L'email è il problema

Rispondere alle email è stressante, riceverne molte è stressante, non vedersi negli occhi è stressante e abusare dell'email sul lavoro diventa quasi fisiologico. Ne parlano due studi, uno australiano e uno britannico. Ecco di che si tratta

L'email è il problemaRoma - La comunicazione non è sempre gradita e talvolta può essere anche fonte di guai per chi la subisce anziché gestirla. Se poi la comunicazione si presenta sotto forma di grandi quantità di posta elettronica allora il livello di stress di un lavoratore è destinato a salire vertiginosamente. E sul banco degli imputati, dopo esserci finiti gli onnipresenti telefonini, ci è finita nientemeno che sua maestà la Posta Elettronica, vale a dire l'applicazione più sfruttata di Internet nel mondo.

Ad affermare che l'email non è quel mezzo innocuo e comodo che molti lodano per la sua discrezione non sono i primi arrivati, sono invece gli scienziati della Australian Psychological Society (APS), in pratica la più autorevole tra le associazioni australiane a cui fanno riferimento i dottori psicologi del paese.

Vista la diffusione enorme e la pervasività del non più nuovissimo mezzo, l'APS ha deciso di trattare più da vicino gli effetti dell'email. "La posta elettronica - sostengono i ricercatori - ci ha consentito una maggiore efficienza e ampiezza della comunicazione. Ma le funzionalità sempre più negative di questo nuovo modo di comunicare devono essere messe in luce. Ad esempio, la comunicazione email negli ambienti di lavoro può portare gli impiegati, in particolare quelli in posizioni dirigenziali, ad essere travolti da informazioni e richieste, quindi a compiere uno sforzo in più per filtrare il flusso di messaggi e riportarlo ad un livello ragionevole".
A sentire gli scienziati, il numero sempre più elevato di email che un individuo riceve sul posto di lavoro aumenta di non poco il carico contribuendo quindi a creare Stress. Il tutto aggravato dal fatto che spesso le email veicolano messaggi che non sono intesi per chi poi li riceve o che sono redatti con un tono e una familiarità che spesso li fa percepire come negativi o addirittura ostili. Ed è Stress.

Lo studio australiano, dunque, tenta di mettere in luce i diversi aspetti della comunicazione via email "allo scopo di identificare gli elementi di stress potenziale legati all'aumentato uso dell'email come metodo preferenziale di comunicazione aziendale". Dimenticando i "vecchi studi" che considerano la posta elettronica il miglior mezzo per comunicare, gli scienziati australiani parlano delle conseguenze a cascata dovute all'email con una certa sicurezza.

Per realizzare lo studio sono state analizzate le risposte di un campione di 1.109 dirigenti australiani di ogni settore che mediamente ricevono tra i 20 e 50 messaggi email al giorno. Il 70 per cento di loro ha affermato che rispondere alla posta elettronica costituisce il massimo, o quasi, elemento di stress. Ad aumentare lo stress anche l'esigenza che nelle comunicazioni interaziendali i messaggi siano scritti correttamente, senza errori di battitura e con il giusto stile professionale.

Va detto però che il 29 per cento degli intervistati ha risposto di non sentirsi stressato a causa dell'email e sono molti coloro che hanno parlato di uno stress moderato. Il massimo livello di stress è raggiunto quando ad una email occorre rispondere rapidamente. Molti ritengono anche stressante il fatto che spesso l'email sostituisca il contatto diretto, a quattr'occhi, con uno scadimento del lavoro sul piano umano.

Ma è veramente tutto un disastro? Secondo i ricercatori australiani molti riconoscono aspetti positivi nell'email, in particolare la possibilità di contattare persone che è difficile trovare al telefono, oppure la comodità nel distribuire documenti in un'impresa o tra i propri collaboratori.

Molto dello Stress è però dovuto all'uso sbagliato o all'abuso di posta elettronica, come viene confermato in queste ore da uno studio britannico. Di seguito i particolari.
TAG: italia
30 Commenti alla Notizia L'email è il problema
Ordina
  • Io impazzirei dallo stress se non avessi l'email.
    Dovrei essere sempre al telefono, dovrei recarmi personalmente in un bel po di posti, dovrei persino temperarmi le matite!
    Da quando non scrivo piu una parola a penna ho smesso di rosicchiare le biro e le mie unghie con conseguente riduzione drastica di stress, altro che!!!

    Secondo me quell articolo non doveva essere ne scritto ne pubblicato Sorride)
  • Concordo alla grande!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Altf4
    > Io impazzirei dallo stress se non avessi
    > l'email.
    > Dovrei essere sempre al telefono, dovrei
    > recarmi personalmente in un bel po di posti,
    > dovrei persino temperarmi le matite!
    > Da quando non scrivo piu una parola a penna
    > ho smesso di rosicchiare le biro e le mie
    > unghie con conseguente riduzione drastica di
    > stress, altro che!!!
    >
    > Secondo me quell articolo non doveva essere
    > ne scritto ne pubblicato Sorride)

    Gia' lo stress probabilmente lo sentono quelli che erano abituati a imboscarsi e a non fare un tubo!
    Per chi lavora il vantaggio e' ovvio!A bocca aperta
    non+autenticato
  • Se l'email arrivano dal tuo capo che ti infila 40000 mila priorita' con scadenze al giorno precedente allora si che e' stressante.

    Se arrivano da clienti che vogliono tutto prima di ieri, sono gia' incavolati, non sanno scrivere e non hanno la piu' pallida idea di quello che veramente vogliono allora e' stressante.

    Se arrivano insieme ad una tonnellata di spam che rischia di farti cancellare email importanti allora e' stressante.

    Se arrivano da persone intelligenti, organizzate che hanno dedicato piu' di 10 secondi a riordinare i loro pensieri prima di iniziare a scrivere e hanno una vaga idea di cosa sia il rispetto del tempo altrui, allora e' un vero aiuto.

    Il piu' delle volte l'email sono solo una perdita di tempo, soprattuto perche' le persone non sanno e non vogliono imparare ad utilizzare bene questo servizio.Triste
    non+autenticato
  • Io so solo che se ricevessi tante telefonate e visite quante email, impazzirei completamente...

    E' normale che se devo gestire 100 utenti il mio lavoro sia stressante, ma provate a pensare se venissero tutte a bussarvi alla porta dell'ufficio o se vi telefonassero!

    Chiedetelo agli operatori del 187 se preferirebboro avere le email!

    ==================================
    Modificato dall'autore il 11/11/2003 12.24.39
  • Aho sei arrivato a mezzo..Con la lingua fuori
    opazz
    8666
  • L'email è stressante quando in taluni uffici se ne fa un uso stile Instant Messaging, quando hai l'utente di fronte a te e invece di colloquiare verbalmente o alzando (se necessario) la cornetta del telefono, invii una email.

    A quel punto può diventare stressante.

    Se uno invece ha un uso normale, anche se è in una posizione di "potere" e quindi deve gestire cose altrui è un ottimo servizio per comunicare. Anche perchè volendo è asincrono..
    opazz
    8666
  • - Scritto da: opazz
    > L'email è stressante quando in taluni uffici
    > se ne fa un uso stile Instant Messaging,
    > quando hai l'utente di fronte a te e invece
    > di colloquiare verbalmente o alzando (se
    > necessario) la cornetta del telefono, invii
    > una email.
    >
    > A quel punto può diventare stressante.
    >
    > Se uno invece ha un uso normale, anche se è
    > in una posizione di "potere" e quindi deve
    > gestire cose altrui è un ottimo servizio per
    > comunicare. Anche perchè volendo è
    > asincrono..

    Non credo, prova a rispondere a 50 email al giorno, in modo serio, *oltre* al lavoro normale, e può diventare stressante.
    Se fossero email di stant messaging richiederebbero probabilmente una risposta veloce.
    non+autenticato
  • > Non credo, prova a rispondere a 50 email al
    > giorno, in modo serio, *oltre* al lavoro
    > normale, e può diventare stressante.

    E' quello che quasi tutti i giorni faccio.. Tra utenti (una cinquantina) e domande girate da clienti o altro è una parte integrante e considerevole del mio lavoro..

    > Se fossero email di stant messaging
    > richiederebbero probabilmente una risposta
    > veloce.

    Eh ma molte volte l'abitudine è questa.. Mandare un email x "abitudine" e non per necessità di mandarla per tenere una traccia scritta..
    opazz
    8666
  • - Scritto da: opazz
    > > Non credo, prova a rispondere a 50 email
    > al
    > > giorno, in modo serio, *oltre* al lavoro
    > > normale, e può diventare stressante.
    >
    > E' quello che quasi tutti i giorni faccio..
    > Tra utenti (una cinquantina) e domande
    > girate da clienti o altro è una parte
    > integrante e considerevole del mio lavoro..
    >

    Lo faccio anche io, e spesso per rispondere ad ogni email occorrono anche una decina di minuti di lavoro per "esaudire" la richiesta.
    Se sono tante spesso portano via troppo tempo, e il dover rispondere in fretta può rendere il tutto stressante

    non+autenticato
  • > Lo faccio anche io, e spesso per rispondere
    > ad ogni email occorrono anche una decina di
    > minuti di lavoro per "esaudire" la
    > richiesta.

    Vero..

    > Se sono tante spesso portano via troppo
    > tempo, e il dover rispondere in fretta può
    > rendere il tutto stressante

    Stressante.. Oggettivo. Io ho "imposto" una regola.. Se vuoi una risposta esaudiente occorre il tempo necessario.. Se vuoi una infarinatura ti do "una notizia spot" e via.. Ma ovviamente ai clienti non puoi far così..   
    opazz
    8666
  • si cmq. restano cazzate rispetto a sbadilare merda in un campo o lavorare accanto a una macchina che fa un casino assordante...
    O poi magari un domani ci lamenteremo del fatto che per guidare la macchina devo girare a destra e sinistra il volante..
    Stiamo in paragone automobilistico, per lavoro devo andare da milano a bologna..beh ci vogliono due ore circa senza contare eventuali problemi.. Se devi farlo 5 volte al giorno non lo fai e stop! Lo fai 4 volte (8ore minimo) e poi stoppi e l'altra la fai il giorno dopo.
    Io rispondo a un sacco di email tutti i giorni dalle 20 al centinaio, un buon 80% sono risposte veloci o solo mail che mi avvisano di qualcosa che devo sapere. Un restante 10% mi ci perdo io in risposte esaustive, e l'altro 10% sono le effettive mail di lavoro che devono rimanere e quindi vanno preparate un pò meglio (mi sotrarranno al massimo 1 ora di lavoro) beh le altre 7 faccio sviluppo e analisi e allora? 7 + 1 fa 8 ore di lavoro e l'email non la considero un passatempo..qualche volta si, ma nn sempre!
    Giustamente come "traduceva" qualcuno lavorare e stressante che si tratti di fare un disegno tecnico o rispondere ad un email di lavoro! Se uno lavora bene e metà del tempo la passa a scrivere email è il suo lavoro e fa parte del suo lavoro, poi se si stressa fatti suoi personali stop!

    ps. se qualcuno salta su a dirmi che non è impiegato e deve fare gli straordinari per non perdere clienti.. beh a ragà e non potete fare un cazzo e andare in giro col mercedes ok? poveri dirigenti stressati dalle emailOcchiolino
  • Approvo e sottoscrivo, anche se non col "veleno polemico" del PS finale.. Ma a grandi linee il succo del discorso è ok.
    opazz
    8666
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)