Luca Annunziata

Niente più Tag per Microsoft

Redmond decide di staccare la spina al suo progetto di codice a barre ad alta capacità. Entro il 2015 la tecnologia verrà trasferita a un'altra azienda, per non rendere i codici inutilizzabili

Roma - Il prodotto non è mai decollato: la speranza di Microsoft di mettere lo zampino nella realtà aumentata e interattiva dei codici a barre ad alta capacità (HCCB) incarnatasi in Tag nel 2010 non ha raccolto il successo sperato (così come la concorrenza QR code, pur più diffusa, non è diventata un fenomeno di massa), e dunque a Redmond hanno deciso di fermare le attività. Non prima di aver garantito altri due anni di attività e di aver concesso in licenza la tecnologia a un'altra azienda che garantirà così l'usabilità dei codici fin qui generati.

esempi di microsoft tagCome comunicato da Microsoft stessa sulla pagina del prodotto, il 19 agosto 2015 il servizio Tag verrà dismesso: fino ad allora gli utenti potranno continuare a utilizzare il servizio normalmente, generando e leggendo i codici, per poi optare se lo desiderano per l'adozione Scanbuy di Scanlife. In questo modo si potrà continuare a linkare a siti Internet, video e altre risorse in Rete tramite le immagini colorate di Tag, sempre che questo tipo di tecnologia prima o poi inizi davvero a prendere piede.

Il motivo per cui fino a oggi Tag non ha riscosso grande successo è generalmente attribuito alla mancanza di adozione su qualsiasi smartphone di un lettore compatibile preinstallato: un problema simile afflige anche QR Code, il principale concorrente, che pure può godere di maggiore pubblico potenziale grazie al buon numero di terminali Android che di default sono in grado di leggere i codici che spesso si trovano sulle riviste cartacee. (L.A.)
fonte immagine
5 Commenti alla Notizia Niente più Tag per Microsoft
Ordina
  • Microsoft garantivo che l'uso dei tag sarebbe rimasto free solo fino al 2015. Per questo in tanti, incluso il sottoscritto, prevedendo la fregatura non li hanno mai adottati. Immaginate un'azienda che decide di investire pesantemente nel 2011 in questa tecnologia: sa già che nel 2015 non è più free e neanche sa quanto dovrà pagare, è assurdo! QUESTO è stato il vero deterrente alla sperimentazione, seguito a ruota dal fatto che era tutto closed ...
  • qr code -> Standard libero e gratuito
    microsoft tag -> Sistema proprietario sotto licenza che per funzionare passa dai server di microsoft

    Questa notizia era telefonata xd
    non+autenticato
  • Rileggendo l'articolo del 2010, si capisce uno, se non addirittura il principale motivo del mancato successo:

    "A differenza dei molti software per leggere le etichette QR Code, che funzionano anche offline, Microsoft Tag Reader necessita di una connessione ad Internet: il motivo è che il programma non passa al browser il link diretto alla risorsa codificata nella Tag, ma una URL che rimanda al sito tag.microsoft.com"

    Inoltre, esistendo da tempo il QR, mettere una nuova codifica, di cui, per il motivo di cui sopra, non sai a dove/cosa ti rimanda il link ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: umby
    > Rileggendo l'articolo del 2010, si capisce uno,
    > se non addirittura il principale motivo del
    > mancato
    > successo:

    Il motivo sono le idee geniali di Microsoft, come il doppio carattere per andare a capo (leggasi anche file in due formati testo e binario), la propria Internet privata compatibile solo con Windows, i codici leggibili solo con i loro apparecchi, la scala mobile che dava sul vuoto .... anzi no, quella era dei Simpson, ma non cambia molto.
    non+autenticato
  • Ne ho visto solo uno, ed ovviamente era usato in una pubblicità microsoft.
    "Per leggere questo tag scarica l'applicazione gratuita da http://...", M$ è veramente geniale, fa pubblicità di due sue tecnologie in un solo colpo Rotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato