Mauro Vecchio

Datagate, NSA e le grandi orecchie di PRISM

L'intelligence statunitense avrebbe auscultato le conversazioni private di 35 leader politici in tutto il mondo. L'Espresso indaga su un'operazione di sorveglianza a mezzo cavi sottomarini

Roma - In un memo confidenziale rilasciato dalla talpa Edward Snowden, si rivela come l'intelligence statunitense avrebbe monitorato le conversazioni telefoniche di 35 leader politici in tutto il mondo. Dopo le spiegazioni richieste alla Casa Bianca dal cancelliere tedesco Angela Merkel, le ultime rivelazioni pubblicate dal quotidiano britannico The Guardian assegnano alla National Security Agency (NSA) un ruolo primario nelle attività di sorveglianza delle comunicazioni dai dispositivi personali di numerosi esponenti di governo.

"Il suono della mia voce era stato inserito nel grande cervello - ha dichiarato l'ex-premier italiano Romano Prodi in un articolo pubblicato da Il Messaggero - e quindi ogni mia conversazione veniva automaticamente registrata da qualsiasi apparecchio telefonico fosse generata". Da presidente della Commissione Europea, Prodi aveva già scoperto anni fa di essere finito nella rete di Echelon, il grande orecchio che ha poi generato il programma PRISM.

Stando alle nuove spifferate di Snowden, NSA avrebbe ottenuto i numeri telefonici dei vari leader mondiali da un non meglio specificato dipartimento governativo a stelle e strisce. Nessun dettaglio sui nomi completi dei politici presi in esame, in una lista di oltre 200 numeri forniti dal misterioso funzionario USA. L'intelligence nazionale avrebbe successivamente approfittato di certi rolodex degli archivi gestiti dalla Casa Bianca o dal Pentagono contenenti numeri di fax o cellulari di leader politici e militari residenti all'estero.
"Con ondate che si succedono con crescente intensità, si ha notizia di controlli illegittimi sulle comunicazioni da parte di alcuni paesi a danno di altri - ha spiegato Prodi al Messaggero - Ciò infrange non solo le regole giuridiche internazionali ma gli stessi diritti fondamentali dei cittadini". L'ex-presidente della Commissione Europea ha ricordato una conversazione privata con l'allora presidente di ENI Gian Maria Gros-Pietro, il cui verbale era finito alla stampa che precisava provenisse "dalle nostre fonti americane".

Mentre il premier Enrico Letta chiede al governo statunitense tutte le verifiche del caso, un'inchiesta pubblicata dal settimanale L'Espresso ha provato a fare luce sulle attività di intercettazione in Italia grazie ai cavi sottomarini e in particolare ai nodi siciliani. Con la collaborazione del giornalista Glenn Greenwald - di fatto, il depositario di tutti i segreti consegnati da Snowden - l'Espresso tira in ballo anche i servizi segreti britannici del Government Communications Head Quarter (GCHQ).

In sostanza, l'Italia sarebbe nel mirino non solo di PRISM, ma anche del programma TEMPORA, che si serve dei cavi in fibra ottica sottomarini per intercettare traffico telefonico, email o web. Tra i cavi interessati, il primo sarebbe il SeaMeWe3, con terminale a Mazara del Vallo; il secondo il SeaMeWe4, con uno snodo a Palermo, "città da cui transita anche il flusso di dati del FEA (Flag Europe Asia). E i primi due appartengono a consorzi di imprese di cui fa parte anche Telecom Sparkle, società del gruppo italiano Telecom", si legge nei documenti pubblicati da L'Espresso.

Mentre l'intelligence tricolore smentisce ogni sorta di collaborazione con i servizi segreti statunitensi o britannici - "I nostri servizi di informazione negano non solo di far parte, ma addirittura di conoscere un programma di spionaggio denominato TEMPORA", è stato assicurato - il presidente di Alleanza per Internet, ex-Garante della privacy, Franco Pizzetti non crede che i servizi segreti italiani risultino davvero all'oscuro di tutta la faccenda. "È vero che molta stampa, e anche alcuni giornalisti molto preparati, hanno cercato comprensibilmente di dare una lettura tranquillante (sic) del fenomeno, ma non possiamo credere che i servizi non abbiano letto né sentito nulla - ha spiegato Pizzetti - Che poi le autorità italiane si siano distinte per il loro silenzio assordante durato fino a ieri è vero. Unica eccezione è stata la autorità garante dei dati personali, il cui presidente ha segnalato tempestivamente che il Garante italiano stava già operando di intesa con le altre autorità europee".

Nel frattempo, attraverso gli attivisti di American Civil Liberties Union (ACLU), Snowden ha chiesto al governo statunitense di interrompere la sua campagna di minimizzazione degli effetti di PRISM - le autorità federali continuerebbero a mentire sulle reali operazioni di sorveglianza in tutto il mondo - mentre l'iniziativa Stop Watching Us è pronta alla manifestazione di protesta alla Union Station di Washington.

Coinvolti nello scandalo noto come Datagate, poi, operatori del web come Facebook rischiano un'indagine ufficiale per la presunta consegna di dati personali allo spionaggio USA, sollecitata dalla Irish Data Protection Commission (IDPC) su pressione del gruppo Europe vs Facebook. A favore dei cittadini della rete si muove anche Brewster Kahle, fondatore del famoso repository del sapere Internet Archive, che ha annunciato che tutte le comunicazioni dei suoi utenti verranno cifrate a protezione della privacy digitale dalla orwelliana NSA.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàDatagate, anche l'Italia vuole la sua parteSe la Francia è stata intercettata perché l'Italia dovrebbe essere da meno? Claudio Fava (Sel), membro del Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica, chiede chiarezza. Il garante privacy, invece, chiede il rispetto di leggi migliori
  • AttualitàUE, reazione al DatagateSi compiono i primi passi per aggiornare il quadro normativo europeo ad una più ferrea tutela dei dati personali. Nel difendere il cittadino dall'invadenza di stato e mercato, c'è anche qualche compromesso di troppo
  • AttualitàDatagate, la Francia è stata sorvegliataNuove rivelazioni, nuove mobilitazioni: Parigi chiede spiegazioni riguardo ai milioni di telefonate monitorate dall'intelligence statunitense. Nemmeno le alleanze risparmiano dal tecnocontrollo
48 Commenti alla Notizia Datagate, NSA e le grandi orecchie di PRISM
Ordina
  • L'intelligence statunitense avrebbe auscultato le conversazioni private di 35 leader politici in tutto il mondo.

    L'intelligence statunitense avrebbe auscultato le conversazioni private

    avrebbe auscultato le conversazioni

    auscultato

    DelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDeluso
    DelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDeluso
    DelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDeluso
    DelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDeluso
    DelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDelusoDeluso
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ausculta si fa sera

    > avrebbe auscultato le conversazioni
    >
    > auscultato

    Figura retorica. Uso un po' creativo della lingua. Io mi scandalizzerei per altro.
    Funz
    12943
  • mh finalmente VEDO quale segno di risveglio -sui giornali- dal torpore mononeurale che concentra tutta la "MALVAGITA'"(?) contro l'NSA...

    ES: http://www.itworld.com/government/380167/eu-parlia...
    [bello il pezzo : (..) DGSE, said that France ranked FIFTH in the world in metadata collection after the U.S., the U.K. ]

    e chi va a recuperare vecchie faccende, dai colori piu sinistri: ES: http://falkvinge.net/2013/07/07/documents-sweden-w.../

    Qualcosina anche sull'Orecchio russo (finalmente) : http://temi.repubblica.it/limes/prism-vs-sorm-inte...
  • era ovvio che ci fossero altri Stati in grado di spiare, ma il problema NSA è dovuto alla potenza militare/economica/sociale degli USA e al reach che ha

    nessuno Stato del mondo può spiare tutte le reti telematiche del globo continuativamente

    ovviamente credo assai difficile che la NSA, ad esempio, possa spiare il traffico internet cinese e russo

    ma gli altri sono praticamente spacciati
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > era ovvio che ci fossero altri Stati in grado di
    > spiare, ma il problema NSA è dovuto alla potenza
    > militare/economica/sociale degli USA e al reach
    > che
    > ha
    eh ,si... ma anche l'nsa si sapeva gia che spiava (nasce per quello)... pero' non faceva scena nel pre-snowdenCon la lingua fuori
    il "problema" e' che i media son 4 mesi che sono FISSI sull'nsa causa le veline di snowden (si, veline perche non e' raro che gli articoli siano poco piu di riassunti talvolta malfatti delle slide). Io giornalista, dopo 1 settimana di snowden mi sarei iniziato a domandare cosa fa il resto del mondo e il mio paese.


    > nessuno Stato del mondo può spiare tutte le reti
    > telematiche del globo
    > continuativamente
    >
    > ovviamente credo assai difficile che la NSA, ad
    > esempio, possa spiare il traffico internet cinese
    > e russo
    russia-su-russia e cina-su-cina sicuramente avra' capacita' limitate.
    Altra cosa penso e' russia->sat e russia-route-russia o russia-route-estero. Dove ci sono i "cavi sopra" (cfr. Svezia) e "sotto" (cfr. italia) che possono essere appannaggio Usa (ma anche russi o medioorientali, all'opposto).
    MA questo E' uno dei punti... focus tutto concentrico sull'nsa, poi si legge della francia sdegnata ecc.. ma la francia invece essa stessa HA un grande orecchio (e anche un grande exploiter "pubblico".. vupen.com ).
    MA di articoli, disamine ecc su sta roba -tolti blog amatoriali & altro ma che 'non buca' e 'non e' mainstream' - si e' visto POCO.

    Anche la russia e' un gran buco nero informativo... (russia.. in realta' e' meglio dire "paesi ex-urss" ) ,complice anche la lingua. Cmq giornalisti bilingue esistono.. potrebbero pure scrivere qualcosaA bocca aperta
    Sotto la cenere ovviamente cose ne esistono (in eng) ma una frazione -minima- rispetto a quelle pubbliche (snowden escluso quindi) che ci sono sull'nsa & parenti.
    Una cosa buffa che leggevo tempo fa, di uno scrittore che aveva fatto un libro sull'FSB e i servizi russi, e' che, a parte l'ostracismo governativo, ai russi stessi sembrava non fregargliene grancheCon la lingua fuori
    L'unico sito su magagne russe (con un robusto segmento eng) che ricordo e' http://www.agentura.ru/english/ ... e' moolto interessante, ma certo non e' un "media mainstream" & co

    EDIT: aggiungo che, collateralmente, "l'indignazione da sorveglianza malvagia", rischia di dar corda alla sopravvivenza di un aspetto molto piu praticamente concreto... ossia le orde di cybercrooks che ci sono in giro. Sara' mia percezione, ma gli headquarter mi sembrano fortemente concentrati in ucraina, romania (e infine russia... penso all'abitudine a ignorare l'esistenza di safeproof-hosting tipo RBN). Indigna di meno di un intercettazione ad un ambasciatore, ma sti produttori/venditori di malware, di patenti &co false, c/c rubate, skimmer/hw keylogger e droga fanno molti piu danni ("a me") che non la telefonata suddetta.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 26 ottobre 2013 16.36
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: bubba
    > mh finalmente VEDO quale segno di risveglio -sui
    > giornali- dal torpore mononeurale che concentra
    > tutta la "MALVAGITA'"(?) contro
    > l'NSA...
    >
    > ES:
    > http://www.itworld.com/government/380167/eu-parlia
    >   [bello il pezzo : (..) DGSE, said that France
    > ranked FIFTH in the world in metadata collection
    > after the U.S., the U.K.
    > ]
    >
    > e chi va a recuperare vecchie faccende, dai
    > colori piu sinistri: ES:
    > http://falkvinge.net/2013/07/07/documents-sweden-w
    >
    > Qualcosina anche sull'Orecchio russo (finalmente)
    > :
    > http://temi.repubblica.it/limes/prism-vs-sorm-inte

    Non mi scandalizza che gli USA spiino i paesi suoi nemici, né che la Russia faccia lo stesso (mica sono difensori-a-parole di democrazia e libertà, loro).
    Mi scandalizza quando gli USA, difensori-a-parole di democrazia e libertà, si mettono a intercettare indiscriminatamente tutto e tutti, amici e alleati compresi.
    Funz
    12943
  • ... tanto se non sono gli USA ad intercettarti ci pensano i nostri servizi segreti o la nostra cara magistratura.
    Io direi che l'unica sarebbe quella di passare al criptaggio AES a 256 bit o superiore di qualsiasi conversazione o messaggio!
    Tanto qui fanno tutti finta di indignarsi a partire dalla Merkel, ma in realtà la cosa era sotto gli occhi di tutti a partire da echelon almeno dal 2000, ora semplicemente cercano di salvare la faccia.
    In ogni caso quale che saranno gli accordi raggiunti potrete star sicuri di almeno una cosa.... le intercettazioni continueranno come prima anzi con il tempo diventeranno assai più pervasive, quindi se dovete parlare al telefono o scambiarvi mail o ancora SMS siatene consapevoli!
    Tra l'altro non so se avete notato ma le mail non vengono mai cancellate dal server remoto, anche se Voi flaggate appositamente l'opzione, tant'è che spesso basta semplicemente riaccedere all'account con un diverso dispositivo per riscaricare anche le mail che dovevano essere state cancellate...
  • "la nostra cara magistratura" faccio notare che paragonare le intercettazioni permesse da un magistrato in italia, a quelle fatto al di fuori delle stesse permissive leggi usa contro il terrorismo, da parte del NSA è qualcosa di stupido.
  • il dito e la luna
    non+autenticato
  • Mauro, Prodi è stato l'ex Presidente del Consiglio, non l'ex Premier.

    daldifuori.wordpress.com/2009/10/02/presidente-del-consiglio-vs-premier/
    non+autenticato
  • Tutti quanti scandalizzati ...
    Ma non è che magari facessero finta di non vedere? ....

    La Merkel si è incazzata in quanto ha le 'p....' per farlo e gode di un po di considerazione.
    E i nostri politici timidamente accodandosi da ultimi fanno la faccia scandalizzata.
    Immaginate le risate che si sarebbero fatti e i casini se la questione l'avessimo sollevata noi.

    Di fatto siamo succubi di una superpotenza e quello della privacy a farsi friggere è semplicemente uno dei rospi che, in nome della 'sicurezza', ci fanno digerire.
  • Le p.. per faare chè?
    È solo una "sceneggiata napulitana" cosa pensi che i dati del suo telefono arrivino alla NSA perchè "ci vogliono andare" o perchè qualcuno li indirizza "anche" alla NSA?
    e se qualcuno li indirizza come fa a farlo senza apparati e logistica installati in KRANDE CERMANIA e senza complicità e connivenze?
    Se "Frau Anghela" è in buona fede ha molte teste che "non possono non sapere" da tagliare in KRANDE CERMANIA oltre che fare la "sceneggiata napulitana" con mr. Obama.
    non+autenticato
  • - Scritto da: tucumcari
    > Le p.. per faare chè?
    > È solo una "sceneggiata napulitana" cosa
    > pensi che i dati del suo telefono arrivino alla
    > NSA perchè "ci vogliono andare" o perchè qualcuno
    > li indirizza "anche" alla
    > NSA?
    > e se qualcuno li indirizza come fa a farlo senza
    > apparati e logistica installati in KRANDE
    > CERMANIA e senza complicità e
    > connivenze?
    > Se "Frau Anghela" è in buona fede ha molte teste
    > che "non possono non sapere" da tagliare in
    > KRANDE CERMANIA oltre che fare la "sceneggiata
    > napulitana" con mr.
    > Obama.
    E poi tutta questo focalizzarsi sulle telefonate della Merkel, e nessuno che si occupa delle intercettazioni a Berlusconi, che sono molto più interessanti!
    Ci vuole un po' di par condicio anche fra persone spiate!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)