alle 7 e ti danno una bella multa da capogiro;)
    non+autenticato
  • Anche se temo che non sia il caso dell'opuscolo in questione (che è comunque una bella iniziativa)... sarebbe bello un libretto dove sono spiegati, in modo concreto:

    1) cosa dice la legislazione italiana/europea sul diritto di autore
    2) cosa rischia all'atto pratico chi utilizza programmi di p2p per scaricare materiale
    3) cosa NON rischia all'atto pratico
    4) il punto di vista degli autori (ne esistono pro e contro)
    5) il punto di vista delle case discografiche
    6) il punto di vista dei p2pari (non di quelli politically correct, di quelli che scaricano di tutto e da sempre e lo fanno pur sentendosi la coscienza a posto)
    7) un po di statistiche (oggettive e generali) sul mercato della musica negli ultimi anni (e sul mercato del multimedia in generale)

    sarebbe utile distribuirlo ai ragazzini dai 12-14 anni in su, ovvero a persone che (almeno in parte) già hanno un'idea di cosa sia un PC e hanno già usato un browser.

    e vedere l'effetto che fa
    non+autenticato

  • Ma quali guide sul P2P, dovrebbero ma distribuire MANUALI DI SESSUOLOGIA !!! Ancora oggi c'è gente che non sa una mazza di cose veramente importanti come fecondzione, malattie veneree, AIDS, anticoncezionali ..... etc etc........

    SIAMO UN PAESE DI BUFFONI !!!!!!!
    non+autenticato
  • mah, dalle nostre parti talvolta sono i bambini (non i ragazzi, i BAMBINI) a dover spiegare le cose ad alcuni grandi.

    cmq hai ragione, ci vorrebbe più educazione sessuale.

    soprattutto educare al fatto che il sesso fa beneCon la lingua fuori e che bisogna farne moltoA bocca aperta
  • avevano fatto dei fascicolo un anno fa, ma facevano skifo..ed erano contradittori uno dall'altro.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Ma quali guide sul P2P, dovrebbero ma
    > distribuire MANUALI DI SESSUOLOGIA !!!

    Diciamo che non ci consideriamo così preparati su questo tema da poter spiegare qualcosa a chi spesso ne sa più di noi Sorride)
    comunque esistono molte associazioni che si occupano dell'argomento con maggiore competenza di noi e penso non sia il caso di fare invasione di campo, anche perchè io sono rimasto a lupo alberto e a tutte le polemiche che vi furono.

    Saluti
    Ettore Panella


    > Ancora oggi c'è gente che non sa una mazza
    > di cose veramente importanti come
    > fecondzione, malattie veneree, AIDS,
    > anticoncezionali ..... etc etc........
    >
    > SIAMO UN PAESE DI BUFFONI !!!!!!!
    non+autenticato
  • Sono convinto che sia giusto che la gente sappia che scaricare da p2p materiale (c) è illegale, e che sia coscente dei rischi che corre chi usufruisce di questi sistemi.

  • per informare correttamente su ciò che è lecito e ciò che non lo è

    Si beh, sicuramente i ragazzini a scuola avranno la sensibilità di "capire". Sicuramente. Certo. Useranno il P2P per scambiarsi foto personali, riccette di cucina, poesie, ... Si.
    non+autenticato