Gaia Bottà

Twitter vale 11 miliardi di dollari

Nuovi documenti in vista della IPO: si venderà a un prezzo ben inferiore a quello fissato a suo tempo da Facebook. Secondo gli analisti Twitter si sottostima

Roma - Il momento dell'esordio in Borsa si avvicina, le comunicazioni con le autorità statunitensi fluiscono rapide e aggiungono tasselli a proposito della prossima IPO di Twitter: l'azienda si proporrà agli investitori con un prezzo per azione che oscillerà tra i 17 e i 20 dollari.

Se nei giorni scorsi Twitter illustrava i numeri relativi alle proprie attività, ora è il momento di tratteggiare le sue prospettive. I nuovi documenti depositati presso la U.S. Securities and Exchange Commission (SEC) consentono di stimare il valore che Twitter si attribuisce: l'azienda, proponendosi sul New York Stock Exchange, aspira a raggranellare nel corso della IPO un minimo di 1,19 miliardi di dollari e un massimo di 1,6 miliardi di dollari mettendo sul mercato 70 milioni di quote (che potrebbero però raggiungere gli 80,5 milioni). Ci si aspetta che le azioni, che rappresentano all'incirca il 13 per cento dell'azienda, verranno trasferite ad un prezzo che potrebbe variare tra i 17 e i 20 dollari: basandosi sui numeri cinguettati nei nuovi documenti, si stima che Twitter valga 11,1 miliardi di dollari.

I numeri di Twitter, osservano in molti, sono decisamente prudenti: sarà per le perdite non trascurabili (64,6 milioni di dollari nell'ultimo trimestre) e il profitto non ancora raggiunto, sarà per il temuto effetto-Facebook, che dopo la IPO ha impiegato mesi per recuperare il valore di lancio di 38 dollari a quota. C'è però tempo per aggiustare al rialzo il prezzo delle quote, e c'è chi scommette che Twitter non si tirerà indietro, dopo aver sondato l'atteggiamento degli investitori.
Lunedì Twitter comincerà il periodo del road show, nel quale il tecnofringuello mostrerà la sua livrea per proporsi agli investitori. Il debutto sul mercato di TWTR è previsto per il 6 novembre.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • BusinessI nuovi numeri di TWTRNuovi documenti in vista dell'esordio in Borsa. Twitter sceglie il New York Stock Exchange e mostra i suoi dati in crescita. Anche quelli relativi alle perdite
  • BusinessTwitter, tutto sulla IPOIl tecnofringuello vola in Borsa per raccogliere circa 1 miliardo di dollari nella sua offerta pubblica iniziale. Il fatturato cresce - così come gli utenti - ma si fatica a trovare utili
  • AttualitàFacebook, quotazioni e figli maschiMentre Zuckerberg si sposa il suo social network esordisce tra i problemi tecnici di Nasdaq. L'esordio non è stato irresistibile, ma gli esperti puntano sul medio-lungo termine
9 Commenti alla Notizia Twitter vale 11 miliardi di dollari
Ordina
  • Clicca per vedere le dimensioni originali

    Che tristezza questo mondo basato sulla fuffa finanziaria.
    11 miliardi di nulla, serviti su un piatto di nulla e contorno di nulla.
    non+autenticato
  • A me sembra una cifra spropositata. Perfino la FIAT vale solo 7,4 miliardi (di Eur, 10,5 miliardi di $).
    Pazzesco.
  • Tanto di cappello per la citazione.
  • Le Hype sulle IPO mi fanno venire in mente la scenetta di "Miracolo a Milano" (De Sica, Zavattini 1951) in cui i due protagonisti si sforzano di dire la cifra più grossa che gli viene in mente e che si conclude con un geniale e trionfante... "più uno!"...

    La cosa veramente triste è che dietro a tutto questo c'è la solita logica in cui i soliti pescecani in un mondo in cui la carta (leva finanziaria) corrisponde a 14 volte l'intera produzione mondiale di ricchezza non trovano di meglio da fare che "stampare" altri 11 miliardi finti.

    A questo punto tanto vale stamparsi in cantina le banconote del monopoli come in un altro film "la banda degli onesti" e andarle a cambiare dal tabaccaio all'angolo!

    E intanto la gente si impoverisce e razzola nei cassonetti per pagare il "debito" che questi squali si "stampano" per conto loro.
    TristeTriste
    Che tristezza!
    non+autenticato
  • - Scritto da: tucumcari
    > Le Hype sulle IPO mi fanno venire in mente la
    > scenetta di "Miracolo a Milano" (De Sica,
    > Zavattini 1951) in cui i due protagonisti si
    > sforzano di dire la cifra più grossa che gli
    > viene in mente e che si conclude con un geniale e
    > trionfante... "più
    > uno!"...
    >
    > La cosa veramente triste è che dietro a tutto
    > questo c'è la solita logica in cui i soliti
    > pescecani in un mondo in cui la carta (leva
    > finanziaria) corrisponde a 14 volte l'intera
    > produzione mondiale di ricchezza non trovano di
    > meglio da fare che "stampare" altri 11 miliardi
    > finti.
    >
    > A questo punto tanto vale stamparsi in cantina le
    > banconote del monopoli come in un altro film "la
    > banda degli onesti" e andarle a cambiare dal
    > tabaccaio
    > all'angolo!
    >
    > E intanto la gente si impoverisce e razzola nei
    > cassonetti per pagare il "debito" che questi
    > squali si "stampano" per conto
    > loro.
    > TristeTriste
    > Che tristezza!
    Ma adesso arriva un'altra profezia Maya e siamo tutti di nuovo sulla stessa barca.
    non+autenticato
  • Nahhh!
    Con o senza profezia non si trova nessuno disposto a stare in "barca" con te!
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Marf
    > Nahhh!
    > Con o senza profezia non si trova nessuno
    > disposto a stare in "barca" con
    > te!
    > A bocca aperta
    Qualcosa bisognerà inventarsi per non essere divorati da una bolla speculativa di oltre 11 volte il PIL mondiale...
    Si sta a distanza dalla bolla...Con la lingua fuori
    non+autenticato
  • - Scritto da: tucumcari
    > - Scritto da: Marf
    > > Nahhh!
    > > Con o senza profezia non si trova nessuno
    > > disposto a stare in "barca" con
    > > te!
    > > A bocca aperta
    > Qualcosa bisognerà inventarsi per non essere
    > divorati da una bolla speculativa di oltre 11
    > volte il PIL
    > mondiale...
    > Si sta a distanza dalla bolla...Con la lingua fuori
    Non c'è niente da inventare basta che la tua barca sia distante dalla mia.
    è più che sufficiente!
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Marf
    > - Scritto da: tucumcari
    > > - Scritto da: Marf
    > > > Nahhh!
    > > > Con o senza profezia non si trova
    > nessuno
    > > > disposto a stare in "barca" con
    > > > te!
    > > > A bocca aperta
    > > Qualcosa bisognerà inventarsi per non essere
    > > divorati da una bolla speculativa di oltre 11
    > > volte il PIL
    > > mondiale...
    > > Si sta a distanza dalla bolla...Con la lingua fuori
    > Non c'è niente da inventare basta che la tua
    > barca sia distante dalla
    > mia.
    > è più che sufficiente!
    > A bocca aperta
    Oppure si ricorre alle frasi in francese con i cavoli...
    non+autenticato