Bluetooth 1.2, promessa senza fili

Sopravvissuto ad un debutto infelice e a molti pronostici avversi, Bluetooth rinnova la propria sfida al mercato con un aggiornamento che promette più efficienza e affidabilità. Ecco mister Bluetooth 1.2

Overland Parks (USA) - In questi tre anni di vita, Bluetooth è stato dato per morto svariate volte e ancor oggi c'è chi non scommetterebbe un soldo sul suo futuro. Nonostante questo, la tecnologia wireless a corto raggio inventata da Ericsson, ed oggi sviluppata e promossa dal consorzio Bluetooth Special Interest Group (SIG), ha raggiunto proprio di recente alcune pietre miliari, fra cui il superamento dei 1.000 dispositivi certificati e, nel corso del terzo trimestre, del tasso di vendita di un milione di unità per settimana.

Dopo aver dedicato tutti i suoi sforzi nell'eliminare i problemi che affliggevano la prima versione dello standard, fra cui le incompatibilità fra differenti implementazioni della tecnologia e l'inefficienza dei meccanismi di configurazione automatica della connessione, la scorsa settimana il Bluetooth SIG ha rilasciato un aggiornamento alle proprie specifiche che promette di risolvere alcune delle lacune tecniche rimaste aperte nelle specifiche 1.1 (risalenti al marzo del 2001).

La più grossa novità introdotta dalla Bluetooth Core Specification Version 1.2 è rappresentata dall'Adaptive Frequency Hopping (AFH), una tecnica pensata per ridurre al minimo le interferenze fra le varie tecnologie wireless che condividono la gamma di frequenze dei 2,4 GHz. L'AFH si preoccupa di analizzare dinamicamente lo spettro in cerca delle frequenze già occupate da altri dispositivi, come i telefoni cordless e i device Wi-Fi (802.11b/g), e utilizzare solo quelle disponibili: secondo gli esperti questo può tradursi, in ambienti con molte interferenze, in un sensibile incremento delle prestazioni.
Esistono due diversi tipi di AFH: quello attivo, dove i ricetrasmettitori Wi-Fi e Bluetooth risiedono sullo stesso sistema e possono scambiarsi fra loro informazioni sulle frequenze utilizzate, e quello passivo, dove i due moduli risiedono su sistemi differenti e non possono interagire: in quest'ultimo caso il dispositivo Bluetooth è obbligato a determinare le frequenze utilizzate in modo autonomo e consumare, per questo, un maggiore quantitativo di risorse e memoria.

Apple è stato fra i primi produttori ad adottare, negli scorsi mesi, l'AFH nei propri dispositivi Bluetooth, quali tastiere e mouse senza fili: l'azienda ha anche rilasciato firmware aggiornati che permettono di integrare questa funzione in tutti i vecchi device.

Ecco le altre novità di Bluetooth 1.2.
20 Commenti alla Notizia Bluetooth 1.2, promessa senza fili
Ordina
  • volevo sapere se qualcuno è piu' edotto se tutte le macchine gia' in nostro possesso vedi per esempio nokia 6310 i e relativi notebook sony- toshiba ecc. si possono aggiornare senza dover ricomprare il tutto
    grazie
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > volevo sapere se qualcuno è piu' edotto se
    > tutte le macchine gia' in nostro possesso
    > vedi per esempio nokia 6310 i e relativi
    > notebook sony- toshiba ecc. si possono
    > aggiornare senza dover ricomprare il tutto
    > grazie

    No Apple Macintosh? Ahiahiahiahiahi......
    non+autenticato
  • > No Apple Macintosh? Ahiahiahiahiahi......

    cds
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > No Apple Macintosh? Ahiahiahiahiahi......
    >
    > cds

    il tizio ha fatto una battuta...non l'hai capita ovviamente.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > > No Apple Macintosh?
    > Ahiahiahiahiahi......
    > >
    > > cds
    >
    > il tizio ha fatto una battuta...non l'hai
    > capita ovviamente.

    mi pare di no...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > > No Apple Macintosh?
    > Ahiahiahiahiahi......
    > >
    > > cds
    >
    > il tizio ha fatto una battuta...non l'hai
    > capita ovviamente.


    Mmmmh, veramente non era una battuta, le macchine Apple sono le uniche a poter usare Bluetooth e Wi-Fi contemporaneamente. Su PC, Windows o Linux che sia, non si può. L'articolo parla proprio di questa possibilità futura.....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Mmmmh, veramente non era una battuta, le
    > macchine Apple sono le uniche a poter usare
    > Bluetooth e Wi-Fi contemporaneamente. Su PC,
    > Windows o Linux che sia, non si può.
    > L'articolo parla proprio di questa
    > possibilità futura.....

    sono al corrente di questa cosa visto che utilizzo macchine Apple (powerbook)
    :)

    comunque su pc credo che sia possibile anche utilizzare queste tecnologie contemporaneamente!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Mmmmh, veramente non era una battuta, le
    > > macchine Apple sono le uniche a poter
    > usare
    > > Bluetooth e Wi-Fi contemporaneamente. Su
    > PC,
    > > Windows o Linux che sia, non si può.
    > > L'articolo parla proprio di questa
    > > possibilità futura.....
    >
    > sono al corrente di questa cosa visto che
    > utilizzo macchine Apple (powerbook)
    > Sorride
    >
    > comunque su pc credo che sia possibile anche
    > utilizzare queste tecnologie
    > contemporaneamente!

    Rileggi l'articolo, e comunque è cosa nota da tempo che su un pc NON si può usare il VBluetooth contemporaneamente al wi-fi. E' l'ennesimo vantaggio per chi ha un Mac: beato te, io povero studente di Ing. Aero. posso permettermi solo un PIII@700......
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > Mmmmh, veramente non era una battuta,
    > le
    > > > macchine Apple sono le uniche a poter
    > > usare
    > > > Bluetooth e Wi-Fi contemporaneamente.
    > Su
    > > PC,
    > > > Windows o Linux che sia, non si può.
    > > > L'articolo parla proprio di questa
    > > > possibilità futura.....
    > >
    > > sono al corrente di questa cosa visto che
    > > utilizzo macchine Apple (powerbook)
    > > Sorride
    > >
    > > comunque su pc credo che sia possibile
    > anche
    > > utilizzare queste tecnologie
    > > contemporaneamente!
    >
    > Rileggi l'articolo, e comunque è cosa nota
    > da tempo che su un pc NON si può usare il
    > VBluetooth contemporaneamente al wi-fi. E'
    > l'ennesimo vantaggio per chi ha un Mac:
    > beato te, io povero studente di Ing. Aero.
    > posso permettermi solo un PIII@700......

    dopo che ti sarai laureato potrai acquistare tutti i mac che desideri.
    :)

    forza!
    non+autenticato
  • > dopo che ti sarai laureato potrai acquistare tutti i mac che
    > desideri.

    Piuttosto ke buttar via i soldi in "valore aggiunto" (design, markio e boiate varie) mi compro un PC normale ed il resto lo getto nel gioco d' azzardo (magari mi va pure bene......).
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > dopo che ti sarai laureato potrai
    > acquistare tutti i mac che
    > > desideri.
    >
    > Piuttosto ke buttar via i soldi in "valore
    > aggiunto" (design, markio e boiate varie) mi
    > compro un PC normale ed il resto lo getto
    > nel gioco d' azzardo (magari mi va pure
    > bene......).


    In facoltà usiamo i G4 per i test di fluidodinamica, a casa ho un PIII@700 con Win98SE, mio padre usa un notebook HP Pavillion centrino con WinXPpro...ti assicuro che so perfettamente cosa prenderò appena ho due Euro in croce, e non sarà un PCOcchiolino
    non+autenticato