Luca Annunziata

Intel e il computing a basso consumo

Atom per i datacenter e Core per ultrabook che consumano come un tablet. Santa Clara prova a tenere testa alla concorrenza con molti meno watt del solito

Roma - Dopo anni di rincorsa al megahertz puro, il panorama IT enterprise e consumer negli ultimi tempi ha virato verso l'efficienza. Complice la crisi, e soprattutto una capacità computazionale dei chip moderni più che adeguata per gli utilizzi tipici, si è fatta strada l'esigenza di produrre processori in grado di abbattare i consumi elettrici e i watt dissipati in calore: è per questo che Intel, che fino a oggi ha ricoperto il ruolo di leader su tutti questi mercati, ha appena rilanciato la sua piattaform Atom per datacenter e annunciato la disponibilità in autunno di nuovi Core a basso consumo per i PC.

la roadmap xeon e atom di intel per i datacenter

Per il datacenter, Santa Clara si arrischia a parlare di "ridefinire l'architettura" di questi complessi per andare incontro alle nuove esigenze: la linea Atom C2000 (nome in codice Avoton, Rangley per i SoC pensati per il networking) è basata su un processo produttivo da 22nm, e in rampa di lancio c'è già la nuova linea Broadwell da 14nm che vedrà la luce entro il 2014. Avoton, abbinato all'architettura Silvermont, permetterà di migliorare fino a quattro volte l'efficienza energetica delle installazioni, aumentando al contempo (Intel dice sette volte) le performance.

Nel complesso, l'obiettivo a medio-lungo termine di Intel è quello di ampliare e differenziare la propria offerta per server e microserver: con Xeon e Atom a dividersi il mercato in base a potenza richiesta e tipo di servizio erogato, con il primo che dovrebbe soddisfare i clienti in cerca di potenza, il secondo capace di gestire i micro-server che stanno prendendo piede ideali per l'erogazione di servizi Web. Particolarmente interessante, in ogni caso, la tecnologia prevista per l'annunciato Xeon E3: abbinato al core Broadwell, ovvero quello che monteranno anche Core e Xeon di alto lignaggio, ci saranno anche tutti gli optional per l'I/O e la componente di accelerazione tipica dei SoC, con consumi contenuti. Ci saranno anche chip dedicati e costruiti su misura delle esigenze dei giganti dell'IT.
Per quanto attiene i PC, Intel ha anche annunciato che i primi chip Haswell della linea ultra-low power arriveranno sugli scaffali e nei laptop entro la fine dell'anno: processori Core con SDP (scenario design power) di appena 4,5W, in grado di equipaggiare secondo Santa Clara tablet e convertibili fanless e garantire prestazioni superiori pur mantenendo consumi tipici dei più modesti Atom. Secondo gli analisti, queste CPU saranno impiegate nella costruzione di ultrabook a basso consumo che cannibalizzeranno il segmento 10 pollici dei tablet, che invece rimaranno fedeli ad ARM nel più florido range compreso tra i 7 e gli 8 pollici.

Luca Annunziata

fonte immagine
Notizie collegate
  • HardwareAMD, le strategie server di domaniSunnyvale annuncia le future novità per la sua linea di chip per server e microserver, un'offerta che mira a coprire diversi scenari di utilizzo comprendendo CPU/APU x86 e ARM
  • HardwareAMD e gli Opteron per microserverSunnyvale presenta i chip x86 destinati ai server a basso consumo energetico. Le APU Kyoto offrono prestazioni e funzionalità superiori a una frazione del prezzo di un Atom, dice AMD
  • BusinessMicroserver, AMD compra SeaMicroSunnyvale annuncia l'acquisizione dell'azienda specializzata in sistemi server estremamente compatti pensati per nuove esigenze di computing. Il prossimo passo sarà stringere alleanze con ARM?
2 Commenti alla Notizia Intel e il computing a basso consumo
Ordina