Mauro Vecchio

USA, la sorveglianza continuerà

Bocciata al Congresso una proposta di emendamento che avrebbe impedito alla NSA di rastrellare le comunicazioni di milioni di cittadini. Il governo USA vuole solo i metadati per la sicurezza nazionale

USA, la sorveglianza continueràRoma - Supportata dagli attivisti digitali, la proposta di emendamento del testo di legge noto come Department of Defense Appropriations Act è stata bocciata per un pugno di voti alla House of Representatives di Washington D.C. Il deputato repubblicano Justin Amash si era messo alla guida di una coalizione politica contro il famigerato programma di sorveglianza adottato dalla National Security Agency (NSA) per il rastrellamento delle comunicazioni telefoniche attraverso i principali provider a stelle e strisce.

Decisiva l'opposizione al Congresso di un nutrito gruppo bi-partisan, dagli esponenti liberali (Nancy Pelosi) all'ala più conservatrice del Tea Party (Michele Bachmann). Con 217 voti contrari e 205 favorevoli, la proposta di emendamento avanzata da Amash è stata scartata perché ritenuta pericolosa per la sicurezza nazionale, nel quadro della lotta al terrorismo internazionale a mezzo tecnocontrollo.

In sostanza, il testo proposto da Amash - con il supporto delle organizzazioni attiviste come Electronic Frontier Foundation (EFF) - avrebbe messo fine alla raccolta di informazioni sulle comunicazioni telefoniche o digitali dei cittadini statunitensi. Alle agenzie come NSA sarebbe stato impedito lo sfruttamento della sezione 215 del Patriot Act, per il rastrellamento di informazioni afferenti a persone non affatto investite da attività investigative per tutelare la difesa nazionale.
In altre parole, le autorità federali a stelle e strisce avrebbero potuto raccogliere informazioni solo ed esclusivamente in caso di legittimo sospetto di attività criminose o legate al terrorismo. In aggiunta, la proposta di Amash avrebbe tagliato i fondi al programma di sorveglianza denunciato da Edward Snowden, rivedendo un budget da circa 600 miliardi di dollari per l'intero Dipartimento della Difesa.

Tra l'amareggiato stupore di EFF e l'allarme del senatore democratico Ron Wyden - "Se non approfittiamo di questa unica possibilità nella nostra storia costituzionale per riformare leggi e politiche di sorveglianza, la rimpiangeremo tutti a vita" - gli oppositori della proposta di emendamento hanno ribadito che al governo federale importano soltanto gli innocenti metadati, raccolti per il bene della sicurezza nazionale senza intenzione alcuna di spiare gli utenti a stelle e strisce.

Al di qua dell'Atlantico, l'avvocato russo della talpa Edward Snowden ha parlato dell'immediato futuro del suo assistito, che avrebbe intenzione di costruirsi una nuova vita a Mosca. L'informatico statunitense sarebbe prossimo a svincolarsi dal limbo burocratico che lo trattiene all'aeroporto internazionale Sheremetyevo, in attesa dei documenti necessari all'entrata in Russia dopo la fuga ad Hong Kong.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàServe privacy per violare la privacyIl Garante italiano prescrive delle regole per le autorità impegnate nelle intercettazioni: i flussi di dati estratti dalla vita privata dei cittadini non possono scrosciare fuori dalle mani delle forze dell'ordine
  • AttualitàDatagate, la parola agli avvocatiEFF e sodali avviano una causa contro le intercettazioni telefoniche messe in atto dalla NSA. Sono a rischio i principi della Costituzione americana, dicono. Microsoft, nel mentre, continua a chiedere trasparenza
  • AttualitàGermania, la nuova privacy europeaIl cancelliere tedesco Angela Merkel propone l'adozione di regole globali per la tutela dei dati personali degli utenti digitali. Il presidente estone vuole abbandonare i servizi in the cloud forniti dagli operatori statunitensi
119 Commenti alla Notizia USA, la sorveglianza continuerà
Ordina
  • Allora, prendiamo la cosa da un altro aspetto magari si riesce ad essere più chiari.
    da 12 anni, gli stati uniti sono in guerra continua tra terrorismo e controllo del petrolio.
    Non è gratis nemmeno per loro, queste guerre costano tantissimo.
    il ritorno c'è in termini di contratti per lo sfruttamento di risorse in territori prima ostili.
    il ritorno per ora comunque è minimo, infatti il rapporto pil-debito è molto alto negli states, da noi più alto ma per loro che hanno leggi molto più restrittive in merito è eccessivo.
    ora, chi metterebbe la mano sul fuoco riguardo al fatto che informazioni economiche non vengano divulgate a chi paga le varie campagne elettorali, a chi crea posti di lavoro e contribuisce a risanare i conti specie in tempo di crisi?
    se voi lavoraste in un impresa che deve partecipare ad una gara, e per caso conosceste l'offerta del concorrente più agguerrito stareste zitti?
    se la Fed sapesse che per effetto di un accordo i bound greci con rendimenti mostruosi, da domani fossero coperti a livello europeo, cosa fareste?
    se poi questa situazione, fosse creata ad arte? cioè se a truccare i conti di una nazione fosse stata una società certificatrice di bilanci che a sua volta lavora sotto la FED? (oppsss è successo in grecia)...
    signori svegliamoci, qui siamo a giocarci l'euro loro sono li a specularci sopra con sistemi più o meno legali (st & poor ha giusto declassificato il nostro debito il giorno prima del collocamento di 15 miliardi da parte del nostro tesoro) e pensiamo ancora che loro giochino pulito? il problema più grande è che in europa siamo ciechi, per piccole sovranità nazionali e incomprensioni stupide non riusciamo a contrastare questa situazione e a capirla. risultato? le loro guerre le paghiamo noi.
  • È dai tempi di Echelon che industriali europei o di altri paesi si lamentano di avere avuto soffiati affari in sudamerica dagli USA, con offerte misteriosamente e provvidenzialmente un pelino migliori e con un tempismo perfetto.

    Di questo se ne parla dal 2003 all'incirca.

    Le aziende più grandi hanno uffici anche piccoli nei vari paesi, e i commerciali si muovono localmente. Ma le trasmissioni tra la casa madre e gli uffici locali coi commerciali avvengono in VPN criptate.

    Le grandi multinazionali come GE per esempio hanno delle VPN globali ma che escono su Internet con dei proxy blindatissimi. I dipendenti devono avere una chiave che genera codici univoci come quelle per fare i bonifici, e un software sui laptop che permetta questo accoppiamento di credenziali. A quel punto le comunicazioni sono dentro la VPN.
    Le banche fanno all'incirca la stessa cosa.

    Chi sa di queste cose, si è dotata di infrastrutture apposta.
    iRoby
    7615
  • - Scritto da: iRoby
    > È dai tempi di Echelon che industriali
    > europei o di altri paesi si lamentano di avere
    > avuto soffiati affari in sudamerica dagli USA,
    > con offerte misteriosamente e provvidenzialmente
    > un pelino migliori e con un tempismo perfetto.

    > Di questo se ne parla dal 2003 all'incirca.

    > Le aziende più grandi hanno uffici anche piccoli
    > nei vari paesi, e i commerciali si muovono
    > localmente. Ma le trasmissioni tra la casa madre
    > e gli uffici locali coi commerciali avvengono in
    > VPN criptate.

    Alcune altre, dove lavora gente che conosco, si stanno invece per consegnare mani e piedi a gmail...
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > Alcune altre, dove lavora gente che conosco, si
    > stanno invece per consegnare mani e piedi a
    > gmail...

    La GMail e le Google Apps hanno senso solo per piccole aziende locali magari che non commerciano con l'estero. Web agency per esempio, che fanno i soliti sitini con Joomla e Wordpress. Di quelle alla NSA e a Google gli interessa molto relativamente.
    iRoby
    7615
  • - Scritto da: iRoby
    > - Scritto da: krane
    > > Alcune altre, dove lavora gente che conosco,
    > si
    > > stanno invece per consegnare mani e piedi a
    > > gmail...
    >
    > La GMail e le Google Apps hanno senso solo per
    > piccole aziende locali magari che non commerciano
    > con l'estero. Web agency per esempio, che fanno i
    > soliti sitini con Joomla e Wordpress. Di quelle
    > alla NSA e a Google gli interessa molto
    > relativamente.

    E gia... Invece qua si parla di multinazionali che fanno affari con spazio e militari di mezzo pianeta tra gli altri...
    krane
    22544
  • Solo una parola li identifica "idioti"...
    iRoby
    7615
  • - Scritto da: iRoby
    > Solo una parola li identifica "idioti"...

    Gia...
    krane
    22544
  • beh tutto questo conferma solo il mio pensiero.
    per quanto riguarda le "blindature" con chiavi univoche, ricordo che i russi sono passati alla carta poco tempo fà.
    rimane il punto precedente, i conti li stiamo pagando noi.
    un po per ingenuità, un po per stupidità...ma li paghiamo noi.
    la cosa bella e che i nostri beneamati governanti, han capito tutto al volo e adesso investiranno in una dorsale tlc migliore e più sicura.
    ......prendo per il culo......
    comunque, meno male che il voto è cartaceo!!!
  • Voto cartaceo ... sono entrambi al governo, e da vent'anni fanno ammuina ... sei consapevole che in questo modo hanno annullato il tuo voto cartaceo o meno ?
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • beh, non posso darti torto...
  • non è paranoia, leggetela in questo modo:
    sicurezza nazionale vuole anche dire spiare comunicazioni tra banche, grossi gruppi esteri e poi tramite lobby far sapere dati sensibili a concorrenti?
    o comunicazioni di altri governi per poter giocare d'anticipo (accordi commerciali)?
    il governo americano è a guida lobby, pensano solo al profitto e passare la sottile linea a mio avviso è molto semplice.
  • contenuto non disponibile
  • Scusate la domanda ingenua, ma è mai successo che qualche cittadino "normale" abbia mai subito abusi o ripercussioni da dati privati in mano al governo?
    Non voglio aprire una questione se è giusto o meno, tantomeno leggere per l'ennesima volta la storia della libertà che se ne rinunci ad una parte allora non hai diritto a tutta ecc ecc, è solo una curiosità tecnica.
    Parlo di casi conclamati, non di ipotesi, ad esempio "se un hacker ruba il database del DNA poi sa tutto" ecc ecc, proprio di casi certi.

    Grazie a chi sarà paziente da rispondermi
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • Questa è Paranoia allo stato dell'Arte.
  • - Scritto da: antiscrocconi
    > Questa è Paranoia allo stato dell'Arte.

    Secondo me e' aver letto un libro di storia in vita propria.
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: antiscrocconi
    > > Questa è Paranoia allo stato dell'Arte.
    >
    > Secondo me e' aver letto un libro di storia in
    > vita
    > propria.
    che non fa di certo male alla salute... anzi...
    non+autenticato
  • Detto in altre parole:

    "Come dicevo...
    Natura matrigna!
    Come vanno le mele e le scimmie?
    Rotola dal ridereRotola dal ridere"

    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3445322&m=344...
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: antiscrocconi
    > Questa è Paranoia allo stato dell'Arte.

    Assulutamente no. Cerca di prendere consapevolezza che nessun regime dittatoriale si presenta come tale, ma la politica che adotta è mettertela in quel posto un millimetro al giorno giustificando l'azione. Allora sono dell'idea che fare il paranoico non serve a niente, è molto più utile fare il pazzo paranoico così con la certezza di ricevere un calcio nei maroni (almeno un paio iniziali servono per fare il punto della situazione in maniera corretta) vedrai che questo qualcuno eviterà di avvicinarsi alle tue spalle sempre in nome del tuo bene.Sorride
    non+autenticato
  • E la tua è ingenuità da bambino cresciuto nella bambagia.

    Oltre che ignoranza della storia degli imperi e delle loro evoluzioni...
    iRoby
    7615
  • Di fatto queesto e' una tua ipotesi, mai nessuno ha denucniato quanto da te ipotizzato, quindi rispondo io al signore, no di fatto non è mai successo nulla di quanto ipotizzati da questi teorici del complotto, in compenso centinai di attentati sono stati sventati, e se questo controllo fosse stato efficace avremmo evitato anche l'ultima tragedia del treno spagnolo, ove a quanto pare il macchinista si vantava di correre...se il controllo fosse stato piu' efficace forse avremmo salvato 70 persone!
  • - Scritto da: ale75
    > Di fatto queesto e' una tua ipotesi, mai nessuno
    > ha denucniato quanto da te ipotizzato, quindi
    > rispondo io al signore, no di fatto non è mai
    > successo nulla di quanto ipotizzati da questi
    > teorici del complotto, in compenso centinai di
    > attentati sono stati sventati, e se questo
    > controllo fosse stato efficace avremmo evitato
    > anche l'ultima tragedia del treno spagnolo, ove a
    > quanto pare il macchinista si vantava di
    > correre...se il controllo fosse stato piu'
    > efficace forse avremmo salvato 70
    > persone!

    Invece e' proprio l'esatto contrario di quello che dici tu.

    L'incidente del treno, l'attentato a Boston, quell'altro pazzo che ha fatto la strage nella scuola...

    Tutte situazioni largamente anticipate in rete da chi le ha commesse, e che prevenzione hanno fatto i governi?

    ZERO.

    La sicurezza e' solo una patetica scusa e non fanno niente per prevenire.

    Invece le informazioni per rapire la moglie e la figlia del dissidente, quelle vengono utilizzate.