Mauro Vecchio

Google, lampi di guerra sul web dei pirati

L'azienda californiana pubblica un report in cui illustra le principali tattiche di lotta alla condivisione illecita dei contenuti online. Dalla promozione della legalità al taglio dei ponti pubblicitari

Roma - Un lungo e dettagliato rapporto sulle principali tattiche anti-pirateria adottate dai responsabili di Google: annunciato dal legal director Fred von Lohmann, il memo How Google Fights Piracy illustra agli utenti - e soprattutto ai legittimi detentori dei diritti - una strategia divisa in tre specifiche aree d'intervento sulle reti di comunicazione elettronica.

"Il modo migliore per combattere la pirateria è l'adozione di migliori alternative legali", chiarisce subito von Lohmann nel post pubblicato sul blog europeo della Grande G. Dall'avvento di Google Music al servizio di streaming Spotify - Mountain View ha sottolineato come, dal 2009, il tasso di pirateria in terra svedese sia sceso del 25 per cento, abbattuto grazie all'offerta della piattaforma locale - la ricerca di più convenienti servizi digitali in ambito musicale porterebbe inevitabilmente a meno scaricamenti in violazione del copyright.

Nella seconda area d'intervento, Google è tornata al suo caro principio del follow the money, ovvero all'abbattimento dei canali pubblicitari che fungono da fondamentale sostentamento per quasi tutte le piattaforme della pirateria audiovisiva. Stando ai dati snocciolati nel report di BigG, la violazione dei termini di servizio nei servizi pubblicitari della stessa azienda californiana ha portato alla chiusura dei canali per quasi 50mila siti nel solo anno 2012.
Ultima strategia, la rimozione dei link illeciti dal motore di ricerca, su segnalazione dei legittimi detentori dei diritti. Alla fine del 2012, Google ha eliminato quasi 60 milioni di pagine web, di cui 30 milioni di URL segnalate dalla sola (attivissima) British Phonographic Industry (BPI). L'associazione dei discografici d'Albione è però rimasta a mani vuote con la homepage thepiratebay.sx, indicata tra i massimi nemici del diritto d'autore. Google ha però risposto picche, dal momento che la stessa homepage non ospita direttamente alcun link o contenuto pirata. L'azienda di Mountain View cerca infatti di bilanciare le pressanti esigenze dell'industria con la tutela dei suoi utenti, un dettaglio forse sgradito alle associazioni come la Motion Picture Association of America (MPAA).

Le major di Hollywood hanno infatti spesso sottolineato come gli sforzi di BigG siano certamente apprezzabili, ma non sufficienti a sradicare il fenomeno. Da principale intermediario del web, l'azienda californiana dovrebbe fare di più per promuovere le sole piattaforme di consumo legale tra i risultati del suo search engine.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, il web contro la pubblicità pirataAlleanza tra Washington e i colossi di Internet, per una serie di linee guida che porteranno alla rimozione degli spazi pubblicitari per la promozione di servizi e piattaforme in violazione del copyright o del trademark
  • AttualitàGoogle, pirati sotto un ponteA colloquio con Visa e Mastercard, BigG starebbe pensando di fare terra bruciata intorno alla pirateria facendo saltare tutti i canali di pagamento per la raccolta pubblicitaria dei siti illeciti
9 Commenti alla Notizia Google, lampi di guerra sul web dei pirati
Ordina
  • "l'azienda californiana dovrebbe fare di più per promuovere le sole piattaforme di consumo legale tra i risultati del suo search engine"
    Bellissima! Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Ma lo fa! "Promuovere" è il suo core business!

    ...solo che di solito lo fa a pagamento! Se le Major di Hollywood vogliono advertising solo per loro e pure gratuito, mi sa che non hanno capito di cosa campa Google... A bocca apertaSorrideRotola dal ridereOcchiolino
    non+autenticato
  • Pirateria scesa in Svezia del 25 per cento? Ma che hanno, uno strumento apposita per calcolare quanto la gente scarica, e che cosa? Rotola dal ridere
    Sono cifre sparate a casaccio... molto probabilmente da pr pagati da Spotify.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nico Di Palo
    > Pirateria scesa in Svezia del 25 per cento? Ma
    > che hanno, uno strumento apposita per calcolare
    > quanto la gente scarica, e che cosa?
    > Rotola dal ridere

    Certo che hanno uno strumento apposta.
    Non lo sapevi?

    Questo qua sotto: come noterai si legge perfettamente 25% sul display.

    Clicca per vedere le dimensioni originali
  • > > Pirateria scesa in Svezia del 25 per cento?
    > Ma
    > > che hanno, uno strumento apposita per
    > calcolare
    > > quanto la gente scarica, e che cosa?
    > > Rotola dal ridere
    >
    > Certo che hanno uno strumento apposta.
    > Non lo sapevi?
    >
    > Questo qua sotto: come noterai si legge
    > perfettamente 25% sul
    > display.
    >
    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Vero, scusa, non ci avevo pensato. Sarà che il simbolo del % è un po' liso....
    non+autenticato
  • Panda, sbagli. Non è quello. Arriva solo al 66%.

    Questo è quello che usiamo:
    Clicca per vedere le dimensioni originali
  • - Scritto da: ThEnOra
    > Panda, sbagli. Non è quello. Arriva solo al 66%.
    >
    > Questo è quello che usiamo:

    Bentrovato!
    Passate bene le vacanze?

    Sono contento di sapere che vi siete aggiornati e che finalmente utilizzate i piu' sofisticati strumenti di D&D invece di quelli del gioco dell'oca per le vostre analisi.

    Che qui ci sono malelingue che dicono che i vostri sono numeri a caso, quando invece sappiamo perfettamente che sono il frutto di lunghe ed elaborate analisi.
  • - Scritto da: panda rossa
    >
    > Che qui ci sono malelingue che dicono che i
    > vostri sono numeri a caso, quando invece sappiamo
    > perfettamente che sono il frutto di lunghe ed
    > elaborate
    > analisi.

    Per di più svolte da società esterne che paghiamo profumatamente!
  • Sì, profumatamente perché il pagamento avviene con profumi ed acque di colonia come Chanel Nº 5, Puig e Egoïst.
    C'é una bella scorta in magazzino perché vengono usati copiosamente per coprire la puzza di quello che si fa in sede.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ThEnOra
    > - Scritto da: panda rossa
    > >
    > > Che qui ci sono malelingue che dicono che i
    > > vostri sono numeri a caso, quando invece
    > sappiamo
    > > perfettamente che sono il frutto di lunghe ed
    > > elaborate
    > > analisi.
    >
    > Per di più svolte da società esterne che paghiamo
    > profumatamente!

    Guarda, proprio perche' sei tu, mi offro a titolo gratuito per fornire stime e percentuali al posto di quelle costose societa' esterne.

    Garantisco una precisione non inferiore a quella delle suddette, in tempi piu' rapidi e a costo zero.

    Basta che mi fai arrivare un PM con la richiesta (es. "di quanto e' calata la pirateria negli ultimi 6 mesi ?") e io rispondo entro 4 ore lavorative col risultato (l'orario lavorativo e' da intendersi dalle 9:00 alle 18:00 di ogni giorno feriale).

    In cambio della prospettiva di questo immenso risparmio mi farai avere un pacco di 8 rotoli di carta igienica doppio velo, serigrafata coi volti di tutto il consiglio di amministrazione della FIMI.