Mauro Vecchio

Kindle, dal cartaceo al doppione digitale

Gli utenti della piattaforma di Seattle potranno acquistare a prezzi ridotti le versioni ebook di tutti i libri acquistati dal lontano 1995

Roma - Dal prossimo ottobre, il programma Kindle MatchBook permetterà a tutti i clienti di Amazon di ottenere le versioni elettroniche di tutti quei libri cartacei acquistati dal lontano 1995, anno in cui l'azienda di Seattle avviava la rivoluzione della distribuzione digitale con il suo bookstore online.

Nello specifico, gli utenti della piattaforma statunitense potranno ricevere una copia ebook dei libri già acquistati per la spedizione in formato cartaceo, a prezzi decisamente più contenuti di quelli previsti per la sola distribuzione su Kindle Store. Rispetto alla media di 10 dollari (7,5 euro) per un volume elettronico acquistato ex-novo, i doppioni sul programma MatchBook costeranno da 0,99 (0,75 euro) ad un massimo di 2,99 dollari (2,30 euro circa).

A discrezione del singolo autore legato al retailer di Seattle, gli utenti già in possesso di un determinato volume potranno scaricare il doppione in maniera del tutto gratuita.
Con Kindle MatchBook, Amazon cerca di andare incontro a quei consumatori che mai deciderebbero di acquistare due versioni dello stesso libro, almeno non al prezzo pieno di copertina e su Kindle Store. (M.V.)
Notizie collegate
  • BusinessAmazon vende anche nelle appIl retailer statunitense apre agli sviluppatori mobile la sua piattaforma di vendita. Su Kindle Fire e Android, le app conterranno link per la vendita di beni nell'e-commerce di Seattle
  • BusinessKindle Worlds, l'ombrello Amazon per le fan fictionL'azienda di Seattle apre agli scritti liberamente ispirati dalle opere altrui. Grazie agli accordi con i detentori dei diritti, gli aspiranti scrittori troveranno in Amazon un editore disposto a fargli guadagnare qualcosa dalla loro passione
17 Commenti alla Notizia Kindle, dal cartaceo al doppione digitale
Ordina
  • Per quale motivo chi già possiede la copia cartacea dovrebbe pagare di nuovo per avere la versione Kindle?
  • I motivi sono diversi. Dalla necessità di far posto nella libreria (a un certo punto i libri fanno massa critica e con la morte nel cuore bisogna fare sacrifici e liberarsene), fino alla possibilità di fare ricerche testuali e copiaincollare il testo per i propri lavori o il proprio sito web.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giardino dei semplici
    > I motivi sono diversi. Dalla necessità di far
    > posto nella libreria (a un certo punto i libri
    > fanno massa critica e con la morte nel cuore
    > bisogna fare sacrifici e liberarsene), fino alla
    > possibilità di fare ricerche testuali e
    > copiaincollare il testo per i propri lavori o il
    > proprio sito
    > web.

    Non hai capito. Lui vuole dire: se ho già pagato i diritti d'autore per leggere comprando la versione cartacea è giusto che la versione digitale sia gratis, alla fine il ocntenuto è lo stesso. Ovviamente io sono d'accordo. Se ho comprato una versione cartacea ho il diritto di avere senza spese aggiuntive una versione digitale.

    E' la solita storia del pagare più di una volta lo stesso contenuto, grazie a leggi lobbistiche del copyright.
  • > Non hai capito. Lui vuole dire: se ho già pagato
    > i diritti d'autore per leggere comprando la
    > versione cartacea è giusto che la versione
    > digitale sia gratis, alla fine il ocntenuto è lo
    > stesso.

    Io non l'avevo intesa così. Sarà...!


    > Ovviamente io sono d'accordo. Se ho
    > comprato una versione cartacea ho il diritto di
    > avere senza spese aggiuntive una versione
    > digitale.

    Esiste il mondo reale, quello in cui le leggi, compresa quella sul diritto d'autore, le approvano e la cambiano i parlamenti a maggioranza. E poi esiste il mondo di Punto Informatico, in cui chiunque si svegli la mattina con un'idea luminosa in testa può inventarsi tutti i "diritti" che vuole, e pretendere che siano rispettati. Altrimenti ci arrabbiamo.
    Ci sono questo due mondi, dicevo, ma che tu lo voglia o no, si nasce e si vive solo nel primo tipo. Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giardino dei semplici
    > > Non hai capito. Lui vuole dire: se ho già
    > pagato
    > > i diritti d'autore per leggere comprando la
    > > versione cartacea è giusto che la versione
    > > digitale sia gratis, alla fine il ocntenuto
    > è
    > lo
    > > stesso.
    >
    > Io non l'avevo intesa così. Sarà...!
    >
    >
    > > Ovviamente io sono d'accordo. Se ho
    > > comprato una versione cartacea ho il diritto
    > di
    > > avere senza spese aggiuntive una versione
    > > digitale.
    >
    > Esiste il mondo reale, quello in cui le leggi,
    > compresa quella sul diritto d'autore, le
    > approvano e la cambiano i parlamenti a
    > maggioranza. E poi esiste il mondo di Punto
    > Informatico, in cui chiunque si svegli la mattina
    > con un'idea luminosa in testa può inventarsi
    > tutti i "diritti" che vuole, e pretendere che
    > siano rispettati. Altrimenti ci
    > arrabbiamo.
    > Ci sono questo due mondi, dicevo, ma che tu lo
    > voglia o no, si nasce e si vive solo nel primo
    > tipo.
    > Sorride

    C'è pure il mondo del mulo o dei torrent e simili; li le copie digitali sono freeA bocca aperta
  • > > Esiste il mondo reale, quello in cui le
    > leggi,
    > > compresa quella sul diritto d'autore, le
    > > approvano e la cambiano i parlamenti a
    > > maggioranza. E poi esiste il mondo di Punto
    > > Informatico, in cui chiunque si svegli la
    > mattina
    > > con un'idea luminosa in testa può inventarsi
    > > tutti i "diritti" che vuole, e pretendere che
    > > siano rispettati. Altrimenti ci
    > > arrabbiamo.
    > > Ci sono questo due mondi, dicevo, ma che tu
    > lo
    > > voglia o no, si nasce e si vive solo nel
    > primo
    > > tipo.
    > > Sorride
    >
    > C'è pure il mondo del mulo o dei torrent e
    > simili; li le copie digitali sono free
    >A bocca aperta

    E già prima del mulo esistevano Napster e WinMX, usati a piene mani.
    Però il fatto di usarli non autorizza a pensare che le leggi preesistenti siano improvvisamente cambiate.
    non+autenticato
  • In effetti secondo me sarebbe giusto fossero dati gratis come fanno con gli mp3 dei cd acquistati, da un po' di tempo infatti per quasi tutti i cd acquistati ti danno la versione mp3 sul loro Amazon Cloud Player gratis e si possono anche scaricare su iTunes o altro...

    Inoltre credo che avere la copia free del libro da portare su dispositivo digitale potrebbe essere utile in questo senso: a casa ho il libro "reale" e leggo quello, poi in giro, a lavoro o in piscina ad esempio vado avanti a leggerlo sul Kindle che pesa meno e me lo porto in giro più facilmente...
  • Io vedo il diritto d'autore sul libro come legato alla copia fisica: posso regalare un libro che ho già letto a chiunque senza problemi di diritti. Se voglio comprarmi due copie cartacee dello stesso libro per tenerne uno in camera e uno in soggiorno, pago due volte il diritto d'autore. In questo senso se voglio una seconda copia elettronica, pago di nuovo.

    Se decidessero invece che il possesso di una copia fisica di un libro da diritto al possesso di una copia elettronica dello stesso libro,
    diventerebbe difficile da sanzionare il comportamento scorretto per il quale io posso comprare un libro cartaceo, scaricare la versione elettronica e poi regalare il libro cartaceo o simili comportamenti...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Marco Vian
    > Io vedo il diritto d'autore sul libro come legato
    > alla copia fisica: posso regalare un libro che ho
    > già letto a chiunque senza problemi di diritti.
    > Se voglio comprarmi due copie cartacee dello
    > stesso libro per tenerne uno in camera e uno in
    > soggiorno, pago due volte il diritto d'autore. In
    > questo senso se voglio una seconda copia
    > elettronica, pago di
    > nuovo.
    >
    > Se decidessero invece che il possesso di una
    > copia fisica di un libro da diritto al possesso
    > di una copia elettronica dello stesso
    > libro,
    > diventerebbe difficile da sanzionare il
    > comportamento scorretto per il quale io posso
    > comprare un libro cartaceo, scaricare la versione
    > elettronica e poi regalare il libro cartaceo o
    > simili
    > comportamenti...

    Certo, quello che dici è condivisibile, però allora dovrebbe valere lo stesso per gli MP3, invece quelli li danno free dei cd che hai acquistato dal 2010 ad oggi (mi pare). O tutti e due free o tutti e due a pagamento, ma uno free e uno a pagamento mi pare un controsenso, no? Anche sui cd vale la stessa cosa dei diritti d'autore giusto?
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: thebecker

    > Non hai capito. Lui vuole dire: se ho già pagato
    > i diritti d'autore per leggere comprando la
    > versione cartacea è giusto che la versione
    > digitale sia gratis, alla fine il ocntenuto è lo
    > stesso.

    Forse perché se facessero così tu potresti cedere (regalare o vendere) la copia cartacea tenendoti quella elettronica, e loro ci avrebbero perso. Possono controllare la copia elettronica (tramite il tuo account) ma non quella cartacea.
    Per i DVD lo fanno tranquillamente perché comunque fare un rip è un gioco da ragazzi, mentre un libro cartaceo non è così facilmente riproducibile e comunque non a costo zero. Anche trasformare il cartaceo in elettronico richiede scansioni, OCR, errori ecc.

    Saluti
    VITRIOL
    non+autenticato