Gaia Bottà

Creative Commons è solo una pezza

Il sistema di licenze non basta, la soluzione è la riforma del diritto d'autore. Per questo motivo Creative Commons prende posizione: per liberare la cultura le leggi devono cambiare

Roma - Aver affrancato gli autori dai vincoli di un copyright monolitico permettendo loro di rilasciare le opere con maggiore flessibilità è un indubbio successo di Creative Commons. Ma Creative Commons stessa lo riconosce: una radicale riforma del diritto d'autore è indispensabile perché la cultura possa fluire ed evolvere in piena libertà, nel rispetto di chi la produce e di chi ne fruisce.

Il sistema di licenze CC incoraggia, e ha incoraggiato, nell'ultimo decennio, l'evolvere di dinamiche fruttuose per la circolazione della cultura: permettere agli autori di caldeggiare lo scambio e la reinvenzione delle opere, senza rinunciare alla paternità, è un'operazione che sarebbe stata burocraticamente contorta prima dell'istituzione dei sistemi di licenze libere. La risonanza globale ottenuta da CC, inoltre, ha scosso le coscienze di molti e ha confermato l'esigenza di poter finalmente contare su un quadro normativo che regoli il diritto d'autore affinché garantisca reali libertà e benefici.

"La prospettiva di CC - l'accesso universale alla ricerca e all'istruzione e la piena partecipazione alla cultura - non si realizzerà solo attraverso un sistema di licenze", è scritto con molto realismo nel nuovo policy statement di Creative Commons. In numerosi paesi del mondo, si spiega, si sta procedendo all'integrazione delle licenze libere nell'impianto normativo del diritto d'autore, ma questo non è sufficiente: "Le licenze CC sono una toppa, non una soluzione, per i problemi del sistema del copyright". Solo gli autori più consapevoli le applicano alle loro opere qualora ne sentano la necessità, ma il resto degli autori non fa che uniformarsi alla rigidità della legge.
Lo strisciare di proposte volte a consolidare il quadro normativo e a inasprirlo, quali SOPA e PIPA, ACTA e il Trans-Pacific Partnership Agreement, con le loro derivazioni localizzate, rischiano poi di neutralizzare anche le piccole, preziose risorse offerte dai sistemi di licensing alternativi, checché ne dicano i promotori, i quali vorrebbero trasmettere l'idea che Creative Commons e affini bastino a bilanciare il sistema del diritto d'autore in senso più equo. Ma lo scenario non è così lineare: CC è sempre stata costretta a contorsioni legali per innestare il sistema di licenze negli impianti normativi nazionali (CC 4.0, l'ultima versione del sistema di licenze, opera su scala globale), e gli attriti sono spesso evidenti. Per questo è necessario agire, e farlo anche in termini politici: "Abbiamo bisogno di reali cambiamenti nelle leggi reali" sostiene da tempo Lawrence Lessig. Creative Commons supporta appieno le parole del suo fondatore.



Gaia Bottà
Notizie collegate
  • Diritto & InternetCreative Commons 4.0, una per tutti Tutti per una: via alle consultazioni per la licenza che dovrebbe eliminare le singole versioni nazionali, aprire a una maggiore flessibilità, abolire il divieto di DRM e l'esclusione delle banche dati
  • AttualitàWIPO, porte chiuse ai Pirati L'Internazionale dei Partiti Pirata chiede di partecipare ai lavori dell'agenzia non governativa dell'ONU che si occupa di copyright. Decisione rimandata per la contrarietà di alcuni stati
  • AttualitàCalifornia, libri di testo digitali e open Il governatore firma un disegno di legge che permetterà la creazione di cinquanta libri di testo che possano essere fruiti liberamente. Il tutto, si auspica, entro il 2013. Soddisfazione da parte di Creative Commons
87 Commenti alla Notizia Creative Commons è solo una pezza
Ordina
  • La migliore legge che secondo me si può approvare è gia la

    CC Attribuzione - Non opere derivate - Non commerciale

    La posto in italiano.
    http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/i...

    La durata del diritto vale fino alla morte dell'autore o degli autori. Stop.
    Poi l'opera cade in pubblico dominio.

    Sarebbe una legge semplice e pulita.
    Non serve altro.

    farebbe contenti tutti (editori esclusi).

    Poi ovviamente ognuno può rilasciare con licenza meno restrittive della by-nc-nd ma non più restrittive poichè essendo legge sarebbero "vessatorie"


    Troppo facile per essere adottatoSorride
    non+autenticato
  • > Troppo facile per essere adottatoSorride

    Non troppo facile: troppo pochi i parlamentari in grado di farlo approvare.
    Un solo partito ha proposto una cosa del genere nel suo programma, e quel partito non ha la maggioranza in parlamento.
    Riprova, sarai più fortunato... come nei premi che si vincevano una volta con alcune marche di chewing-gum .
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • > > Non troppo facile: troppo pochi i
    > parlamentari
    > in
    > > grado di farlo
    > > approvare.
    > > Un solo partito ha proposto una cosa del
    > genere
    > > nel suo programma, e quel partito non ha la
    > > maggioranza in parlamento.
    >
    > Non servirebbe a nulla.
    > Anche se tutti i partiti insieme volessero farlo,
    > ci sono accordi internazionali che se non vengono
    > soddisfatti, si viene cacciati dal
    > WTO.

    Il concetto è vero, per quanto non credo di arriverebbe a un'espulsione dal WTO sui due piedi. Si andrebbe incontro a pesanti ripercussioni, questo sì.

    Ma anche così, mi piacerebbe che un partito diventato maggioranza un giorno annunciasse: "Noi vogliamo modificare i termini del diritto d'autore, ma gli organismi internazionali ce lo impediscono". Perché sarebbe già un passo avanti colossale. E io dico che non si arriverà mai nemmeno a quello.Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pantros
    > > > Non troppo facile: troppo pochi i
    > > parlamentari
    > > in
    > > > grado di farlo
    > > > approvare.
    > > > Un solo partito ha proposto una cosa del
    > > genere
    > > > nel suo programma, e quel partito non
    > ha
    > la
    > > > maggioranza in parlamento.
    > >
    > > Non servirebbe a nulla.
    > > Anche se tutti i partiti insieme volessero
    > farlo,
    > > ci sono accordi internazionali che se non
    > vengono
    > > soddisfatti, si viene cacciati dal
    > > WTO.
    >
    > Il concetto è vero, per quanto non credo di
    > arriverebbe a un'espulsione dal WTO sui due
    > piedi. Si andrebbe incontro a pesanti
    > ripercussioni, questo sì.
    >
    >
    > Ma anche così, mi piacerebbe che un partito
    > diventato maggioranza un giorno annunciasse: "Noi
    > vogliamo modificare i termini del diritto
    > d'autore, ma gli organismi internazionali ce lo
    > impediscono". Perché sarebbe già un passo avanti
    > colossale. E io dico che non si arriverà mai
    > nemmeno a quello.
    >Occhiolino
    prova a cercare 5 stelleOcchiolino
    non+autenticato
  • > prova a cercare 5 stelleOcchiolino

    Grazie per aver nominato qui quello che non intendevo nominare.
    E un grazie ti arriverà anche da coloro che vorrebbero avesse il 50 % +1 dei seggi in parlamento, e si debbono accontentare di percentuali più modeste.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pantros
    > > prova a cercare 5 stelleOcchiolino
    >
    > Grazie per aver nominato qui quello che non
    > intendevo
    > nominare.
    > E un grazie ti arriverà anche da coloro che
    > vorrebbero avesse il 50 % +1 dei seggi in
    > parlamento, e si debbono accontentare di
    > percentuali più
    > modeste.
    Gli "innominabili" per ora han presentato un disegno di legge
    '27/09/2013
    C.1639 Modifiche alla legge 22 aprile 1941, n. 633, in materia di protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio'
    Ma il parlamento e' lento a macinare.... vedremo cosa dice [magari fosse cosi' coraggioso da fangulare Berna e il WTO! non mi attendo tanto] quando esce dal buco nero...
    non+autenticato
  • > > Grazie per aver nominato qui quello che non
    > > intendevo
    > > nominare.
    > > E un grazie ti arriverà anche da coloro che
    > > vorrebbero avesse il 50 % +1 dei seggi in
    > > parlamento, e si debbono accontentare di
    > > percentuali più
    > > modeste.
    > Gli "innominabili" per ora han presentato un
    > disegno di
    > legge
    >   '27/09/2013
    > C.1639 Modifiche alla legge 22 aprile 1941, n.
    > 633, in materia di protezione del diritto
    > d'autore e di altri diritti connessi al suo
    > esercizio'

    E il bello è che non si trova online il testo, nemmeno nel sito della cittadina Liuzzi. Mah...

    >   Ma il parlamento e' lento a macinare....

    Eh sì.
    A volte le proposte di legge non vengono nemmeno messe a calendario.

    > vedremo cosa dice [magari fosse cosi' coraggioso
    > da fangulare Berna e il WTO! non mi attendo
    > tanto] quando esce dal buco
    > nero...

    Cosa vuoi che dica, nella remota ipotesi che arrivi in aula?
    Il grosso dei parlamentari sono PD e PDL, e non hanno mai espresso la volontà di modificare il diritto d'autore.
    non+autenticato
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > - Scritto da: Pantros
    >
    > > Non troppo facile: troppo pochi i
    > parlamentari
    > in
    > > grado di farlo
    > > approvare.
    > > Un solo partito ha proposto una cosa del
    > genere
    > > nel suo programma, e quel partito non ha la
    > > maggioranza in parlamento.
    >
    > Non servirebbe a nulla.
    > Anche se tutti i partiti insieme volessero farlo,
    > ci sono accordi internazionali che se non vengono
    > soddisfatti, si viene cacciati dal
    > WTO.

    A parte che cancellano i messaggi ... ma ok... potrei aver sbagliato io, quindi pace.

    L'articolo parla di una posizione dell'organizzazione.
    Cito dal sottotitolo

    "
    Il sistema di licenze non basta, la soluzione è la riforma del diritto d'autore. Per questo motivo Creative Commons prende posizione: per liberare la cultura le leggi devono cambiare
    "

    io dicevo solamente che la "riforma" la hanno già in casa.
    La by-nc-nd

    sulla fattibilità ci vuole una volontà internazionale. mi pare ovvio, inutile sottolinearlo. almeno secondo me.
    L'associazione non credo parli all'Italia o ad un partito in particolare. o all'Europa

    Si discute sul tema.
    Aspettando di poter "votare" chi propone un buon accordo tra le parti.

    ciao.
    non+autenticato
  • > sulla fattibilità ci vuole una volontà
    > internazionale. mi pare ovvio, inutile
    > sottolinearlo. almeno secondo
    > me.
    > L'associazione non credo parli all'Italia o ad un
    > partito in particolare. o all'Europa
    >
    >
    > Si discute sul tema.
    > Aspettando di poter "votare" chi propone un buon
    > accordo tra le
    > parti.

    Oh, ecco: oggi mi voglio cimentare anch'io.

    DISEGNO DI LEGGE

    1. Ad ogni cittadino maggiore di anni 18 residente sul territorio dello Stato è corrisposta una somma mensile pari a € 2000, costituente il reddito di cittadinanza.
    2. Hanno diritto al reddito di cittadinanza i contribueneti con un reddito dichiarato nell'ultimo anno fiscale inferiore a € 200 000.

    Fatto. Anonimo
    Ora si tratta solo di aspettare e vedere chi lo vota.Occhiolino
    non+autenticato
  • > La migliore legge che secondo me si può approvare è gia la
    >
    > CC Attribuzione - Non opere derivate - Non commerciale
    >
    Se non consenti le opere derivate (perlomeno a scopo non-commerciale) la cultura non può "fluire:

    Molto meglio BY-NC-SA !

    Concondo invece sulla durata.
    non+autenticato
  • "
    Around the world, numerous national governments are reviewing or revising their copyright law. Some proposed revisions would BROADEN the scope of uses of copyrighted works permitted WITHOUT the rightsholder’s permission.

    (..)
    Our experience has reinforced our belief that to ensure the maximum benefits to both culture and the economy in this digital age, the scope and shape of copyright law NEED to be reviewed.

    The public would benefit from more extensive rights to use the full body of human culture and knowledge for the public benefit.

    CC licenses are not a substitute for users’ rights, and CC supports ongoing efforts to reform copyright law TO STRENGTHEN USERS’ RIGHTS AND EXPAND THE PUBLIC DOMAIN#.
    "

    A.A.A cercasi Lessig, anche usati, da piazzare in parlamento. Permutabili con 10 Zasparri,Zomani,Zrbani e avanzi vari (puliranno anche i bagni).
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba

    > A.A.A cercasi Lessig, anche usati, da piazzare in
    > parlamento. Permutabili con 10 Zasparri,Zomani,Zrbani e
    > avanzi vari puliranno anche i bagni).

    ahahah Sorride
    non+autenticato
  • Il sistema di licenze non basta, la soluzione è la riforma del diritto d'autore.

    no! sbagliato!

    la soluzione è la totale abolizione del diritto (?) d'autore, vergognoso e immorale abominio con cui ricchi e poterni sottraggono (=RUBANO) alle persone (autori inclusi) millenni di esperienze e conoscenza per farne strumenti di potere e di rendita parassitaria in mano a pochi!!!

    e, insieme con il cosiddetto diritto d'autore, vanno totalmente aboliti altri immondi dispositivi quali brevetti, marchi, privative ecc.

    e purtroppo anche il porsi obiettivi primari diversi da questi (come fa anche CC) risulta, alla fine, un modo per essere complici e collaterali a questi sistemi...

    ben diverso sarebbe se CC dicesse "noi NON vogliamo riformare il cosiddetto diritto d'autore, noi vogliamo CANCELLARE ogni forma di diritto d'autore, questo è il nostro obiettivo e per questo ci battiamo destinando il 99% dei nostri sforzi... intanto, in subordine e solo come forma temporanea di "autodifesa", vi proponiamo di usare le licenze CC"...
    non+autenticato
  • - Scritto da: king volution
    > Il sistema di licenze non basta, la soluzione
    > è la riforma del diritto
    > d'autore.

    >
    > no! sbagliato!
    >
    > la soluzione è la totale abolizione del
    > diritto (?) d'autore, vergognoso e immorale
    > abominio con cui ricchi e poterni sottraggono
    > (=RUBANO) alle persone (autori inclusi) millenni
    > di esperienze e conoscenza per farne strumenti di
    > potere e di rendita parassitaria in mano a
    > pochi!!!
    >
    Parola di pirata!A bocca aperta
    non+autenticato
  • C'è sempre qualcuno che pensa di poter dire agli altri cosa e come devono fare, ed essere ascoltaato.A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pantros
    > C'è sempre qualcuno che pensa di poter dire agli
    > altri cosa e come devono fare, ed essere
    > ascoltaato.
    >A bocca aperta
    Intendi come Urbani e Mazza? in effetti mi son sempre chiesto perche' diamine qualcuno gli dia retta......
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: Pantros
    > > C'è sempre qualcuno che pensa di poter dire agli
    > > altri cosa e come devono fare, ed essere
    > > ascoltaato.
    > >A bocca aperta
    > Intendi come Urbani e Mazza? in effetti mi son
    > sempre chiesto perche' diamine qualcuno gli dia
    > retta......

    In questo caso intendo un utente che parla a un soggetto lontano, che non partecipa alla discussione, come Creative Commons. Va bene per creare discussioni infiammate, se le creerà, ma solo quello.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pantros
    > - Scritto da: bubba
    > > - Scritto da: Pantros
    > > > C'è sempre qualcuno che pensa di poter
    > dire
    > agli
    > > > altri cosa e come devono fare, ed essere
    > > > ascoltaato.
    > > >A bocca aperta
    > > Intendi come Urbani e Mazza? in effetti mi
    > son
    > > sempre chiesto perche' diamine qualcuno gli
    > dia
    > > retta......
    >
    > In questo caso intendo un utente che parla a un
    > soggetto lontano, che non partecipa alla
    > discussione, come Creative Commons. Va bene per
    > creare discussioni infiammate, se le creerà, ma
    > solo
    > quello.
    se non leggessi solo la Britannica (lol), ma anche altro, sapresti che "CC" non e' un "soggetto lontano che non partecipa". Non solo in usa, ma anche in italia.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pantros
    > C'è sempre qualcuno che pensa di poter dire agli
    > altri cosa e come devono fare, ed essere ascoltaato.

    e c'è sempre anche chi non sa tacere, anche quando non ha proprio nulla da dire
    non+autenticato
  • > > C'è sempre qualcuno che pensa di poter dire
    > agli
    > > altri cosa e come devono fare, ed essere
    > ascoltaato.
    >
    > e c'è sempre anche chi non sa tacere, anche
    > quando non ha proprio nulla da
    > dire

    Che c'è? Dà fastidio che qualcuno prenda il tuo commento per ciò che è? Uno sfogo, né più né meno.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pantros
    > > > C'è sempre qualcuno che pensa di poter
    > dire
    > > agli
    > > > altri cosa e come devono fare, ed essere
    > > ascoltaato.
    > >
    > > e c'è sempre anche chi non sa tacere, anche
    > > quando non ha proprio nulla da
    > > dire
    >
    > Che c'è? Dà fastidio che qualcuno prenda il tuo
    > commento per ciò che è? Uno sfogo, né più né
    > meno.
    "qualcuno". In realta' sei sempre TUSorride
    non+autenticato
  • > > > > C'è sempre qualcuno che pensa di
    > poter
    > > dire
    > > > agli
    > > > > altri cosa e come devono fare, ed
    > essere
    > > > ascoltaato.
    > > >
    > > > e c'è sempre anche chi non sa tacere,
    > anche
    > > > quando non ha proprio nulla da
    > > > dire
    > >
    > > Che c'è? Dà fastidio che qualcuno prenda il
    > tuo
    > > commento per ciò che è? Uno sfogo, né più né
    > > meno.
    > "qualcuno". In realta' sei sempre TUSorride

    Non importa. Qualcuno nel senso di "uno qualsiasi".
    non+autenticato
  • - Scritto da: king volution

    > la soluzione è la totale abolizione del
    > diritto (?) d'autore, vergognoso e immorale
    > abominio con cui ricchi e poterni sottraggono
    > (=RUBANO) alle persone (autori inclusi) millenni
    > di esperienze e conoscenza per farne strumenti di
    > potere e di rendita parassitaria in mano a
    > pochi!!!

    Uhm... anche se può essere vero che attualmente gli editori (e/o simili poteri forti detentori di diritti), riescano ad arricchirsi anche a scapito degli autori veri e propri delle opere... non capisco come una abolizione TOTALE (come dici tu) del diritto d'autore potrebbe proteggere gli autori dagli abusi di editori (nonché di chiunque altro).

    Ovvio che il sistema del copyright andrebbe riformato (che so, decadenza del copyright dopo 5 anni dalla prima pubblicazione, invece che 70 anni dalla morte dell'autore? Giusto per fare un'ipotesi...), ma abolirlo completamente mi pare un'utopia...
    non+autenticato