Gaia Bottà

Datagate, la Francia è stata sorvegliata

Nuove rivelazioni, nuove mobilitazioni: Parigi chiede spiegazioni riguardo ai milioni di telefonate monitorate dall'intelligence statunitense. Nemmeno le alleanze risparmiano dal tecnocontrollo

Roma - Milioni di telefonate, milioni di messaggi di testo: la Francia ha appreso dall'ennesima soffiata dell'ex tecnico della NSA Edward Snowden di non essere stata risparmiata dal tecnocontrollo pervasivo delle agenzie di intelligence statunitensi.

L'articolo di Le Monde, co-firmato dal giornalista Glenn Greenwald, ha reso pubblico il caso: in un solo mese di intercettazioni, tra il 10 dicembre 2012 e l'8 gennaio 2013, nel quadro della misteriosa operazione US-985D, sono state tenute sotto controllo 70,3 milioni di telefonate intercorse tra cittadini francesi e tra cittadini francesi e individui localizzati all'estero, e un numero imprecisato di SMS. Non è dato sapere se l'intelligence statunitense abbia rastrellato le intere conversazioni o solo i relativi metadati, e le autorità francesi sospettano che le informazioni raccolte dalla NSA non siano relative a soli soggetti sospettati di intessere attività terroristiche, ma anche a persone appartenenti alla sfera politica, al mondo del business, alla pubblica amministrazione.

Le autorità transalpine si sono subito mobilitate: "Questo tipo di pratiche tra paesi alleati che si insinuano nella sfera privata è completamente inaccettabile - ha denunciato il ministro degli esteri francese Laurent Fabius - Dobbiamo fare in modo che queste attività terminino molto rapidamente". Per questo motivo la Francia ha convocato l'ambasciatore americano per ottenere risposte chiare riguardo a queste pratiche e riguardo alla mancata trasparenza adottata nei confronti della Francia. L'ambasciatore ha per ora ricordato come siano solidi i legami di collaborazione di comunicazione tra gli States e Parigi.
Ma la Francia non è l'unico stato ad apprendere in queste ore dettagli sull'interesse statunitense nei confronti delle comunicazioni dei propri cittadini: il Messico, già scosso dalle soffiate di Snowden, è stato informato da un articolo di Der Spiegel dell'operazione "Flatliquid", con la quale l'intelligence statunitense avrebbe monitorato le email dell'ex presidente Felipe Calderon, più vicino a Washington di quanto non si dimostri l'attuale presidente Enrique Pena Nieto, anch'esso colpito dai tentacoli del tecnocontrollo della NSA.

E mentre Snowden dimostra ogni giorno di più di essersi imbarcato nella propria missione dedita alla trasparenza con consapevolezza, assistito da qualche colpo di fortuna dovuto all'inefficienza dell'agenzia di intelligence per cui lavorava, sul fronte istituzionale gli attivisti che si battono per la difesa della privacy attendono con ansia i risultati del voto che si tiene in questi giorni presso la commissione Libertà civili, giustizia e affari interni del Parlamento Europeo. Si decide il destino delle negoziazioni sul pacchetto di regole che dovrebbe tutelare i cittadini europei dalla sorveglianza di stato e mercato, e il voto della commissione determinerà se al dibattito sarà condotto a porte chiuse, o se alla società civile sarà garantita trasparenza.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàBrasile, email a prova di spiaUn servizio di comunicazione cifrata per le amministrazioni statali, hardware e software privi di backdoor. Il Brasile combatte le intrusioni dell'intelligence straniera sviluppando tecnologia
  • AttualitàDatagate, Lussemburgo chiama SkypeLe autorità del Vecchio Continente avrebbero avviato un'indagine sul presunto coinvolgimento della piattaforma VoIP nel programma noto come PRISM. Il servizio di Microsoft rischia sanzioni penali e amministrative
  • AttualitàA NSA piacciono i bug e paga per averliL'intelligence statunitense ha stipulato contratti per avere accesso ai database commerciali delle vulnerabilità nei software informatici. Lo scandalo Datagate continua, tra nuove rivelazioni e reazioni indignate
22 Commenti alla Notizia Datagate, la Francia è stata sorvegliata
Ordina
  • In guardia di fronte ad un certo gruppo di individui con un Piano che farebbe sorridere il Macchiavelli nella sua tomba. Tutto quello che sta accadendo e’ il preludio della prossima grande sorpresa. Sin da quando George H. Bush era direttore della CIA, le agenzie segrete di Stato USA hanno svolto un duplice ruolo per arrivare fino ad oggi quando ogni persona e’ costantemente monitorata da NSA ed altre agenzie non per riportare queste informazioni al governo Americano ma per alimentare con ogni dato l’embrione di una nuova superpotenza. Nel 1988 l’ex direttore della CIA fu eletto presidente USA ed ha permesso al figlio Neil Bush di farla franca con la rapina piu’ grande di quei tempi, lo scandalo “Savings and Loans”. Dopo qualche anno un altro suo figlio e’ divenuto presidente USA, pianificato il piu’ infame attacco su suolo Americano, l’undici Settembre, e consolidato per 8 anni le fortune di una singola famiglia al di sopra di tutti. Nei tempi in cui viviamo, un gruppo di Sionisti, come fosse un governo parallelo nascosto, con George Bush ancora oggi a capo dei servizi segreti in USA, UK ed Israele e' la forza destabilizzante alle spalle delle piu' grandi stragi di terrore e con informazioni classificate a disposizione ed un suo esercito privato ha in serbo quello che per molti adesso sembrerebbe impensabile. Il portavoce di questo gruppo nel congresso USA e’ John Mc. Cain che influenza l’amministrazione Americana riportando gli ordini impartiti. Una Guerra Mondiale di Religioni ed il caos ovunque sono gia’ pianificate perche’ le genti esasperate presto invochino un Nuovo Ordine del Mondo senza neanche sapere cosa sia”. Non le proteste ne la violenza per le strade potranno mai opporre una tale minaccia all’intera Umanita’ configurata all’interno di un Piano che si avvale dei suoi lunghi tentacoli e della memoria corta delle genti.
    Esiste una singola Soluzione

    http://www.wavevolution.org/it/index.html
  • Certo che fumi roba forte tu
    non+autenticato
  • - Scritto da: wavettore
    > In guardia di fronte ad un certo gruppo di
    > individui con un Piano che farebbe sorridere il
    > Macchiavelli nella sua tomba. Tutto quello che
    > sta accadendo e’ il preludio della prossima
    > grande sorpresa. Sin da quando George H. Bush era
    > direttore della CIA, le agenzie segrete di Stato
    > USA hanno svolto un duplice ruolo per arrivare
    > fino ad oggi quando ogni persona e’ costantemente
    > monitorata da NSA ed altre agenzie non per
    > riportare queste informazioni al governo
    > Americano ma per alimentare con ogni dato
    > l’embrione di una nuova superpotenza. Nel 1988
    > l’ex direttore della CIA fu eletto presidente USA
    > ed ha permesso al figlio Neil Bush di farla
    > franca con la rapina piu’ grande di quei tempi,
    > lo scandalo “Savings and Loans”. Dopo qualche
    > anno un altro suo figlio e’ divenuto presidente
    > USA, pianificato il piu’ infame attacco su suolo
    > Americano, l’undici Settembre, e consolidato per
    > 8 anni le fortune di una singola famiglia al di
    > sopra di tutti. Nei tempi in cui viviamo, un
    > gruppo di Sionisti, come fosse un governo
    > parallelo nascosto, con George Bush ancora oggi a
    > capo dei servizi segreti in USA, UK ed Israele e'
    > la forza destabilizzante alle spalle delle piu'
    > grandi stragi di terrore e con informazioni
    > classificate a disposizione ed un suo esercito
    > privato ha in serbo quello che per molti adesso
    > sembrerebbe impensabile. Il portavoce di questo
    > gruppo nel congresso USA e’ John Mc. Cain che
    > influenza l’amministrazione Americana riportando
    > gli ordini impartiti. Una Guerra Mondiale di
    > Religioni ed il caos ovunque sono gia’
    > pianificate perche’ le genti esasperate presto
    > invochino un Nuovo Ordine del Mondo senza neanche
    > sapere cosa sia”. Non le proteste ne la violenza
    > per le strade potranno mai opporre una tale
    > minaccia all’intera Umanita’ configurata
    > all’interno di un Piano che si avvale dei suoi
    > lunghi tentacoli e della memoria corta delle
    > genti.

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • guarda che vai su amazon di libri sulla dinastia bush e i suoi misteri affari ne trovi a pacchi!!
    Prescott Bush che finanzio hitler ad esempio..
    skull and bones,
    Carlyle etc...non dici niente di nuovo
    non+autenticato
  • Qualsiasi cosa ti fumi, cambia.
  • - Scritto da: Francesco_Holy87
    > Qualsiasi cosa ti fumi, cambia.

    O quanto meno passala !!
    krane
    22544
  • ci sono già abbastanza complotti veraci, non abbiamo bisogno anche di quelli inventati...
    Funz
    12946
  • Noncapisco tutto questo clamore.L'NSA spia da tempo,cos'è la Francia pensava di essere al riparo ? Evidentemente ci sono stati anche accordi dall'interno...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > Noncapisco tutto questo clamore.L'NSA spia da
    > tempo,cos'è la Francia pensava di essere al
    > riparo ? Evidentemente ci sono stati anche
    > accordi
    > dall'interno...

    è clamore di facciata, sono chiaramente collusi ma perché funzioni il popolo non deve saperlo.

    Ecco quindi le urla allo scandalo, le richieste di chiarimento, le prese di posizione etc. Dopo una spiegazione demenziale (cfr. spiegazione già fornita alla Merkel) finirà a tarallucci e vino e tutto tornerà come prima.
    non+autenticato
  • L'importante è che non riferiscano a mia moglie che il 23 Aprile 2012 ho fatto una telefonata all'amante. Del resto non me ne può fregare di meno. Ascoltino pureSorride
  • Stai tranquillo caro Antiscrocconi, quì in Italia sono troppo impegnati ad intercettare Berlusconi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: silvan
    > Stai tranquillo caro Antiscrocconi, quì in Italia
    > sono troppo impegnati ad intercettare
    > Berlusconi.

    Non hai capito: e' lui Berlusconi.
  • ma c'è davvero chi crede che la nsa faccia tutte queste belle cose senza la complicità dei "governi" stranieri?
    non+autenticato
  • come avrebbe fatto la nsa a monitorare telefonate intercorse tra utenti francesi? si parla di voip?
    non+autenticato
  • Direi di no, visto che si parla anche di SMS. Quindi dall'articolo pare che avessero accesso alla rete telefonica voce e non solo a quella dati
    non+autenticato
  • - Scritto da: micron
    > Direi di no, visto che si parla anche di SMS.
    > Quindi dall'articolo pare che avessero accesso
    > alla rete telefonica voce e non solo a quella
    > dati
    tu guardi troppi film di spionaggio
    non+autenticato
  • se consideri che le maggiori aziende proprietarie dei cavi sono USA, se consideri che i governi europei stanno a 90 gradi, se consideri che ogni richiesta di un'agenzia di spionaggio USA viene onorata ( da noi europei ) in 48 ore al max, allora non è difficile capire cosa s'intende per "pare che avessero accesso alla rete telefonica voce e non solo a quella dati"

    mica devono hackerarci? siamo noi a dargli le password

    e adesso i francesi vogliono farci credere che non ne sapevano nulla?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Evil dead
    > - Scritto da: micron
    > > Direi di no, visto che si parla anche di SMS.
    > > Quindi dall'articolo pare che avessero accesso
    > > alla rete telefonica voce e non solo a quella
    > > dati
    > tu guardi troppi film di spionaggio

    tu non leggi abbastanza, e se leggi non capisci abbastanza.
    Consiglio di leggere tutto quello che scrive Bruce Schenier sull'argomento, è un esperto di sicurezza informatica parecchio noto ed ha avuto accesso diretto a tutta la documentazione del datagate.
    Funz
    12946
  • > intercorse tra utenti francesi? si parla di
    > voip?

    da qualche anno ormai, anche le telefonate "normali" passano su ip. Le telco usano le stesse backbones per tutto, mica solo per i dati e/o per la fonia. La differenza più evidente, è che la fonia ha priorità più elevata rispetto al normale traffico.
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > come avrebbe fatto la nsa a monitorare telefonate
    > intercorse tra utenti francesi? si parla di
    > voip?

    nope. si parla di monitoraggio telefonico, alcatel, france telecom e allegra compagnia.
    io resto dell'opinione che queste proteste di vari paesi (vedi francia, germania, brasile) siano solo di facciata verso il proprio elettorato.
    mi sembra del tutto irreale che le operazioni non fossero concordate e del tutto all'insaputa dell'intercettato.
    nel caso sia del tutto all'insaputa non è forse violazione di sovranità? un atto di guerra?
    e se fosse successo da un altro paese verso gli us, siete convinti che il tutto sarebbe sfogato in una "telefonata" di obama (o bushie) verso il paese cattivo?

    /me perplesso.
    non+autenticato
  • aggiungo versione in inglese dell'articolo di Le Monde, per chi non sappia il sciovinista, come me:
    http://www.lemonde.fr/technologies/article/2013/10...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Vindicator
    > aggiungo versione in inglese dell'articolo di Le
    > Monde, per chi non sappia il sciovinista, come
    > me:
    > http://www.lemonde.fr/technologies/article/2013/10
    Aggiungerei che
    a) Le Monde says "recording" but according to the Washington Post, the NSA grabbed the metadata on 70 million calls and recorded an unknown number of calls originating from certain phone numbers.
    In effetti in ste slide (specie se sono smozziche) non si capisce mai molto se dumpano i tabulati di traffico, O il contenuto del traffico. A me pare la PRIMA (+ alcuni contenuti quando serve)

    a.1) tutti se la menano col "terrorismo"... ma tra i mandati c'e' anche " cyber activities"... e di cybercrooks ce ne sono TANTI anche in francia.

    b) il DGSE (la cia/nsa francese) NON e' santa. http://www.theguardian.com/world/2013/jul/04/franc...

    c) la francia ha vupen.com : tra i primi "produttori" di cyberwar. La NSA compra exploit (anche) da loro

    *ULTIMO MA IMPORTANTE*
    Il thread e' aperto dal solito CLONE cyberCapra. Se la questione proposta e' troppo ridicola, NON sono ioSorride
    Non mi loggo perche mi sa fatica... ma non e' difficile distinguere il clone da TSO da me...