Mauro Vecchio

Yahoo!, il bilancio del primo anno di Marissa

In leggera discesa il fatturato viola, nella prima trimestrale dopo l'acquisizione miliardaria di Tumblr. Il CEO Ŕ contento, nonostante la crisi nella display advertising

Roma - Alla fine del secondo trimestre di attività finanziaria nel 2013 il fatturato lordo di Yahoo! è sceso a 1,13 miliardi di dollari dai 1,21 miliardi nello stesso periodo dell'anno scorso. Con la deduzione dei costi di acquisizione traffico (TAC), il fatturato del gigante di Sunnyvale ha di poco superato il miliardo di dollari, in leggera discesa (1 per cento) rispetto ai risultati registrati alla fine del giugno 2012.

marissa mayer sulla copertina di fortune che incorona le 50 donne più potenti del mondoCon un aumento netto nel dividendo azionario dell'azienda in viola - da 0,30 a 0,35 dollari per ciascun titolo, quasi il 20 per cento in più rispetto allo scorso anno - il CEO Marissa Mayer può comunque certamente festeggiare il suo primo compleanno al timone, dal momento che in un solo anno il valore azionario complessivo è salito del 74,4 per cento fino ad un massimo di 27,24 dollari.

Dalle versioni in mobilità dei servizi Mail e Flickr alle acquisizioni di Summly, Tumblr e Qwiki, la navigazione di Marissa Mayer continua a velocità doppia verso una maggiore personalizzazione di servizi e piattaforme così come la fornitura di esperienze più intuitive in ambito mobile. Lo stesso CEO si è detto soddisfatto dei risultati acquisiti in termini di utilizzo globale dei nuovi servizi oltre che di stabilità nel business digitale.
Se il guadagno netto è in calo - da 240 a 209 milioni di dollari - è anche perché Yahoo! ha speso un patrimonio per i suoi acquisti tra startup mobile e Tumblr. Buone notizie vengono però dalla profittabilità dell'e-commerce cinese Alibaba, di cui l'azienda di Sunnyvale controlla circa il 24 per cento. Il volume netto delle entrate nell'ultimo trimestre di attività finanziaria è cresciuto del 189 per cento per un totale di 680 milioni di dollari.

L'ultima trimestrale diramata da Yahoo! ha però confermato i risultati nefasti nella display advertising, considerata dagli stessi investitori come una delle principali aree di business dell'azienda. Alla fine dello scorso giugno, il gigante in viola ha registrato un ulteriore calo dell'11 per cento, dal fatturato complessivo di 473 milioni di dollari (giugno 2012) ai 423 milioni dello scorso giugno.

Male anche il totale delle pubblicità vendute (Corea esclusa) è diminuito del 2 per cento, così come il prezzo per annuncio è sceso del 12 per cento dal giugno 2012. La situazione migliora in ambito search, dove il fatturato ex-TAC è salito del 5 per cento a 403 milioni di dollari. ╚ però vero che il prezzo per singolo click è diminuito dell'8 per cento, ovviamente minacciato dal numero sempre maggiore di accessi in mobilità.

Al di là dei risultati negativi nella display advertising, il CEO Marissa Mayer non sembra farne un dramma dopo un anno alla guida di Yahoo!. Certamente l'aumento continuo del valore azionario è un buon biglietto da visita per un Chief Executive Officer, che non ha tuttavia convinto del tutto gli analisti di mercato. Le numerose acquisizioni non basterebbero ad avviare una vera e propria rivoluzione in viola.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • BusinessYahoo!, dalla pubblicità al mobileIn leggera discesa il fatturato dell'azienda californiana nella prima trimestrale del 2013. Pi¨ vistoso il calo nella display advertising. Ma ci sono buone sensazioni per i nuovi servizi in mobilitÓ
  • BusinessYahoo!, trimestrale e rilancioCresce il fatturato dell'azienda di Sunnyvale, tra nuove speranze di rinnovamento dopo l'insediamento di Marissa Mayer. Tra le sfide da affrontare, il declino nel display advertising e un adeguato sfruttamento degli accessi in mobilitÓ
1 Commenti alla Notizia Yahoo!, il bilancio del primo anno di Marissa
Ordina