Gaia Bottà

LinkedIn, rastrellamenti a scopo spam?

Una class action per denunciare le pratiche con cui il social network dissemina email indesiderate ai contatti degli utenti registrati. LinkedIn ribatte: è l'utente a scegliere

Roma - L'accusa è quella di rastrellare contatti attingendo alle caselle di posta elettronica personali fornite per scopi di sicurezza, contatti a cui verrebbero inviate email con insistenti inviti a connettersi con l'utente o a prendere parte alla rete sociale di LinkedIn: il social network è ora nel mirino di una class action intentata da quattro utenti statunitensi.

Email imbarazzanti, inviate a ex-partner, a colleghi di lavoro ritenuti non equilibrati, alla concorrenza, a persone che probabilmente non ricordano affatto il nome del mittente che LinkedIn ha impersonato per disseminare i propri inviti. Per questo motivo quattro utenti del social network hanno sporto denuncia: nel momento in cui ci si iscrive al social network, LinkedIn chiede di fornire un indirizzo email personale per confermare la propria identità e per recuperare eventuali dati di accesso perduti. Questo indirizzo email, qualora l'utente si lasciasse convincere a intessere una di contatti più fitta e non leggesse con attenzione le condizioni d'uso, finisce per trasformarsi in un distributore di inviti indifferenziati, importando gli indirizzi dei propri contatti e disseminando email a nome del possessore dell'account.

Il nodo della questione, sottolinea l'accusa, è il metodo con cui LinkedIn procede al prelievo delle email di soggetti terzi: "Se un utente LinkedIn lascia aperto il proprio account di una email esterna, LinkedIn si spaccia per l'utente e scarica sui propri server gli indirizzi email contenuti ovunque nell'account". Il tutto, denunciano gli utenti senza però fornire alcun dettaglio tecnico, senza richiedere una password o senza ottenere il consenso dall'utente.
L'obiettivo di LinkedIn? Quello di tempestare questi contatti di inviti formato email (in un numero di tre, per evitare che il messaggio sfugga al destinatario) a nome dell'utente, con un meccanismo poco chiaro per interrompere il processo. Il tutto per conquistare nuovi membri, oltre ai 238 milioni che il social network vantava nel mese di giugno 2013, assorbiti grazie anche a queste pratiche virali. Si tratterebbe di membri che, secondo l'accusa, valgono non poco, dato che LinkedIn vende ai propri utenti a un prezzo di 10 dollari il contatto con account non direttamente collegati alla propria rete di conoscenze, altrimenti irraggiungibili.

L'accusa pretende che LinkedIn ponga fine a queste pratiche, che violerebbero le leggi sulla privacy, le leggi che tutelano dalle intercettazioni e dall'accesso non autorizzato alle informazioni, che regolano le comunicazioni commerciali, e chiede un risarcimento non meglio specificato.

LinkedIn non ha esitato a replicare smentendo qualsiasi comportamento illegale e ribadendo il proprio impegno nell'agire con la massima trasparenza rispetto agli utenti. Semplicemente, il comportamento descritto nella class action "non è vero": la pratica di importare i contatti dell'utente da fonti terze, oltre ad essere comune a pressoché qualsiasi social network, sarebbe sotto il completo controllo dell'utente.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàFacebook, vietato l'accesso a PathIl social network californiano blocca l'accesso da parte delle API della piattaforma di San Francisco al suo graph. Gli utenti non potranno sfruttare i contatti in blu per trovare nuovi amici
  • AttualitàFTC, multa per il social network indiscretoArmistizio tra la commissione statunitense e Path, il social network che aveva raccolto i dati personali degli utenti iOS dalle loro rubriche telefoniche. Chiesta l'adozione della feature Do Not Track sugli OS mobile
  • AttualitàWhatsApp difetta di privacyAccusata di violazione della privacy in Canada e nei Paesi Bassi. Il problema sarebbe nella gestione della rubrica telefonica. Troppo disinvolto e poco flessibile secondo le autorità dei due paesi
5 Commenti alla Notizia LinkedIn, rastrellamenti a scopo spam?
Ordina
  • Queste cose già si sapevano, tutti i social network fanno così. Come è noto che i social network usano i contatti di posta per costruire profili virtuali. Profili che vengono associati agli indirizzi email ed ogni volta che un indirizzo compare in una rubrica viene classificato come un collegamento nella rete di conoscenze. Se poi in rubrica si associ l'indirizzo ad un nome e cognome che poi viene usato nelle chat o per taggare foto ecco che il profilo virtuale si arricchisce.

    Ma anche se già si sapeva fanno bene a ripetere queste cose perchè chi permette al social network di accedere alla propria rubrica gli consegna informazioni su altre persone contro la loro volontà.

    La cosa migliore da fare quando ci si iscrive ad un social network è crearsi un nuovo indirizzo email pulito. Se non fosse possibile MAI permettergli di accedere alla rubrica.
    non+autenticato
  • ...il "facebook" del mondo del lavoro! Rotola dal ridere

    E ho detto tutto.

    ;)
  • Di cosa ci si sorprende? Forse è stato il promo ad adottare questa pratica, ma ora non è l'unico! A cominciare dalla celebre app WhatsApp.
    non+autenticato
  • ... il metodo usato:
    "Se un utente LinkedIn lascia aperto il proprio account di una email esterna, LinkedIn si spaccia per l'utente e scarica sui propri server gli indirizzi email contenuti ovunque nell'account"

    Che poi i socialnet facciano di tutto per raggranellare utenti, non mi meraviglia, essendo stato vittima di alcune loro mail spammatorie!!
    non+autenticato
  • Alcuni servizi di posta hanno degli accordi con i social networks. Se un utente manda una conferma tramite la home page poi il provider della posta autorizza l'accesso al social network. Magari l'utente neanche se ne rende conto, sulla home page si trova una form che gli chiede di confermare il proprio indirizzo email.
    non+autenticato