Claudio Tamburrino

Motorola e lo smartphone a pezzi

Tra open hardware e personalizzazione estrema: Motorola lavora al cellulare modulare e componibile, sulle orme del progetto Phonebloks

Roma - Motorola ha annunciato che avvierà un progetto dedicato allo sviluppo di uno smartphone modulare e personalizzabile in ogni componente da parte degli utenti.

Progetto Ara

Guidato dal gruppo di Motorola Advanced Technology, il progetto che prende il nome "Ara" intende sviluppare una piattaforma hardware open e free: l'idea è quella di offrire un prodotto personalizzabile nelle minime funzioni dagli utenti, nonché ovviare al problema della veloce obsolescenza (con conseguente impatto sui rifiuti elettronici) degli smartphone attualmente in circolazione.
Questi, infatti, spesso vengono sostituiti da modelli aggiornati solo nella durata della batteria o nella qualità di alcuni componenti, come la fotocamera, il supporto di determinate applicazioni o la qualità dello schermo: offrendo la possibilità di sostituire semplicemente e comodamente anche solo i singoli componenti, Motorola pensa di poter allungare notevolmente la vita complessiva di un apparecchio.

Questa soluzione è arrivata sull'onda di MAKEwithMOTO, l'iniziativa che l'ha vista organizzare, con un camion pieno di smartphone e loro componenti varie, una serie di workshop che anche solo dalle immagini appaiono assolutamente stimolanti: si vedono studenti ed appassionati che, adattando programmi e tecnologie a disposizione, provano ad inventare e a sviluppare idee e spunti molto interessanti (ad esempio, applicazioni per supportare le conversazioni degli utenti non udenti). Il racconto che Motorola fa di questa esperienza fa appello allo spirito geek degli appassionati di tecnologia: si parla di open hardware, filosofia dell'hacking (del significato originale del termine to hack, del metter mano alle cose, del provare a fare da sé per puro spirito di sfida) e poi ancora di "attrezzatura per stampa 3D di alto livello" ed open innovation.

Proprio questo entusiasmo sembra aver spinto Motorola ad ignorare il fallimento del tentativo di laptop personalizzabile di Intel (Whitebook initiative) e delle difficoltà che si potrebbero incontrare dal punto di vista regolamentare: per essere immessi sul mercato i singoli modelli di smartphone negli USA devono essere approvati dall'FCC, ma ci si potrebbe trovare in difficoltà davanti ad un modello senza una forma definitiva.

Peraltro, l'idea che Motorola alla fine ha tratto da questa esperienza non è altro che una propria versione di quella partorita e proposta da Dave Hakkens, il creatore di Phonebloks: Motorola ha annunciato che collaborerà proprio con lui e con la community che ha già raccolto intorno alla sua proposta di cellulare modulare.

Phonebloks si basa su un concetto tanto semplice quanto accattivante: una scheda madre, che Motorola chiama "endoscheletro", su cui è possibile decidere quali componenti (chiamati "moduli") montare di volta in volta attraverso dei semplici perni.

Ogni singolo modulo di componenti è removibile e sostituibile con una funzione più gradita o una versione migliore del medesimo componente, a seconda della necessità: questi possono andare dal modulo WiFi al giroscopio, passando per una batteria extra, una fotocamera più performante o il processore per una nuova applicazione.

Anche nel caso del progetto di Motorola, come in quello di Phonebloks, l'obiettivo dichiarato è quello di creare un ecosistema dinamico sia a livello di utenti (raccogliendo la base degli utilizzatori di smartphone) sia di sviluppatori: pur non parlando di tecnologie standard (discorso che rappresenta piuttosto un riconoscimento legale di una forma condivisa da tutti i produttori) il fatto che parli di open e free hardware sembra poter incoraggiare il dibattito e lo sbocciare di proposte.

Claudio Tamburrino

Notizie collegate
  • HardwareCon Galileo Intel scopre ArduinoIl chipmaker si lancia nell'open-hardware. Migliaia di schede con chip di Santa Clara distribuite a università e centri di ricerca. Punto Informatico intervista Mike Bell, a capo della divisione che ha sviluppato il progetto
  • TecnologiaLinux, il Pinguino per videogiocareIl gran capo di Valve torna sulla questione Steam Box e Pinguini videoludici promettendo novità per la prossima settimana. Per Gabe Newell il futuro dei videogiochi, almeno su PC, è di Linux
49 Commenti alla Notizia Motorola e lo smartphone a pezzi
Ordina
  • non potrà mai funzionare, semplicemente perchè le nuove tecnologie che si avvicenderanno avranno bisogno anche di nuovi protocolli di comunicazione sempre più veloci e che non erano stati previsti al momento del progetto iniziale, quindi continueranno ad esserci moduli incompatibili con i precedenti. Nell'arco di un paio d'anni o anche meno il telefono sarà completamente stravolto e allora sarà più conveniente acquistarlo nuovo.
    non+autenticato
  • Cosa ti vieta di fare passare un protocollo più veloce sugli stessi contatti in rame? Ed essere anche compatibile all'indietro come per USB 3, 2, 1,1.
    iRoby
    6863
  • - Scritto da: iRoby
    > Cosa ti vieta di fare passare un protocollo più
    > veloce sugli stessi contatti in rame? Ed essere
    > anche compatibile all'indietro come per USB 3, 2,
    > 1,1.
    e non dimenticarti l'alimentazione per le griglie dei triodiA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: iRoby
    > Cosa ti vieta di fare passare un protocollo più
    > veloce sugli stessi contatti in rame? Ed essere
    > anche compatibile all'indietro come per USB 3, 2,
    > 1,1.
    cioè tipo PS2/USB o SCSI/USB oppure VGA-DVI oppure PCI-AGP?
    non+autenticato
  • Stai confrontando mele con arance. SCSI e USB non sono mai servite allo stesso scopo (o hai mai visto un mouse collegato via scsi?)
    non+autenticato
  • - Scritto da: cicciobello
    > Stai confrontando mele con arance. SCSI e USB non
    > sono mai servite allo stesso scopo (o hai mai
    > visto un mouse collegato via
    > scsi?)

    gli Hard disk si
    non+autenticato
  • L'hard disk interno del tuo computer è collegato via USB? In genere si collegano via IDE o ATA
    non+autenticato
  • Era un discorso generale sul cambiamento delle tecnologie di comunicazione. Non è che da adesso in poi si usernno l'USB o l'SATA per sempre
    non+autenticato
  • Chi l'ha detto che non può funzionare ?
    Non mi sembra che i protocolli di comunicazione cambino così in fretta,guarda PCIe,SATA,USB ...son sempre li

    L'USB per esempio è molto usato già come connessioni dati in uno smartphone,puoi scegliere di avere 2 canali,uno ad alta velocità per l'uso massiccio e l'altro a bassa velocità.

    Ti ricordo che webcam,audio e una cospicua fetta di dati passa già attraverso USB per i pc.
    non+autenticato
  • - Scritto da: pietro
    > non potrà mai funzionare, semplicemente perchè le
    > nuove tecnologie che si avvicenderanno avranno
    > bisogno anche di nuovi protocolli di
    > comunicazione sempre più veloci e che non erano
    > stati previsti al momento del progetto iniziale

    Balle, basta intervenire sui colli di bottiglia (ad esempio, la connessione dati via telefono... cambi solo quel modulo lì)
    non+autenticato
  • - Scritto da: cicciobello
    > - Scritto da: pietro
    > > non potrà mai funzionare, semplicemente
    > perchè
    > le
    > > nuove tecnologie che si avvicenderanno
    > avranno
    > > bisogno anche di nuovi protocolli di
    > > comunicazione sempre più veloci e che non
    > erano
    > > stati previsti al momento del progetto
    > iniziale
    >
    > Balle, basta intervenire sui colli di bottiglia
    > (ad esempio, la connessione dati via telefono...
    > cambi solo quel modulo
    > lì)
    che in questo momento è integrato con la cpu...
    non+autenticato
  • Per gente come me (smanettone e con poco budget) è una vera manna, in più essendo di BigG dovrebbe essere iper-aggiornato.
    L'unica cosa ancora in "ombra" è il costo dei vari moduli nonchè della prima configurazione
  • Se ogni modulo sarà dotato di un suo guscio, gli spessori dei gusci impediranno al telefono di poter avere le dimensioni ridotte che puó avere un odierno telefono abilmente ingegnerizzato.Se non avranno i gusci l'elettronica sarà esposta e il riassemblaggio sarà fattibile solo a tecnici esperti
    non+autenticato
  • - Scritto da: mario
    > Se ogni modulo sarà dotato di un suo guscio, gli
    > spessori dei gusci impediranno al telefono di
    > poter avere le dimensioni ridotte che puó
    > avere un odierno telefono abilmente
    > ingegnerizzato.Se non avranno i gusci
    > l'elettronica sarà esposta e il riassemblaggio
    > sarà fattibile solo a tecnici
    > esperti

    Più dei gusci mi preoccuperei della connessione elettronica tra i moduli.
    Ci sono moduli che hanno bisogno di molta banda (come lo schermo)... che matassa di connessioni si arriverebbe ad ottenere?
    Qualcuno potrebbe pensare di utilizzare lo stesso protocollo per tutti i moduli (ad esempio usb), ma anche qui sorge un problema: ogni modulo dovrebbe essere munito di un'apposita interfaccia di comunicazione. Addio dimensioni ridotte o costo ridotto.
  • - Scritto da: Albedo 0,9
    > Qualcuno potrebbe pensare di utilizzare lo stesso
    > protocollo per tutti i moduli (ad esempio usb),
    > ma anche qui sorge un problema: ogni modulo
    > dovrebbe essere munito di un'apposita interfaccia
    > di comunicazione. Addio dimensioni ridotte o
    > costo ridotto.

    PCI-E x1 è più che sufficiente ed usa pochi contatti.
    iRoby
    6863
  • - Scritto da: iRoby
    > - Scritto da: Albedo 0,9
    > > Qualcuno potrebbe pensare di utilizzare lo
    > stesso
    > > protocollo per tutti i moduli (ad esempio
    > usb),
    > > ma anche qui sorge un problema: ogni modulo
    > > dovrebbe essere munito di un'apposita
    > interfaccia
    > > di comunicazione. Addio dimensioni ridotte o
    > > costo ridotto.
    >
    > PCI-E x1 è più che sufficiente ed usa pochi
    > contatti.

    Mi ri-cito: "ma anche qui sorge un problema: ogni modulo dovrebbe essere munito di un'apposita interfaccia di comunicazione."

    Aumento di costo e di ingombro (per ogni modulo ulteriore elettronica di contorno per l'interfaccia - a meno che non ti metti a riprodurre tutti gli integrati con la PCI-E integrata = elettronica closed)
  • Che io sappia oggi è già così, ed ogni CPU, MPU e processore di segnali ha integrate interfacce per bus diffusi come usb, pci-e, ecc.
    iRoby
    6863
  • - Scritto da: iRoby
    > Che io sappia oggi è già così, ed ogni CPU, MPU e
    > processore di segnali ha integrate interfacce per
    > bus diffusi come usb, pci-e,
    > ecc.

    Gli LCD nativamente no (serve un controller esterno con quel tipo di interfaccia).
    Gli accelerometri, sensori etc. nemmeno (in genere I2C o SPI).
    Microfono e altoparlanti non credo viaggino in pci-e.
    Fotocamera ne dubito.
    E via ad andare.

    Se osservi bene uno smartphone, al limite arriveresti ad avere una motherboard con CPU, GPU, RAM, ROM e poi in cascata tutte le periferiche modulari a mezzo bus.
    Considerando che la motherboard e lo schermo sarebbero i moduli più costosi, e che questi (soprattutto la prima) ha attualmente un'obsolescenza di un paio danni, non so quanto varrebbe puntare sulla modularità estrema per il mobile.

    Aggiunta: considera anche l'aumento di energia richiesta per un bus in stile pci-e (più controller hai più l'intero sistema consuma).
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 30 ottobre 2013 11.44
    -----------------------------------------------------------
  • Hmm microfoni, accelerometri ecc. Li connetti in USB, sono 4 fili.

    PCI-E lo usi per moduli non integrati che necessitano di banda maggiore allo standard USB 3.0 che comunque è ormai a 5Gbit/s.

    Poi se tieni conto che con l'integrazione attuale la APU fa una marea di cose in 2 chip. E non sono ancora in tri-gate. Quindi sarà difficile trovare qualcosa che va connesso con qualcosa di più veloce dei 4 fili dello USB.

    E non siamo ancora entrati nell'ambito delle micro-connessioni ottiche. Io credo che permetterà di sostituire i cavetti con 2 contatti (per l'alimentazione) e 2 microled.
    iRoby
    6863
  • - Scritto da: iRoby
    > Hmm microfoni, accelerometri ecc. Li connetti in
    > USB, sono 4
    > fili.
    >
    > PCI-E lo usi per moduli non integrati che
    > necessitano di banda maggiore allo standard USB
    > 3.0 che comunque è ormai a
    > 5Gbit/s.
    >
    > Poi se tieni conto che con l'integrazione attuale
    > la APU fa una marea di cose in 2 chip. E non sono
    > ancora in tri-gate. Quindi sarà difficile trovare
    > qualcosa che va connesso con qualcosa di più
    > veloce dei 4 fili dello
    > USB.
    >
    > E non siamo ancora entrati nell'ambito delle
    > micro-connessioni ottiche. Io credo che
    > permetterà di sostituire i cavetti con 2 contatti
    > (per l'alimentazione) e 2
    > microled.

    Esattamente come pensavo io: un bus USB e passa la paura.
    Però, ti ripeto, ogni periferica che non sia la motherboard principale, deve avere un proprio controller USB. Maggiore elettronica, maggior costo, maggior energia occorrente.
    Questa è stata la ragione principale che mi ha fatto dubitare sulla modularità mobile.
  • - Scritto da: iRoby
    > Hmm microfoni, accelerometri ecc. Li connetti in
    > USB, sono 4 fili.
    >
    > PCI-E lo usi per moduli non integrati che
    > necessitano di banda maggiore allo standard USB
    > 3.0 che comunque è ormai a 5Gbit/s.
    >
    > Poi se tieni conto che con l'integrazione attuale
    > la APU fa una marea di cose in 2 chip. E non sono
    > ancora in tri-gate. Quindi sarà difficile trovare
    > qualcosa che va connesso con qualcosa di più
    > veloce dei 4 fili dello USB.
    >
    > E non siamo ancora entrati nell'ambito delle
    > micro-connessioni ottiche. Io credo che
    > permetterà di sostituire i cavetti con 2 contatti
    > (per l'alimentazione) e 2 microled.

    Io condivido le perplessità di Albedo. Insomma, pensiamo alla RAM su un PC. Ci sono limiti molto stringenti sulla lunghezza massima delle piste (o almeno c'erano ai tempi delle Rambus) e i contatti sono iperassicurati in permanenza, come quelli della CPU. Un telefono lo scuoti, sbatte qua e là, lo stringi in mano... non riesco a non vedere duro un sistema di comunicazione a banda larga.
    D'altra parte è vero anche quello che dici, ormai con pochi fili puoi avere una banda esagerata, adatta a qualsiasi dispositivo esterno. Probabilmente CPU e RAM si dovranno comunque integrare in un singolo blocco, ma per il resto potrebbe essere possibile la modularità.
    Vedremo. Intanto Motorola è un nome di un certo rilievo, magari riescono a realizzare qualcosa di efficace.
    Izio01
    3885
  • - Scritto da: Izio01
    > - Scritto da: iRoby
    > > Hmm microfoni, accelerometri ecc. Li
    > connetti
    > in
    > > USB, sono 4 fili.
    > >
    > > PCI-E lo usi per moduli non integrati che
    > > necessitano di banda maggiore allo standard
    > USB
    > > 3.0 che comunque è ormai a 5Gbit/s.
    > >
    > > Poi se tieni conto che con l'integrazione
    > attuale
    > > la APU fa una marea di cose in 2 chip. E non
    > sono
    > > ancora in tri-gate. Quindi sarà difficile
    > trovare
    > > qualcosa che va connesso con qualcosa di più
    > > veloce dei 4 fili dello USB.
    > >
    > > E non siamo ancora entrati nell'ambito delle
    > > micro-connessioni ottiche. Io credo che
    > > permetterà di sostituire i cavetti con 2
    > contatti
    > > (per l'alimentazione) e 2 microled.
    >
    > Io condivido le perplessità di Albedo. Insomma,
    > pensiamo alla RAM su un PC. Ci sono limiti molto
    > stringenti sulla lunghezza massima delle piste (o
    > almeno c'erano ai tempi delle Rambus) e i
    > contatti sono iperassicurati in permanenza, come
    > quelli della CPU. Un telefono lo scuoti, sbatte
    > qua e là, lo stringi in mano... non riesco a non
    > vedere duro un sistema di comunicazione a banda
    > larga.

    Cose come questa:
    http://en.wikipedia.org/wiki/TMDS
    sono già nei cellulari, e funzionanoOcchiolino
    non+autenticato
  • io immagino i telefoni del futuro come delle lastre metalliche spesse pochi mm, robuste e leggere, con l'elettronica concentrata in un solo microchip, lo spessore minimo sará deciso solo dallo spessore delle batterie, un sistema modulare non va In questa direzione
    non+autenticato
  • Ma ce lo daranno gratis questo cellulare modulare e poi si rifaranno coi ricambi e gli aggiornamenti?

    Ecco un articolo interessante di come le aziende americane del "GRATIS" si stiano mangiando il resto del mondo, ossia stiano facendo chiudere il resto delle aziende del mondo. Aiutate tutte dal denaro creato dal nulla dalla FED.

    E redazione per cortesia, non continuate a censurare i miei post...
    Qua parliamo di IT precursore di tutto ciò che poi accade anche in altri settori industriali.

    http://www.comedonchisciotte.org/site//modules.php...
    iRoby
    6863
  • - Scritto da: iRoby
    > Ma ce lo daranno gratis questo cellulare modulare
    > e poi si rifaranno coi ricambi e gli
    > aggiornamenti?
    >
    > Ecco un articolo interessante di come le aziende
    > americane del "GRATIS" si stiano mangiando il
    > resto del mondo, ossia stiano facendo chiudere il
    > resto delle aziende del mondo. Aiutate tutte dal
    > denaro creato dal nulla dalla
    > FED.
    >
    > E redazione per cortesia, non continuate a
    > censurare i miei
    > post...
    > Qua parliamo di IT precursore di tutto ciò che
    > poi accade anche in altri settori
    > industriali.
    >
    > http://www.comedonchisciotte.org/site//modules.php
    heheh.. vedo che anche tu leggi il "crucco" (ocio cmq a prenderlo per oro colato!) .... tra l'altro tra un paio di mesi si sposta su i2p ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: iRoby
    > Ma ce lo daranno gratis questo cellulare modulare
    > e poi si rifaranno coi ricambi e gli
    > aggiornamenti?
    >
    > Ecco un articolo interessante di come le aziende
    > americane del "GRATIS" si stiano mangiando il
    > resto del mondo
    Quindi Stallman è un gomblottista pedopornoterrosatanista? Deluso
    non+autenticato
  • 'azzo centra Stallman?

    Qui si parla di dumping. Il governo USA tramite la FED finanzia progetti IT e in altri settori per fare concorrenza alle aziende di altri paesi per farle fallire.
    Perché la quantità di denaro pompato permette ad aziende USA di dare praticamente gratis quasi tutto allo scopo di appropriarsi di interi mercati.
    iRoby
    6863
  • - Scritto da: iRoby
    > 'azzo centra Stallman?
    >
    > Qui si parla di dumping. Il governo USA tramite
    > la FED finanzia progetti IT e in altri settori
    > per fare concorrenza alle aziende di altri paesi
    > per farle
    > fallire.
    E l'area 51? Te la sei scordata?
    non+autenticato
  • - Scritto da: iRoby
    > 'azzo centra Stallman?
    >
    > Qui si parla di dumping. Il governo USA tramite
    > la FED finanzia progetti IT e in altri settori
    > per fare concorrenza alle aziende di altri paesi
    > per farle
    > fallire.
    > Perché la quantità di denaro pompato permette ad
    > aziende USA di dare praticamente gratis quasi
    > tutto allo scopo di appropriarsi di interi
    > mercati.

    Ah, quindi scusa fammi capire bene.
    Tu per caso stai dicendo che le aziende del regalo tutto sono aziende che fanno male al sistema?
    Scorrette e fondamentalmente sfruttatrici?
    E sfruttatrici in un concetto ovviamente molto ampio.
    maxsix
    8899
  • E allora? L'articolo che hai citato dice "avrete tutto gratis, poi il vostro datore di lavoro fallirà e sarete disoccupati (ma con tutto gratis)"

    Il fatto è: perchè mai dovrei lavorare, se mi danno tutto gratis? Mangio gratis, bevo gratis, ho la casa gratis, la macchina gratis... anche se non ho un soldo, che me ne frega? Tanto non potrei comprarci nulla che non possa avere comunque gratis, e allora perchè fare la fatica di andare a lavorare? Me ne vado a pescare e basta (con l'ultimo modello di canna da pesca, avuto in promozione gratuita); oh, certo, forse la canna da pesca e gratis ma costano care le esche... ma per procurarmi qualche verme gratis, ci riesco da solo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: iRoby
    > Ma ce lo daranno gratis questo cellulare modulare
    > e poi si rifaranno coi ricambi e gli
    > aggiornamenti?
    >
    > Ecco un articolo interessante di come le aziende
    > americane del "GRATIS" si stiano mangiando il
    > resto del mondo, ossia stiano facendo chiudere il
    > resto delle aziende del mondo. Aiutate tutte dal
    > denaro creato dal nulla dalla
    > FED.


    Non ha senso: se distribuisci gratis un bene fisico, io potrei farne incetta, finchè tu non hai esaurito le scorte, e poi rivendermelo a prezzi bassi (io l'ho avuto gratis, tu non puoi farmi concorrenza perchè mi hai regalato tutti i telefoni che hai prodotto, così io guadagno a tue spese. Potrai anche stampare denaro all'infinito, ma non potrai comprare merce all'infinito con quel denaro, perchè creerai inflazione finchè quei soldi non varranno più nulla.
    non+autenticato
  • - Scritto da: cicciobello
    > - Scritto da: iRoby
    > > Ma ce lo daranno gratis questo cellulare
    > modulare
    > > e poi si rifaranno coi ricambi e gli
    > > aggiornamenti?
    > >
    > > Ecco un articolo interessante di come le
    > aziende
    > > americane del "GRATIS" si stiano mangiando il
    > > resto del mondo, ossia stiano facendo
    > chiudere
    > il
    > > resto delle aziende del mondo. Aiutate tutte
    > dal
    > > denaro creato dal nulla dalla
    > > FED.
    >
    >
    > Non ha senso: se distribuisci gratis un bene
    > fisico, io potrei farne incetta, finchè tu non
    > hai esaurito le scorte, e poi rivendermelo a
    > prezzi bassi (io l'ho avuto gratis, tu non puoi
    > farmi concorrenza perchè mi hai regalato tutti i
    > telefoni che hai prodotto, così io guadagno a tue
    > spese. Potrai anche stampare denaro all'infinito,
    > ma non potrai comprare merce all'infinito con
    > quel denaro, perchè creerai inflazione finchè
    > quei soldi non varranno più
    > nulla.
    Noooooooooooooo, adesso parte con le sue "teorie" economicheA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: cicciobello
    > Non ha senso: se distribuisci gratis un bene
    > fisico, io potrei farne incetta, finchè tu non
    > hai esaurito le scorte, e poi rivendermelo a
    > prezzi bassi (io l'ho avuto gratis, tu non puoi
    > farmi concorrenza perchè mi hai regalato tutti i
    > telefoni che hai prodotto, così io guadagno a tue
    > spese. Potrai anche stampare denaro all'infinito,
    > ma non potrai comprare merce all'infinito con
    > quel denaro, perchè creerai inflazione finchè
    > quei soldi non varranno più nulla.

    Ti do gratis fintanto che ho ucciso la concorrenza e mi sono preso tutto il settore.
    Dopo smette di essere gratis.

    E no, stampando soldi all'infinito quando hai una solida base industriale ed economica nella tua nazione non crea inflazione. La crea in Zimbabwe, ma non in USA o in Europa o in Giappone e neppure in Cina.
    È un concetto molto chiaro ormai nelle scuole economiche.
    A noi insegnano il contrario...
    iRoby
    6863
  • > Ti do gratis fintanto che ho ucciso la
    > concorrenza e mi sono preso tutto il settore.
    >
    > Dopo smette di essere gratis.

    Nel frattempo io mi sono fatto le scorte. Inoltre, essendomi abituato al gratis, ritengo che tale servizio mi sia dovuto gratis e non pago più.

    Esempio pratico: qualche anno fa i diversi gestori offrivano internet ad alta velocità in prova gratuita per qualche mese, poi o pagavi o te la staccavano; cosa faceva la gente? In quei due mesi si scaricava l'impossibile, riempiva interi hard disk di film e musica, e poi non sottoscriveva nessun abbonamento (tanto aveva musica e film sufficienti per anni, e non gli interessava più l'alta velocità)

    >
    > E no, stampando soldi all'infinito quando hai una
    > solida base industriale ed economica nella tua
    > nazione non crea inflazione. La crea in Zimbabwe,
    > ma non in USA o in Europa o in Giappone e neppure
    > in
    > Cina.

    Falso, perchè in zimbabwe hanno un'altra moneta. Tu confondi inflazione e svalutazione.
    non+autenticato
  • Al minuto 1,47 del video c'è Ubuntu con l'ambiente di sviluppo Android...

    Il mondo sta proprio cambiando...

    Comunque bello questo progetto. Ma sarà davvero versatile?

    E poi sinceramente più che potenziare e rendere così modulare lo smartphone in se, ci servono reti efficienti, a prezzi onesti. Oggi tutti a 1GB, 2GB al mese, e tutte le TLC vogliono la rendita fissa mensile, e ti danno pochissimi dati. Dopo averci succhiato il sangue con i prezzi degli sms 15 volte il loro costo reale di mantenimento della rete, oggi ci derubano con la banda risicata...
    iRoby
    6863
  • - Scritto da: iRoby
    > Al minuto 1,47 del video c'è Ubuntu con
    > l'ambiente di sviluppo
    > Android...
    >
    > Il mondo sta proprio cambiando...
    >
    > Comunque bello questo progetto. Ma sarà davvero
    > versatile?

    Più versatile di così !

    > E poi sinceramente più che potenziare e rendere
    > così modulare lo smartphone in se, ci servono
    > reti efficienti, a prezzi onesti.

    si ma così uno smartphone ti dura molto più a lungo e te lo costruisci secondo le tue esigenze.

    > Oggi tutti a
    > 1GB, 2GB al mese, e tutte le TLC vogliono la
    > rendita fissa mensile, e ti danno pochissimi
    > dati. Dopo averci succhiato il sangue con i
    > prezzi degli sms 15 volte il loro costo reale di
    > mantenimento della rete, oggi ci derubano con la
    > banda
    > risicata...

    Beh certo le TLC son furbe,ti danno al di sotto di quel che ti serve così dopo tu fai upgrade e loro guadagnano di piùA bocca aperta
    non+autenticato
  • Ho visto come derubano la gente che sfora i GB giornalieri/settimanali/mensili perché non capisce questa cosa e non è immediato verificarli...
    iRoby
    6863
  • - Scritto da: iRoby
    > Ho visto come derubano la gente che sfora i GB
    > giornalieri/settimanali/mensili perché non
    > capisce questa cosa e non è immediato
    > verificarli...

    Qualche settimana fa ho ho stupidamente lanciato il download delle mappe aggiornate di Tom Tom, senza accorgermi di aver disattivato il WiFi. Mi sono arrivati due messaggi per avvertirmi dell'appressarsi della soglia critica, così ho fatto in tempo a fermarmi. Non sono proprio così truffaldini, dai.
    Izio01
    3885
  • A me con la Tre mai avvisato dopo sforati i 50MB giornalieri.

    Mi avvisa l'app 3G Watchdog.

    Ora mi scadeva l'offerta che prima è stata gratuita per 2 anni dei 50MB al giorno di navigazione (1,5GB al mese). Mi hanno detto che sarebbe stata attivata scalandomi 9€ al mese.

    Il problema è che hanno un'offerta attivabile dal sito di 3GB a €5 al mese attivabile al posto di questo,

    Perché devo farmi scalare 9€ di credito per avere metà dati mensili, quando a €5 attivati dal sito ne ho 3GB?

    Tu come la chiameresti questa cosa? Come ti frego il distratto?
    iRoby
    6863
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)