Gaia Bottà

Anakata, cracker crackato

La giustizia svedese dimezza la pena per il fondatore di The Pirate Bay: una delle sue scorribande cracker potrebbe essere stata condotta da terzi, a suo nome e a sua insaputa

Roma - La corte d'appello svedese incaricata di riesaminare il caso del fondatore di The Pirate Bay Gottfrid Svartholm, altresì noto come Anakata, ha espresso il proprio parere: il 28enne, coinvolto in quello che è stato definito il più importante processo svedese in materia di hacking, è stato assolto per uno dei due capi d'accusa, e si vedrà dimezzare la pena del carcere.

AnakataAnakata, dopo essere stato stanato e arrestato in Cambogia, era stato condannato nel mese di maggio per le sue scorribande informatiche condotte contro i database di Logica, fornitore di servizi per la gestione dei dati dei contribuenti svedesi, e contro i sistemi di Nordea Bank AB. Le accuse di cracking, truffa aggravata, e tentata truffa aggravata sono state ora ridimensionate dalla corte d'appello.

Dopo aver raccolto nei mesi scorsi le testimonianze dello sviluppatore di Tor e portavoce di Wikileaks Jacob Appelbaum a supporto della strategia difensiva di Svartholm, il tribunale ha revocato la condanna per l'attacco ai sistemi bancari di Nordea: Anakata ha sempre sostenuto che terzi avessero agito a suo nome, prendendo possesso delle sue macchine da remoto, e la corte ha ora aderito a questa tesi, riducendo ad un anno di carcere la pena del fondatore di The Pirate Bay.
Anakata, però, resta in attesa di giudizio in Danimarca: l'estradizione, già autorizzata dalle autorità svedesi e prevista dopo il termine della pena detentiva, condurrà il 28enne di fronte alla giustizia del più meridionale paese scandinavo, dove potrebbe attenderlo una condanna a sei anni di carcere. (G.B.)

fonte immagine
Notizie collegate
  • AttualitàAnakata, in galera come crackerIl co-founder di The Pirate Bay condannato a 2 anni di carcere per tre distinte scorribande informatiche tra database pubblici e privati in Svezia. Il giudice locale autorizza l'estradizione in Danimarca, dove lo attende un altro verdetto
  • AttualitàDanimarca, nuove accuse per AnakataIl co-founder della Baia avrebbe portato a termine un'intrusione informatica nel database del contractor statunitense CSC. Per poi rilasciare informazioni sensibili su ufficiali e membri delle forze dell'ordine
  • AttualitàAnakata, accuse di crackingTre capi d'accusa contro il co-founder della Baia Gottfrid Svartholm Warg, per ciascuna delle scorribande informatiche contro alcuni database svedesi. E spunta un trasferimento illecito di denaro dai sistemi della banca Nordea
4 Commenti alla Notizia Anakata, cracker crackato
Ordina
  • Anche l'estradizione verso la Danimarca di Anakata è un losco piano degli americani per portarlo a Guantanamo? E il presidente dell'Ecuador gli ha già promesso l'asilo politico?
    Sono due questioni che mi rodono dentro...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Calibi
    > Anche l'estradizione verso la Danimarca di
    > Anakata è un losco piano degli americani per
    > portarlo a Guantanamo? E il presidente
    > dell'Ecuador gli ha già promesso l'asilo
    > politico?
    > Sono due questioni che mi rodono dentro...
    a me rode non poterti mettere una bandiera americana sul letto mentre dormi, e poi chiamare la Stasi...
    non+autenticato
  • > > Anche l'estradizione verso la Danimarca di
    > > Anakata è un losco piano degli americani per
    > > portarlo a Guantanamo? E il presidente
    > > dell'Ecuador gli ha già promesso l'asilo
    > > politico?
    > > Sono due questioni che mi rodono dentro...
    > a me rode non poterti mettere una bandiera
    > americana sul letto mentre dormi, e poi chiamare
    > la
    > Stasi...

    Il Gukga anjeon bowibu. Sorride
    La Stasi non c'è più da 22 anni.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Calibi
    > > > Anche l'estradizione verso la Danimarca
    > di
    > > > Anakata è un losco piano degli
    > americani
    > per
    > > > portarlo a Guantanamo? E il presidente
    > > > dell'Ecuador gli ha già promesso l'asilo
    > > > politico?
    > > > Sono due questioni che mi rodono
    > dentro...
    > > a me rode non poterti mettere una bandiera
    > > americana sul letto mentre dormi, e poi
    > chiamare
    > > la
    > > Stasi...
    >
    > Il Gukga anjeon bowibu. Sorride
    > La Stasi non c'è più da 22 anni.

    Ma qualche ex agente e' ancora in cirocolazione.