Mauro Vecchio

Kim Dotcom cerca investitori per la privacy

Il founder di Megaupload chiama a raccolta i capitali di ventura. Per creare un fondo che foraggi chi si impegna a proteggere la privacy dei navigatori

Roma - Dopo il polverone sollevato dalla talpa Edward Snowden, alcuni tra i principali protagonisti del Web hanno annunciato una serie di iniziative pratiche per meglio tutelare la privacy di milioni di utenti. Il boss del file hosting Kim Dotcom ha intenzione di istituire un fondo di investimento per tutte quelle startup che lavorano alla realizzazione di programmi e servizi per comunicazioni sicure e lontane da occhi indiscreti.



Gli investitori interessati al nuovo progetto di Dotcom potranno inviare un messaggio di posta elettronica all'indirizzo twitter@kim.com, per discutere dei primi dettagli di un'iniziativa allo stato embrionale. Tra i soci del founder di Megaupload, Mathias Ortmann e Bram Van Der Kolk stanno già lavorando all'implementazione di un semplice sistema di cifratura delle comunicazioni interne alla nuova incarnazione digitale Mega.



Nel frattempo, il co-founder di The Pirate Bay Peter Sunde ha chiuso dopo soli tre giorni la sua campagna di crowdfunding per la realizzazione di Hemlis (in svedese, segreto), l'app che dovrebbe funzionare come i popolari client WhatsApp e iMessage, solo sfruttando una tecnica di cifratura end-to-end per la protezione della privacy. L'ex-portavoce della Baia ha raggiunto e di gran lunga superato la quota del 100 per cento del suo obiettivo finanziario. (M.V.)

Notizie collegate