Cancellano la musica dai dischi rigidi

Lo fanno milioni di americani secondo un rapporto appena reso pubblico da NDP Group. Le famiglie temono l'aggressione legale della RIAA. La cui reputazione, però, è in picchiata libera

Roma - 1,4 milioni di famiglie americane nel mese di agosto hanno provveduto a cancellare tutti i file musicali che avevano archiviato sui propri hard disk. Lo sostiene un rapporto presentato da NDP Group che ha analizzato questi comportamenti a ridosso delle denunce per gli utenti americani del peer-to-peer annunciate dai discografici della RIAA la scorsa estate.

Il succo del rapporto è che la crociata RIAA sta funzionando, nel senso che spinge un alto numero di persone a cancellare dai propri computer file che potrebbero metterle nei guai. E non si tratta tanto di quegli utenti di P2P che sul PC hanno posto centinaia o migliaia di file in condivisione ma anche di chi ne ha poche decine, timoroso di dover pagare migliaia di dollari ai discografici qualora venisse denunciato.

NDP Group spiega nel suo rapporto che c'è sempre stato un certo numero di utenti del P2P che, per i motivi più diversi, ha cancellato i propri file, tanto che nel maggio di quest'anno, quando la crociata RIAA non si era ancora rivolta contro i singoli consumatori di musica, ben 606mila famiglie hanno comunque provveduto a distruggere i brani musicali.
La cancellazione "in massa" registrata ad agosto arriva peraltro in un periodo, calcolato tra agosto e settembre, in cui cala l'uso del file sharing. In quei due mesi, infatti, secondo NDP si è visto un calo dell'11 per cento nell'utenza americana del P2P e un calo del 9 per cento nel numero di file scaricati.

"Al momento - ha spiegato il vicepresidente NDP Russ Crupnick - la battaglia della RIAA si è concentrata su chi dispone di molti file ma è chiaro che le denunce hanno un effetto anche su chi ne ha meno, e ciò indica che il messaggio secondo cui condividere musica è illegale sta arrivando al consumatore. Ci sono molte ragioni per le quali si cancellano file, dai cambiamenti nell'hardware alla masterizzazione di CD, ma questo salto in avanti nelle cancellazioni è chiaramente una reazione alla mutata atmosfera sulla musica pirata".

Ma non tutte le sirene cantano a favore della RIAA. Secondo NDP, infatti, i discografici devono temere il crollo della propria reputazione, perché due terzi di coloro che ha condiviso file su P2P ha dichiarato di avere ora una impressione "molto negativa" o "in qualche modo negativa" delle imprese discografiche. NDP analizza anche alcune differenze nelle impressioni tra gli utenti del P2P e chi il P2P non utilizza ma il problema è evidente. Per i discografici, dicono gli esperti, questo è il momento di tirar fuori servizi e prodotti che possano riconquistare l'appeal dei consumatori.
134 Commenti alla Notizia Cancellano la musica dai dischi rigidi
Ordina

  • - Scritto da: Anonimo
    > batte il redivivo Napster: 5 a 1!
    >
    > http://www.ittita.net/community/modules.php?n

    Grazie, sai quanto ci fa Steve Jobs con tutti quei file venduti?
    0 dollari per ogni file.

    http://www.theregister.co.uk/content/6/33850.html
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Grazie, sai quanto ci fa Steve Jobs con
    > tutti quei file venduti?
    > 0 dollari per ogni file.
    >
    > http://www.theregister.co.uk/content/6/33850.

    Napster é già fallita 1 volta ed é stata comprata da Roxio in un asta di beneficenza....speriamo che non finisca allo stesso modo! ....anche questa volta!
    non+autenticato
  • Si si, proprio cosi' li cancello dopo averli messi al sicuro su supporti removibili, ma per favore...
    Sono proprio ridicoli e ipocriti tutti
    non+autenticato
  • pagare sempre pagare
    pagare per la musica
    pagare per il software
    non, non puoi usare software libero, devi per forza pagare
    sennò l'economia non si sviluppa no?
    allora perchè io non vengo pagato per lavorare?
    è da giugno che non vedo un centesimo

    perchè non schioppo????
    abbasso la musica
    non compratela non piratatela
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > pagare sempre pagare
    > pagare per la musica
    > pagare per il software
    > non, non puoi usare software libero, devi
    > per forza pagare
    > sennò l'economia non si sviluppa no?

    ekle conosce una ragazza in disco... e se la porta a casa, questa ci sta...

    ekle e la ragazza trombano... poi ekle alla fine dice "hei amore tieni 50 euro"

    ragazza : "come 50 euro ? ma per chi mi hai preso ? per una puttana ?"

    ekle : "ma dai ! non dirmi che hai fatto tutto gratis ! non sarebbe corretto con tutte quelle che si fanno pagare !"

    ragazza : "ma tu sei un c******"

    la ragazza prende e se ne va...

    ekle : "hei dove vai ? hai dimenticato le 50 euro,... aspetta non puoi andartene così... danneggiamo il mercato...."

    uauauuauauuauauauauuauauuauauuauauuauauuauua

    (ogni riferimento a cose e/o persone è puramente casuale)
    non+autenticato
  • > ekle : "ma dai ! non dirmi che hai fatto
    > tutto gratis ! non sarebbe corretto con
    > tutte quelle che si fanno pagare !"

    E' una parabola totalmente sballata.
    Nessuno ti dice niente se chi fa il brano decide di darlo via gratis.
    In questo caso il brano è in vendita, quindi chi l'ha fatto vuole dei soldi per la sua "prestazione"! La tariffa è ben chiara in anticipo! Sei tu che consumi e poi scappi via senza pagare! Poi non lamentarti se il pappone ti insegue col coltello in mano per fartela pagare!

  • - Scritto da: Ekleptical
    > > ekle : "ma dai ! non dirmi che hai fatto
    > > tutto gratis ! non sarebbe corretto con
    > > tutte quelle che si fanno pagare !"
    >
    > E' una parabola totalmente sballata.
    > Nessuno ti dice niente se chi fa il brano
    > decide di darlo via gratis.
    > In questo caso il brano è in vendita, quindi
    > chi l'ha fatto vuole dei soldi per la sua
    > "prestazione"! La tariffa è ben chiara in
    > anticipo! Sei tu che consumi e poi scappi
    > via senza pagare! Poi non lamentarti se il
    > pappone ti insegue col coltello in mano per
    > fartela pagare!

    ma non eri tu a dire che l'Open Source DEVE sparire per non intralciare il mercato ??? la parabola è giusta, sei tu che sei un pochino a corto di argomenti...
    non+autenticato
  • > ma non eri tu a dire che l'Open Source DEVE
    > sparire per non intralciare il mercato ???
    > la parabola è giusta, sei tu che sei un
    > pochino a corto di argomenti...

    Qua stiamo parlando di musica, non di Open Source. Hai sabagliato Forum!

  • - Scritto da: Ekleptical
    > > ma non eri tu a dire che l'Open Source
    > DEVE
    > > sparire per non intralciare il mercato ???
    > > la parabola è giusta, sei tu che sei un
    > > pochino a corto di argomenti...
    >
    > Qua stiamo parlando di musica, non di Open
    > Source. Hai sabagliato Forum!

    Vabbè, conta che ti abbia già risposto quando scriverai le stesse cose riguardo alla prossima notizia sulla GPL....
    non+autenticato
  • > via senza pagare! Poi non lamentarti se il
    > pappone ti insegue col coltello in mano per
    > fartela pagare!

    Se il pappone mi insegue, posso sempre denunciarlo e vederlo finire in galera...perchè appunto è un pappone.

    Qui siamo alla situazione opposta.
    non+autenticato
  • > allora perchè io non vengo pagato per
    > lavorare?
    > è da giugno che non vedo un centesimo

    E di che ti lamenti scusa? E' in perfetta filosofia p2p!
    Qual'è il danno che ti fa il datore di lavoro non dandoti lo stipendio? Mica ti toglie qualcosa che hai! Ti toglie un potenziale che dovresti avere per il lavoro che hai fatto.
    Visto che, ragionando alla p2p, questo non è un furto, il tuo datore di lavoro fa benissimo a non pagarti! Se segui la logica p2p è giusto così.
    E' quello che andate dicendo ogni volta, no? Se tutti i datori di lavoro applicassero la vostra stessa filosofia con voi, ci sarebbe da divertirsi! Il tuo ha deciso di farlo (senza esserne conscio, presumo). E' il futuro, no?
  • vedo con piacere che non hai afferrato nulla di quello che ho scritto...prima o poi mi deciderò a mettere questo sito in black list..oh basta lo faccio....
    - Scritto da: Ekleptical
    > > allora perchè io non vengo pagato per
    > > lavorare?
    > > è da giugno che non vedo un centesimo
    >
    > E di che ti lamenti scusa? E' in perfetta
    > filosofia p2p!
    > Qual'è il danno che ti fa il datore di
    > lavoro non dandoti lo stipendio? Mica ti
    > toglie qualcosa che hai! Ti toglie un
    > potenziale che dovresti avere per il lavoro
    > che hai fatto.
    > Visto che, ragionando alla p2p, questo non è
    > un furto, il tuo datore di lavoro fa
    > benissimo a non pagarti! Se segui la logica
    > p2p è giusto così.
    > E' quello che andate dicendo ogni volta, no?
    > Se tutti i datori di lavoro applicassero la
    > vostra stessa filosofia con voi, ci sarebbe
    > da divertirsi! Il tuo ha deciso di farlo
    > (senza esserne conscio, presumo). E' il
    > futuro, no?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Ekleptical
    > > allora perchè io non vengo pagato per
    > > lavorare?
    > > è da giugno che non vedo un centesimo
    >
    > E di che ti lamenti scusa? E' in perfetta
    > filosofia p2p!
    > Qual'è il danno che ti fa il datore di
    > lavoro non dandoti lo stipendio? Mica ti
    > toglie qualcosa che hai! Ti toglie un
    > potenziale che dovresti avere per il lavoro
    > che hai fatto.
    > Visto che, ragionando alla p2p, questo non è
    > un furto, il tuo datore di lavoro fa
    > benissimo a non pagarti! Se segui la logica
    > p2p è giusto così.
    > E' quello che andate dicendo ogni volta, no?
    > Se tutti i datori di lavoro applicassero la
    > vostra stessa filosofia con voi, ci sarebbe
    > da divertirsi! Il tuo ha deciso di farlo
    > (senza esserne conscio, presumo). E' il
    > futuro, no?


    HEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE
    ti sei fregato con le tue mani! è un illecito ma non un furto.
    non si va in galera per queste cose ma si procede in sede civile.
    perchè chi fa lo stesso con la musica deve andare in galera?
    ma la sai una cosa?
    con tutto quello che ci hai dato dentro ora mi sento colpevole anche quando ascolto un cd orginale, come se dovessi pagare ogni volta che lo inserisco nel lettore, perchè non pago ogni volta che premo play e quindi il mio smodato desiderio di ascoltare musica più volte danneggia i musicisti perchè non riescono a farmi pagare quello che vorrebbero. i musicisti mi odiano vero? è una cosa reciproca.

    non ascoltate la musica
    non andate al cinema
    (proibite le recensioni dei film, visto che leggendole ho deciso di non vedere matrix e quindi ho privato della possibilità di guadagno - e quindi ho rubato - la casa produttrice)
    ragazzi, se non vedere e comprate tutto quello che vi propongono siete dei ladri!!!

    misantropo all'ultimo stadio


    ps: e chi se ne frega se non vengo pagato. ho il computer ho tutto (anche se queste scarpe di 4 anni sono un pò vecchiotte..)
    non+autenticato
  • > non si va in galera per queste cose ma si
    > procede in sede civile.
    > perchè chi fa lo stesso con la musica deve
    > andare in galera?

    Chi ha mai detto che finisce in galera? La legge non lo prevede e la RIAA non vuole portare in galera nessuno! Vuole che la gente sganci soldi per risarcimento danni!
    La galera non è proprio presente nemmeno come possibilità teorica! Di che stai parlando?


    > non ascoltate la musica
    > non andate al cinema

    Liberissimo di farlo. Basta che non scrocchi, poi fai quel che vuoi.
  • tutti pentiti hanno cancellato i file e sono corso a comprare i CD originali, c'è chi ha speso 1000, chi 2000, chi addirittura 5000 dollari per ripopolare la collezione...

    ora anche io vado a spendere 2000Euro...

    calci nel c*lo altro che originali, ecco cosa ci vuole per questa banda di ladri legalizzata!

    Luca
    non+autenticato
  • Pensi che nella diatriba fra RIAA e sostenitori del P2P i torti siano al 100% da una parte? Accanto al dovere, da parte della pubblica autorità, di tutelare determinate forme di proprietà intellettuale, non pensi ci sia anche il dovere di tutelare i consumatori? Attenzione, schierarsi al 100% con questa RIAA dai metodi arroganti e liberticidi è come dire "voglio scaricare tutto gratis e non me ne frega un c...o di tutto ciò che mi gira intorno". Posizioni apparentemente antitetiche ma ugualmente infantili (per chi crede ai buoni ed ai cattivi senza vie di mezzo).

    Saluti, Francesco
    non+autenticato
  • > Accanto al dovere, da parte della
    > pubblica autorità, di tutelare determinate
    > forme di proprietà intellettuale, non pensi
    > ci sia anche il dovere di tutelare i
    > consumatori?

    Che c'entra il concetto di consumatore con quello di uno che scrocca col p2p??? Il consumatore è chi compra, per definizione!
    Lo stato ha il dovere di tutelare i consumatori, ma anche gli scrocconi mi pare pretendere troppo.


    > Attenzione, schierarsi al 100%
    > con questa RIAA dai metodi arroganti e
    > liberticidi

    Liberticidi de che? Che libertà ti stanno togliendo? Quella di appriopiarti di cose non tue a sbafo? Da quando rientra nel concetto di libertà 'sta cosa?
  • La musica è un patrimonio di tutti e tutti hanno il diritto di ascoltarla come hanno il diritto di guardare un quadro o di leggere un libro a un prezzo ragionevole ...la differenza è che il prezzo della musica ora come ora è spropositatamente alto.. e scaricando musica "rubi" profitti non all'artista (che guadagna un pecentuale irrisoria sul cd) ma alle lobby dei discografici che, grazie a internet e al p2p, non hanno praticamente più ragione di esistere se non si adeguano ai tempi.. un tempo servivano per la pubblicità ora con il più grosso archivio di musica mai esistito a disposizione di tutti sono praticamente inutili... ma stanno lottando coi denti per non perdere la loro gallina dalle uova d'oro...
    Io scarico tantissima musica, ho conosciuto artisti che non avrei mai avuto modo di conoscere se non grazie al p2p e i miei soldi li dò volentieri agli artisti quando vado a tutti i concerti che sono a portata di macchina.. artisti che, ripeto, non avrei conosciuto senza il p2p.. quindi credo di potermi definire un "consumatore" anche se scarico musica e credo che il "criminale" sia chi mi vuol far pagare 25? un cd.... l'unico cd originale che ho l'ho comprato via internet a 10? direttamente dal gruppo che me l'ha spedito per posta.. 10? che sono andati nelle loro tasche e non in quelle di gente che con la musica ci campa "parassitandola"..
    io la vedo così Fan Linux:)
    non+autenticato
  • > La musica è un patrimonio di tutti e tutti
    > hanno il diritto di ascoltarla

    La musica è di chi la fa. Nessuno ha il "diritto" di ascoltare un bel nulla, se chi la fa non lo vuole. Gli espropri proletari lasciamoli nel passato.
    Pubblicare un brano vuol dire metterlo in vendita. Quindi l'autore per sua scelta decide che quel brano potrà ascoltarlo solo chi lo compra. Altrimenti lo può dare via gratis, come capita che facciano alcuni artisti con alcuni brani sui loro siti in mp3.

    Il diritto di acquisire un bene, che non siano cibo e acqua e forse un tetto, non è citato in nessuna carta dei diritti del pianeta Terra.
    Non hai diritto ad acquisire proprio niente! Se vuoi qualcosa paghi. E' così che funziona il mondo da tempo immemore (anche nei regimi dittatoriali di ogni categoria).


    > differenza è che il prezzo della musica ora
    > come ora è spropositatamente alto..

    Ma va là! Ma se andare al cinema costa 7 euro e stai dentro per un'ora e mezzo, 2 al massimo. Un drink in un locale costa dai 5 ai 7 euro, 10 in disco. La sola entrata in disco costa tranquillamente più di un CD! Compara il resto dei prezzi, non mi pare proprio che il CD sia "spropositatamente" alto, contando che lo ascolti per ore e ore. Fatte le proporzioni, come costo/min di divertimento è molto più favorevole di quanto si possa credere.


    > scaricando musica "rubi" profitti non
    > all'artista (che guadagna un pecentuale
    > irrisoria sul cd)

    Quella percentuale irrisoria sono migliaia e migliaia di euro, anche per l'artista di nicchia! Nemmeno il più disgraziato dei disgraziati, fatto salvo che abbia un seguito, intasca meno di qualche decina di migliaia di euro dalla vendita dei CD!
    Non sono mica bruscolini! Sono interi stipendi che se ne vanno in fumo!
    Fatti un conto: 0,5x100000 (numero di copie che chiunque sia valido e con appeal internazionale fa)=25000 euro! Mica poche!
    Mettiti nei loro panni. Ti farebbe piacere se per decisione dei tuoi "fan", che dicono di amarti tanto, ma in realtà appena possono ti fregano, ti ritrovi con 25mila euro in meno in tasca?
  • Proprio non riesci a vedere una cosa da diverse prospettive: sempre dritto a testa bassa. Pazienza...

    Saluti, Francesco
    non+autenticato
  • > Proprio non riesci a vedere una cosa da
    > diverse prospettive: sempre dritto a testa
    > bassa. Pazienza...
    >
    > Saluti, Francesco

    eh no.. sinceramente non ci riesco proprio.. non riesco a capire perchè di 25? l'artista prenda il 3%.. non riesco a capire perchè a 4 anni dalla morte di Napster la RIAA abbia investito un mucchio di soldi in avvocati e non in un progetto alternativo a Napster ma LEGALE.. non capisco perchè devo pagare 10-15? per una cassetta che dopo averla ascoltata due volte in macchina si sente da schifo.. cose trite e ritrite.. cmq ripeto, mettete i cd a 10? io sono il primo a comprarli ... fate concerti dalle mie parti e io sarò in prima fila col biglietto in mano...
    Bye, Andrea
    non+autenticato
  • Sono d'accordo al 100%. Una precisazione: il mio "sempre a testa bassa.." era per Ekleptical, come vi vede dall'albero dei post.

    Saluti, Francesco
    non+autenticato
  • > Proprio non riesci a vedere una cosa da
    > diverse prospettive: sempre dritto a testa
    > bassa. Pazienza...

    Perchè voi cosa fate? Vi siete mai posti nella prospettiva avversa? Avete mai preso in cosiderazione il punto di vista di chi la musica la fa?
    Non ve ne frega proprio una mazza. Non ho mai letto in questi forum considerazioni in proposito (se non quelli che danno ragione alla RIAA). L'importante è sbafare aggratis e ci si inventa qualsiasi cosa pur di poter continuare a farlo il più a lungo possibile.
  • "Perchè voi cosa fate? Vi siete mai posti nella prospettiva avversa? Avete mai preso in cosiderazione il punto di vista di chi la musica la fa?
    Non ve ne frega proprio una mazza. Non ho mai letto in questi forum considerazioni in proposito (se non quelli che danno ragione alla RIAA). L'importante è sbafare aggratis e ci si inventa qualsiasi cosa pur di poter continuare a farlo il più a lungo possibile."

    Già a parlare in termini di "voi" parti col piede sbagliato mostrando la tua tendenza a vedere solo fazioni. Io non penso affatto che sia giusto consumare a sbafo, ed infatti non lo faccio (e, per fare un esempio, non utilizzo software crackato, preferisco cercare alternative con licenze differenti). Volevo solo sottolineare la complessità del problema. Tu non solo banalizzi tutto nell'ottica dei buoni e dei cattivi, ti permetti pure di interpretare le opinioni altrui con il tuo (limitato) metro di giudizio.

    Francesco
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 23 discussioni)