Alfonso Maruccia

Datagate, spiate anche le Nazioni Unite

Gli occhi e le orecchie indiscrete penetrano nel palazzo dell'ONU, e nelle abitazioni di amanti e partner degli agenti. Snowden denuncia: il Governo UK tenta di screditarmi con false rivelazioni

Datagate, spiate anche le Nazioni UniteRoma - Esiste un posto dove i potenti mezzi di spionaggio della NSA non siano ancora entrati ad ascoltare e registrare tutto? Apparentemente no, e anche i rappresentati dei paesi membri alle Nazioni Unite sono caduti vittima del tecnocontrollo dell'intelligence statunitense, con tanto di cattura dei flussi video delle riunioni interne.

La nuova puntata del Datagate arriva grazie al magazine tedesco Der Spiegel e ai soliti documenti forniti dalla talpa Edward Snowden, e spiega come la NSA sia riuscita a crackare la protezione crittografica del sistema di trasmissione delle teleconferenze interne all'ONU nell'estate del 2012.

Da allora in poi, spiegano i documenti, l'intelligence ha iniziato a spiare, analizzare e archiviare il materiale video e in sole tre settimane il numero di comunicazioni decodificate è cresciuto da 12 a 458. La NSA è in particolare interessata a obiettivi interni all'ONU quali l'Agenzia per l'Energia Atomica e la delegazione europea.
Oltre a spiare i paesi stranieri all'ONU, rivelano i nuovi documenti, l'intelligence USA ha attivo un programma chiamato "Special Collection Service" che consiste nell'utilizzo di un metodo di spionaggio classico (cimici piazzate nelle stanze da tenere sotto controllo) per intercettare le comunicazioni riservate che circolano nelle ambasciate e nei consolati di 80 diversi paesi stranieri.

La NSA non si fa scrupolo di controllare i membri delle Nazioni Unite, rivelano i documenti forniti da Snowden, quindi non stupisce più di tanto venire a sapere dell'esistenza un programma di "rimborsi" economici dal valore di milioni di dollari per le grandi aziende statunitensi dell'hi-tech coinvolte in partnership dichiarate poi parzialmente illegali dalla corte FISC (Foreign Intelligence Surveillance Cour).

L'intelligence statunitense si dichiara massimamente rispettosa della legge e della privacy (degli statunitensi), Barack Obama difende gli uomini in nero elogiandone le capacità di autocontrollo emerse dai documenti recentemente pubblicati, ma nuove, ulteriori rivelazioni parlano di agenti e analisti impegnati a spiare ex-fidanzate e compagne/i secondo una consuetudine - formalmente stigmatizzata - nota all'interno dell'intelligence con la sigla LOVEINT.

I potenti mezzi di spionaggio e tecnocontrollo a disposizione degli analisti dell'intelligence USA non hanno virtualmente limiti, e secondo l'attore Matt Damon è stato un bene che Edward Snowden abbia deciso di fare quello che ha fatto: l'ex-supporter del presidente Obama invoca l'istituzione di un referendum per stabilire se i cittadini statunitensi siano davvero disposti a svendere le loro libertà civili a favore di una supposta sicurezza superiore.

Snowden, dal canto suo, si trova come sempre al centro della scena e non certo sotto una luce positiva: l'ex-analista della CIA accusa il governo britannico di diffondere informazioni riservate sull'esistenza di operazioni di spionaggio in Medioriente, e di farle arrivare al pubblico tramite giornali con cui lui non ha mai lavorato (The Independent) così da accusare implicitamente di danneggiare la sicurezza UK Snowden stesso, il Guardian e gli altri quotidiani con cui la talpa ha collaborato. La vicenda Datagate si fa sempre più ingarbugliata, complessa e pericolosa, e nel tentativo di alleggerire una pressione sempre più evidente e concreta da parte del governo britannico il Guardian stringe una partnership con lo statunitense New York Times per le future pubblicazioni sulle attività di spionaggio del GCHQ.

La caccia del gatto al topo continua mentre le autorità USA stanno ancora cercando di capire quali e quanti documenti Snowden abbia sottratto osservando i log di accesso ai sistemi dell'intelligence, un'indagine sin qui infruttuosa grazie alla capacità della talpa di coprire o cancellare a dovere le proprie tracce.

La sorveglianza globale non può naturalmente sottrarsi ai tentativi più fantasiosi di critica o meta-critica, prova ne sia la comparsa in rete di un fittizio progetto PRSM in grado di "condividere tutto" e che ha già registrato un account per ogni netizen in circolazione. Chiedendo di saperne di più si scopre che PRSM è opera della Electronic Frontier Foundation e della sua opposizione proattiva al tecnocontrollo della NSA. Un tecnocontrollo che tra l'altro è anche a disposizione del partner neozelandesi quando si tratta di colpire i cyber-locker e i presunti "facilitatori" di pirateria digitale come MegaUpload e il suo founder Kim Dotcom, rivelano gli affidavit censurati resi pubblici dalle autorità kiwi.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàNSA, spionaggio a tempo pienoNuovi documenti emersi online evidenziano la reale portata delle capacità di tecno-sorveglianza a disposizione dell'intelligence statunitense. Passi avanti anche sul versante trasparenza, con atti ufficiali e non
64 Commenti alla Notizia Datagate, spiate anche le Nazioni Unite
Ordina
  • Una organizzazione totalmente inutule e costosa: 5 stati che comandano 192 stati pecora. Solo che un pastore spia perchè nessuno rubi le sue pecore ...A bocca aperta
    non+autenticato
  • Snowden:
    Gli Stati Uniti spiano metodicamente tutte le reti di comunicazione mondiale, e anche gli alleati

    Gli USA:
    Non è vero...ok, magari un po' è vero ma lo facciamo solo per contrastare il terrorismo

    Stampa americana e politici europei:
    Che scandalo, se si dimostrasse vero dovrebbero essere puniti, non si possono sorvegliare gli alleati ed i cittadini.

    Gli USA:
    Ma noi sorvegliamo gli alleati ed i cittadini stranieri, mica quelli americani. Noi rispettiamo i diritti civili

    Stampa americana e politici europei:
    Ah, grazie del chiarimento, per un attimo abbiamo creduto che il Governo USA spiasse i cittadini statunitensi, violando il loro diritto. Sapevamo che Snowden è un bugiardo.

    Umanità con più di tre neuroni:
    !!!!????????
    non+autenticato
  • - Scritto da: Surak 2.0
    > Snowden:
    > Gli Stati Uniti spiano metodicamente tutte le
    > reti di comunicazione mondiale, e anche gli
    > alleati
    >
    > Gli USA:
    > Non è vero...ok, magari un po' è vero ma lo
    > facciamo solo per contrastare il
    > terrorismo
    >
    > Stampa americana e politici europei:
    > Che scandalo, se si dimostrasse vero dovrebbero
    > essere puniti, non si possono sorvegliare gli
    > alleati ed i
    > cittadini.
    >
    > Gli USA:
    > Ma noi sorvegliamo gli alleati ed i cittadini
    > stranieri, mica quelli americani. Noi rispettiamo
    > i diritti
    > civili
    >
    > Stampa americana e politici europei:
    > Ah, grazie del chiarimento, per un attimo abbiamo
    > creduto che il Governo USA spiasse i cittadini
    > statunitensi, violando il loro diritto. Sapevamo
    > che Snowden è un
    > bugiardo.
    >
    > Umanità con più di tre neuroni:
    > !!!!????????

    Sorride
    non+autenticato
  • Gli USA di Obama iniziano a somigliare sempre di più alla vecchia URSS.
    Mentre, al contratrio, la Russia di Putin mi piace sempre di più.
    Come sono cambiate le cose in così poco tempo!
  • - Scritto da: MacGeek
    > Gli USA di Obama iniziano a somigliare sempre di
    > più alla vecchia
    > URSS.
    > Mentre, al contratrio, la Russia di Putin mi
    > piace sempre di
    > più.
    > Come sono cambiate le cose in così poco tempo!

    Però negli USA sono un tantino meno omofobi, magari sano che sei gay prima del coming-out ma puoi baciarti in piazza o sposarti, in Russia non lo sanno e manco lo puoi far sapere. Ad ognuno la sua scelta.
    non+autenticato
  • - Scritto da: JamesBond
    > - Scritto da: MacGeek
    > > Gli USA di Obama iniziano a somigliare
    > sempre
    > di
    > > più alla vecchia
    > > URSS.
    > > Mentre, al contratrio, la Russia di Putin mi
    > > piace sempre di
    > > più.
    > > Come sono cambiate le cose in così poco
    > tempo!
    >
    > Però negli USA sono un tantino meno omofobi,
    > magari sano che sei gay prima del coming-out ma
    > puoi baciarti in piazza o sposarti, in Russia non
    > lo sanno e manco lo puoi far sapere. Ad ognuno la
    > sua
    > scelta.

    Dipende da stato a stato: alcuni (specie sulle coste) sono progressisti, altri, quelli centrali (il cosiddetto "sud") sono parecchio moralisti e conservatori.
  • - Scritto da: JamesBond
    > - Scritto da: MacGeek
    > > Gli USA di Obama iniziano a somigliare
    > sempre
    > di
    > > più alla vecchia
    > > URSS.
    > > Mentre, al contratrio, la Russia di Putin mi
    > > piace sempre di
    > > più.
    > > Come sono cambiate le cose in così poco
    > tempo!
    >
    > Però negli USA sono un tantino meno omofobi,

    Vedi un po' come attecchiscono gli slogan.

    > magari sano che sei gay prima del coming-out ma
    > puoi baciarti in piazza o sposarti, in Russia non
    > lo sanno e manco lo puoi far sapere. Ad ognuno la
    > sua
    > scelta.

    In Russia la pena di morte è sospesa (e si discute di abolirla) proprio grazie al cattivone Putin. Non ci sono lager stile Guantanamo e di certo Beslan vale dieci 11/09 (non è da fare il conto).
    La Russia non arma e finanzia il terrorismo all'estero, per poi avere il pretesto di attaccare un Paese. Tranne l'intervento in soccorso dell'Ossezia del Sud,è da anni che la Russia non fa una guerra.
    E sai..il problema è di proibire di mettere qualche omosessuale in qualche serie tv, come viene imposto invece negli USA? Spesso decretando il fiasco di molte serie tv
    non+autenticato
  • > E sai..il problema è di proibire di mettere
    > qualche omosessuale in qualche serie tv, come
    > viene imposto invece negli USA?

    In quale serie tv hanno imposto la presenza di un omosessuale?
    E chi l'ha imposta?
    non+autenticato
  • >
    > Vedi un po' come attecchiscono gli slogan.

    Vedi un po'...


    >
    > > magari sano che sei gay prima del coming-out
    > ma
    > > puoi baciarti in piazza o sposarti, in
    > Russia
    > non
    > > lo sanno e manco lo puoi far sapere. Ad
    > ognuno
    > la
    > > sua
    > > scelta.
    >
    > In Russia la pena di morte è sospesa (e si
    > discute di abolirla) proprio grazie al cattivone
    > Putin.

    Non ho mai detto che Putin è un cattivone.

    >Non ci sono lager stile Guantanamo e di
    > certo Beslan vale dieci 11/09 (non è da fare il
    > conto).
    > La Russia non arma e finanzia il terrorismo
    > all'estero, per poi avere il pretesto di
    > attaccare un Paese. Tranne l'intervento in
    > soccorso dell'Ossezia del Sud,è da anni che la
    > Russia non fa una
    > guerra.

    Perchè non ha più soldi? Chissà...

    > E sai..il problema è di proibire di mettere
    > qualche omosessuale in qualche serie tv, come
    > viene imposto invece negli USA? Spesso decretando
    > il fiasco di molte serie
    > tv

    Si si. Ti consiglio di scrivere queste perle su luogocomune.net
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacGeek
    > Gli USA di Obama iniziano a somigliare sempre di
    > più alla vecchia
    > URSS.

    in realtà è tutto dovuto al Patriot Act dello statunitensissimo George Dabliu

    > Mentre, al contratrio, la Russia di Putin mi
    > piace sempre di
    > più.

    quello che avvelena gli oppositori con il polonio?
    Non mi piacciono nessuno dei due... l'unico vantaggio che vedo per l'umanità è l'equilibrio dovuto ad interessi contrapposti

    > Come sono cambiate le cose in così poco tempo!

    gira e rigira... si ritorna alla guerra fredda
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 27 agosto 2013 15.55
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: il solito bene informato
    > - Scritto da: MacGeek
    > > Gli USA di Obama iniziano a somigliare
    > sempre
    > di
    > > più alla vecchia
    > > URSS.
    >
    > in realtà è tutto dovuto al Patriot Act dello
    > statunitensissimo George
    > Dabliu
    >
    > > Mentre, al contratrio, la Russia di Putin mi
    > > piace sempre di
    > > più.
    >
    > quello che avvelena gli oppositori con il polonio?

    Grandissimo Putin, se è stato lui. Non sono sicuro.
    Ma se uno fa il doppio gioco, mettendo a repentaglio il proprio paese, perché no?
    Anche Obama vuole la testa di Snowden, ma in questo caso non proteggere il proprio paese da un traditori della patria, ma per vendetta verso chi divulgato nefandezze FATTE DA LUI.

    Se qualche altra nazione avesse fatto quello che ha fatto Obama con le intercettazioni, ci sarebbero state ripercussioni ben più pesanti per lei. Ma gli USA sono gli USA ed è più problematico farlo.
  • Non sono loro i buoni? Quindi hanno ragione per definizione a prescindere!!
    non+autenticato
  • Spiati i partner? Sospettati di terrorismo naturalmente!

    A parte i due fake (get real e voice of reason), c'è qualcuno che difende l'operato di NSA?
    non+autenticato
  • - Scritto da: anonimo
    > Spiati i partner? Sospettati di terrorismo
    > naturalmente!
    >
    > A parte i due fake (get real e voice of reason),
    > c'è qualcuno che difende l'operato di
    > NSA?

    Ok che l'ONU conta piu' o meno come il 2 di picche (in particolare per gli americani), ma farsi beccare a ficcanasare nelle comunicazioni di diplomatici esteri e' una pisciata fuori dal vaso di portata di poco inferiore al diluvio universale.....
    non+autenticato
  • - Scritto da: anonimo

    >
    > A parte i due fake (get real e voice of reason),
    > c'è qualcuno che difende l'operato di
    > NSA?

    Due?
    Secondo me e' uno solo.
    Sarebbe davvero triste sapere che su oltre sette miliardi di esseri umani ce ne siano ben due sofferenti di tale orribile patologia mentale.
  • >
    > A parte i due fake (get real e voice of reason),
    > c'è qualcuno che difende l'operato di
    > NSA?

    Io.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Spionaggio

    è dal 4000 a.C. che esiste lo spionaggio, ma dove credete di vivere?

    E' un gioco, un grande gioco, dove ci si rincorre con informazione e controinformazione, con tutte le armi possibili.

    Tra l'altro, se posso dirlo, mi fa ridere che per qualcuno Internet e la tecnologia vada bene quando si tratta di sharing (la copia non costa nulla, le nuove tecnologie servono a questo, il brano originale resta dov'è, i venditori di ghiaccio troveranno un altro lavoro...) e poi si rimane moralmente offesi (come quattro verginelle che hanno visto un un uomo nudo) quando la stessa tecnologia viene usata per copiare i vostri dati, per spiare a largo raggio ecc ecc.

    Benvenuti nel mondo reale. Wake up Neo..

    Concludendo: no, non vi preoccupate che non è le vostre mail con l'amante che vogliono spiare, a meno che non siate diplomatici, politici o capi di stato. State tranquilli e continuate a fare quello che vi pare, mi sembra che qua sono tutti capaci di difendere la propria privacy giusto?
    non+autenticato
  • - Scritto da: JamesBond
    > Concludendo: no, non vi preoccupate che non è le
    > vostre mail con l'amante che vogliono spiare, a
    > meno che non siate diplomatici, politici o capi
    > di stato. State tranquilli e continuate a fare
    > quello che vi pare, mi sembra che qua sono tutti
    > capaci di difendere la propria privacy
    > giusto?

    Certo che lo spionaggio è sempre esistito non sto scoprendo ora l'acqua calda. Nella seconda Guerra mondiale nel pacifico il miglior sistema informativo degli USA è stato in parte determinate per le sorti della guerra con il Giappone... Ma qua si ci indigna prchè gli USA immaggazinano informazioni senza nessuna logica ma tanto per controllare chiuqnue e immaggazinare infomazioni. Secondo te l'inteligence di altri stati magari nemici, o i terrosti usano Gmail per scambiarsi informazioni? Usano le loro reti e i loro sistemi di cifratura con i cifrari segreti e ovviamente li cambiano periodicamente.

    Per rispondere a quello che ho quotato:

    Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezza. (dalla Risposta al Governatore, Assemblea della Pennsylvania, 11 novembre 1755; in The Papers of Benjamin Franklin, ed. Leonard W. Labaree, 1963, vol. 6, p. 242)[1]
  • >Ma qua si ci indigna prchè gli USA
    > immaggazinano informazioni senza nessuna logica
    > ma tanto per controllare chiuqnue e immaggazinare
    > infomazioni.

    Questo è quello che pensi tu, forse, e dico forse, qualcuno ha qualche mania di persecuzione o di protagonismo. No, tu non conti niente per loro, sei un signor nessuno, stai tranquillo, nessuno si salva la tua posta o perde tempo a leggerla. Semplicemente ci sono algoritmi che valutano in automatico segnali "anomali" e che eventualmente fanno scattare una soglia di attenzione per la quale viene poi fatto un controllo umano. Appurato che sei un signor nessuno con i suoi segretucci (che abbiamo tutti), ti purgano dai loro db allo stesso modo in cui tu schiacci una zanzara.
    Se tu invece fossi qualcuno di "importante", allora stai tranquillo che il tuo dossier lo fanno, lo fanno anche certi giornalisti italiani, perchè stupirsi se lo fa la NSA? Credi che la vita pubblica e privata si sappia solo da Facebook? Vai ad una festa e sai i fatti di tutti in mezz'ora, non serve nessun faccialibro o gmail.


    Secondo te l'inteligence di altri
    > stati magari nemici, o i terrosti usano Gmail per
    > scambiarsi informazioni? Usano le loro reti e i
    > loro sistemi di cifratura con i cifrari segreti e
    > ovviamente li cambiano periodicamente.
    >

    Il problema tuo e di altri è che vi manca la fantasia. No, probabilmente non usano gmail per dirsi "domani mettiamo una bomba in questo posto". Però magari usano gmail (o altre piattaforme) per dialogare con altre persone, parenti, simpatizzati, fornitori, finanziatori ecc ecc. E tu scopri che tizio compra armi da caio la cui moglie è amante di sempronio che è dentista di tizio. Ed allora, all'accorenza, gli metti il cianuro nel risciaquo della poltrona. O mentre ha la bocca splanacata gli infili una pinza in bocca finchè non spiffera qualcosa. Film? Può darsi, vedi tu.


    >
    > Per rispondere a quello che ho quotato:
    >
    > Chi è pronto a dar via le proprie libertà
    > fondamentali per comprarsi briciole di temporanea
    > sicurezza non merita né la libertà né la
    > sicurezza. (dalla Risposta al Governatore,
    > Assemblea della Pennsylvania, 11 novembre 1755;
    > in The Papers of Benjamin Franklin, ed. Leonard
    > W. Labaree, 1963, vol. 6, p.
    > 242)[1]

    La solita frasetta, ora detta da uno, ora detta da un altro. A pate il fatto che si potrebbe discutere sul fatto che la sicurezza ha sempre avuto un compromesso da pagare in libertà (poi se vuoi possiamo levare le forze armate, i controlli all'aeroporto, le inferriate agli stati, i parapetti alle terrazze ecc ecc), vorrei tanto sapere in cosa non saresti libero causa controlli NSA o altri.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Trollollero
    > Buona lettura
    >
    > http://en.wikipedia.org/wiki/Mass_surveillance

    Quello che molti continuano a non capire è che non esiste un db con il nome e cognome tuo e quello che fai dalla mattina alla sera. E' come guardare un formicaio, non ti concentri sul singolo ma sulla massa, se poi noti comportamenti anomali o formiche che vanno fuori dalla norma, allora li marchi e li osservi. Oppure se viene fuori qualche caso strano, si torna indietro e si guardano le registrazioni. Ma nessuno, ed dico a nessuno, interessa cosa caspita fai tu o io finchè, per qualche motivo, non diventimao interessanti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: JamesBond
    > - Scritto da: Trollollero
    > > Buona lettura
    > >
    > >
    > http://en.wikipedia.org/wiki/Mass_surveillance
    >
    > Quello che molti continuano a non capire è che
    > non esiste un db con il nome e cognome tuo e
    > quello che fai dalla mattina alla sera.

    Ma e' triviale risalire al nome, in caso di necessita'.
    Inoltre, qui si sta parlando di informazioni PREVENTIVAMENTE incamerate.
    Questa gente non si e' limitata ad intercettare le comunicazioni della famiglia Bin Laden: ha intercettato le comunicazioni di TUTTO IL MONDO perche' FORSE, DA QUALCHE PARTE, QUALCUNO POTREBBE DIVENTARE IL NUOVO BIN LADEN .
    Se non riesci a capire perche' un simile comportamento sia eticamente ripugnante (nonche' ampiamente illegale in quasi tutto il mondo...) non e' colpa mia.

    > E' come guardare un formicaio, non ti concentri sul
    > singolo ma sulla massa, se poi noti comportamenti
    > anomali o formiche che vanno fuori dalla norma,
    > allora li marchi e li osservi. Oppure se viene
    > fuori qualche caso strano, si torna indietro e si
    > guardano le registrazioni. Ma nessuno, ed dico a
    > nessuno, interessa cosa caspita fai tu o io
    > finchè, per qualche motivo, non diventimao
    > interessanti.

    Se e quando diventero' "interessante" dovro' essere messo sotto controllo, non prima.
    E il controllo dovra' terminare nell'esatto istante in cui verra' accertato che non sono "interessante", altro che sorveglianza a tappeto vita natural durante.

    L'informazione e' UN'ARMA, e come tutte le armi chi ne dispone prima o poi la usera': a suo vantaggio e contro gli interessi di chi non ne dispone.

    E gli USA giochetti simili di imposizione con la forza li hanno gia' fatti in passato (chiedi a un giapponese cosa sono le Navi Nere e senti un po' che dice...)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Trollollero
    > Se e quando diventero' "interessante" dovro'
    > essere messo sotto controllo, non
    > prima.

    E loro si portano avanti col lavoro giá oggi.

    Se tu nel 2015 sarai un terrorista loro possono sapere che oggi, via gmail o facebook, hai un amico in Guatemala che potrebbe ospitarti.

    > E il controllo dovra' terminare nell'esatto
    > istante in cui verra' accertato che non sono
    > "interessante", altro che sorveglianza a tappeto
    > vita natural
    > durante.
    >

    Potrai diventare interessante in futuro peró.

    > L'informazione e' UN'ARMA, e come tutte le armi
    > chi ne dispone prima o poi la usera': a suo
    > vantaggio e contro gli interessi di chi non ne
    > dispone.
    >

    Loro lo sanno bene e tu puoi farci ben poco se non starnazzare qui su PI.

    > E gli USA giochetti simili di imposizione con la
    > forza li hanno gia' fatti in passato (chiedi a un
    > giapponese cosa sono le Navi Nere e senti un po'
    > che
    > dice...)

    E quali sono state le conseguenze ? A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: aphex_twin
    > - Scritto da: Trollollero
    > > Se e quando diventero' "interessante" dovro'
    > > essere messo sotto controllo, non
    > > prima.
    >
    > E loro si portano avanti col lavoro giá oggi.
    >
    > Se tu nel 2015 sarai un terrorista loro possono
    > sapere che oggi, via gmail o facebook, hai un
    > amico in Guatemala che potrebbe
    > ospitarti.
    >

    Cerrrrrrrrrrrrrrto.
    E ovviamente la sorveglianza preventiva, segreta e totale (storicamente usata solo e soltanto da dittature e/o regimi totalitari) e' un bene.
    Lo fanno per noi......

    > > E il controllo dovra' terminare nell'esatto
    > > istante in cui verra' accertato che non sono
    > > "interessante", altro che sorveglianza a
    > tappeto
    > > vita natural
    > > durante.
    > >
    >
    > Potrai diventare interessante in futuro peró.
    >

    Facciamo cosi', domani mi presento all'Asinara e chiedo di essere ingabbiato li'.......
    Almeno faccio risparmiare un po' di soldi allo stato.......


    Ma p***a m*****a i*******a e t***a, ma almeno vi rendete conto delle cazzate che scrivete ?

    > > L'informazione e' UN'ARMA, e come tutte le
    > armi
    > > chi ne dispone prima o poi la usera': a suo
    > > vantaggio e contro gli interessi di chi non
    > ne
    > > dispone.
    > >
    >
    > Loro lo sanno bene e tu puoi farci ben poco se
    > non starnazzare qui su
    > PI.
    >

    Che puo' fare un applecorinato se non belare ?

    > > E gli USA giochetti simili di imposizione
    > con
    > la
    > > forza li hanno gia' fatti in passato (chiedi
    > a
    > un
    > > giapponese cosa sono le Navi Nere e senti un
    > po'
    > > che
    > > dice...)
    >
    > E quali sono state le conseguenze ? A bocca aperta

    Niente di che, una cultura distrutta dall'oggi al domani semplicemente perche' i cari 'mmerigani avevano bisogno di un nuovo mercato da sfruttare....
    non+autenticato