Mauro Vecchio

Fisco, tremino gli operatori del web

Il Partito Democratico presenta un pacchetto di emendamenti al decreto delega fiscale, per costringere i colossi globali dell'IT a pagare più tasse in Italia. Compreso il mercato pubblicitario

Roma - Per un sistema di tassazione più equo e trasparente, che risulti effettivamente orientato alla crescita economica, un pacchetto di emendamenti al decreto sulla delega fiscale presentato alla commissione Finanze della Camera da Ernesto Carbone (Pd). Supportati dal premier Enrico Letta - "non ci saranno più scorciatoie", aveva promesso nel corso dell'ultimo G8 di Lough Erne - gli esponenti del Partito Democratico dichiarano guerra alle potenti multinazionali operative sul web, contro quelle tattiche fiscali che di fatto aggirano il pagamento delle tasse in Italia.

Da Google a Facebook, i cosiddetti over-the-top sono finiti sotto la lente del fisco in numerosi paesi europei, Italia compresa, a causa dell'esiguità delle tasse versate a fronte di diversi miliardi di fatturato. Tra conti offshore e spostamenti di business in paesi dalle politiche fiscali più morbide - dalla Repubblica d'Irlanda al Lussemburgo - gli operatori del web potrebbero subire un nuovo regime di tolleranza zero come avanzato nella proposta legislativa di Carbone e dell'intero Partito Democratico.

Nel primo tra gli emendamenti presentati alla commissione Finanze della Camera, si dovrebbe prevedere anche in Italia "l'introduzione, in linea con le migliori esperienze internazionali, di sistemi di tassazione delle imprese multinazionali basati su adeguati sistemi di stima delle quote di attività imputabili alla competenza fiscale nazionale". Il regime fiscale del Belpaese vorrebbe così seguire i modelli adottati in alcuni stati statunitensi, che prevedono la stima di certi dati economici di localizzazione - esempio, il numero dei dipendenti o i metri quadrati delle sedi - nel calcolo della parte dei ricavi globalizzati che devono essere tassati nei vari paesi ospitanti.
"È necessario andare a chiedere a queste multinazionali di rispettare in toto le regole fiscali e del mercato - ha spiegato Carbone - pagando le tasse per quanto realmente producono in termini di fatturato in Italia". A fronte di incassi miliardari, alcuni OTT hanno denunciato al fisco italiano una cifra che complessivamente supera di poco il milione di euro: 950 mila euro (Amazon) e 132mila euro (Facebook).

Il secondo emendamento presentato dal Pd stabilisce invece che chiunque "venda campagne pubblicitarie online erogate sul territorio italiano debba avere una partita Iva italiana, ivi incluse le operazioni effettuate mediante i centri media e gli operatori terzi". In questo modo si eviterebbe che le aziende high-tech dirottino all'estero il budget della pubblicità digitale italiana e sul mercato tricolore.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • BusinessItalia, il fisco si mobilita per GoogleLa divisione tricolore di BigG sotto la lente delle Fiamme Gialle e dell'Agenzia delle Entrate. Non sarebbe stato dichiarato un reddito di 240 milioni di euro, evitando di pagare una IVA di 96 milioni. Google assicura collaborazione
101 Commenti alla Notizia Fisco, tremino gli operatori del web
Ordina
  • Sono quasi tre ore, ma vale la pena di ascoltarlo:

    http://download.radioradicale.it/store-55/roma/201...
    FDG
    10893
  • - Scritto da: FDG
    > Sono quasi tre ore, ma vale la pena di ascoltarlo:
    >
    > http://download.radioradicale.it/store-55/roma/201

    è il convegno di Guarino, Savona, Bagnai, Borghi, Rinaldi di 4 giorni fa?
    non+autenticato
  • - Scritto da: zfdgsdfgzsd gxdfgsdfg sdfgsdfgsd gsd

    > è il convegno di Guarino, Savona, Bagnai, Borghi,
    > Rinaldi di 4 giorni
    > fa?

    Si. Ho conservato il link all'audio.

    EDIT: ho recuperato l'originale

    http://www.radioradicale.it/scheda/389858
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 16 settembre 2013 17.22
    -----------------------------------------------------------
    FDG
    10893
  • - Scritto da: FDG
    > - Scritto da: zfdgsdfgzsd gxdfgsdfg sdfgsdfgsd gsd
    >
    > > è il convegno di Guarino, Savona, Bagnai,
    > Borghi,
    > > Rinaldi di 4 giorni
    > > fa?
    >
    > Si. Ho conservato il link all'audio.

    bhe a questo punto c'è il video sul tubo:
    non+autenticato
  • - Scritto da: FDG
    > Sono quasi tre ore, ma vale la pena di ascoltarlo:
    >
    > http://download.radioradicale.it/store-55/roma/201

    Non so gli altri, ma a livello accademico Bagnai e Borghi contano zero. Sono due professori associati, il primo di un'università minuscola. L'altro tiene un corso sulla compravendita di arte alla Cattolica. Però poi vanno in tv e in radio e sembra che siano dei premi Nobel.
    non+autenticato
  • > Non so gli altri, ma a livello accademico Bagnai
    > e Borghi contano zero. Sono due professori
    > associati, il primo di un'università minuscola.
    > L'altro tiene un corso sulla compravendita di
    > arte alla Cattolica. Però poi vanno in tv e in
    > radio e sembra che siano dei premi
    > Nobel.

    È il sintomo di un provincialismo ancora duro a morire. Magari 50 anni fa, quando la tv era ancora giovane, era normale pensare che se uno andava in tv era perché era già famoso, e le cose che dicave erano condivise da quasi tutti. Ma oggi...
    E accade in tutti i campi, secondo me: io di musica classica non capisco un fico secco. Ho chiesto un parere a un amico che qualcosa ne sa Giovanni Allevi, e mi ha confermato che è un fenomeno sapientemente confezionato a tavolino, ovviamente passando dall'America (se un italiano non si inventa una qualche forma di legittimazione americana la fama se la scorda). Qualità pianistiche vicino allo zero.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dottor Stranamore
    > - Scritto da: FDG
    > > Sono quasi tre ore, ma vale la pena di
    > ascoltarlo:
    > >
    > >
    > http://download.radioradicale.it/store-55/roma/201
    >
    > Non so gli altri,

    bhe Savona è uno dei migliori economisti che abbiamo in Italia e Guarino è uno dei nostri massimi giuristi, non hanno certo bisogno di presentazioni

    > ma a livello accademico Bagnai
    > e Borghi contano zero. Sono due professori
    > associati, il primo di un'università minuscola.
    > L'altro tiene un corso sulla compravendita di
    > arte alla Cattolica. Però poi vanno in tv e in
    > radio e sembra che siano dei premi
    > Nobel.

    questo perchè le loro tesi sono le medesime sostenute dai massimi premi nobel in economia (Krugman, Stiglitz, Sen, ecc..); in tal senso si, non sono originali ma le loro pesi hanno molto peso perchè sono le tesi di gente che ha molto peso.
    non+autenticato
  • Le loro tesi hanno molto peso perchè sono le tesi di gente che ha molto peso? Forse è la tarda ora? Questa è una tautologia da manuale.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Guidone
    > Le loro tesi hanno molto peso perchè sono le tesi
    > di gente che ha molto peso? Forse è la tarda ora?
    > Questa è una tautologia da
    > manuale.

    no una tautologia è un'affermazione vera per definizione e non è questo il caso; si è detto che i due economisti in questione non avevano molto peso e implicitamente anche le loro teorie, ho risposto che non sono le loro teorie ma le teorie dei più insigni premi nobel, quindi semmai ho invocato il principio di autorità, ma non è certo una tautologia
    non+autenticato
  • Ora è chiaro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: zfdgsdfgzsd gxdfgsdfg sdfgsdfgsd gsd
    > ho risposto che non sono le loro teorie ma le
    > teorie dei più insigni premi nobel

    Peccato che non sia vero per niente.
    non+autenticato
  • ho letto diversi thread di persone convinte che paghiamo poche tasse, che se tutti le pagassero ripianeremmo il debito pubblico, ecc..
    La verita è che in Italia l'impresa privata paga più tasse che in qualunque altra nazione dell'eurozona:

    http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/201...

    la verità è che siamo TERZI AL MONDO per tasse effettivamente pagate (quindi non considerando quelle evase) in rapporto al pil (che comprende anche quello che producono quelli che evadono le tasse); quindi, nonostante l'evasione fiscale, paghiamo più tasse di quasi chiunque altro al mondo:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Stati_per_gettito_fis...

    .
    non+autenticato
  • - Scritto da: zfdgsdfgzsd gxdfgsdfg sdfgsdfgsd gsd
    > ho letto diversi thread di persone convinte che
    > paghiamo poche tasse, che se tutti le pagassero
    > ripianeremmo il debito pubblico,
    > ecc..
    > La verita è che in Italia l'impresa privata paga
    > più tasse che in qualunque altra nazione
    > dell'eurozona:
    >

    Non ho letto tutti i thread, ma il succo del discorso è che prima le fai pagare a tutti e poi le abbassi, non il contrario, altrimenti il paese salta perché non può coprire i costi, cosa che comunque già sta succedendo perché le aziende che lavorano per il settore pubblico aspettano i soldi da tempo.
    E di economia in nero stai sicuro che da noi ce n'è ce n'è. Sia al nord che al sud. Ricordo qualche anno fa la notizia che in Emilia Romagna la metà degli alberghi dichiarava 0 euro all'anno:
    http://bologna.repubblica.it/cronaca/2012/08/17/ne.../

    Su 2mila albergatori della provincia, 837 hanno dichiarato reddito zero.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dottor Stranamore
    > - Scritto da: zfdgsdfgzsd gxdfgsdfg sdfgsdfgsd gsd
    > > ho letto diversi thread di persone convinte
    > che
    > > paghiamo poche tasse, che se tutti le
    > pagassero
    > > ripianeremmo il debito pubblico,
    > > ecc..
    > > La verita è che in Italia l'impresa privata
    > paga
    > > più tasse che in qualunque altra nazione
    > > dell'eurozona:
    > >
    >
    > Non ho letto tutti i thread, ma il succo del
    > discorso è che prima le fai pagare a tutti e poi
    > le abbassi, non il contrario,

    ti rendi conto che, ad oggi, con l'evasione alle stelle siamo terzi al mondo per tasse pagate? se le facessi pagare a tutto con la pressione fiscale di oggi, la stragrande maggioranza delle aziende chiuderebbero; avresti difatto distrutto l'economia

    > altrimenti il paese
    > salta perché non può coprire i costi,

    i costi non devono essere coperti, lo sanno anche i sassi che in periodi di recessione le politiche economiche pro-cicliche non funzionano (anzi esacerbano il problema), viceversa bisogna che lo stato spenda a deficit (certo, per farlo devi avere sovranità monetaria), esattamente come han fatto e fanno USA, Giappone ed Inghilterra durante la crisi odierna.

    > cosa che
    > comunque già sta succedendo perché le aziende che
    > lavorano per il settore pubblico aspettano i
    > soldi da
    > tempo.

    appunto, come vedi le politiche pro-cicliche ed il pareggio di bilancio (o il 3%) non funzionano, anzi peggiorano le cose

    > E di economia in nero stai sicuro che da noi ce
    > n'è ce n'è. Sia al nord che al sud.

    e meno male, se così non fosse il paese sarebbe gia morto anzichè in ginocchio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: zfdgsdfgzsd gxdfgsdfg sdfgsdfgsd gsd
    > e meno male, se così non fosse il paese sarebbe
    > gia morto anzichè in
    > ginocchio.

    Ma se ho citato degli evasori totali che non pagano niente di tasse, un conto è fare un po' di nero, ma uno che non paga niente se gliele abbassi non le paga lo stesso. Comunque ti ho già inquadrato, ti saluto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dottor Stranamore
    > - Scritto da: zfdgsdfgzsd gxdfgsdfg sdfgsdfgsd gsd
    > > e meno male, se così non fosse il paese
    > sarebbe
    > > gia morto anzichè in
    > > ginocchio.
    >
    > Ma se ho citato degli evasori totali che non
    > pagano niente di tasse,

    quindi? Vale sempre lo stesso discorso, non pagano perchè se pagassero chiuderebbero (ricordo che in Italia la pressione fiscale è quasi al 70% per le aziende, ed è la più alta d'Europa)

    > un conto è fare un po' di
    > nero, ma uno che non paga niente se gliele
    > abbassi non le paga lo stesso.

    no, chi non paga oggi lo fa rischiando di essere beccato e dover chiudere perchè se le dovesse pagare avrebbe la certezza di chiudere; se le abbassi buona parte delle aziende che evadono avranno la possibilità di restare a galla e quindi rischiare di chiudere per evadere non converrebbe più e pagherebbero.
    non+autenticato
  • - Scritto da: zfdgsdfgzsd gxdfgsdfg sdfgsdfgsd gsd
    > ho letto diversi thread di persone convinte che
    > paghiamo poche tasse, che se tutti le pagassero
    > ripianeremmo il debito pubblico,
    > ecc..
    > La verita è che in Italia l'impresa privata paga
    > più tasse che in qualunque altra nazione
    > dell'eurozona:
    >
    > http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/201
    >
    > la verità è che siamo TERZI AL MONDO per tasse
    > effettivamente pagate (quindi non considerando
    > quelle evase) in rapporto al pil (che comprende
    > anche quello che producono quelli che evadono le
    > tasse); quindi, nonostante l'evasione fiscale,
    > paghiamo più tasse di quasi chiunque altro al
    > mondo:
    > http://it.wikipedia.org/wiki/Stati_per_gettito_fis
    >
    > .

    Ciao.
    rispondo qui considerando anche l'intervento sotto il mio commento.
    Io non sono per nulla convinto che paghiamo poche tasse.

    Ripeto a te e a chiunque, considerare solo le tasse pagate non serve a NULLA.
    Le tasse si pagano per avere servizi, se non si mettono sul piano anche i servizi offerti il ragionamento è inutile.
    Io rispondevo a chi sosteneva che la soluzione è ridurre al minimo la tassazione, facendogli notare che se con essa si riducono al minimo i servizi non risolvi nulla.

    Puoi darmi torto?
    Il problema sono le tasse o è il rapporto tasse/servizi?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Phronesis
    > - Scritto da: zfdgsdfgzsd gxdfgsdfg sdfgsdfgsd gsd
    > > ho letto diversi thread di persone convinte che
    > > paghiamo poche tasse, che se tutti le pagassero
    > > ripianeremmo il debito pubblico,
    > > ecc..
    > > La verita è che in Italia l'impresa privata paga
    > > più tasse che in qualunque altra nazione
    > > dell'eurozona:
    > >
    > >
    > http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/201
    > >
    > > la verità è che siamo TERZI AL MONDO per tasse
    > > effettivamente pagate (quindi non considerando
    > > quelle evase) in rapporto al pil (che comprende
    > > anche quello che producono quelli che evadono le
    > > tasse); quindi, nonostante l'evasione fiscale,
    > > paghiamo più tasse di quasi chiunque altro al
    > > mondo:
    > >
    > http://it.wikipedia.org/wiki/Stati_per_gettito_fis
    > >
    > > .
    >
    > Ciao.
    > rispondo qui considerando anche l'intervento
    > sotto il mio
    > commento.
    > Io non sono per nulla convinto che paghiamo poche
    > tasse.
    >
    > Ripeto a te e a chiunque, considerare solo le
    > tasse pagate non serve a
    > NULLA.
    > Le tasse si pagano per avere servizi, se non si
    > mettono sul piano anche i servizi offerti il
    > ragionamento è
    > inutile.
    > Io rispondevo a chi sosteneva che la soluzione è
    > ridurre al minimo la tassazione, facendogli
    > notare che se con essa si riducono al minimo i
    > servizi non risolvi
    > nulla.
    >
    > Puoi darmi torto?
    > Il problema sono le tasse o è il rapporto
    > tasse/servizi?

    il tuo discorso parte dal presupposto che lo stato sia come un'azienda e che quindi per spendere X debba avere X gettito fiscale; non è esattamente così, lo stato può spendere a deficit (finanziandosi a tassi bassi, come facevamo noi fino al 1981, avendo sovranità monetaria) forte del fatto che il moltiplicatore keynesiano farà aumenterare il PIL in misura maggiore di quanto lo stato ha speso.
    Per approfondire:
    http://keynesblog.com/2012/04/04/per-risparmiare-o.../
    http://keynesblog.com/2013/05/24/keynes-e-la-macch.../
    non+autenticato
  • Questa mattina ho acceso il computer e ho sentito uno strano odore, era la pernacchia di Google fatta a quel geniale esponente del partito delle tasse, il PD-L.
    Se si vuole avere una speranza che grandi aziende vengano investire da noi bisogna avere una tassazione almeno come l'Irlanda, comunque non verranno vista la credibilità di questo stato.
    Qualcuno s'illude che se tutti avessero pagato la situazione sarebbe stata migliore?
    La casta si sarebbe pappato tutto con sprechi e parassiti raccomandati.
    non+autenticato
  • - Scritto da: John
    > Questa mattina ho acceso il computer e ho sentito
    > uno strano odore, era la pernacchia di Google
    > fatta a quel geniale esponente del partito delle
    > tasse, il PD-L.

    Giusto maglio un partito che invece di fare pagare le tasse scarica tutto sui debiti così pagano i nostri figli (se il default non arriva prima).

    > Se si vuole avere una speranza che grandi aziende
    > vengano investire da noi bisogna avere una
    > tassazione almeno come l'Irlanda, comunque non
    > verranno vista la credibilità di questo
    > stato.

    La burocrazia e le estorsioni sono un deterrente molto più efficace delle tasse.

    > Qualcuno s'illude che se tutti avessero pagato la
    > situazione sarebbe stata
    > migliore?

    Si.

    > La casta si sarebbe pappato tutto con sprechi e
    > parassiti
    > raccomandati.

    La casta ha comunque papato quello che poteva pappare.

    Potevi anche evitare di alludere alla casta in terza persona perchè si vede benissimo che sei un evasore fiscale che cerca di autogiustificarsi.
    non+autenticato
  • Sbagliato, purtroppo sono un dipendente di una multinazionale che se ne stà andando per quanto scritto sopra ed in cassa integrazione.
    Ma il salame negli occhi quando te lo levi?
    non+autenticato
  • - Scritto da: John
    > Sbagliato, purtroppo sono un dipendente di una
    > multinazionale che se ne stà andando per quanto
    > scritto sopra ed in cassa integrazione.

    Ed ovviamente è tutta colpa del partito delle tasse che sta governando da pochi mesi. Non del partito della mafia che ha rafforzato burocrazia e illegalità per anni.

    > Ma il salame negli occhi quando te lo levi?

    Dovresti dirlo a chi crede alle tue ca..ate, non a me.
    non+autenticato
  • Guarda che pd e pdl si alternavano eh ? Ora sono insieme.
  • - Scritto da: qualcuno
    > - Scritto da: John
    > > Questa mattina ho acceso il computer e ho
    > sentito
    > > uno strano odore, era la pernacchia di Google
    > > fatta a quel geniale esponente del partito
    > delle
    > > tasse, il PD-L.
    >
    > Giusto maglio un partito che invece di fare
    > pagare le tasse scarica tutto sui debiti così
    > pagano i nostri figli (se il default non arriva
    > prima).

    tenere alta la pressione fiscale (ma non così alta, oggi in Italia la pressione fiscale sulle aziende è circa al 70%, la più alta d'Europa) potrebbe andare anche bene se si aumentasse di conseguenza la spesa primaria, generando più soldi di quelli immessi nell'economia (vedi moltiplicatore keynesiano), se invece tieni alte le tasse e riduci spesa primaria, uccidi le aziende (gia in crisi per via di una moneta troppo forte e dei tassi di inflazione non convergenti nell'eurozona) quindi il gettito fiscale diminuisce (meno aziende da tassare se molte chiudono), oltre che aumentare la disoccupazione (quindi aumenta spesa pubblica per sussidi tipo cassa integrazione)
    non+autenticato
  • - Scritto da: John
    > Questa mattina ho acceso il computer e ho sentito
    > uno strano odore, era la pernacchia di Google
    > fatta a quel geniale esponente del partito delle
    > tasse, il
    > PD-L.
    > Se si vuole avere una speranza che grandi aziende
    > vengano investire da noi bisogna avere una
    > tassazione almeno come l'Irlanda,

    Come detto sopra, se pago ZERO , e tu intendi farmi pagare x>0, io ci rimetto a prescindere.
    Una bassa tassazione non e' un incentivo contro l'evasione o l'elusione, cosi' come un'alta tassazione non e' una scusa o un incentivo pro evasione.
    L'evasore evade per massimizzare il vantaggio personale, non per altri motivi.

    > comunque non verranno vista la credibilità di questo
    > stato.
    > Qualcuno s'illude che se tutti avessero pagato la
    > situazione sarebbe stata
    > migliore?

    La Svezia e' li' a dimostrarlo.

    > La casta si sarebbe pappato tutto con sprechi e
    > parassiti
    > raccomandati.

    Ti svelo un segreto: l'Italia e' una democrazia rappresentativa.
    La "casta" rappresenta alla perfezione l'italiano medio: insofferente alle regole, zero senso della comunita' e disposto a tutto pur di fregare il prossimo per ottenere un vantaggio personale.
    non+autenticato
  • ci sono storie come l'elevata tassazione strangoli molti, forse rivedere il sistema tributario, male non farebbe.
  • - Scritto da: Sg@bbio
    > ci sono storie come l'elevata tassazione
    > strangoli molti, forse rivedere il sistema
    > tributario, male non
    > farebbe.
    Strangoli chi ?
    Il carico fiscale maggiore, in Italia, e' sul groppone dei lavoratori dipendenti, e viene prelevato alla fonte.

    Ho smesso da tempo di credere alle favole: cosi' come non esiste Babbo Natale non esiste nemmeno il gioielliere che gaudagna 15 mila euro l'anno "per colpa delle tasse", o il "povero imprenditore strangolato dal fisco".
    Io pago, alla fonte e al centesimo, quasi la meta' del mio reddito lordo per permettere a questi parassiti di usufruire di servizi che non hanno pagato.
    In cambio ho ottenuto meno tutele sul posto di lavoro, uno stipendio da cassiere (che molti "imprenditori" hanno il coraggio di definire troppo alto...) e la certezza che la pensione la vedro' solo dal lato sbagliato di una cassa di legno.

    Quindi, fatemi il favore: chi non paga le tasse non va capito e compatito "perche' non ce la fa".
    Va messo alla gogna sulla pubblica piazza, va appeso per i piedi e scosso finche' non caccia fuori tutto i soldi che ha rubato alla collettivita'.
    Altro che frignare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Trollollero
    > - Scritto da: Sg@bbio
    > > ci sono storie come l'elevata tassazione
    > > strangoli molti, forse rivedere il sistema
    > > tributario, male non
    > > farebbe.
    > Strangoli chi ?
    > Il carico fiscale maggiore, in Italia, e' sul
    > groppone dei lavoratori dipendenti, e viene
    > prelevato alla
    > fonte.
    >
    > Ho smesso da tempo di credere alle favole: cosi'
    > come non esiste Babbo Natale non esiste nemmeno
    > il gioielliere che gaudagna 15 mila euro l'anno
    > "per colpa delle tasse", o il "povero
    > imprenditore strangolato dal
    > fisco".

    questa è una sciocchezza, in Italia la pressione fiscale sulle aziende è a circa il 70%, la più alta d'Europa, e molto più alta di quella sui lavoratori dipendenti
    non+autenticato
  • - Scritto da: Trollollero
    > - Scritto da: Sg@bbio
    > > ci sono storie come l'elevata tassazione
    > > strangoli molti, forse rivedere il sistema
    > > tributario, male non
    > > farebbe.
    > Strangoli chi ?
    > Il carico fiscale maggiore, in Italia, e' sul
    > groppone dei lavoratori dipendenti, e viene
    > prelevato alla
    > fonte.
    >
    > Ho smesso da tempo di credere alle favole: cosi'
    > come non esiste Babbo Natale non esiste nemmeno
    > il gioielliere che gaudagna 15 mila euro l'anno
    > "per colpa delle tasse", o il "povero
    > imprenditore strangolato dal
    > fisco".
    > Io pago, alla fonte e al centesimo, quasi la
    > meta' del mio reddito lordo per permettere a
    > questi parassiti di usufruire di servizi che non
    > hanno pagato.

    Strano sentire dire che il "povero imprenditore strangolato dal fisco" non esiste, sapendo che da piccolo imprenditore il 60% del fatturato (Fatturato != Utile) mi svanisce in tasse, e di ciò che rimane si fatica a pagare le spese di esercizio...

    > In cambio ho ottenuto meno tutele sul posto di
    > lavoro, uno stipendio da cassiere (che molti
    > "imprenditori" hanno il coraggio di definire
    > troppo alto...) e la certezza che la pensione la
    > vedro' solo dal lato sbagliato di una cassa di
    > legno.

    Anche qui la questione non è se lo stipendio è troppo alto (generalmente non lo è) ma il fatto che all'imprenditore un lavoratore costa all'incirca 2 volte il suo stipendio.

    > Quindi, fatemi il favore: chi non paga le tasse
    > non va capito e compatito "perche' non ce la
    > fa".
    > Va messo alla gogna sulla pubblica piazza, va
    > appeso per i piedi e scosso finche' non caccia
    > fuori tutto i soldi che ha rubato alla
    > collettivita'.
    > Altro che frignare.
    non+autenticato
  • Sulle tasse oppure sul lavoro?
  • Sulla mafia
    non+autenticato
  • - Scritto da: pippo75
    > Sulle tasse oppure sul lavoro?
    Una cosa non esclude l'altra il vero problema in Italia è un problema di equità fiscale di cui l'evasione (ma sopratutto l'elusione) sono un aspetto e contemporaneamente una conseguenza.
    Siamo inoltre uno dei pochi paesi in cui non sono tassati i patrimoni e questo incentiva la tendenza alla rendita invece che all'investimento nei paesi normali tenere i soldi "sotto il materasso" non è conveniente perchè li tassano e pure pesantemente questo fa si che o vengano reinvestiti o prendano la strada dei "paradisi fiscali" in USA però se ti beccano vai in galera direttamente "senza passare dal via".
    In italia la strada dei "paradisi fiscali" è invece finalizzata più che altro alla costituzione di "fondi neri" e operazioni di "lavanderia e riciclaggio" non di evasione patrimoniale.
    non+autenticato
  • La soluzione è semplice ABBASSIAMO LE TASSE ANCHE IN ITALIA E VEDRETE che verranno a pagarle tutte da noi le tasse e ci guagnamo tutti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ignorante
    > La soluzione è semplice ABBASSIAMO LE TASSE ANCHE
    > IN ITALIA E VEDRETE che verranno a pagarle tutte
    > da noi le tasse e ci guagnamo
    > tutti.

    Questa è una delle cazzate ripetute più spesso anche se è sempre stata smentita dai fatti.
    In Italia l'evasione fiscale c'è sempre stata, anche quando la pressione fiscale era al 35% del PIL.
    Le multinazionali di oggi cercano tutti i trucchi possibili per evitare di pagare le tasse anche in paesi con una tassazione molto più bassa di quella italiana.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ignorante
    > La soluzione è semplice ABBASSIAMO LE TASSE ANCHE
    > IN ITALIA E VEDRETE che verranno a pagarle tutte
    > da noi le tasse e ci guagnamo
    > tutti.

    Oppure potrebbe fare una specie di riffa.
    Tra tutti quelli che hanno pagato le tasse, ogni mese estrazione di 1 milione di euro, pagati dallo stato. Vedi che le pagheranno tutti.
    non+autenticato
  • Ma c'è già.. si chiama superenalotto...
  • - Scritto da: Ignorante
    > La soluzione è semplice ABBASSIAMO LE TASSE ANCHE
    > IN ITALIA E VEDRETE che verranno a pagarle tutte
    > da noi le tasse e ci guagnamo
    > tutti.
    Se pago 0 di tasse, non me ne frega niente di quanto basse siano: verrei a pagare comunque piu' di quanto pago adesso.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)