Mauro Vecchio

UK, ramanzina per il search pirata

Una commissione di parlamentari britannici bacchetta Google, reo di linkare a troppi contenuti in violazione del copyright. Si va verso l'istituzione di una unitÓ speciale contro la pirateria

Roma - La stizza dei parlamentari britannici in un rapporto stilato alla commissione Culture, Media and Sport alla Camera dei Comuni di Londra. Pressate dall'industria dell'audiovisivo, le autorità d'Albione non gradiscono gli sforzi finora profusi dal colosso Google per la rimozione di almeno 9 milioni di link a materiale in violazione del diritto d'autore. L'azienda di Mountain View non riuscirebbe a bloccare in maniera efficace la proliferazione di collegamenti ipertestuali ai diffusi contenuti illeciti su Internet.

In particolare, il report della commissione britannica è partito da una recente indagine commissionata dalla British Phonographic Industry (BPI): nonostante le modifiche apportate da Google ai suoi algoritmi di indicizzazione del search, la presenza dei siti illeciti nei primi dieci risultati di ricerca sarebbe scesa di pochissimo, dal 63 al 61 per cento dalla fine dello scorso anno.

Gli stessi parlamentari d'Albione hanno comunque ammesso i ritardi accumulati dal governo di Londra nell'implementazione del testo di legge noto come Digital Economy Act (DEA), mentre è stata proposta l'istituzione di una unità speciale contro la pirateria tra i dipartimenti della polizia londinese. I rappresentanti della Motion Picture Association of America (MPAA), senza sorprese, premono per un contesto giudiziario che sappia agire in modo più rapido ed efficiente, per ottenere il blocco delle piattaforme pirata con filtri a livello DNS.
In aggiunta, le autorità britanniche vogliono inasprire le pene previste per i reati di violazione massiva del diritto d'autore, che vedrebbero i vari operatori pirata rischiare un periodo di detenzione fino a 10 anni. Sul fronte digitale, il rapporto della commissione Culture, Media and Sport promette un'accurata analisi su quelle piattaforme online - compreso il search di Google - che continuano a facilitare l'accesso alle più disparata modalità di fruizione dei contenuti audiovisivi illeciti.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUK, l'antipirateria va di frettaI discografici d'Albione vorrebbero l'implementazione di un sistema simile a quello dei six strikes negli Stati Uniti. Ma che sia volontario per i provider, senza attendere l'enforcement governativo
35 Commenti alla Notizia UK, ramanzina per il search pirata
Ordina
  • Ma al posto di Sminkiare Le Balle a Google, l'inghilterra potrebbe mettere Websense sulla loro dorsale oceanica ed il problema è risolto, non serve più google e websense può anche filtrare tutti i contenuti a piacimento del "Grande Fratello" inglese.
    Be&O
    1121
  • Clicca per vedere le dimensioni originali

    Google si deve dare da fare in maniera efficace contro la proliferazione di collegamenti ipertestuali ai diffusi contenuti illeciti su Internet, altrimenti sono ca**i! Indiavolato
    non+autenticato
  • Altrimenti?!! Arrabbiato
    non+autenticato
  • - Scritto da: Google
    > Altrimenti?!! Arrabbiato

    non+autenticato
  • - Scritto da: Pianeta Video

    Con gli spiccioli che ci avanzano dalla nostra sezione più piccola, ci compriamo i politici, i giudici, tutti i negozietti di videoteche e anche le case produttrici.
    E se non bastasse abbiamo anche la sezione furti e ricatti, capito??!! Arrabbiato
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pianeta Video

    > Google si deve dare da fare in maniera efficace
    > contro la proliferazione di collegamenti
    > ipertestuali ai diffusi contenuti illeciti su
    > Internet, altrimenti sono ca**i!
    >Indiavolato


    Che noia ragazzo....   Annoiato


    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • - Scritto da: TROLL detected
    > - Scritto da: Pianeta Video
    >
    > > Google si deve dare da fare in maniera efficace
    > > contro la proliferazione di collegamenti
    > > ipertestuali ai diffusi contenuti illeciti su
    > > Internet, altrimenti sono ca**i!
    > >Indiavolato
    >
    >
    > Che noia ragazzo....   Annoiato
    >
    >
    > Clicca per vedere le dimensioni originali

    PIRATA detected!

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pianeta Video
    > [img]http://www.digitaltrends.com/wp-content/uploa
    >
    > Google si deve dare da fare in maniera efficace
    > contro la proliferazione di collegamenti
    > ipertestuali ai diffusi contenuti illeciti su
    > Internet, altrimenti sono ca**i! kebab!
    >Indiavolato
    non+autenticato
  • ma non sarebbe ora di uscire dall'ipocrisia, ed eleggere direttamente le megacorp? No dico sarebbe tutto piu chiaro...
    i partiti che si presentano sono : Hollywood, NRA, BSA, ecc.. e poi si vota.
    non+autenticato
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > 10 anni sono pochi, li si danno per reati molto
    > meno gravi come
    > l'omicidio.
    Si però la "pirateria" è un crimine internazionale andrebbero emessi mandati di cattura internazionali e coinvolta la corte dell'Aia.
    Inoltre c'è anche il problema della "corsareria".
    Se acquisti un pezzo ... pardon "un opera" (perchè parliamo sopratutto di "artisti" di calibro di una britney spears mica un caravaggio o un vivaldi qualunque) in USA hai il diritto di ascoltarlo in quella zona geografica (USA Canada e sud America) mica di sentirla/vederla quando torni a casa.... che so io in una Roma o una Milano qualunque...
    Quella è chiaramente "corsareria" la patente di "corsaro" è una patente americana.... mica puoi assaltare i galeoni a caso!
    A bocca apertaCon la lingua fuoriDeluso
    non+autenticato
  • - Scritto da: tucumcari
    > - Scritto da: unaDuraLezione
    > > 10 anni sono pochi, li si danno per reati
    > molto
    > > meno gravi come
    > > l'omicidio.
    > Si però la "pirateria" è un crimine
    > internazionale andrebbero emessi mandati di
    > cattura internazionali e coinvolta la corte
    > dell'Aia.
    > Inoltre c'è anche il problema della "corsareria".
    > Se acquisti un pezzo ... pardon "un opera"
    > (perchè parliamo sopratutto di "artisti" di
    > calibro di una britney spears mica un caravaggio
    > o un vivaldi qualunque) in USA hai il diritto di
    > ascoltarlo in quella zona geografica (USA Canada
    > e sud America) mica di sentirla/vederla quando
    > torni a casa.... che so io in una Roma o una
    > Milano
    > qualunque...
    > Quella è chiaramente "corsareria" la patente di
    > "corsaro" è una patente americana.... mica puoi
    > assaltare i galeoni a
    > caso!
    > A bocca apertaCon la lingua fuoriDeluso
    I diritti hanno i confini come molte altre cose nel mondo. Se acquisti un'opera negli States, nessuno ti impedisce di sentirla a Roma a meno che tu non sia impedito di tuo. Le aree geografiche sono nate per impedire il commercio parallelo che prevede anche date diverse di rilascio, non certo per non farti sentire più la musica quando sei in aereo e superi il confine dell'area. Sorride
    non+autenticato
  • Per la pedofilia danno ancora meno.
  • Quindi secondo i parlamentari UK (o le major travestite da politici) i dipendenti di Google stanno a linkare tutto il giorno siti web decidono loro cosa mettere manualmente, come se Gooogle fosse il Blogroll di Larry Page dove mette i suoi link preferiti Rotola dal ridere

    Questi parlano senza sapere come funziona un motore di ricerca siamo alle solite. Forse non sanno che significa indicizzare, spider (software automatico che analizza la rete, il web sottolineo automatico). E' così difficile capire la parola Automatico.

    Ovviamente il discorso è valido per tutti i motori di ricerca...
  • > Quindi secondo i parlamentari UK (o le major
    > travestite da politici) i dipendenti di Google
    > stanno a linkare tutto il giorno siti web
    > decidono loro cosa mettere manualmente, come se
    > Gooogle fosse il Blogroll di Larry Page dove
    > mette i suoi link preferiti
    > Rotola dal ridere

    L'UK possiede la possibilità di sottoporre a Google una lista di domini e dire: "questi non vanno indicizzati". Può anche sostenere filtri speciali quando i risultati rimandano a torrent o emule. Il punto è se Google li ascolta, o gli fa MARAMEO!
    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: tucumcari
    > > Quindi secondo i parlamentari UK (o le major
    > > travestite da politici) i dipendenti di
    > Google
    > > stanno a linkare tutto il giorno siti web
    > > decidono loro cosa mettere manualmente, come
    > se
    > > Gooogle fosse il Blogroll di Larry Page dove
    > > mette i suoi link preferiti
    > > Rotola dal ridere
    >
    > L'UK possiede la possibilità di sottoporre a
    > Google una lista di domini e dire: "questi non
    > vanno indicizzati". Può anche sostenere filtri
    > speciali quando i risultati rimandano a torrent o
    > emule. Il punto è se Google li ascolta, o gli fa
    > MARAMEO!
    >
    > Rotola dal ridereRotola dal ridere
    Non sono d'accordo, Google ha il diritto di linkare tutto ciˇ che é presente in rete, e il gover no inglese ha il dovere di eliminare i siti che contravvengono alla legge ( cosÝ google non li puˇ pi˙ likare)
    non+autenticato
  • l'UK prenderà un paio di calci sulle gengive dall'UE su questo tema

    l'UE si è già espressa in passato circa la neutralità dei service provider su internet

    io non capisco questi governi nazionali dove ce l'hanno il cervello!!!
    non+autenticato
  • > l'UE si è già espressa in passato circa la
    > neutralità dei service provider su
    > internet


    Però google non è mica un service provider
    non+autenticato
  • - Scritto da: archimede
    > > l'UE si è già espressa in passato circa la
    > > neutralità dei service provider su
    > > internet
    >
    >
    > Però google non è mica un service provider

    la risposta era riferita ai filtri assurdi IP/DNS che UK e altri stati pretendono dai provider. E' una cosa assurda un criminale vero (di certo non chi condivide file senza scopo di lucro) deve essere trovato, mica filtrando un sito il criminale è in prigione, al limite si sposterà su altri spazi... I filtri vengono fatti accettare con la propaganda agli sporvveduti com la scusa della pedofilia invece chi si macchia di questo crimine andrebbe cercato nella realta (seguendo anche delle piste su internet ma non solo) e messo in galera...
  • - Scritto da: thebecker
    > - Scritto da: archimede
    > > > l'UE si è già espressa in passato circa la
    > > > neutralità dei service provider su
    > > > internet
    > >
    > >
    > > Però google non è mica un service provider
    >
    > la risposta era riferita ai filtri assurdi IP/DNS
    > che UK e altri stati pretendono dai provider. E'
    > una cosa assurda un criminale vero (di certo non
    > chi condivide file senza scopo di lucro) deve
    > essere trovato, mica filtrando un sito il
    > criminale è in prigione, al limite si sposterà su
    > altri spazi... I filtri vengono fatti accettare
    > con la propaganda agli sporvveduti com la scusa
    > della pedofilia invece chi si macchia di questo
    > crimine andrebbe cercato nella realta (seguendo
    > anche delle piste su internet ma non solo) e
    > messo in
    > galera...

    Non avevo capito, pensavo si parlasse delle indicizzazioni di Google.
    non+autenticato
  • - Scritto da: archimede
    > > l'UE si è già espressa in passato circa la
    > > neutralità dei service provider su
    > > internet
    >
    >
    > Però google non è mica un service provider
    E secondo te cosa è un "service" provider invece?
    Giusto per saperlo eh?
    non+autenticato
  • - Scritto da: tucumcari
    > - Scritto da: archimede
    > > > l'UE si è già espressa in passato circa la
    > > > neutralità dei service provider su
    > > > internet
    > >
    > >
    > > Però google non è mica un service provider
    > E secondo te cosa è un "service" provider invece?
    > Giusto per saperlo eh?

    leggi la definizione di wikipedia visto che, evidentemente, non sei un informatico. HINT: quella inglese è più precisa
    non+autenticato
  • - Scritto da: archimede
    > - Scritto da: tucumcari
    > > - Scritto da: archimede
    > > > Però google non è mica un service
    > provider
    > > E secondo te cosa è un "service" provider
    > invece?
    > > Giusto per saperlo eh?
    >
    > leggi la definizione di wikipedia visto che,
    > evidentemente, non sei un informatico. HINT:
    > quella inglese è più
    > precisa

    Urca! Quand'è così, devi aggiungere un pitagorico al tuo nik. A bocca apertaA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: tucumcari
    > - Scritto da: archimede
    > > - Scritto da: tucumcari
    > > > - Scritto da: archimede
    > > > > Però google non è mica un service
    > > provider
    > > > E secondo te cosa è un "service"
    > provider
    > > invece?
    > > > Giusto per saperlo eh?
    > >
    > > leggi la definizione di wikipedia visto che,
    > > evidentemente, non sei un informatico. HINT:
    > > quella inglese è più
    > > precisa
    >
    > Urca! Quand'è così, devi aggiungere un pitagorico
    > al tuo nik.
    > A bocca apertaA bocca aperta
    Tu invece non hai da aggiungere nulla basta quello che posti.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)